Jump to content
Sign in to follow this  
IamMarco

servizio aerei stealth su rai 3

Recommended Posts

Sabato sera stavo facendo zapping quando su rai 3 ( credo che il programma fosse ulisse) vedo alberto angela che introduce un servizio sulla tecnologia stealth!!

Stupende le immagini di B-2, F-117 e persino F-22 che volavano in formazione e mettevano in bella mostra gli ugelli vettoriali e interessanti alcune schematiche su come ridurre la rcs.

ovviamente nessun riferimento all'acquisto da parte italiana degli f-35.

 

Ho trovato però irritante la classica definizione di "costose macchine di morte" e la solita retorica di " col prezzo di un B-2 ci potevamo sfamare i bambini del terzo mondo" :thumbdown:

Share this post


Link to post
Share on other sites

nooooo cosa mi sono perso?! :o:blink::(

sarebbe stato interessante anche solo per vedere gli stealth in volo :unsure:

 

per quanto riguarda il solito discorso... bah.. niente da aggiungere, i soliti luoghi comuni... il discorso è incredibilmente più complicato di un solo commentino dal punto di vista economico finanziario, ma che ci si può aspettare... non possiamo mica pretendere che Piero Angela (o Alberto) venga a dirci che gli USA (o chi per loro) hanno fatto bene a spendere tutti quei soldi in armamenti :) (in fin dei conti è anche un discorso di immagine)

Edited by GreenPhoenix

Share this post


Link to post
Share on other sites

Che c'è di male a dire che con i soldi spesi per un B-2 ci si sfamerebbe il terzo mondo?

 

Probabilmente è vero, sono una barca di soldi.

 

Aspetto che Alberto Angela faccia un servizio sulla flotta di Tu-160, e che dica che con i soldi spesi per quei bombardieri Tupolev ci si sfamerebbe il terzo mondo, oppure con i soldi spesi per la corsa al riarmo della Cina... ma mi sa che dovrò aspettare a lungo. Molto a lungo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quoto Legolas, purtroppo si guarda sempre e solo da una parte... Non dico che bisogna guardare solo dalle altre, ma tutte insieme. :rolleyes:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest intruder
Che c'è di male a dire che con i soldi spesi per un B-2 ci si sfamerebbe il terzo mondo?

 

Probabilmente è vero, sono una barca di soldi.

 

Aspetto che Alberto Angela faccia un servizio sulla flotta di Tu-160, e che dica che con i soldi spesi per quei bombardieri Tupolev ci si sfamerebbe il terzo mondo, oppure con i soldi spesi per la corsa al riarmo della Cina... ma mi sa che dovrò aspettare a lungo. Molto a lungo.

 

 

Cosa pretendi da Rai Tre e dagli Angela & Angela? Già la Rai è migliorata, un tempo parlavano di portaerei che stazzavano x tonnellate o che raggiungevano i 40 nodi all'ora, per non dire gli idioti del telegiornale che dicevano che una famiglia era stata ricoverata per intossicazione alimentare per avere consumato della salciccia (con la c) avariata... adesso un minimo di precisione ce l'hanno, almeno.

 

Per il resto è un tipo di retorica imperante in Italia, bisogna sempre condannare gli strumenti di morte, bisogna sempre ricordare l'articolo 11 della Costituzione (solo la prima parte, ovviamente, la seconda sarebbe imbarazzante), bisogna sempre di dire di colore, mai negro, down e non mongoloide, adesso perfino i bastardini sono diventati meticci, meticcioni e via delirando (i cani, per intenderci). Siamo alla cultura del piagnisteo e dell'ipocrisia. A chi è stato insegnato a vivere in piedi e a chiamare le cose col proprio nome attribuendogli il giusto valore, si guarda con diasprezzo o sarcasmo. Se devo essere sincero sto pensando da qualche anno di andarmene nuovamente dall'Italia, il mio lavoro lo posso fare anche altrove.

Edited by intruder

Share this post


Link to post
Share on other sites
A chi è stato insegnato a vivere in piedi e a chiamare le cose col proprio nome attribuendogli il giusto valore, si guarda con disprezzo o sarcasmo.

 

:adorazione: :adorazione: :adorazione:

 

Temo che siamo in buona compagnia, se pensavi di andartene dall'Italia. Ormai in tutta Europa è così.

 

Pare che ciò vada contro due dei nostri maggiori ideali: la libertà e la democrazia. Ma non riesco a spiegarmi il perchè, visto che entrambi sono stati creati da uomini come questi, che non avevano paura di camminare a testa alta e dire a voce alta quello che pensavano.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sabato sera stavo facendo zapping quando su rai 3 ( credo che il programma fosse ulisse) vedo alberto angela che introduce un servizio sulla tecnologia stealth!!

Stupende le immagini di B-2, F-117 e persino F-22 che volavano in formazione e mettevano in bella mostra gli ugelli vettoriali e interessanti alcune schematiche su come ridurre la rcs.

ovviamente nessun riferimento all'acquisto da parte italiana degli f-35.

 

E' stata una piccola parentesi (Del programma Ulisse), in cui oltre all'omissione da te citata (Sulla quale si può passare sopra) ne hanno fatte di peggiori, ossia si sono limitati a spiegare il funzionamento di un'aereo Stealth (In modo ovviamente molto grossolano), con riferimenti assolutamente sorpassati. Inoltre si sono fatte affermazioni scandalosamente approssimate, secondo le quali le teorie e le conoscenze sugli Stealth risalgono alla fine degli anni 70'! :wip41::sm:

Edited by Blue Sky

Share this post


Link to post
Share on other sites

Intruder e Rick, quoto con un unica precisazione: se alcuni termini si è tesi a farli scomparire dall'uso comune è solo perchè in passato sono stati usati per denigrare o emarginare qualcuno.

 

Con tutto che sono razzista (ma non reputo nessuna razza inferiore alle altre, per lo meno per la dignità), con tutto che credo che chiamare meticcio un bastardino sia effettivamente un eufemismo, per quanto riguarda gli strumenti di morte credo che sia ancora prematuro parlare di buonismi.

 

Questo perchè, a differenza di negro, ebreo, bastardo, o altri aggettivi usati come offese in passato (e purtroppo anche attualmente), chi usa l'aggettivo "strumento di morte" per definire un sofisticato sistema d'arma viene condannato solo e solamente da noi e chi come noi ha i piedi per terra e la testa attaccata al collo, e vive di realismo invece che di utopie, ma per fortuna non siamo ancora così pochi.

 

La differenza, quindi, sta proprio in questo: la stragrande maggioranza dell'opinione pubblica è d'accordo col definire eccessivi certi aggettivi, mentre per carri e aerei c'è ancora (e per fortuna) una fetta di popolazione che crede fermamente nella necessità e utilità delle FFAA.

 

Seguendo questo discorso, il problema sorge quando si realizza che l'aggettivo "strumento di morte" è usato proprio in senso offensivo, quindi è paragonabilissimo a "negro", "mangiarane" e quant'altro. Sapendo che i mezzi delle FFAA (e le stesse FFAA) sono giudicate in questo senso da molti "pane e sogni", mi indigno del perchè negro sia ancora considerata un'offesa, mentre "fabbrica di bambini morti" sfiora il politically correct.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Perchè siamo un popolo di bonaccioni pacifisti e verdi che si ricordano quanto questi mezzi di morte siano essenziali solo quando muore qualche nostro militare all' estero e quando vinciamo i mondiali di calcio... li si che ci ricordiamo della nostra identità nazionale...( per tre giorni..)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cosa pretendi da Rai Tre e dagli Angela & Angela? Già la Rai è migliorata, un tempo parlavano di portaerei che stazzavano x tonnellate o che raggiungevano i 40 nodi all'ora, per non dire gli idioti del telegiornale che dicevano che una famiglia era stata ricoverata per intossicazione alimentare per avere consumato della salciccia (con la c) avariata... adesso un minimo di precisione ce l'hanno, almeno.

 

Per il resto è un tipo di retorica imperante in Italia, bisogna sempre condannare gli strumenti di morte, bisogna sempre ricordare l'articolo 11 della Costituzione (solo la prima parte, ovviamente, la seconda sarebbe imbarazzante), bisogna sempre di dire di colore, mai negro, down e non mongoloide, adesso perfino i bastardini sono diventati meticci, meticcioni e via delirando (i cani, per intenderci). Siamo alla cultura del piagnisteo e dell'ipocrisia. A chi è stato insegnato a vivere in piedi e a chiamare le cose col proprio nome attribuendogli il giusto valore, si guarda con diasprezzo o sarcasmo. Se devo essere sincero sto pensando da qualche anno di andarmene nuovamente dall'Italia, il mio lavoro lo posso fare anche altrove.

 

Amen! :adorazione:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Perchè siamo un popolo di bonaccioni pacifisti e verdi che si ricordano quanto questi mezzi di morte siano essenziali solo quando muore qualche nostro militare all' estero e quando vinciamo i mondiali di calcio... li si che ci ricordiamo della nostra identità nazionale...( per tre giorni..)

 

E no amico mio. Però dovresti vivere un anno all'estero per capirlo

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest intruder
E no amico mio. Però dovresti vivere un anno all'estero per capirlo

 

 

Io ho vissuto 20 anni all'estero, e forse perché del calcio non me ne frega niente, e non sono particolarmente sciovinista, non ho mai avuto di questi problemi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Perchè siamo un popolo di bonaccioni pacifisti e verdi che si ricordano quanto questi mezzi di morte siano essenziali solo quando muore qualche nostro militare all' estero e quando vinciamo i mondiali di calcio... li si che ci ricordiamo della nostra identità nazionale...( per tre giorni..)

 

purtroppo.....non potrei essere più daccordo!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'ho vista stasera questa puntata di Ulisse, stanotte insomma, è mi è molto piaciuta. Immagini splendide, stile Microcosmos, molto belle. Sulla parte che ci riguarda condivido quanto detto da BlueSky, c'è un po' di genericità e approssimazione, ma in genere è una caratteristica di Ulisse (o Superquark): spiegazioni il più semplici possibile (anche se, che so, per spiegare una fissione nucleare utilizzare il biliardo non è stato malaccio :)), vocabolario semplice e molto spazio alle immagini. D'altronde credo che l'aspirazione di questi programmi sia di rivolgersi alla più vasta platea possibile secondo la logica del "meglio un'informazione semplice (a tratti banale, Alberto Angela sembra che si rivolga a dei bambini, facendo delle affermazioni lapalissiane) accessibile a cani e porci che un'informazione specialistica che capirebbero in pochi".

Sul discorso che si dica che con un B2 si sfamerebbe il terzo mondo, beh che c'è di male? Si parla di un aereo che è tecnologicamente avanzatissimo e che rispetto ad altri bombardieri costa un occhio della testa...come dire? dal punto di vista del costo unitario è il top degli aerei credo senza tema di smentita; se fosse stato il Tupolev il più costoso probabilmente l'avrebbero mostrato e avrebbero fatto il medesimo paragone (o non l'avrebbero fatto secondo i maligni, ma secondo me, come dice Tuccio qua sotto, non si sarebbero fatti problemi; per chi guarda spesso i programmi degli Angela il paragone che han fatto è abituale: tutte le volte e in qualunque materia, quando c'è da far comprendere delle grandezze fuori dall'ordinario ricorrono a paragoni molto concreti del tipo "il propellente necessario a far decollare il Saturno V potrebbe illuminare New York per un'ora e mezza").

Edited by Montgomery

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se fosse stato il Tupolev l'avrebbero fatto e come, gli Angela non sono faziosi nelle considerazioni come altri.

 

Non si fanno scrupoli a condannare neanche i missili Quassam e Scud che tanto piacciono ai nostri pacifinti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
E' stata una piccola parentesi (Del programma Ulisse), in cui oltre all'omissione da te citata (Sulla quale si può passare sopra) ne hanno fatte di peggiori, ossia si sono limitati a spiegare il funzionamento di un'aereo Stealth (In modo ovviamente molto grossolano), con riferimenti assolutamente sorpassati. Inoltre si sono fatte affermazioni scandalosamente approssimate, secondo le quali le teorie e le conoscenze sugli Stealth risalgono alla fine degli anni 70'! :wip41::sm:

 

ti quoto in pieno e ricordatevi una cosa che la tv almeno quella italiana dice una marea di stupidaggini (per far contenti i politici) un'altro esempio è giacobbo e qui mi fermo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...