Jump to content
Sign in to follow this  
Maverick22

Missili Cruise

Recommended Posts

i cruise sono un definizione di missili c'è ne sono vari

ad esempio:

 

il Tomahawk

 

l' ALCM/C-ALCM

 

e sono due tipi di missili diversi

 

ma c'è ne sono altri che ora non mi vengono in mente

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un missile da crociera è un missile che percorre una traiettoria guidata. Diversamente dai missili balistici, che percorrono una traiettoria prefissata balistica, quindi utilizzando il motore a razzo solo per la spinta iniziale e compiendo la loro traiettoria per inerzia come un proiettile d'artiglieria, il missile cruise possiede un motore che resta acceso per tutta la durata del volo e delle ali che gli permettono di volare a basse quota e di controllare continuamente la sua rotta. La loro superiorità nei confronti dei missili balistici tattici che stanno sostituendo (SRBM come, ad esempio, lo scud) sta nella loro traiettoria variabile e sul volo a bassa quota che li rende pressochè impossibili da intercettare da sistemi antiaerei a guida radar o IR. Inoltre la loro grande precisione, con l'introduzione del GPS li rende utili per attacchi chirurgici a grande distanza. Il più famoso dei missili cruise è senz'altro il Tomahawk americano, dotato di grande portata, precisione e relativamente economico che ha dimostrato negli anni di avere una grandissima utilità in praticamente tutte le operazioni effettuate dagli Americani e alleati. Altra sua caratteristica peculiare è l'adattabilità a tutte le piattaforme.

Da parte sovietica sono nati i Novator Club, molto simili al loro collega americano.

In europa..............stiamo ancora aspettando :pianto: (o teseo teseo perchè sei tu teseo? :pianto: )

Share this post


Link to post
Share on other sites

il costo di un tomawhak varia da 750.000 dollari a 1.000.000 di dollari pensate ad un attacco in piena regola con 6,7 o 10 missili

Share this post


Link to post
Share on other sites

ah dimenticavo i tomahwk non trasportano più testate nucleari ma solo convenzionali

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un milione di dollari è poco per un missile, hai presente quanto costi uno strike con aerei per ottenere gli stessi risultati?

Comunque le testate nucleari W80 possono essere ancora montate sui Tomahawk

Share this post


Link to post
Share on other sites

I Tomahawk costano parecchio ma sono missili molto prestanti, perchè hanno autonomie molto elevate (intorno ai 1500 km ma alcune versioni potevano superare i 2000), una testata estremamente efficace e un sistema di guida molto sofisticato.

 

Ma come dice Dominus, poichè per ottenere lo stesso risultato di un missile occorre un pacchetto di aerei d'attacco, il costo non è poi così elevato, senza contare che si azzera il rischio di perdere un aereo (per abbattimento o per un incidente, e sappiamo quanto costa un aereo, senza contare il pilota).

 

I primi "Cruise" erano molto più costosi, perchè utilizzavano un sistema di guida denominato TERCOM, in cui un radar eseguiva delle mappature del terreno e le confrontava con le mappature inserite nella sua memoria.

Gli USA avevano mappato via radar praticamente tutta la superficie terrestre, in modo da disporre delle mappe da inserire nei sistemi di guida dei Cruise.

E ciò nonostante, bastava un imprevisto (si pensi a un edificio di recente costruzione, oppure a un edificio crollato) per inficiare la precisione del missile.

Con il GPS non solo la precisione è assoluta, indipendentemente dalla distanza percorsa, ma non c'è bisogno di costosi sistemi di guida.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Comunque le testate nucleari W80 possono essere ancora montate sui Tomahaw
si ma quante volte e ci vuole l'autorizzazione del presidente

Share this post


Link to post
Share on other sites

una testata nucleare è una testata nucleare e è soggetta a tutte le regole di inggaggio nuclare, non è solo per i cruise che ci vuole l'autorizzazione del presidente

Share this post


Link to post
Share on other sites

Montare o no una testata nucleare su un missile omologato per essa, non è decisione che competa al Presidente ma ai militari, nel rispetto delle regole generali impartite.

 

Usarla o non usarla, è decisione del Presidente.

 

---

 

I Cruise classici (come i Tomahawk e gli ALCM) hanno solitamente una velocità non molto elevata, nell'ordine dei 900 km/h, a beneficio dell'autonomia.

In effetti durante il volo regolano la velocità, secondo la situazione: possono scendere anche a 400-500 km/h o accelerare fino al 1000 km/h a quote bassissime.

 

Tenete conto che mentre un aereo da penetrazione di solito vola a 100 metri dal suolo in fase di avvicinamento, per poi scendere a 60 metri in fase di attacco finale, e solo in caso di particolarissime necessità può scendere a 30 metri (ma rischiando grosso), un missile cruise (dove la rotta è accuratamente prepianificata e non si temono incidenti perchè non c'è pilota a bordo) può tranquillamente abbassarsi anche a 5 - 10 metri dal suolo (in effetti diciamo 10 metri, sotto i dieci metri si scende solo sull'acqua).

 

Ora, tenete conto che a 60 metri di quota un radar di difesa aerea, ben posizionato, non può rilevare l'aereo (o il missile) a distanze superiori ai 40 km (cosiddetto orizzonte radar) in condizioni ottimali, ma se il terreno presenta asperità (come boschi, colline ecc...) la distanza di avvistamento può scendere anche a 25-30 km.

 

A 10 metri di quota, praticamente un radar può avvistare il missile solo quando questo si trova a non più di 10-15 km di distanza, il che si traduce in circa 30 secondi di tempo per reagire.

 

Per questo sono nati gli aerei AWACS, perchè dall'alto non esiste il problema dell'orizzonte radar e l'avvistamento può avvenire anche a distanze superiori ai 400 km.

Share this post


Link to post
Share on other sites

ma i missili che trasportano testate nucleari perchè non li fanno invisibili???

 

Ok che adesso non c'è più la necessità, però in un futuro, sperando di no, potrebbe essere utile, tra l'altro i ragazzuoli che si occupano della difesa u.s.a. non hanno mai detto :" Non facciamolo perchè adesso non è necessario" vedi F-22 e FCS

Share this post


Link to post
Share on other sites

sulla campagna conquista mondiale noi l'abbiamo fatto cmq....

 

penso che non li rivestivano di materiale ram perchè sarebbe stato inutile, erano veloci, volavano a bassa quota e avevano già una bassa sezione radar (qual è la sigla?)

 

in più in caso, penso, in caso di aborto il missile sarebbe caduto ma senza scoppiare, lascaindo così la tecnologia stealth in mano ai russi

Share this post


Link to post
Share on other sites

e poi secondo me per non appesantire troppo il missile, del resto l'autonomia è importante

Share this post


Link to post
Share on other sites

Esistono cruise stealth, come il nostro standoff storm shadow, il tomahawk per le sue particolari caratteristiche non ha un gran bisogno di stealth, è molto difficile buttarne giù uno a meno di non disporre di E3, ma gli americani non progettano di fare guerra a nessuno munito di tali aerei. Per non parlare dei missili supersonici russi, bruttissime bestie anche se non sono veri e propri cruise.

 

 

in più in caso, penso, in caso di aborto il missile sarebbe caduto ma senza scoppiare, lascaindo così la tecnologia stealth in mano ai russi

 

Ne sanno qualcosa i Pakistani, basta vedere il babour!

Share this post


Link to post
Share on other sites
in più in caso, penso, in caso di aborto il missile sarebbe caduto ma senza scoppiare, lascaindo così la tecnologia stealth in mano ai russi

 

Ne sanno qualcosa i Pakistani, basta vedere il babour!

inutile fare domande....ma la faccio lo stesso

 

ci racconti la storia?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il Babur è un missile da crociera pakistano testato recentemente, il primo di questo tipo in mano allo stato asiatico. Questo missile ha un pò stupito gli analisti internazionali, avendo delle ottime qualità per essere prodotto da uno stato che decisamente non primeggia in queste tecnologie, quindi è sorto il fondato dubbio che i pakistani abbiano trovato missili tomahawk finiti oltreconfine durante le operazioni di enduring freedom in Afghanistan e li abbiano studiati per arrivare a questi risultati.

Quanto al missile è un tipico cruise a velocità alto subsoniche in grado di viaggiare a pochi metri dal suolo con un autonomia di oltre 500 km e, ovviamente, capacità nucleari. Insomma per essere un prodotto 100% Pakistano direi che impressiona davvero.

 

A questo link trovate un video animato che spiega le caratteristiche della supposta.

Edited by Dominus

Share this post


Link to post
Share on other sites

Comunque è bene innanzitutto distinguere tra i cruise a grande autonomia, come i Tomahawk, ed i cruise a media-corta gittata, come lo Storm Shadow.

 

I missili cruise con gittate più modeste sono, di solito, più veloci di quelli con gittate più elevate.

 

Poi volevo aggiungere che gli USA hanno già fatto il loro bravo cruise stealth.

 

E' l'ACM, o AGM-129, prodotto dalla Raytheon, concepito per sostituire gli ALCM AGM-86, equipaggiato con una testata termonucleare W-80-1.

 

L'ACM è omologato per i B-1B e con i B-52H (ma solo questi ultimi sono stati equipaggiati effettivamente con il nuovo missile), ed è intercambiabile con gli ALCM negli stessi lanciatori.

 

Entrato in produzione nel 1990, l'ACM è stato prodotto in soli 460 esemplari per effetto della fine della guerra fredda.

 

La gittata è di ben 3000 km, la testa nucleare è regolabile da 5 a 150 KT, il sistema di guida è INS+TERCOM che fornisce una precisione di 30 metri sul bersaglio. Con l'utilizzo del GPS la precisione sale a pochissimi metri.

La velocità è di poco inferiore a Mach 1.

 

L'ACM è oggi il missile nucleare standard dei B-52H, in quanto gli ALCM vengono progressivamente convertiti al ruolo convenzionale con testate non nucleari.

 

Si tratta di un missile poco conosciuto, coperto da una notevolissima cortina di riservatezza.

 

p001.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il missile da crociera, subsonico e a lunga gittata Tomahawk può attaccare bersagli sulla terra [Tomahawk Land Attack Missile (TLAM)] e sul mare [Tomahawk Anti-Ship Missile (TASM)]. Il TLAM può trasportare testate convenzionali (TLAM\C), o nucleari (TLAM\N) o dispenser di submunizioni (TLAM\D). IL 27 Settembre 1991 Bush annunciò una serie di iniziative sulle armi nucleari USA. Vennero rimosse tutte le armi tattiche nucleari, compresi i cruise nucleari basati su navi e sottomarini, il missile UGM-109A TLAM-N Tomahawk fu ritirato dal servizio nel 1992, mentre quelli convenzionali rimasero operativi.

Tomahawk può essere lanciato da nevi e sottomarini, dopo il lancio un piccolo razzo spinge l'arma finché un piccolo turbofan porta al volo di crociera. Il Tomahawk è difficilmente intercettabile ai radar, per le piccole dimensioni e il basso profilo di volo; ai sistemi Infrarossi per la piccola fonte di calore emanato dal motore. L'arma incorpora un ricevitore Global Positioning System (GPS), una versione aggiornata del sistema ottico Digital Scene Matching Area Correlation (DSMAC).

La versione di attacco terrestre del Tomahawk ha un sistema di guida radar Inertial and Terrain Contour Matching (TERCOM). Il radar TERCOM use e conserva le mappe da comparare con il terreno seguito effettivamente per determinarne la posizione. Una correzione della corsa è possibile durante il volo. Il sistema di guida terminale è fornito dal sistema ottico Digital Scene Matching Area Correlation (DSMAC) che compara e conserva le immagini del bersaglio con quelle effettive.

Il TOMAHAWK divenne operativo nel gennaio 1981.

Il CINCS (comando in capo) e la Marina hanno stabilito un richiesta di 3440 entro l'anno 2006. La US Navy possiede 2500 missili BLOCK II e BLOCK III. Il futuro arsenale di Tomahawk convenzionali sarà composto da missili BLOCK III TLAM C/D e Tactical Tomahawk.

Durante la Guerra del Golfo del 1991 vennero lanciati 290 missili di cui 242 fecero centro. Nell'operazione Desert Fox, nel dicembre 1998, vennero lanciati 330 missili di questo tipo e la US Navy ne lanciò più di 160 nel Kosovo da Aprile 1999.

Il 30 Aprile 1999 l'US Department of Defense annunciò la vendita di circa 30 TOMAHAWK BLOCK IIIC Land Attack Missiles (TLAM), con relativo supporto tecnico-logistico, al governo del Regno Unito. Al prezzo di 100 milioni di dollari. Tale ordine si aggiungeva a quella di altri 65, necessari per sostituire i missili lanciati, nelle operazioni predette, dal sottomarino inglese HMS Splendid. Il Regno Unito ha necessità di tali armi per aumentare l'arsenale e migliorare l'operatività del sistema missilistico dei propri sottomarini.

Il sistema TERCOM, nonostante le condizioni orografiche favorevoli, ha causato problemi durante DESRT STORM, inoltre il TLAM dimostrava avere limiti per quanto riguardava gittata, efficacia, pianificazione e mobilità.

Nel 1996 la US Navy aveva 140 navi dotati di missili Tomahawk con 6.266 lanciatori, di cui 72 Sottomarini nucleari (SSN) con 696 lanciatori e 70 navi con 5.570 lanciatori. Un totale di più di 4.000 Tomahawk disponibili nel 1996.

ragazzi ho trovato questo spero vi interessi Edited by skettles

Share this post


Link to post
Share on other sites

Attenzione a quel "nonostante le condizioni orografiche favorevoli".

 

Qualcuno è portato a pensare che su un deserto piatto, il sistema di guida TERCOM dia il meglio di sè, in quanto non ci sono ostacoli.

 

Niente di più sbagliato.

 

Il TERCOM funziona in questa maniera: suddivide il terreno sorvolato in tante zone di forma quadrangolare, e queste zone le suddivide a sua volta in tanti piccoli quadratini, come un vero e proprio reticolo. Ogni quadratino viene contraddistinto con la sua altezza media sul livello del mare.

 

Questi reticoli vengono confrontati con le mappe memorizzate in memoria (ricavate grazie a satelliti e ricognitori) e quindi il Tercom ricava la propria posizione precisa.

 

Ora, se è vero che sul territorio urbano e industriale è facile trovare alterazioni rispetto alla mappa memorizzata (si pensi a edifici costruiti o demoliti, cavalcavia e ponti, alberi tagliati ecc...) è anche vero che questa variazioni sono solitamente localizzate, possono interessare uno o due quadratini ma in sostanza la mappa in generale resta valida, e il TERCOM mantiene quindi la sua precisione.

 

Sul deserto invece, edifici e alberi non ce ne sono, e l'altezza media interessa una zona estesissima, per cui è facile confondere una mappa con un'altra. Inoltre basta una tempesta di sabbia e una zona di centinaia di km2 cambia comletamente il suo assetto: si pensi alle distese di dune che cambiano costantemente posizione.

 

Quindi, il deserto è il peggior tipo di mappa per il TERCOM.

Share this post


Link to post
Share on other sites

forse ho capito male ma avete detto che alcuni di questi missili possono anche volare a 10 metri di altezza, ora se un condominio è alto in media 3 metri*7piani= 21 metri, un missile che vola a 10 metri fa lo slalom tra i condomini essendo questi costruiti in modo comunque quasi casuale??? :blink::blink:

 

Ciò che voglio dire è: questi missili, volando a qoute così basse non trovano un numero infinito di ostacoli?

Share this post


Link to post
Share on other sites
missili di crociera "Tomahawk" lanciati dai superbombardieri statunitensi B-52 hanno aperto  gli attacchi degli alleati Nato contro le batterie contraeree serbe nel Kosovo. I missili a lunga gittata (Cruise) Tomahawk, si sono rivelati una carta vincente nelle azioni belliche per la prima volta il 17 gennaio 1991, durante la guerra del Golfo, all'inizio della operazione "Desert Storm" contro l'Iraq. Prodotto dalla General Dynamics, poi in cooperazione con Mc Donnell-Douglas, il missile Bgm-109 Tomahawk è una delle armi più perfezionate del suo genere.

 

La gittata varia, secondo le versioni, tra 460 e 2.500 km e viene guidata verso gli obiettivi da un sistema satellitare. Il modello utilizzato per gli attacchi in Sudan e in Afghanistan è il terzo della serie: lungo 6,25 metri, pesa 1.440 chili, con una gittata di 1.609 km, vola verso il bersaglio a velocità subsonica (circa 880 km/h), a quota compresa tra 15 e 100 metri dal suolo, seguendone i rilievi grazie a un sistema radar-computer che, avendo in memoria i dati sulla rotta, gli permette di colpire con una precisione di 80 metri.

 

Ordinato dalla U.S Navy in migliaia di esemplari, in dotazione alle navi e ai sottomarini della flotta americana, ha un costo unitario di 1,2 milioni di dollari (oltre 2 miliardi di lire). Può essere equipaggiato con testata convenzionale o nucleare e ve ne sono diverse versioni, lanciabili da sottomarini, unità di superficie o mezzi di terra. Ve ne è anche un tipo - l'Agm-86, costruito dalla Boeing - che equipaggia i bombardieri B-52.

 

Dopo un impiego massiccio durante la Guerra del Golfo, i Tomahawk furono usati, sempre contro l'Iraq, nel 1993 e 1996. Tredici "Cruise" furono anche lanciati nel settembre 1995 da un incrociatore contro batterie serbe in Bosnia. Gli Stati Uniti hanno usato esclusivamente questi missili per colpire obiettivi in Sudan e Afghanistan, nella rappresaglia disposta da Clinton , dopo gli attentati alle ambasciate americane in Kenya e Tanzania.

ho trovato anche questo sulla prima guerra del golfo spero vi interessi ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao a tutti! Avrei una domanda. Quanto sono potenti i missili cruise (Senza bomba atomica)?

 

 

 

CIAO!!! :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...