Jump to content

Recommended Posts

volevo sapere qualche cosa sull'atterraggio che un C-13 ha fatto sulla FORRESTAL NON SO IN CHE ANNO......

Share this post


Link to post
Share on other sites

come al solito mi avete preceduto....cmq io avrei anche una domanda....prima dell'atterragio c'è stato un "duello" con un mig....ma non vi sembrava di più ad un eurofighter???? cmq per il c-130 anche a me è sembrato davvero strano anche perchè è troppo pesante e non ha neanche il gancio....cmq hanno fatto una americanata dicendo di aver liberato il ponte in 25 minuti facenso deccolare un casino di aerei...... :thumbdown:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusate ragazzi ma non ho la più pallida idea a quale episodio state facendo riferimento :rolleyes:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi rendo conto che spesso chiedete delle cose che sono molto note e documentate in internet.

 

Probabilmente la dimestichezza con l'inglese mi consente di muovermi con facilità sui siti anglo-americani, ma resta il fatto che non mi va di fare il sapientone su cose che anche voi potete reperire con la massima facilità.

 

Per cui sempre più spesso quando farete domande di questo tipo, anzichè snocciolarvi quello che so o che ho in archivio, vi indirizzo su qualche buon sito web così pian pian diventerete più esperti.

 

Poi se volete approfondire le notizie, sono qua.

 

Allora sulle prove di atterraggio del C-130 sulla Forrestal (poi non se ne fece più nulla perchè l'impiego operativo fu giudicato eccessivamente rischioso) ho trovato questo bellissimo sito, con i video, ed è anche un bel sito di aviazione che vi conviene annotare per altre ricerche.

 

http://www.theaviationzone.com/factsheets/...stal.asp#videos

 

Fatemi sapere.

Share this post


Link to post
Share on other sites

molto interessante,mai avrei pensato che un c130 potesse atterrare su una portaerei!

 

Gianni posso fati una domanda?

La tua passione per aeronautica, e difesa in generale è una cosa personale o legata a professione o a studi fatti in precedenza?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie dell'indicazione.... davvero interessante!!!!

Bello anche il sito ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

"quella storia del mig mi ha davvero scombussolato".....qualcuno che ha registrato potrebbe andare a rivederlo e scrivere cosa crede che sia??? thanks :helpsmile:

 

 

p.s: non è che non mi fido di argo.... ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
:o:o:o:o E da quello che ho capito nel testo lo hanno fatto un sacco di volte!!!! :o:o:o:o

Share this post


Link to post
Share on other sites

certo che non si finisce mai di imparare!!!

chi l'avrebbe mai detto!

Share this post


Link to post
Share on other sites
come al solito mi avete preceduto....cmq io avrei anche una domanda....prima dell'atterragio c'è stato un "duello" con un mig....ma non vi sembrava di più ad un eurofighter???? cmq per il c-130 anche a me è sembrato davvero strano anche perchè è troppo pesante e non ha neanche il gancio....cmq hanno fatto una americanata dicendo di aver liberato il ponte in 25 minuti facenso deccolare un casino di aerei...... :thumbdown:

M mi chiedo:Se in quasi tutti i film(TopGun compreso),dopo aver lanciato pochi aerei le catapulte vanno in defaillance :o:o:o

 

Ma le caldaie che producono il vapore per azionarle hanno una produttività sufficiente per consentire il lancio anche solo di una trentina di aerei in soli 25 minuti? :huh:

Premetto che ho una patente di conduttore di generatori di vapore,ma non di grad sufficiente per condurre una caldaia oltre le 3t/h,e immagino che le"Marina"installate su una portaerei siano ben più grandi :huh::huh::huh:

A questo punto mi sorge una serie di domande:La Forrestal è convenzionale o nucleare?Quanto vapore consuma una catapulta per ogni lancio?In caso di richieste di vapore così forti come nella serie di lanci raccontata e la eventuale difficoltà delle caldaie a fornire vapore secco,non si rischia di danneggiarle immettendovi vapore troppo umido?

Vorrei fare queste domande a Gianni,anche se mi rendo conto che sono un po' "specifiche",così come gradirei se riuscisse a postarmi un link in cui vi siano schemi e/o disegni su come sono fatte le catapulte delle portaerei(Scusami Gianni se ti ho un po' "saturato",ma se non le sai tu queste cose... :):):) )

Share this post


Link to post
Share on other sites

La Forrestal era una portaerei convenzionale, non nucleare.

 

La prima portaerei nucleare è stata l'Enterprise CVN-65, una variante della classe Kittyhawk convenzionale.

 

Dopo l'Enterprise è iniziata la serie della classe Nimitz, la CVN-68, tutte portaerei nucleari.

 

La catapulta a vapore è un'invenzione recente: del 1952, per l'esattezza.

Prima di allora le catapulte erano idrauliche, e molto pericolose: un'esplosione a bordo della Bennington nel 1954 uccise un centinaio di marinai americani.

 

Tornando a noi, tutte le portaerei americani utilizzano il sistema di catapulta a vapore denominato Type C Mark 13, in breve C13, che comprende sia la catapulta che il sistema di generazione a vapore.

 

Questo sistema è stato adottato anche dalla nuova portaerei francese DE GAULLE.

 

Una catapulta C13 può lanciare un aereo ogni sessanta secondi.

Disponendo di 4 catapulte, una portaerei americana può lanciare quindi in media un aereo ogni 15 secondi.

(Ma attenzione: la C13 Mod.2 ha la capacità teorica di lanciare un aereo come un Tomcat a pieno carico ogni 22,5 secondi: quindi in teoria lavorando assieme le quattro catapulte possono lanciare quasi dodici aerei al minuto!).

 

Pertanto, considerata la media più lenta, un lancio ogni venti secondi ossia tre aerei al minuto, è evidente che in 25 minuti una portaerei può mettere in aria tutto il suo wing!

 

Ma questa non è una novità: pensavo fosse risaputo, visto che è procedura normale che un intero gruppo di attacco (mediamente 1 E-2C, 4 F-14, 1 EA-6B, e 8 F-18) debba essere lanciato nel giro di 5 minuti.

 

Quanto alle caratteristiche delle catapulte, onestamente è un discorso davvero troppo tecnico e specifico perchè possa esserti di grande aiuto.

 

Quello che ho trovato sulle C13 te lo riporto qui (i dati sono della C13 mod.2, una delle più avanzate):

 

- Può lanciare fino a 100.000 libbre di peso alla velocità di 185 nodi;

- Produce 138.000 libbre di vapore all'ora

- L'energia al lancio è di 99 milioni di ft-lbs (piedi-libbre)

 

Di più non so dirti, mi spiace.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie,Gianni,comprendo che sia una cosa molto tecnica,fatto sta che anche in questa occasione hai spiegato tante cose che non sapevo :):):)

Sei sempre un GRANDE!!!! :adorazione::adorazione::adorazione::rotfl::rotfl::rotfl:

Share this post


Link to post
Share on other sites

ma come funziona un catapulta???? :helpsmile: io pensavo che aveva solo la funzione di fare un muro in modo che per la legge che dice "ad ogni azione corrisponde una reazione uguale o contraria" allora questo "muro" dava più spinta all'aereo :blink: (spero che avete capito)

Share this post


Link to post
Share on other sites

No Iceman... hai le idee un po' confuse.

 

Nella catapulta a vapore c'è una specie di binario o meglio di tunnel, proprio sotto il ponte di volo, e all'interno di esso c'è un corpo solido, chiamato slitta, destinato a scorrere lungo il tunnel.

L'aereo viene agganciato al corpo solido.

 

al momento del lancio, nel tunnel viene "sparato" il vapore ad altissima pressione, che spinge in avanti il corpo solido.

 

Muovendosi in avanti, il corpo solido trascina con sè l'aereo che raggiunge la velocità di decollo.

 

Al termine della catapulta, il corpo solido si blocca contro una serie di pistoni che ne smorzano l'urto, mentre l'aereo viene liberato e lanciato nel cielo.

 

Ovviamente l'aereo deve dare una mano alla catapulta! Ossia deve accelerare al massimo con i postbruciatori (o qualsiasi tipo di motore abbia) in maniera da prendere velocità il più in fretta possibile.

 

Per questa ragione all'inizio della catapulta ci sono dei deflettori che vengono sollevati al momento del lancio, in maniera che i gas di scarico degli aerei catapultati non finiscano sul ponte di volo, dove potrebbero ferire o uccidere le persone e danneggiare gli altri aerei presenti.

 

Catapult.jpg

 

 

aircraft-carrier-42.jpg

 

web_021121-N-0905V-002.jpg

 

030429_4-0.jpg

 

jfk10.jpg

 

web_030323-n-6817c-047-398h.jpg

 

Ecco... nell'ultima, veramente stupenda, si vede chiaramente la slitta che sta trascinando l'aereo, agganciato dal carrello anteriore.

Edited by Gianni065

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vedendo le foto mi è venuta in mente la colonna sonora di TopGun,quella tutta di chitarra elettrica,che mi fa venire i brividini... :drool::drool::drool:

Edited by speedyGRUNF

Share this post


Link to post
Share on other sites

in fase di atterraggio come interviene la catapulta?

 

Ho visto sempre nel film TOP GUN che l'aereo viene agganciato con qualcosa e poi si ferma di colpo......

 

 

Sapete dirmi qualcosa in più?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie a Dio la catapulta non interviene affatto in caso di atterraggio... se no sarebbero cavoli amari!

 

 

Cerchiamo di essere chiari: una portaerei ha di solito due "piste" di volo: una angolata chiamata ponte angolato (dal lato opposto a quello dell'isola) e una diritta chiamata ponte diritto o principale.

 

Le catapulte sono posizionate su entrambi i ponti, rivolte verso la prua, e poca distanza dalla fine dei due ponti (l'inizio è a poppa, la fine è a prua).

 

Gli aerei possono decollare indifferentemente da qualsiasi dei due ponti, o da entrambi in contemporanea.

 

In atterraggio, invece, o meglio in appontaggio, gli aerei arrivano di poppa.

 

La poppa del ponte angolato coincide, di fatto, con quella del ponte principale: in un certo senso è in comune ai due.

 

Il "sentiero" di appontaggio, però, è sempre quello tracciato sul ponte angolato.

 

Sulla poppa sono installati una serie di cavi di arresto, perpendicolari rispetto al ponte angolato (5-6 cavi).

 

In appontaggio l'aereo estrae il gancio e con esso ingaggia uno dei cavi di arresto (un atterraggio perfetto prevede l'aggancio di quello mediano), per cui si ferma (il cavo, ovviamente, è d'acciaio ma elastico: ammortizza il colpo nello spazio di pochi metri).

 

Fra i cavi è anche installata una barriera di arresto in emergenza: viene eretta nel caso di un atterraggio di fortuna da parte di un aereo che ha il gancio fuori uso o non ce l'ha proprio. La barriera è concepita per cui l'aereo ci si infila con il muso, e viene bloccato (sia pure, di solito, riportando danni più o meno gravi).

 

I motivi dell'esistenza del ponte angolato sono parecchi: il ponte angolato consente all'aereo di riattaccare senza percorrere tutto il ponte di volo (investendo gli altri aerei presenti) e consente di condurre contemporaneamente operazioni di lancio (dal ponte principale) e di appontaggio (dal ponte angolato).

Inoltre, se un aereo finisce in mare dopo aver percorso il ponte angolato, finisce, appunto, in mare: i piloti possono eiettarsi o comunque si può tentare di salvarli.

Se un aereo finisce in mare dopo aver percorso il ponte principale... dopo pochi istanti è travolto dalla portaerei in movimento: non ci sarebbero speranze per i piloti, e anche se riuscissero ad eiettarsi probabilmente morirebbero.

 

Comunque ho trovato un sito molto bello che descrive benissimo tutto, con tanto di diagrammi e disegni. Eccolo qua, è tutto vostro:

 

http://www.navysite.de/cvn/flightdeck.htm

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×