Jump to content
Sign in to follow this  
picpus

'Mistral' in Oceano Indiano - 'Tonnerre' in Atlantico

Recommended Posts

Il 'Mistral', scortato da una fregata antisom e da una antiaerea, parte il 12 febbraio per una missione di presenza, della durata di 4 mesi, in Mar Rosso, Oceano Indiano e in Estremo Oriente, a Singapore, in Giappone ed in Cina; eccovi il link:

 

http://www.meretmarine.com/article.cfm?id=106529

 

 

Dal canto suo, il gemello 'Tonnerre' è partito il 9 gennaio per un'analoga missione, sempre della durata di 4 mesi, in Oceano Atlantico e, più precisamente al largo della costa occidentale dell'Africa, nel Golgo di Guinea; altro link:

 

http://www.meretmarine.com/article.cfm?id=106530

 

 

Come vedete, in Francia non risparmiano il carburante ed il.....mal di mare ai propri marinai!!!

 

 

Che ne dite, saranno operativi i BPC francesi o no?!

Edited by picpus

Share this post


Link to post
Share on other sites

e una cosa normalissima per tt le marine essere operativi .non e che a ogni spostamento francese dobbiamo complimentarci pare avessero concquistato la luna.

Share this post


Link to post
Share on other sites
e una cosa normalissima per tt le marine essere operativi .non e che a ogni spostamento francese dobbiamo complimentarci pare avessero concquistato la luna.

 

Missioni come quelle in argomento che, peraltro, impegnano tutte le navi componenti una determinata classe, non sono proprio normalissime per tutte le Marine (eccetto che per l'US Navy, ovviamente) e poi volevo far notare che, a differenza di quello che pensano i "francofobi" del forum, le unità della "Marine Nationale" non passano tutto il loro tempo nei cantieri a.....farsi incollare il ponte di volo!

Share this post


Link to post
Share on other sites

non parlavo di questa operazione che poche marine se lo possono permettere ma quando hai detto:

 

"Che ne dite, saranno operativi i BPC francesi o no?!"

 

e ti ho risposto che l'operativita e una cosa normalissima.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Aggiungo che la Portaelicotteri "Jeanne d'Arc", http://www.netmarine.net/g/bat/jeanne/index.htm , entrata in servizio nel 1964, ogni anno fa delle "campagne d'applicazione" per gli allievi ufficiali, compiendo, di volta in volta, o il giro del Mondo, o giù di lì!

 

Eccovi il link alla campagna 2007-2008:

 

http://www.netmarine.net/g/dossiers/campag...arc/actujda.htm

 

 

ed il link a tutte le precedenti campagne:

 

http://www.netmarine.net/g/bat/jeanne/campagnesmod.htm

 

 

Se non è operatività ed efficienza al massimo livello, far fare, ogni anno, ad una nave (non a vela) che ha quasi 44 anni di servizio, crociere del genere!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lo fa anche la nostra marina ma ammetto che è ideale fare queste lunghe crociere con le navi nuove, specialmente quelle che possono essere interessanti per il mercato internazionale.

Ottima trovata pubblicitaria.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Lo fa anche la nostra marina ma ammetto che è ideale fare queste lunghe crociere con le navi nuove, specialmente quelle che possono essere interessanti per il mercato internazionale.

Ottima trovata pubblicitaria.

 

Le campagne addestrative della nostra Marina, di norma, sono molto più brevi e non si spingono così lontano.

 

Comunque, sia quelle della MMI, sia quelle della MN, non hanno scopo pubblicitario, ma addestrativo!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si, ma questa in particolare non mi dirai che non ha anche scopo pubblicitario...

Navi come le Mistral suscitano interessi in molti paesi e mandarle in giro dimostrando operatività, anche visti i problemi che hanno avuto anche queste navi, è utile per accaparrarsi clienti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Si, ma questa in particolare non mi dirai che non ha anche scopo pubblicitario...

Navi come le Mistral suscitano interessi in molti paesi e mandarle in giro dimostrando operatività, anche visti i problemi che hanno avuto anche queste navi, è utile per accaparrarsi clienti.

 

Allora, come campagna addestrativa "pura", io mi riferivo a quella della Portaelicotteri "Jeanne d'Arc" (si tratta della periodica crociera d'istruzione per gli ufficiali della "École d'application des officiers de marine (EAOM)"); la missione della "Mistral" è essenzialmente di presenza attiva e quindi operativa, con risvolti addestrativi, nella prima fase in Mar Rosso ed in Oceano Indiano, mentre nella seconda fase in Estremo Oriente può avere i risvolti promozionali di cui parli; la missione della "Tonnerre" è esclusivamente operativo-addestrativa, non essendoci sicuramente potenziali clienti, nella zona in cui andrà ad operare.

Share this post


Link to post
Share on other sites
...le unità della "Marine Nationale" non passano tutto il loro tempo nei cantieri a.....farsi incollare il ponte di volo!

Si vede che da quest'anno hanno cambiato fornitore di colla :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl:

 

A parte i piccoli problemi di gioventù, 2 simil-BPC le vedo bene in MMI

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per quanto riguarda la Jeanne d'Arc, c'è da dire che la MM le campagne addestrative le fa fare con l'Amerigo Vespucci, che ovviamente è + piccola, meno prestante e meno adatta alle lunghe tratte.

C'è da dire (e questo lo dicono anche sui forum francesi e inglesi) che l'Amerigo Vespucci è un pezzo unico di storia e tradizione, qualcosa che anche con un budget elevato e la tecnologia + avanzata non si possono comprare. 80 anni di storia in mare e con alle spalle la 2nd guerra mondiale, non li compri, ne li costruisci dall'oggi al domani. MN e RN se li sognano un veliero come il Vespucci da usare per la formazione degli aspiranti ufficiali.

Se poi la JdA la vuoi paragonare a qualcosa di nostrano, quello è il Vittorio Veneto, ora divenuto museo. Il VV è 1000 volte + bello rispetto alla vecchia caffettiera a vapore francese. Non parliamo del confronto Jean Bart/Cassard con De la Penne/Mimbelli. Non lo dico solo Io.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Per quanto riguarda la Jeanne d'Arc, c'è da dire che la MM le campagne addestrative le fa fare con l'Amerigo Vespucci, che ovviamente è + piccola, meno prestante e meno adatta alle lunghe tratte.

C'è da dire (e questo lo dicono anche sui forum francesi e inglesi) che l'Amerigo Vespucci è un pezzo unico di storia e tradizione, qualcosa che anche con un budget elevato e la tecnologia + avanzata non si possono comprare. 80 anni di storia in mare e con alle spalle la 2nd guerra mondiale, non li compri, ne li costruisci dall'oggi al domani. MN e RN se li sognano un veliero come il Vespucci da usare per la formazione degli aspiranti ufficiali.

Se poi la JdA la vuoi paragonare a qualcosa di nostrano, quello è il Vittorio Veneto, ora divenuto museo. Il VV è 1000 volte + bello rispetto alla vecchia caffettiera a vapore francese. Non parliamo del confronto Jean Bart/Cassard con De la Penne/Mimbelli. Non lo dico solo Io.

 

1° Le campagne addestrative della "Jeanne d'Arc" le devi paragonare a quelle del "San Giusto" che, se si volesse, potrebbe benissimo farne di simili (ma non le fa, almeno ogni anno, come le fa la Nave Scuola francese!).

 

2° Su Nave "Amerigo Vespucci" concordo in pieno su tutto quanto da te detto (e non potrei , di certo, comportarmi diversamente!).

 

3° Sul paragone con il "Vittorio Veneto", ti dico solo che la "vecchia caffettiera a vapore francese", come tu chiami la "Jeanne d'Arc" fa a 44 anni ciò: http://www.netmarine.net/g/dossiers/campag...arc/actujda.htm , cioé, un mezzo giro del Mondo, il "Vittorio Veneto" è, appunto, da anni, un museo! Mi sembra che non c'è altro da aggiungere!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tecnicamente il VV non è ancora museo, che dovrebbe aprire tra pochi anni

Share this post


Link to post
Share on other sites

Le crociere di lungo periodo, siano esse addestrative o dimostrative, richiedono sempre un impegno e una capacità finanziarie, logistiche e organizzative non indifferenti.

 

Non sono molte le marine che hanno queste capacità e l'Italia è tra queste. In passato, quando c'era qualche soldino in più, ne sono state fatte diverse.

 

Peraltro, crociere a parte, gruppi navali italiani sono stati impiegati per mesi a distanze considerevoli, nell'ambito delle missioni internazionali, ma qui si parla di crociere addestrative e dimostrative o comunque non legate a missioni operative reali.

 

Queste attività hanno sempre un ritorno di immagine, pubblicitario, promozionale, anche se vengono utilizzate unità navali non più "allo stato dell'arte".

Le navi visitano porti, partecipano ad attività di altre marine, possono portare a bordo delegazioni dell'industria.

 

Una nave è un piccolo pezzetto di territorio nazionale che si sposta (le navi da guerra - e solo le navi da guerra - mantengono la sovranità territoriale dello Stato cui appartengono, anche quando entrano nelle acque territoriali di un altro Stato).

Il valore simbolico della loro presenza è molto alto, e spesso costituiscono momento di festa e di incontro con le comunità nazionali che risiedono all'Estero.

Visite diplomatiche e di cortesia, festicciole, scambi culturali, e tante altre attività accompagnano questo genere di missioni, e spesso si finisce per prendere accordi commerciali (anche in settori del tutto diversi da quello navale o militare) o si prendono "appuntamenti" commerciali per il futuro.

 

 

La Francia è sempre stata molto attenta a queste attività, anche per mantenere alta l'immagine di Marina Oceanica che affonda le sue radici nella storia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quando ero piccolo e stavo in Venezuela ricordo ci fu una visita da parte di alcune unità della M.M. che stavano compiendo una crociera intorno al sudamerica per festeggiare un qualche anniversario importante (non ricordo bene se era in onore a Magellano o a Colombo).

 

OT:

Gianni, sei certo che solo le navi militari conservano lo status di territorio estero sovrano? Io sapevo che il Diritto Internazionale considerava territorio sovrano qualsiasi nave o aereo registrati, quand'anche queste si trovino all'interno delle acque o dello spazio aereo di altro stato estero purchè non si trovino ormeggiate in un suo porto o stazionati in un suo aeroporto.

(facendo un esmpio esemplificativo: l'aereo dell'Alitalia che sorvola l'Algeria per andare da Milano ad Accra è territorio italiano fino a quando non tocca terra in Ghana).

Share this post


Link to post
Share on other sites
Missioni come quelle in argomento che, peraltro, impegnano tutte le navi componenti una determinata classe, non sono proprio normalissime per tutte le Marine

 

Difatti è vero. Da quanto ho capito, queste campagne della MN incentrate sull'attività delle 2 BPC, hanno anche una lunga durata e la stessa cosa vale per la JdA e ciò richiede un grande impegno logistico. Secondo me, anche la MMI potrebbe benissimo organizzare compagne simili (ovviamente con disponibilità finanziarie adeguate), e comunque il discorso del Vespucci è diverso, in quanto addestrare aspiranti Ufficiali su una delle navi più belle del mondo, è sicuramente motivo di vanto per tutta la MMI.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×