Jump to content

Come diventare pilota di elicotteri


Recommended Posts

Per diventare pilota dell'esercito devi concorrere per l'Accademia di Modena. Una volta dentro riuscire a essere ammesso per il ruolo Armi Varie, e una volta lì, se sarai alto in graduatoria potrai decidere di andare a pilotare elicotteri. Altrimenti ti prendi quello che resta.

Link to post
Share on other sites

ciao a tutti ho gia fatto questa domanda nella sez. marina ma volevo sapere anke da voi come si diventa operatori di volo o almeno cosa si puo fare tramite il concorso maresciallo sapevo ke prima i piloti erano anke sottufficiali ciao e grazie

Link to post
Share on other sites
  • 8 months later...

siccome ho letto in una delle varie discussioni che un pilota dell'esercito prenderebbe 1500 euro di base che poi vengono quadruplicate con le varie indennità mi sembra doveroso far chiarezza sull'argomento: questo e lo stipendio di un tenente pilota a 129

 

stipendio netto: 1049 euro

indennità aeronavigazione: 543 euro

indennità pilota operativo: 242 euro

vacanza contrattuale: 12 euro

quota iss parametri: 459 euro

importo aggiuntivo pensionabile: 226 euro

 

totale 2305 euro

 

togliamoci

addizionali regionale 33 euro

addizionale comunqle altre 33 euro

onaomce anafime altre cosucce di beneficienza 9 euro

irpef mese 456 euro

 

fine dei conti 2000 euro piu o meno

non è uno stipendio da fame ma sicuramente non si aggira intorno ai famosi 5 mila o seimila euro, di cui si parlava. e per quanto riguarda gli straordinari, spesso si prendono in recupero ore e non vengono pagati, e alcune volte date el esigenze di reparto non si riesce neanche a prendere tutte le ore fatt ein piu che vanno perse.

Link to post
Share on other sites

chi è che ha detto che prendevano 5000/6000 euro? :rotfl: .

 

cmq, qualche mia considerazione personale. 2ooo euro netti, puliti al mese non sono affatto pochi. diciamo che sono ragionevoli e giusti per poterci vivere tranquillamente.

Bisogna però poi vedere se questi soldi sono "giusti" in relazione ai pericoli e alle responsabilità che corre un pilota e che presumo non siano poche.

tuttavia, mi viene da chiedere: i piloti di 129 che sono in afghanistan prenderanno qualcosa in più?ma è anche vero che rischiano di più!

 

Se dobbiamo fare soltanto un discorso di soldi a questo punto stanno bene i piloti di linea(non mi riferisco all'alitalia, guardiamo gli stipendi di emirates, singapore o qatar)..però..come dire..LA PASSIONE NON HA PREZZO...pilotare un A 129 non ha prezzo e penso non ci sia cifra che possa essere equa alla passione il desiderio e l'emozione di un lavoro che ti piace :D !

Link to post
Share on other sites

quoto edo! ke poi se e per questo anke un muratore corre rischi o quelli che costruiscono enormi grsattacieli a NY,la vita non ha prezzo ^^ kuindi...io lo farei anke per 500 miseri euro pilotare un A-129....qualsiasi aereo/frullino :rotfl:

Link to post
Share on other sites

Non mi ritrovo con i tuoi dati, ulster.

 

Innanzitutto non comprendo perchè scali l'IRPEF quando hai parlato di cifre nette. Lo dico senza polemica: vorrei che mi spiegassi la cosa.

 

La vacanza contrattuale era appunto vacanza contrattuale: adesso il contratto è stato firmato e lo stipendio gli aumenterà di circa 200 euro, e avrà gli arretrati.

Teniamo poi presente che parliamo di un tenente: la progressione di carriera (e in particolare quella stipendiale) si fa sentire, nel ruolo ufficiali.

 

Ci sono poi alcune voci che non rientrano nella "busta paga", ma sono liquidate a parte.

 

Alla fine non parliamo comunque di uno stipendio stratosferico, ma è un buon stipendio se confrontato con altri settori lavorativi.

 

Resto fermamente convinto che sia basso, in ogni caso, ma per una serie di altre ragioni.

 

In più, bisogna considerare che gli straordinari contribuiscono ad innalzare lo stipendio (e gli ufficiali ne fanno parecchi) così come le varie indennità di trasferta fuori sede (e anche qui ce ne sono parecchie).

 

Semmai bisogna considerare che quell'ufficiale, nel momento in cui non volerà più (e ciò può accadere molto presto) perderà le indennità connesse al volo, e quella sì è una mazzata.

 

E' allora che ci si rende conto veramente che lo stipendio non è un gran che.

 

Ed è ancora peggio per i sottufficiali, che hanno stipendi base inferiori, meno probabilità di accedere alle varie indennità e quasi sempre fanno meno straordinari.

 

Purtroppo in Italia i trattamenti economici dell'intero comparto sicurezza-difesa sono agganciati: il contratto, in pratica, è unico per tutti, e parametri/livelli sono corrispondenti tra loro.

E siccome la gente che lavora in questo comparto è tantissima (troppa... parliamo di forze armate, carabinieri, polizia, forestali, penitenziaria, finanzieri, vigili del fuoco...) alla fine è giocoforza pagare poco a tanti.

 

Se ci fosse meno spreco di risorse umane e una migliore organizzazione e distribuzione del personale, in certi settori si potrebbe tagliare il personale riducendolo anche di molte decine di migliaia di unità... e ci sarebbero più soldi per gli altri (non parlo di licenziare nessuno, sia chiaro: è un processo che deve intervenire man mano che la gente va in pensione rimodellando l'intera struttura).

 

Ma questo non si farà mai (e il comparto difesa-sicurezza, del resto, non è l'unico in cui ci sia eccedenza di personale).

Link to post
Share on other sites

si lo stipendio è netto poi ci sono tutte le varie indennità che vengono tassate ma diciamo che l'indennità non viene considerata ai fini pensionistici per i quali un pilota alla fine va a prendere lo stipendio base di circa 1300 euro o qualcosa in più.

io non dico che é uno stipendio da fame anzi, però non sono i 5000 6000 euro che si dice in giro. quelli li prendi in missione ma sono soldi che vengono dati per il disagio e per il tipo di lavoro, fuori sede, anche perchè alla fine la vita non ha prezzo.

il problema è che un pilota che ha ventimila responsabilità non può essere paragonato ad un muratore scusate, con tutto il rispetto per i muratori, s eun pilota sbaglia non mette in pericolo se stesso ma anche la vita di altre persone, e poi lo stress del volo militare non e paragonabile ad altri tipi di stress. se si sbaglia una messa in moto e si commette un errore si paga a vita perchè i pezzi del 129 costano una barca di soldi, immaginate un po voi, e parlo di volo in tempo di pace.

ma senza discutere sulla passione che penso sia il motore di tutti i piloti che continuano a sacrificarsi per svolgere con professionalità il loro lavoro, il mio era giusto un puntualizzare sulle paghe reali, giusto per non creare falsi miti e per ribadire che questo e un lavoro che si fa per passione... nessun lavoro al mondo ti chiede di giurare fedeltà e di essere pronto a morire...onore a tutti i caduti e mitico 129 no'?

Link to post
Share on other sites

Penso che il paragone sul compenso vada fatto cun un pilota civile di elicotteri e tenendo in considerazione, come detto da altri, i maggiori rischi e disagi di un pilota militare.

Link to post
Share on other sites
chi è che ha detto che prendevano 5000/6000 euro? :rotfl: .

 

cmq, qualche mia considerazione personale. 2ooo euro netti, puliti al mese non sono affatto pochi. diciamo che sono ragionevoli e giusti per poterci vivere tranquillamente.

Bisogna però poi vedere se questi soldi sono "giusti" in relazione ai pericoli e alle responsabilità che corre un pilota e che presumo non siano poche.

tuttavia, mi viene da chiedere: i piloti di 129 che sono in afghanistan prenderanno qualcosa in più?ma è anche vero che rischiano di più!

 

Se dobbiamo fare soltanto un discorso di soldi a questo punto stanno bene i piloti di linea(non mi riferisco all'alitalia, guardiamo gli stipendi di emirates, singapore o qatar)..però..come dire..LA PASSIONE NON HA PREZZO...pilotare un A 129 non ha prezzo e penso non ci sia cifra che possa essere equa alla passione il desiderio e l'emozione di un lavoro che ti piace :D !

 

 

Ovvio che non ha prezzo!

 

Per quanto riguarda la cifra che hai citato penso sia giusta per il grado di tenente,ma ovviamente sappiamo che salendo di grado si prende di più.

Per quanto riguarda i piloti rischierati in Afghanistan o in altre zone del mondo,prendono mooolto di più te l'assicuro,ovvero lo stipendio di base non cambia ma vi si aggiunge la missione,che è una bella cifra,e per i piloti in zona di guerra si aggiungono anche altre indennità varie.

E questo discorso vale per tutte le FF.AA. quindi anche in Marina quando sei imbarcato e vai ad esempio in Oceano Indiano in missione prendi molti più soldi.

Diciamo quindi che in questo senso i sacrifici che fanno gli uomini,rischiando molto e stando per mesi lontano da casa,credoi siano ripagati adeguatamente.

Va detto però che la missione(intesa come retribuzione) è stata ridotta per tutti del 20% circa un anno e mezzo fa,in conseguenza dei noti tagli al bilancio.

Link to post
Share on other sites
Ovvio che non ha prezzo!

 

Per quanto riguarda la cifra che hai citato penso sia giusta per il grado di tenente,ma ovviamente sappiamo che salendo di grado si prende di più.

Per quanto riguarda i piloti rischierati in Afghanistan o in altre zone del mondo,prendono mooolto di più te l'assicuro,ovvero lo stipendio di base non cambia ma vi si aggiunge la missione,che è una bella cifra,e per i piloti in zona di guerra si aggiungono anche altre indennità varie.

E questo discorso vale per tutte le FF.AA. quindi anche in Marina quando sei imbarcato e vai ad esempio in Oceano Indiano in missione prendi molti più soldi.

Diciamo quindi che in questo senso i sacrifici che fanno gli uomini,rischiando molto e stando per mesi lontano da casa,credoi siano ripagati adeguatamente.

Va detto però che la missione(intesa come retribuzione) è stata ridotta per tutti del 20% circa un anno e mezzo fa,in conseguenza dei noti tagli al bilancio.

ciao Drak ma tu sei un'allievo pilota??

Link to post
Share on other sites
Si,della Marina,e da alcuni mesi sono negli USA(a NAS Whitinf Field,vicino Pensacola,Florida) e sto affrontando il corso di volo(primary) sul Beechcraft T-34C TurboMentor.

 

Whiting Field North o South? :lol:

Se sei sul mentor è north...corretto? :)

Complimenti...veramente sinceri!

 

 

Che zona incredibile quella!!! Lì a metà fra la Forrest Sherm NAS, Eglin AFB e Hurlburt Field!

Ricordo che poco prima o poco dopo dello svincolo per la base su un parcheggio lungo l'autostrada c'era un pilone con un A-4 dei Blue Angels....

 

 

Scusate OT, e tornando in tema:

Il problema della paga relativamente basse è la causa della migrazione in massa dei piloti miltari (addestrati in modo eccellente) verso compagnie di linea, compagnie executive o privati milionari. In questi ambiti i piloti si garantiscono stipendi molto alti (basti pensare che un pilota Alitalia alle prime armi prende sui 3-4000 euro per arivare molto più su negli anni). Inoltre hanno la possibilità di volare continuamente (cosa non secondaria per un pilota -uno fra i pochi mestieri che si può fare solo se si ha una vera passione-) e fino a età elevate (si vola praticmente fino alla pensione). Il tutto senza i rischi di una eventuale guerra, con pensioni d'oro, con lunghi periodi di riposo (visto che è considerato un lavoro stressante), lunghe soste fra una sessione di volo e l'altra (anche di una settimana se si fanno voli intercontinentali) e senza dover dire "signorsì"....certo è anche vero che si vola con la responsabilità addosso di tutti i passeggeri e del personale di volo.

Edited by paperinik
Link to post
Share on other sites

ciao drake si a parte che l'anti esodo la prendete solo voi e l'aeronautica nell'esercito non è previsto, anche se penso che a livello di volo con tutto rispetto il volo tattico dell'esercito non eparagonabile a quello delle altre forze armate o no? comuqnue dai il problema è che si vola poco ovunque e ciò non e che sia il massimo se poi si deve andare in mix. be poi e chiaro che i l pilota civile non e il pilota militare rischi e soddisfazioni comprese.

per i requisiti penso che siano sempre restrittivi il discorso per quelloc he so e che mentr ei piloti di jet le fanno ogni 6 mesi quellid i elicotteri ogni anno ma le selezioni sono comunque abbastanza toste perchè le gestisce comunque tutte l'aeronautica

Link to post
Share on other sites
...

...e avrà gli arretrati...

 

magari :pianto:

 

...Purtroppo in Italia i trattamenti economici dell'intero comparto sicurezza-difesa sono agganciati: il contratto, in pratica, è unico per tutti, e parametri/livelli sono corrispondenti tra loro.

 

Confermo...

 

...E siccome la gente che lavora in questo comparto è tantissima (troppa... parliamo di forze armate, carabinieri, polizia, forestali, penitenziaria, finanzieri, vigili del fuoco...) alla fine è giocoforza pagare poco a tanti...

 

...Se ci fosse meno spreco di risorse umane e una migliore organizzazione e distribuzione del personale, in certi settori si potrebbe tagliare il personale riducendolo anche di molte decine di migliaia di unità... e ci sarebbero più soldi per gli altri (non parlo di licenziare nessuno, sia chiaro: è un processo che deve intervenire man mano che la gente va in pensione rimodellando l'intera struttura).

 

Il punto è che ogni Corpo ha una specificità e un proprio compito istituzionale...e credimi gli uomini non sono mai abbastanza...anche razionalizzando al massimo le risorse...

 

A proposito di indennità per missioni all'estero: i miei colleghi si portavano casa quando erano in Kossovo, tutto compreso, sette mila euro al mese circa...

Edited by tornado
Link to post
Share on other sites
Whiting Field North o South? :lol:

Se sei sul mentor è north...corretto? :)

Complimenti...veramente sinceri!

Che zona incredibile quella!!! Lì a metà fra la Forrest Sherm NAS, Eglin AFB e Hurlburt Field!

Ricordo che poco prima o poco dopo dello svincolo per la base su un parcheggio lungo l'autostrada c'era un pilone con un A-4 dei Blue Angels....

Scusate OT, e tornando in tema:

Il problema della paga relativamente basse è la causa della migrazione in massa dei piloti miltari (addestrati in modo eccellente) verso compagnie di linea, compagnie executive o privati milionari. In questi ambiti i piloti si garantiscono stipendi molto alti (basti pensare che un pilota Alitalia alle prime armi prende sui 3-4000 euro per arivare molto più su negli anni). Inoltre hanno la possibilità di volare continuamente (cosa non secondaria per un pilota -uno fra i pochi mestieri che si può fare solo se si ha una vera passione-) e fino a età elevate (si vola praticmente fino alla pensione). Il tutto senza i rischi di una eventuale guerra, con pensioni d'oro, con lunghi periodi di riposo (visto che è considerato un lavoro stressante), lunghe soste fra una sessione di volo e l'altra (anche di una settimana se si fanno voli intercontinentali) e senza dover dire "signorsì"....certo è anche vero che si vola con la responsabilità addosso di tutti i passeggeri e del personale di volo.

 

Piccolo O.T. per rispondere a Paperinik:

Corretto,Whiting North.

A Whiting South ci sono gli elicotteri(Bell TH-57 Ranger).

E' vero,dal punto di vista aeronautico è una zona incredibile:a Forrest Sherman ho visto roba come F-15,F/A-18,T-1,T-2,T-39,T-6,B-1,KC-135,C-130,OH-58,UH-3H,MV-22 e ovviamente i Blue Angels.

A Whiting ogni tanto vengono dei T-45 e T-44 e elicotteri come CH-46,UH-1 e AH-1 e CH-53.

A Eglin e Hurlburt Field invece gli AC-130...

Poi in giro si vedono anche gli UH-60 dell'Army.

Diciamo che è una quantità e una varietà di aeromobili militari che difficilmente si può trovare dalle nostre parti...

Ma quindi ci sei passato da queste parti giusto?

 

Chiudo l'O.T.

 

 

A ulster dico che sono perfettamente d'accordo:la situazione delle ore di volo è pessima(e quest'anno è un po meglio degli anni precedenti).

Purtroppo non c'è niente da fare:o ce l'hai i soldi per il carburante o sia gli aerei che gli elicotteri che le navi rimangono fermi a terra...

Edited by DraklorAUPC
Link to post
Share on other sites

dici a me sembra che gli elicotteri dell'esercito stiano un po da tutte le parti anche in posti caldi ormai vedi mangusta...quindi e un po strano che l'addestramento sia inversamente proporzionale agli impieghi all'estero. le ore diminuisconoe vero ma fuori ci andiamo lo stesso...qualcosa non quadra forse siamo piu bravi e intelligenti dei nostri predeccessori che per fare il controllo dellospazio aereo italiano e qualche missione di trasporto avevano bisogno di fare piu di 200 ore di volo l'anno? maaaaaaaaa

Link to post
Share on other sites
  • 10 months later...

C'è poco da fare, bisogna andare in una delle tante scuole volo che si trovano in giro e conseguire il/i brevetto/i. Successivamente mandare il tuo CV alle aziende che operano con elicotteri.

Un piccolo dettaglio: ti servono anche tanti soldi per il brevetto! :D

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
×
  • Create New...