Jump to content

martin pescatore

Membri
  • Posts

    240
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by martin pescatore

  1. Quoto al 100%, AM oggi e pure domani non è in grado di fornire altro che singoli assett, senza una struttura omogenea. L'unico settore che si salva è quello ELINT/SIGINT, che da sempre è curato, tutto il resto degli assett di supporto o fà pena o non esiste.
  2. Secondo me allora bastano i soldati con gli Stinger senza spendere un sacco di soldi in mezzi semoventi. Se vogliamo un semovente, o è superiore ad un MANPADS o non serve a niente.
  3. Invece lo confermo, Per essere precisi, IO non supererei nemmeno una di quelle prove, non dico che siano facili. Però chi fà sport a livelli agonistici, quelle prove lì se le mangía pure se le deve fare tutte di seguito. Certo se uno gioca a calcio forse non ce la fà, ma uno che fà atletica, o triathlon o sport simili ad un certo livello, si mette a ridere. E non parlo di Yuri Chechi, basta uno qualsiasi che fà campionati nazionali, pure arrivando ultimo. Quelli sono solo i requisiti di ingresso, e sono una cosa molto diversa da quello che l'allievo deve dimostrare per arrivare al brevetto. Diciamola tutta, servono a dimostrare che non ci si lascia la pelle nell'addestramento vero e proprio.
  4. Sul numero uno non si discute! Sul numero due non sono per niente d'accordo, la forza di Israele dipende al 100% dai soldi che vengono dagli USA e dall'intelligence, se con arabi e europei , e anche russi, l'intelligence israelaiana è efficacie, con i cinesi penso che non hanno nessuna possibilità di HUMINT, ammesso che abbia senso parlare di contrasti tra Israele e Cina. La Russia comunque, solo per il ptenziale nucleare, può nuclearizzare tre o quattro volte l'ntero pianeta anche oggi, per cui in caso di escalation Israele ha possibilità pari a zero, da solo, di confrontarsi con i russi, al massimo finirebbe con qualche milione di morti russi e Israele ridotta a vetro radioattivo. Pure gli UK hanno buone possibilità di essere impermeabili all'intelligence israeliana, con il sistema aristocratico e monarchico che garantisce un gruppo dirigente compatto e legato da rapporti di parentela e tradizioni. Per la forza bruta, metterei 1 USA 2 Russia 3 UK 4 Cina (ma se avesse piu vettori e testate nucleari, potrebbe essere la numero 3) 5 Francia e Israele alla pari 6 Germania 8 Italia 9 Turchia 10 Spagna
  5. Quale odio? Il SIDAM è troppo insignificante per essere odiato. Al massimo lo si può compatire ed essere dispiaciuti per lui, come per i carlini e gli altri cagnetti assurdi e bruttissimi. In ambiente urbano???? Con il livello di protezione del M-113??? D'accordissimo, specie se i canadesi introducessero un missile contraereo fire and forget al posto di quello attuale, che permette solo un ingaggio alla volta. Idem come prima, arrosto dll'equipaggio garantito, a meno di installare la torretta su scafo Leo 1 up-armoured! Cioè invece di un missile che vola a mach 3 e ha 10 KM di portata, e oltre agli aerei distrugge anche i carri armati, preferiresti un missiletto IR che ha si e no 5 chilometri scarsi di portata e un cannoncino che già è presente sul VBM? Dovresti guardare meglio il programma MMEV, e vedere cosa ci faranno i canadesi con quel gioiellino.
  6. Secondo me ci abbattono le zanzare al poligono di Foce di Reno, per combattere le zanzare tigre!
  7. Queli sono requisiti iniziaii, e non sono per niente eccezionali. Fate la prova con un amico che fà atletica a livello agonistico, pure un sedicenne, e ve li fà tutti senza problemi, solo nella prova di nuoto può essere una schiappa se non frequenta una piscina...Quelle prove servono solo a vedere se uno è sano e ha già una ottima forma, ma non sono niente di eccezionale. E' dopo che viene il brutto, quando i requisiti crescono e lo stress aumenta per portare gli allievi al crollo mentale.
  8. ISAF stà dicendo che i sistemi ciritici del BPE sono realizzati usando gli standard militari. i sistemi sono: comunicazioni, sicurezza interna e antincendio, depositi munizioni, rifornimento in mare, sistema di rilascio e recupero delle ancore, sistemi di autodifesa, difesa NBC, comando e controllo, impianti di generazione elettrica, sistemi di gestione di elicotteri e aerei, impianto di stabilizzazione.
  9. Sulla carta lo Spearfish è un'arma eccezionale, ma guardando al fallimento clamoroso del Tigerfish e al programma già annunciato per la sostituzione dello Spearfish, viene il dubbio che non sia tutto questo granchè. Per gli SSK, penso che il Black Shark sia molto vicino ad essere il top attualmente disponibile, mentre per SSN mi sentirei molto più sicuro scegliendo l'esperienza e le capacità USA, e mi prenderei senza esitazioni l'ADCAP. Gli australiani dicono che a conti fatti per i loro SSK, che operano sia nell'oceano che in prossimità della costa nemica, il siluro ADCAP è superiore allo Spearfish in quasi tutti gli scenari e soprattutto si trova bene anche su fondali bassi, cosa che lo Spearfish secondo loro non può fare per la scarsa manovrabilità e i sensori ottimizzati per le acque profonde.
  10. A me sembra difficile invece. Il programma Superjet 100, inizialmente battezzato RRJ100, è stato lanciato nel 2001 e nello stesso anno è stato firmato l'accordo tra Sukhoi e Boeing per la consulenza e l'assistenza commerciale, per cui Sukhoi doveva avere già pronto un concept da mostrare a Boeing per poterla interessare. La Fairchild Dornier è andata a remengo nel 2002, e alla fine del 2002 la società cinese si è comperata ilprogetto del 728, continuando a mantenere tutto il materiale e i progetti nella sede della Dornier. Poi un anno o due dopo la società cinese è stata chiusa dl governo cinese per truffe varie, su google si possono trovare pure diversi articoli dell'epoca, e quello è considerato l'atto finale del 728, con la chiusura defnitiva del progetto. Tutto è sempre possibile, ma la Sukhoi quando e da chi avrebbe comeprato i progetti del 728? E' molto più probabile che Sukhoi abbia dato uno sguardo alla configurazione di massima del 728 che si conosceva pubblicamente, e abbia sviluppato un progetto con impostazione analoga presentandone il concept e gli studi preliminari a Boeing nel 2001 per guadagnarsi il suo appoggio. Boeing evidentemente di aerei ne capisce e avrà deciso che valeva la pena stringere un accordo perchè le potenzialità c'erano. Se nel 2001, quando Fairchild Dornier era ancora in piena attività e proprietaria del progetto del 728, Sukhoi non avesse avuto in mano studi precisi su cosa volevano realizzare Boeing avrebbe firmato un contratto di collaborazione?
  11. Il progetto del Dornier 728 lo ha comperato nel 2002 una industria cinese, la D'Long Group. A meno che i cinesi non lo hanno a loro volta rivenduto airussi, il Superjet 100 è un progetto originale.
  12. La Luftwaffe non ha problemi di bilancio per l'addestramento, gli ECR li ha sviluppati proprio la Germania, su quali siano aggiornati meglio tra i nostri e quelli tedeschi ve lo lascio immaginare, idem per i Tornado IDS, poi loro hanno gli Alpha Jet che fanno lo stesso lavoro dei nostri MB339, e tra F-4 e AMX vi lascio pure immaginare quale sia più efficace. Idem per la componente elicotteristica sia per esercito che aeronautica, e quanto all'aviazione navale, loro hanno preso i P-3 olandesi, alcuni dei quali modificati appositamente per missioni ELINT SIGINT a lunghissimo raggio, hanno i Patriot per la difesa aerea, stanno sviluppando una piattaforma ISR su due livelli dati da Euro Hawk e satelliti radar ad apertura sinteitca, hanno una logistica impressionante che si può considerare inferiore solo a quella americana e pari a quella inglese. Inoltre hanno in naftalina decine di Tornado IDS ex Luftwaffe e poi ex Marineflieger, che non hanno nè demolito nè abbandonato a se stessi, e che potebbero rimettere in linea in poche settimane per aumentare la disponibilità di aerei in caso di crisi grave. Mai sottovalutare la Luftwaffe.
  13. Magari avessi ragione tu. 180 ore è lo standard minimo richiesto (consigliato) dalla NATO alle aeronautiche, noi siamo sulle 150 ore perchè non ci sono soldi per carburante, pezzi di ricambio e tutto il resto. Pazienza gli A-7, che sono vicini a sbriciolarsi da soli per la vecchiaia, ma gli F-4 nel loro ruolo valgono tanto, li usano ancora i giapponesi e li stanno radiando solo ora i tedeschi, i nostri tornado in parte sono tali e quali come sono usciti dalla fabbrica venti anni fà, cioè con l'elettronica ormai superata. In difesa ci potremmo far valere, tra rete radar e Typhoon qualcosa di buono lo potremmo combinare, e loro non sono attrezzati per operazioni a lungo raggio. Ma quando toccasse a noi invadere il loro spazio aereo e nello spazio aereo dello Ionio orientale ho pochi dubbi sul fatto che le prenderemmo di brutto, al massimo potremmo giocare qualche brutto tiro con i Tornado ECR, sempre se li abbiamo aggiornati dopo la campagna del Kossovo, perchè i serbi da allora avranno di sicuro passato sottobanco ogni informazione raccolta sulle nostre ECM ai greci.
  14. Tuccio14, quando dovreste ricevere il primo SSJ100? Sono proprio ansioso di avere impressioni di prima mano sul primo aereo russo a standard occidentali!
  15. Guarda Sangria, i nostri F-16 a volerli confrontare con quelli greci ci si fà la figura del terzo mondo, dei Block 10 contro un mix di Block40 e Block52+... Basta dire che il radar APG66 del Block 10 è inferiore pure al Grifo che è un radar per l'export che vendiamo pure alla Cina. Se noi avremo i 4 767 tanker, loro avranno gli Erieye, e in caso di operazioni aeree mi sentirei più tranquillo con degli AEW a disposizione piuttosto che con dei tanker, hanno gli F-4 che non fanno certamente schifo, pure la Luftwaffe li ha usati fino a ieri con molta fiducia, e molti nostri Tornado e AMX non verranno proprio aggiornati. E loro volano tantissimo, i nostri fanno si e no 150 ore di volo all'anno. L'unico vantaggio che avremmo sarebbe politico, i greci hanno nemici turchi inglesi e indirettamente gli israeliani, l'aiuto nell'intelligence sarebbe tutto per noi. Ma faccia a faccia senza aiuti esterni prenderemmo un bel poco di batoste, loro si preparano da venti anni a combattere una guerra ad alta intensità contro i turchi in Tracia e nelle isole del Dodecanneso e non sono nè l'addestramento nè l'aggressività nè l'efficenza che gli mancano. La loro flotta è da sempre di seconda mano e di secondo livello, gli serve solo per fare interdizione all'interno della cintura di isole che circonda la Turchia, ma l'aeronautica è tutta un'altra musica.
  16. Veramente prevedevano di impiegare un numero di aerei d'attacco, con un carico complessivo di missili equivalente a circa 100, per superare la difesa aerea costituita dagli F-14. Per mettere fuori coimbattimento i sistemi missilistici imbarcati sulle navi gli bastava lanciare una ventina di missili al massimo.
  17. Un ESSM costa molto di più ma è a guida attiva, ed è un bel vantaggio. Anche se abbiamo un sacco di lanciatori Albatros che vale la pena aggiornare, non essere riusciti a sviluppare una versione a guida attiva dell'Aspide è un grosso limite per il sistema. E poi il lanciatore non ha bisogno di un sacco di manutenzione con tutte quelle parti meccaniche per il movimento e la ricarica?
  18. Mica male, qualcuno di più dei zero aerei disponibil in questo momentoi al Fleet air arm e una manciata di più dei 17 AV-8B della nostra marina. Ci stiamo pure scordando almeno due E-2C operativi.
  19. una nave ro-ro costa una miseria, se ci fosse davvero bisogno ne potremmo comperare anche tre, ci costerebbero meno di un paio di corvette. A noi mancano navi anfibie, le navi ro-ro se proprio servono le noleggiamo.
  20. Little Bid, il BMP3 è pnso ple unità aerotrasportate, per loro i russi hanno la serie BMD che è anche paracadutabile con equipaggio a bordo. Tutti i loro AIFV sono anfibi in una certa misura e facilmente aerotrasportabili, sono scelte strategiche loro, ma il BMP3 comunque non è il mezzo specifico per operazioni desant. Per quelle impiegano i BMD che vengono paracadutati direttamente dagli Il-76 con tanto di equipaggio e rifornimenti a bordo, mentre i BMP3 sono i mezzi dei fucilieri motorizzati (i nostri fanti meccanizzati) e sono assegnati anche ai fucilieri di marina, forse in piccoli numeri anche alle divisioni paracadutiste ma non come mezzo principale. E non ne hanno bisogno, sono gli unici reparti paracadutisti al mondo che si possono permettere di lanciarsi con mezzi cingolati da combattimento al seguito,anche se poco protetti, un lusso che tutti gli altri reparti paracadutisti al mondo si sognano la notte e basta. Piccola nota: capite adesso perchè i sovietici hanno fatto l'An-12 così stretto e poco adatto al trasporto dei materiali a confronto del C-130? Loro con gli An-24 ci trasportavano SOLO paracadutisti o fanti con equipaggiamento leggero, per tutto il resto c'era Mastercard, volevo dire MOLTE centinaia di Il76! In compenso gli An-12 erano molto veloci e consumavano poco carburnte, diminuendo sia i costi che i pericoli nelle missioni di aviolancio rispetto ai C-130
  21. A rigor di logica, dovremmo insistere nel comperare NH90. Abbiamo la fortuna di avere, in tutte e tre le forze armate, du eelicotteri di base, NH90 e AW101, che sono prodotti di punta, che hanno fior di clenti (quindi gli upgrade arriveranno in abbondanza, e i costi si divideranno) e cosa più importante di tutte usano praticamente gli stessi motori. Se si guarda ai singoli sistemi che compongono un aereo o un elicottero, anche da combattimento, il sinogoo sistem apiù costoso di tutti è il motore, sia a comnperarlo che a fargli la manutenzione. Meno tipi di motori, meno costi di manutenzione, costi di aggiornamenti e così via. IMHO, il peggior errore che facciamo in Italia è quello di risparmiare i centesimi quando prendiamo nuovi mezzi scegliendo motori deboli, poi ci accorgiamo che serve più potenza, ma i soldi per buttare i motori a meo della metà della vita e sostituirli con altri non li abbiamo. Tre esempi semplici semplici Ariete, Dardo e A129 tutti e tre hanno bisogno di motori nuovi, ma i dindi per buttare 200 motori degli Ariete, un centinaio di turbine degli A129 e altre centinania di motori dei Dardo non ci sono, e così i mezzi vanno a remengo, oppure alla fine ci spendiamo pozzi di soldi e blocchiamo per mesi i mezzi in fabbrica e nelle prove di accettazione. Quindi mettere un nuovo elicottero con nuovi motori non mi sembra un grosso affare, e non parlo delle qualità dell'elicottero ma di risparmiare dove possibile standardizzando. Però sembra che l'aeronautica si voglia prendere comunque gli AW149, quindi potrebbe anche essere che l'esercito vada a ruota, ma tanto faranno di sicuro due centri logistici separati e quindi niente risparmi!
  22. No, però conosco un sindacalista di AW! Comnque sono notizie pubbliche, solo che nessuno si disturba a pubblicarle. La collocazione e configurazione esatta del AW149 dipenderà dagli studi commerciali di mercato, ma è una macchina nata per l'export quindi difficilmente sarà super sofisticata.
  23. Che l'esercito si prenda l'AW149 è tutto da vedere, mentre l'aeronautica fà sempre di testa sua e per quel che gli serve, l'AW139 sarebbe pure troppo. A fare elisoccorso sulle basi aeree non serve niente di quello che ha un NH-90 e penso n`emmeno un AW149, un AW139 versione SAR sarebbe più che sufficente essendo già un elicottero con capacità ognitempo e utilizzato per il SAR dai civili. Io non penso che l'AW149 possa avere le prestazioni e il ivello di protezione di un NH-90, sarà probabilmente un vero elicottero utility, mentre un NH-90 come utility è sprecato, è nato per fare gli elisbarchi e sopportare anche un certo numero di danni Noi abbiamo fatto bene a prendere gli NH-90, ma il mercato mondiale per un elicottero così costoso è troppo piccolo, e l'AW149 sarà il prodotto di AW nel mercato mondiale per il segmento degli utility.
  24. Il Rooivalk NON è un licottero rurro, è un elicottero sudafricano basato sui componenti del Superpuma. E' la filosofia costruttiva che ricalca quella dei mezzi sovietici!
×
×
  • Create New...