Jump to content

Montgomery

Membri
  • Content Count

    347
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

0

About Montgomery

  • Rank
    Tenente Colonnello

Profile Information

  • Sesso
    Maschio
  • Località
    30 km. da Torino
  1. potresti anche avere ragione, il clima non contribuisce certo, ma l'idea del Berlusconi nemico è molto alimentata da lui stesso in primis e dai suoi, mi preoccupa di più il fatto che ogni volta che si denuncia il suo poco rispetto per gli organi costituzionali e gli altri poteri dello Stato, che si rilevano i molti processi in cui è uscito prescritto per leggi che la sua parte politica ha votato, che si evidenzia la sua posizione nel mondo dei media contro la legge (sulla candidabilità dei concessionari pubblici) e che rappresenta un'anomalia per una democrazia, ogni volta che si pongono inter
  2. urka, no, che è successo? Ma ogni giorno succede qualcosa ... Aggiornando sulla vicenda di Milano pare che l'uomo che ha colpito Berlusconi fosse stato dieci anni in cura presso il servizio psichiatrico.
  3. oddio, dove stiamo precipitando....ci mancava solo l'aggressione al premier un gesto di un individuo isolato che, pur interpretando forse lo scontento di diversi italiani (il no B-Day è roba di una settimana fa), finirà per essere strumentalizzato, delegittimerà ulteriormente le manifestazioni democratiche e pacifiche e giustificherà un clima di tensione e di repressione... ragazzi, se continua così l'andazzo il paese va allo sfascio non solo economico, ma anche e sopratutto sociale.
  4. oddio, nientemeno...ci manca pure il fondamentalismo religioso e suma a post...
  5. quoto. Mi pare tutto un discorso campato in aria non solo perchè, come ha fatto notare Rick, da qui a quarant'anni non sappiamo quali saranno le esigenze richieste dal quadro politico-economico mondiale ma anche perchè non tiene conto degli oggettivi limiti economici di un paese come il nostro; in fondo una (due col Peppino) portaerei ce l'abbiamo e già è stato un bello sforzo economico. D'altronde paragonare l'Italia con gli USA è fuori dal ragionevole e, a ben guardare, anche i paesi come Francia e UK che hanno (o stanno sostituendo) portaerei di stazza maggiore hanno da tribolare non poco p
  6. urka, Dominus, leggendo le tue risposte mi è venuta una tristezza mista a rassegnazione...voglio dire, cosa possiamo fare allora? Non andare a votare (cosa che spesso ho fatto pure io) risolve qualcosa? In fondo, nonostante tutta l'antipolitica di cui si parla il nostro paese è ancora uno di quelli in cui gli elettori si mobilitano maggiormente; in certi paesi capita che voti meno della metà degli aventi diritto ma non mi pare cambi molto, o che comunque il problema dell'astensionismo susciti chissà quali grandi polemiche...magari mi sbaglio... ma mi sto scoraggiando. mi pare eviden
  7. in sostanza sei un liberista convinto, peccato che in Italia, almeno nella classe politica, non ci siano i liberisti come te, sono bravi solo a parole... non mi pare normale che una persona che è un concessionario pubblico (per legge non sarebbe neppure eleggibile, ovviamente la sx si è ben guardata dal farlo notare e la giunta per le elezioni in sede di convalida degli eletti tanto meno ...e quando mai...), già indagato dal 1992 (non da dopo la "discesa in campo") e prima per la P2 ( falsa testimonianza amnistiata), diventi presidente del consiglio, esca "pulito" da processi in cui, grazie a
  8. I cittadini hanno diritto ad essere educati, meglio ancora direi che hanno il diritto di poter accedere alla conoscenza in condizioni paritarie di partenza...una democrazia è tanto più compiuta quanto più ogni cittadino ha le conoscenze (scuola) e le informazioni (media) per scegliere consapevolmente e in libertà, per filtrare la realtà con autonoma capacità critica, altrimenti rimane in una posizione di minorazione; che poi ci sia il monopolio pubblico nel sistema scolastico italiano, beh, non direi, tra istituti religiosi, privati e parificati è un pullulare di scuole che di pubblico hanno n
  9. Illuminami, cos'è l'iniziativa di Fidenato? Certo hai ragione, ma per fare ciò che dici ci vuole una larga consapevolezza della situazione, conoscenza e informazione da parte della massa, non di pochi...ma consapevolezza, conoscenza (in primis attraverso le agenzie di socializzazione come la scuola, svuotata negli anni di autorevolezza, investimenti e competenze professionali e sempre più sostituita nel suo ruolo "formativo", di formazione della cittadinanza, da agenzie univoche, unidirezionali e che rispondono a logiche diverse dalla conoscenza, vedi la tv) e informazione non mi pare che
  10. In linea di principio hai ragione, ma chi glielo toglie questo potere? La politica in ogni paese detta le regole delle attività economiche, agisce sul fisco, decide gli appalti...detto altrimenti chi può togliere alla politica questo potere se non i politici stessi? Quei politici che in Italia tendono a sclerotizzarsi e a non cedere posizioni (nè tantomeno a dimettersi o a farsi da parte) e ad agire, più che altrove, secondo una logica di scambio mafioso (il tanto inflazionato tema della riconoscenza)? C'è una contraddizione che specie in Italia si è vista e si vede nel legame a doppio filo tr
  11. il problema credo sia stato ben indicato da Legolas e Veltro, non è che con un privato cambierebbe poi molto, i legami con il mondo politico e con certi politici rimane e la logica delle mazzette e dei favori agli amici degli amici anche...almeno così è in Italia, uno dei paesi che quanto a corruzione è a livelli della Russia o del Brasile, non certo degli altri paesi occidentali. Naturalmente il prezzo della corruzione lo paghiamo poi noi...
  12. ma che poi la ratio con cui giustificare questa scelta sull'acqua quale sarebbe? Non mi pare che laddove si sia proceduto a privatizzazioni nel settore si siano ottenuti grandi risultati, anzi...la Francia mi pare che ritorni al regime pubblico in materia. Tutto per far guadagnare i soliti noti (concordo con Typhoon). Nel nostro paese ormai l'aggettivo "pubblico" è diventato sinonimo di "statale" connotandosi così agli occhi della gente con quegli aspetti negativi (lentezza, burocrazia, inefficienza...) propri della macchina statale e della P.A. (pur con le eccezioni presenti, non facciamo di
  13. boh, io leggevo wiki in inglese e lì il Mig31 lo inserisce tra quelli di 4a generazione, mentre l' F-4 Phantom, giustamente, tra quelli di terza. D'altronde, seguendo il ragionamento di Vorthex, sarebbero di terza generazione anche Tornado, F15, F16 & co. che hanno fatto i primi voli negli anni Settanta (che poi siano stati sviluppati e aggiornati, chi più chi meno, è una differenza certo non da poco)... Ad ogni modo, sia come sia, chiudiamo la parentesi.
  14. gli esperti siete voi, su wiki (che non è la Bibbia) lo indica come caccia di 4a generazione
×
×
  • Create New...