Jump to content

I redditi degli italiani su Internet


Graziani
 Share

Recommended Posts

Il fatto dei redditi resi pubblici testimonia come la sinistra italiana non si sia mai liberata di quella concezione di potere intesa come appropriamento del potere e utilizzo di questo in modo quasi totalitario a soddisfare loro scopi.

Rendere pubblici dati privati scavalca la nostra privacy e invade la nostra proprietà privata in un certo senso. Questo concetto , la proprietà privata, non sembra essere mai andata a genio alla sinistra italiana.

Ma mai mi aspettavo nel 2008 un tale soppruso.

Chi è un ministro per rendere pubblici i dati di un cittadino privato?

Strano concetto quello di democrazia secondo la sinistra.

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 186
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Il fatto dei redditi resi pubblici testimonia come la sinistra italiana non si sia mai liberata di quella concezione di potere intesa come appropriamento del potere e utilizzo di questo in modo quasi totalitario a soddisfare loro scopi.

Rendere pubblici dati privati scavalca la nostra privacy e invade la nostra proprietà privata in un certo senso. Questo concetto , la proprietà privata, non sembra essere mai andata a genio alla sinistra italiana.

Ma mai mi aspettavo nel 2008 un tale soppruso.

Chi è un ministro per rendere pubblici i dati di un cittadino privato?

Strano concetto quello di democrazia secondo la sinistra.

Per la concezione corretta del pensiero di sinistra, non è privato neanche il nostro corpo (soprattutto il cervello)!!!

Link to comment
Share on other sites

Guardate che i redditi sono sempre stati pubblici, secondo una legge del '73 che non mi sembra possa avere come padre il centrosinistra italiano, la novità è semplicemente che ora sono stati messi su internet mentre prima erano consultabili solo negli uffici dell'Agenzia delle Entrate, ma ciò non toglie che il governo abbia solo applicato la legge.

Come ho detto sono contrario a rendere pubblici i 7.40 dei cittadini e penso che la legge sia sbagliata, ma tirare fuori un polpettone moralistico sulla concezione di potere della sinistra italiana mi sembra esagerato e gratuito.

Link to comment
Share on other sites

Guardate che i redditi sono sempre stati pubblici, secondo una legge del '73 che non mi sembra possa avere come padre il centrosinistra italiano, la novità è semplicemente che ora sono stati messi su internet mentre prima erano consultabili solo negli uffici dell'Agenzia delle Entrate, ma ciò non toglie che il governo abbia solo applicato la legge.

Come ho detto sono contrario a rendere pubblici i 7.40 dei cittadini e penso che la legge sia sbagliata, ma tirare fuori un polpettone moralistico sulla concezione di potere della sinistra italiana mi sembra esagerato e gratuito.

Scusami, Dominus, ma forse ti è sfuggito il contenuto di questo link:

 

http://www.ansa.it/opencms/export/site/not...l_70654979.html

 

in particolare:

 

"...Il presidente del Codacons, Carlo Rienzi, sottolinea come l'articolo 24 della legge 15 del 2005 "vieta espressamente la diffusione delle denunce dei redditi dei contribuenti", ma "nel caso dei redditi on line è stata confusa la pubblicità delle denunce, che nessuno mette in dubbio, con la loro accessibilità, cosa ben diversa". "La legge in questione - prosegue Rienzi - stabilisce che l'accesso è consentito previa domanda a chiunque vi abbia interesse per la tutela di situazioni giuridicamente rilevanti, e deve essere motivato. Così la Pubblica Amministrazione valuta l'interesse del richiedente e concede l'accesso a chiunque abbia tale interesse, che non può certo essere la curiosità o la voglia di vendicarsi del vicino di casa, come più volte ha stabilito il Consiglio di Stato"..."

Link to comment
Share on other sites

qualcuno ha qualcosa da nascondere?

 

rekap...

faccio finta di non leggere

 

democrazia con redditi online...

pensa che siamo 79° per la libertà di informazione quello si che è dire:

"strana cosa in una democrazia"

Edited by Leviathan
Link to comment
Share on other sites

79° in libertà di informazione... scendiamo sempre di più! e come mai, allora, nessun uomo nero dei servizi segreti fasci-nazi-rettiliano è venuto a "chiuderti il becco" lev??? eh, me lo spieghi come mai dato che secono la tua classifica siamo in dittatura??? :asd: :asd: :asd:

Link to comment
Share on other sites

Pubblicare i redditi dei contribuenti on line serve solo ad alimentare il voyerismo dilagante della società italiana. Siamo un popolo che non si sa fare i caz*i suoi, e chi pensa che quella operazione sia cosa buona e giusta è perchè non vede l'ora di poter spettegolare col giornalaio su quanto ha denunciato il suo dentista...che per la cronaca fa rodere il culo a tutto il paese perchè ha denunciato 10.000 euro, ma gira col Porshe Cayenne S.

 

Solo che gli ottusi del paese non sanno che lui partecipa in una società di professionisti, costituita per avviare assieme a due amici lo studio dentistico e che la macchina è intestata a tale società....società che paga regolarmente le tasse. Ma questo il paesotto, i pettogoli e gli invidiosi non lo sanno....e continuano a chiaccherare!

 

A questo servono quelle stupide denuncie messe on-line....sperare che il popolo inizi una opera delatoria, sopperendo alle carenze dell'agenzia tributaria. Ma il risultato pratico è solo il pettegolezzo, sia a livello nazionale con i grandi nomi (il cui reddito sbattuto in prima pagina è in definitiva una esplicazione del diritto di cronaca) sia a livello locale, col nome del macellaio, dell'avvocato e dell'industrialotto di turno.

 

Chi approva quella pubblicazione ha solo dei grandissimi pruriti voyeristici...che farebbe meglio a calmare con qualche spettacolino erotico on line!

Link to comment
Share on other sites

Guest maxtaxi

Ero all'estero e mi è scappata la notizia...

Dove posso trovare il mio 740?

Per il momento mi tocca pagare la multa che Prodi mi ha lasciato in eredità, solo perchè l'anno scorso hanno cambiato i parametri di valutazione il giorno prima della presentazione dei moduli...

 

E ti dico io come sarebbero finite le elezioni se le cartelle sarebbero arrivate 2 settimane prima!!!

 

Mi censuro da solo, ma certi scaldapoltrone gli darei una zappa in mano e finche non hanno finito di arare il campo, non gli farei manco bere...

Link to comment
Share on other sites

79° in libertà di informazione... scendiamo sempre di più! e come mai, allora, nessun uomo nero dei servizi segreti fasci-nazi-rettiliano è venuto a "chiuderti il becco" lev??? eh, me lo spieghi come mai dato che secono la tua classifica siamo in dittatura??? :asd: :asd: :asd:

71° e poi che bisogna c'è?

 

tanto c'è chi sostiene il contrario come te

Link to comment
Share on other sites

e che lo stato ci ha rimesso? Quello non conta? Poi vorrei ricordati che la ford compro la jaguar beh mi pare che anche quella si sia risollevata e ben prima del alfa, ci fu anche una piccola parentesi in formula uno. Pero se devi vendere vendi al miglio offerente. DIciamo che poi oltre al alfa al signor agnelli gli abbiamo dato anche tanti aiuti per far risollevare le sue industrie (alfa comprese). Poi non so se tanti si sono accorti che perfino i baci perugina sono francesi e che la birra peroni è tedesca, sveja se vende al miglior offerente non lasciare le aziende in mano ad italiani ed a prezzi di favore. VOi che ti racconti la storiella del attuale palazzo del inail del eur?

 

La Jaguar non si è affatto risollevata, visto che è stata ceduta per disperazione alla TATA (gruppo indiano).

Com'è che Alfa si poteva vendere agli stranieri, mentre per Alitalia bisogna che rimanga italiana a tutti i costi? :rolleyes:

Link to comment
Share on other sites

Pubblicare i redditi dei contribuenti on line serve solo ad alimentare il voyerismo dilagante della società italiana. Siamo un popolo che non si sa fare i caz*i suoi, e chi pensa che quella operazione sia cosa buona e giusta è perchè non vede l'ora di poter spettegolare col giornalaio su quanto ha denunciato il suo dentista...che per la cronaca fa rodere il culo a tutto il paese perchè ha denunciato 10.000 euro, ma gira col Porshe Cayenne S.

 

Solo che gli ottusi del paese non sanno che lui partecipa in una società di professionisti, costituita per avviare assieme a due amici lo studio dentistico e che la macchina è intestata a tale società....società che paga regolarmente le tasse. Ma questo il paesotto, i pettogoli e gli invidiosi non lo sanno....e continuano a chiaccherare!

 

Si, e in studio tiene le marmotte a incartare la cioccolata...

Hai presente quale sia in media il reddito denunciato dalle società, in Italia?

Link to comment
Share on other sites

La storia del alfa dilla bene, di che non l'abbiamo voluta vendere alla ford che pagava meglio. di che prodi la regalò ad agnelli.

Esatto! ... con il pieno appoggio dei sindacati fortemente ed unanimamente contrari all'acquisto da parte della Ford

Link to comment
Share on other sites

Guest maxtaxi

Concordo appieno.

Questa è storia scritta e basta girare in internet e si hanno tutti gli approfondimenti del caso...

Non dimenticatevi del caso CIRIO.. Lui amministratore delegato super pagato e gli operai senza paga e licenziati...

Link to comment
Share on other sites

Mirgal ti sei scordato ceh momenti la fiat veniva venduta alla GM? poi hai letto anche l'atro mio post? Poi non scordiamoci che bravi lavoratori erano quelli del alfa. Si si andate a chiedere a chi aveva comprato la mitica sud o 33.

 

Ti puoi spiegare meglio? Non capisco il nesso.

Link to comment
Share on other sites

Scusate se mi intrometto, senza aver letto tutta la precedente discussione, per chiedere: ma qual'è lo scopo o il vantaggio di tale pubblicazione?

Qualcuno può spiegarmelo?

 

Vantaggi, per quanto mi sforzi, proprio non riesco a trovarli...gli scopi, al contrario, potrebbero essere tanti...io, per esempio, ci vedo la scelta di sputtanare certi personaggi (Grillo in primis) che, negli ultimi tempi, si erano allargati un pò troppo...

Link to comment
Share on other sites

Vantaggi, per quanto mi sforzi, proprio non riesco a trovarli...gli scopi, al contrario, potrebbero essere tanti...io, per esempio, ci vedo la scelta di sputtanare certi personaggi (Grillo in primis) che, negli ultimi tempi, si erano allargati un pò troppo...

Io invece ci vedo la classica applicazione "all'italiana" di una legge decennale che sbagliata di per sè non è...

Link to comment
Share on other sites

Beh uno scopo c'è: è tutto a vantaggio delle banche e delle società di finanziamento. Sapete come funziona se qualcuno ha bisogno di un prestito.

 

Comunque di illegale non c'è nulla, Visco ha semplicemente applicato una legge (da me personalmente non condivisa ma sempre e comunque Legge dello Stato)

Link to comment
Share on other sites

..........Comunque di illegale non c'è nulla, Visco ha semplicemente applicato una legge (da me personalmente non condivisa ma sempre e comunque Legge dello Stato)

Evidentemente non è così se, come si evince dal link:

 

http://www.tgfin.mediaset.it/tgfin/articol...olo412729.shtml

 

 

Indagato direttore Agenzia Entrate

 

Fisco online, avrebbe violato la privacy

 

La procura di Roma ha iscritto nel registro degli indagati il direttore dell'Agenzia delle Entrate, Massimo Romano, in relazione alla diffusione dei dati dei contribuenti del 2005, diffusi sul Web il 30 aprile scorso. L'ipotesi di reato contestata a Romano, che ha ricevuto un invito a comparire dal procuratore aggiunto Franco Ionta e dal pm Francesco Polino, è di violazione della legge sulla privacy.

 

Durante l'interrogatorio, che si svolgerà nei prossimi giorni Romano sarà chiamato a fornire chiarimenti sulle ragioni e sulla procedura che ha condotto ad autorizzare la pubblicazione on line delle dichiarazioni dei redditi.

Lo stesso Romano aveva difeso la scelta di pubblicare i redditi online, spiegando che l'informazione in Rete, "senza mediazioni di terzi e curata dalla stessa amministrazione pubblica" è "garanzia","trasparenza", "affidabilità" e uno stimolo a non evadere le tasse.

 

L'inchiesta dovrà accertare anche perché gli elenchi sono stati pubblicati online solo alla fine del mese scorso, mentre sarebbero stati disponibili già all'inizio del mese di marzo. L'indagine però prosegue anche sul fronte della clonazione dei dati tramite il file sharing, dall'originario elenco dell'Agenzia.

 

Le dichiarazioni dei redditi del 2005 infatti, sono rimaste disponibili in Rete anche dopo lo stop imposto dal Garante della privacy che ha dichiarato illecita la diffusione su Internet dei dati relativi alle dichiarazioni dei redditi. Sulla base del provvedimento del Garante, i Pm hanno dato mandato alla Polizia postale di sequestrare tutto il materiale residuo che ancora circola online.

Nel frattempo, molti siti stanno già provvedendo autonomamente a togliere dalla Rete i dati. In Procura intanto è arrivata la denuncia presentata dal Codacons per violazione della privacy: l'associazione dei consumatori chiede un risarcimento per il danno provocato ai cittadini dalla pubblicazione degli elenchi.

Link to comment
Share on other sites

Picpus, la legge esiste su questo non ci piove. Se tu vai all'agenzia delle entrate di Palermo puoi chiedere di visionare quei dati. Sono convinto che quella inchiesta finirà nel nulla.

La legge non la condivido, ma sempre legge resta e quindi la rispetto

Link to comment
Share on other sites

Picpus, la legge esiste su questo non ci piove. Se tu vai all'agenzia delle entrate di Palermo puoi chiedere di visionare quei dati. Sono convinto che quella inchiesta finirà nel nulla.

La legge non la condivido, ma sempre legge resta e quindi la rispetto

Dai uno sguardo al post al seguente link:

 

http://www.aereimilitari.org/forum/index.p...st&p=138254 (messaggio n° 54)

 

C'è un'altra legge, peraltro successiva, cronologicamente, che pone dei limiti alla pubblicità......di tutto!!!

 

Non mi sembra che sia così difficile da capire (scusami, ma è la terza volta che metto questo link!)!

Link to comment
Share on other sites

Scusami te Picpus, io è la prima volta che lo vedo (anzi, siamo onesti, me lo sarò dimenticato).

Ok, se le cose stanno così avete ragione voi, nulla da dire in proposito

Comunque

Così la Pubblica Amministrazione valuta l'interesse del richiedente e concede l'accesso a chiunque abbia tale interesse, che non può certo essere la curiosità o la voglia di vendicarsi del vicino di casa, come più volte ha stabilito il Consiglio di Stato"..."
Link to comment
Share on other sites

Guest intruder
In un paese in cui anche per andare al bar ti chiedono la liberatoria per la privacy mi sembra assurdo che i cavoli dei contribuenti, che, manco a ricordarlo, pagano le tasse, vadano su internet.

Classica baggianata popolana, speriamo non succeda più, e che cambino anche sta legge, quanto guadagno son cavoli miei.

 

 

Vorrei raccontarti una cosa, in materia di privacy. Un conoscente è andato all'estero, credo in Svezia o Germania o Danimarca, e ha fatto il furbo, per aggirare un ingorgo è salito con la moto sul marciapiedi. Un privato cittadino che passava lo ha filmato col telefono e ha consegnato il filmato alla polizia che in qualche maniera lo ha identificato (probabilmente le banche dati sono in comune, nell'Unione Europea), ha scoperto in quale albergo si trovava e gli ha recapitato brevi manu una multa da duemila euro (paghi cash o vai davanti al giudice, come usa quasi dappertutto all'estero), e il ritiro della patente per un anno, ritiro confermato poi in Italia con la decurtazione di dieci punti dalla patente medesima.

 

Il figlio di buona donna ha tentato di appellarsi alla privacy, sapendo che il paese dove è avvenuto il fatto ha leggi più restrittive delle nostre, in materia. Gli hanno risposto, e senza nemmeno troppa cortesia, che quando si commette un reato non c'è diritto alla privacy. E che il controllo da parte del cittadino è fondamentale per il rispetto della legge, il cittadino quindi (il commento dopo la virgola è mio) sostituisce il poliziotto (del resto la legislazione anglosassone prevede il citizen arrest).

 

Se in Italia funzionasse così...

 

Riguardo ai redditi on line, io non ho niente da nascondere, possono pubblicare tutto quello che vogliono. Sicuramente darà fastidio a qualche gioielliere (dichiarano in media 11 mila euro l'anno), ristoratore (10 mila), autotrasportatore (7 mila)... dalla lettura di quegli elenchi, è emerso che un italiano su due dichiara meno di 15 mila euro l'anno (e nemmeno un contribuente su cento dichiara di guadagnare 100 mila euro o più), anche nella padania leghista, che la metà dei lavoratori autonomi non arriva a guadagnare 800 euro al mese (come arriveranno al 20 del mese?), che la metà delle società dichiara a malapena di pareggiare i conti.

 

Negli USA si va in galera per evasione fiscale, in Italia no. Ben venga la gogna mediatica, dunque.

Edited by intruder
Link to comment
Share on other sites

Mirgal ti sei scordato ceh momenti la fiat veniva venduta alla GM? poi hai letto anche l'atro mio post? Poi non scordiamoci che bravi lavoratori erano quelli del alfa. Si si andate a chiedere a chi aveva comprato la mitica sud o 33.

vendere l'Alfa alla ford è come bestemmiare....per fortuna che la fiat abbia acquistato l'alfa....

 

comunque...non penso che siano due cattive macchine...dato che la 33 h venduto più di un milione di esemplari...e l'alfasud, nonostate problemi di carrozzeria, venne venduta, solo in versione berlina (quind esclusa la sprint, la giardinetta e la TI), in 900'000 esemplari.....

quindi non mi sembrano dei grandi fiaschi....

 

ma tu dirai....ne avranno vendute molte ma la gente, poi, è rimasta delusa...mica vero...

la 33 è ancora amata (essendo stata rimpiazzata da quel rottame di 145/146) ed è in grado di stare davanti a molte auto di adesso, mentre la alfasud, da alcuni è venerata, grazie alle ottime doti dinamiche del mezzo...ma da alcuni è anche odiata....ma questo odio non è legato alla carrozzeria che si arruginisce...bensi al fatto che è stata la prima alfa a trazione anteriore, e quindi per alfisti più puri non è un Alfa...ma la scelta del motore e trazione davanti non è di certo per colpa degli operai alfa...

 

ma tu hai ricordato solo le vetture prodotte a pomigliano d'arco.....perchè non ricordi che durante il periodo di tempo in cui furono prodotte l'alfasud e la 33 (quindi dal '72 al 95), ad arese furono prodotti dei CAPOLAVORI, come linea e come motori, come la Alfetta, la Giulietta, la 75 e il 164???

 

le uniche alfa che in quel periodo non fecero successo furono:

Alfa 6 (costruita benissimo, ma faceva schifo)

Alfa 90 (ottima macchina, erede dell'alfetta..no mi so spiegare la scarso successo)

e l'Arna (colpa dei giapponesi e della dirigenza alfa)

 

quindi non mi sembra che in alfa facessero dei rottami ...ANZI...

Edited by Reggiane
Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share


×
×
  • Create New...