Jump to content
Sign in to follow this  
skettles

Missile Phoenix

GIUSTO USARE IL PHOENIX?  

  1. 1. GIUSTO USARE IL PHOENIX?

    • GIUSTO
      21
    • SBAGLIATO
      6


Recommended Posts

Parliamo del leggendario missile a lunga gittata phoenix

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi pare un sondaggio un po' privo di senso.

 

Se un missile è in dotazione lo si usa quando serve.

 

Il phoenix è un missile costoso, ma è stato prodotto in centinaia di esemplari (anzi, migliaia) per cui non c'è ragione di non usarlo, nell'ambito del suo profilo di ingaggio tipico (bersaglio in volo rettilineo a grande distanza: tipicamente bombardieri e missili da crociera).

 

In ogni caso adesso il Phoenix non è più in servizio operativo, ritirato prematuramente in vista dell'imminente ritiro dell'intera linea dei Tomcat, unico aereo in grado di impiegarlo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

un modo x riciclarlo lo troveranno , dubito che siano disposti a venderlo all'IRAN; anche se hanno già fatto qlc di simile!!!! (iran gate)

Share this post


Link to post
Share on other sites

il phoenix era destinati ai bombardieri pesanti russi, può essere usato contro aerei awacs e aereocisterne ma non contro caccia e nessuno ha una tale forza aerea (escludendo gli USA) quaindi il phoenix ora come ora è del tutto inutile e sicuramente non lo venderanno all'iran

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ricordiamoci che gli americani solitamente non distruggono gli aerei ritirati dal servizio ma li depositano nel deposito AMARC della base di Davis Monthan,

 

21.jpg

 

dove migliaia e migliaia di aerei sono ordinatamente stoccati e protetti, e possono essere rimessi in condizioni di volo in breve tempo, se necessario.

 

I Tomcat ritirati dal servizio, raggiungono anch'essi l'AMARC, e vengono conservati accuratamente, insieme ai pezzi di ricambio e a tutto l'armamentario, missili Phoenix compresi.

 

Quindi, se un domani dovesse esserci un'emergenza, i Gattoni possono tornare a volare con il loro bravo armamentario, Phoenix compresi.

 

Non si butta nulla, oltreoceano...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ovviamente quella di sopra è solo una piccola parte dell'AMARC... (mi riferisco alla foto mia... intanto che postavo mi sono incrociato con Fabio...)

 

ma si possono notare Phantom, alcuni Tomcat, Skyhawk, B-52 ecc...

 

 

questa invece è la foto ravvicinata di un Tomcat dell'AMARC, nella quale si apprezza come gli aerei sono coccolati e protetti quando vengono stoccati...

 

F-14D%20VF-2.jpg

Edited by Gianni065

Share this post


Link to post
Share on other sites

Peccato che con il Tomacat se ne sia andato anche il Phoneix

Share this post


Link to post
Share on other sites

in poke parole la base di Davis Monthan è come una casa di riposo per aerei mi viene da piangere a vedere tutti quei Tomcat a terra :pianto::pianto:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io ho interpretato la domanda dandole il significato di se sia più o meno giusto usarlo in tempo di pace, e per questo ho votato "contro".

Ma giustamente qui si ripetono i post che si riferiscono al caso del "momento del bisogno", ed allora convertirei il mio voto in un "pro", del resto alla bisogna qualsiasi cosa serva allo scopo...

Approposito. Mettiamo che fra..umh...10 anni serva di nuovo il sistema "Tomacat+Phoenix", quanto ci vorrebbe a riportarne una decina sulle portaerei? Consideriamo anche il know-how disperso....

Share this post


Link to post
Share on other sites

In caso di necessità ci si mette davvero poco.

 

Abilitare un gruppo di nuovi piloti è operazione che non richiede troppo tempo, mentre se ne perde di più ad abilitare nuovi specialisti.

 

Certo, se diciamo di qui a dieci anni, bastano un paio di settimane per riportare in vita qualche decina di gattoni con piloti e specialisti.

 

Se ne passano venti, ci vogliono mesi.

 

Attenzione però: quando si è in guerra o in situazioni di emergenza, si riescono a fare cose impossibili in tempi impossibili.

 

Ai tempi della battaglia delle Midway i tecnici predissero 3 mesi per riparare la portaerei Yorktown gravemente danneggiata in uno scontro precedente.

L'Ammiraglio Nimitz concesse 3 giorni, e in 3 giorni la Yorktown era operativa.

 

Tanto per fare un esempio...

Share this post


Link to post
Share on other sites

ma non ci pensare minimamente, una volta era disponibile l'elenco di tutti i mezzi con i numeri di matricola, ma dopo l'11 settembre questo, come molti altri dati, sono diventati classificati

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vero, Dread.

 

Due precisazioni però:

 

1) l'AMARC è visitabile. Questo è il sito dove puoi organizzare la tua visita:

http://www.dm.af.mil/amarc/tour.html

 

2) I dati forniti dall'AMARC non sono stati classificati. Semplicemente, alcune funzioni pubbliche sono state soppresse, e i relativi siti internet oscurati. Però, al contrario di altri dati, questi non sono stati classificati.

 

Così, posso permettermi di fornire la lista aggiornata di tutti gli aerei presenti,

 

Siccome è un po' OFF-TOPIC, apro un Topic in "Caccia".

Share this post


Link to post
Share on other sites

vero un corno, ho sbagliato tutto

 

qualche mese fa avevi detto che i dati erano classificati, allora io pensavo che di entrare lì te lo potevi sognare

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quindi in quella base di aerei fuori servizio ci sono anche dei B-29 Superfortress :drool::drool::drool: ? Io adoro i B-29 Superfortress.

Eccovi una foto per quelli che non lo conoscono:

B29.jpg.

Chissà se un giorno verrano riutilizzati i B-29.

 

 

 

CIAO!!! :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

b-29 sarebbe quello che ah sgangiato la bomba su hiroshima si no??

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una nota storica interessante per gli appassionati.

 

Nel 1944 tre B-29 (in tre episodi diversi) americani, danneggiati nel corso di azioni belliche contro i giapponesi, non riuscirono a rientrare alla base e furono costretti ad atterrare in emergenza sul territorio sovietico.

 

I sovietici sequestrarono i velivoli (alla faccia della riconoscenza per tutti gli aiuti che gli americani gli mandavano...) e li utilizzarono per produrne una copia.

 

Nacque così il Tupolev TU-4, il primo bombardiere strategico sovietico:

 

350px-Tu4.jpg

 

350px-Bull.jpg

 

Il TU-4 (che entrò in produzione nel 1947) consentì all'URSS di creare la propria componente aerea strategica, e ne fu anche ricavata una versione AEW.

Il TU-4 fu "passato" dai sovietici ai cinesi, e anche questi ne approfittarono per costituire la propria componente aerea strategica.

 

Un vero e proprio "copia e incolla", primo di una luna serie...!

Share this post


Link to post
Share on other sites

è uguale proprio identico!

 

@ dread il nome enola gay era il nome della mamma del pilota del b-29

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...