Jump to content

Su quali aerei avete viaggiato?


Guest iscandar

Recommended Posts

Beh, l'aeroporto Ben Gurion di Tel Aviv rimane uno degli scali più controllati al mondo. Chiunque vada si aspetti minuziosi controlli ai varchi documenti e ancor più ai varchi sicurezza. Negli anni '80 poi la minaccia dei dirottatori era reale e continua, non si potevano permettere alcun lassismo. E se AZ doveva seguire rotte particolarmente contorte per attraversare il medio oriente non era certo per una sua colpa (tutti i vettori attraversavano gli stessi spazi aerei, i cosiddetti "cancelli"....accade anche oggi su diverse rotte per l'Africa o il Medio Oriente).

 

Permettetemi di spendere però due parole sul 747 Alitalia....è un aereo a cui, per forza di cose, sono tremendamente legato.

 

L'Alitalia ricevette nel lontano 1970 i suoi due primi Jumbo. Questi aerei erano della prima serie 100, ma il grosso della flotta (16 esemplari) che entrò in servizio negli anni successivi erano tutti velivoli della serie 200, alcuni in versione all-pax altri in versione combi. Oltre a questi 18 747, AZ aveva in servizio ben 2 747-200F da cargo. Insomma fatemi dire che pochi vettori al mondo potevano disporre di una componente long-haul di così alto livello. Fra l'altro Alitalia in vista della fusione -poi saltata- con KLM aveva anche ordinato 5 velivoli in versione 400, aerei questi che furono perfino assemblati ma mai consegnati (l'ordine venne cancellato e gli aerei girati alla Virgin). Si decise quindi di dismettere tutti i 747 e puntare sul più efficente 777.

 

Quindi dov'è il problema con i 747 Alitalia?! Semplice, il problema è che verso metà degli anni '90 Alitalia non capì (o meglio non volle capire) che la concorrenza si era attrezzata e stava iniziando ad offrire sui voli a lungo raggio una cabina completamente nuova dotata di ogni comfort pensata sulle esigenze del passeggero. Le linee aeree concorrenti piazzavano le poltrone sleeperett in prima classe (l'odierna business class), piazzavano i televisori LCD personali in economy, piazzavano i telefoni su tutto l'aereo, rendevano netto il salto di qualità fra le tre classi (first, business ed economy) ma al contempo offrivano comodità su tutte e tre...Alitalia NO! Alitalia si era adagiata sugli allori degli innumervoli riconoscimenti internazionali dei suoi servizi di bordo (vi posso garantire che il catering a bordo di AZ era degno di un ristorante di lusso). Così quando a fine anni '90 si decise di intervenire era troppo tardi: l'emorragia di passeggeri era compiuta. Inoltre vi fu la maldestra idea (una genialata tutta italiana per risparmiare quattrini) di sostituire le due prime classi (la Top Class e la First Class) con una unica classe: la Magnifica Class. Il problema è che tale classe era nulla più che una buona business class (che finalmente adottava le poltrone allungabili e l'intrattenimento personale) ma offerta quasi al prezzo esorbitante di una top.

Nel 747 poi l'errore fu doppio: ormai erano aerei al termine della loro vita utile, quindi nei 7 esemplari rimanenti si decise di operare cambi limitatissimi. Venne introdotta la magnifica class sia sul ponte superiore che nella parte anteriore del ponte inferiore e si decise di cambiara le poltrona in economy mettendone una leggermente più larga e dotata di poggia piedi....per il resto era tutto invariato: nel 2000 il passeggero in economy volava praticamente sulla stasse cabina del 1970. Ciò era francamente inaccettabile, specialmente alla stregua di ciò che offriva la concorrenza. Le poltrone con un angolo di inclinazione minimo, gli appoggiabraccia di dimensioni minuscole con i posacenere ancora luridi delle sigarette fumate a bordo nei decenni precedenti, i film offerti con un proiettore tricromico (tecnologia degli anni '70) su uno schermo a scomparsa disposto ogni 20 file (alle prime tre file veniva il torcicollo, mentre le ultime non vedevano un piffero), la mancanza di telefoni a bordo (alla fine si decise di metterne uno ogni tot file), le cappelliere degne di un ATR, le cuffie per la musica che ancora adottavano il sistema della filodiffusione, etc etc........

E' certamente vero che per un italiano (specialmente se risiede all'estero) mettere il piede a bordo di un aereo Alitalia significava anticipare di qualche ora l'arrivo in Patria (è una questione di ambiente: i giornali italiani, l'equipaggio che dail benevenuto in italiano, gli altri passeggeri connazionali, i pasti di tradizione italiana, i film in lingua italiana, perfino quell'orrido caffè), ma niente poteva ormai giustificare la scelta di preferire AZ ad altre linee aeree. Perfino per i passeggeri che erano fuori per lavoro (categoria per la quale il volo diretto è una priorità) era difficile accetare la cabina del 747 AZ, e molti preferivano di gran lunga lo scala in qualche capitale europea perchè a fronte del tempo perso godevano di un viaggio molto più riposante.

Edited by paperinik
Link to comment
Share on other sites

  • Replies 61
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

L'analisi di Paperinik non fa una grinza.

Effettivamente AZ non ha adeguato l'ambiente di viaggio dei suoi aerei e quando ha cercato di farlo lo ha fatto male.

 

Io che viaggiavo per lavoro gia dal 1980 evitavo accuratamente di viaggiare Alitalia sia per godere di un meglio confort, sia per evitare di passare da quel casino che era (sarà migliorato?) Fiumicino.

 

Negli anni 90 ho viaggiato 3 o 4 volte sulla Magnifica sulla tratta MXP-JFK e devo ammettere che la cortesia dell'equipaggio era notevole, peccato che i voli fossero operati da 767ER in leasing, completi di equipaggio australiano.

 

L'Alitalia, da vero monopolista ha sempre trattato i viaggiatori come "passeggeri" e non come "clienti", personalmente ho dei ricordi spiacevoli sul comportamento e del personale di volo che molto spesso aveva quell'atteggiamento da "vi odio tutti".

 

L'ultima esperienza con AZ è stata l'anno scorso da MXP a Malta su un A320 dove come snack ci servirono, ovverono ci buttarono lì un paninetto stantio, incellofanato e freddo raccolto da uno di quelle cassette di plastica che neanche i pomodori.......

 

La sciatteria impera ancora.

Link to comment
Share on other sites

L'analisi di Paperinik non fa una grinza.

Effettivamente AZ non ha adeguato l'ambiente di viaggio dei suoi aerei e quando ha cercato di farlo lo ha fatto male.

 

Io che viaggiavo per lavoro gia dal 1980 evitavo accuratamente di viaggiare Alitalia sia per godere di un meglio confort, sia per evitare di passare da quel casino che era (sarà migliorato?) Fiumicino.

 

Negli anni 90 ho viaggiato 3 o 4 volte sulla Magnifica sulla tratta MXP-JFK e devo ammettere che la cortesia dell'equipaggio era notevole, peccato che i voli fossero operati da 767ER in leasing, completi di equipaggio australiano.

 

L'Alitalia, da vero monopolista ha sempre trattato i viaggiatori come "passeggeri" e non come "clienti", personalmente ho dei ricordi spiacevoli sul comportamento e del personale di volo che molto spesso aveva quell'atteggiamento da "vi odio tutti".

 

L'ultima esperienza con AZ è stata l'anno scorso da MXP a Malta su un A320 dove come snack ci servirono, ovverono ci buttarono lì un paninetto stantio, incellofanato e freddo raccolto da uno di quelle cassette di plastica che neanche i pomodori.......

 

La sciatteria impera ancora.

 

ahi ahi ahi......quante lettere di questo stesso tenore ha dovuto sopportare mio padre, potendosi solo scusare a nome della Compagnia e offrendo condizioni particolarmente vantaggiose sull'acquisto di un altro biglietto.

 

Purtroppo negli ultimi 15/20 anni la qualità del servizio di bordo è deteriorata come l'allestimento della cabina:quini in modo drammatico!!! Hostess che pensano solo a buttarti sul tavolino il pasto per poi andarsene a dormire, steward caciaroni che si raccontano i loro caz*i ad alta voce nell'area di servizio mentre tu stai dormendo, assistenti di volo che fanno finta di non vederti quando con un gesto della mano richiami la loro attenzione perchè sono 20 minuti che aspetti quel bicchiere d'acqua, capo-cabina stizzito se richiedi un secondo bicchiere di vino (IN PRIMA CLASSE!!!!), comandanti che si mettono a fare le storie perchè per via di un contrattempo rischiano di volare 15 minuti oltre il limite pattuito dai sindacati...e purtroppo queste cose non le scrivo per sentito dire, ma per averle vissute in prima persona.

 

Luigi052 ha sintetizzato alla perfezione: purtoppo in AZ colui che viaggia è solo un semplice passeggero da trasportare (in sicurezza ovviamente) dal A a B e non come dovrebbe essere un cliente da curare per guadagnarsi la sua fiducia (conosco gente che non vuole mettere piede su nessun altro aereo che non sia Lufthansa).

Link to comment
Share on other sites

Guest intruder
ahi ahi ahi......quante lettere di questo stesso tenore ha dovuto sopportare mio padre, potendosi solo scusare a nome della Compagnia e offrendo condizioni particolarmente vantaggiose sull'acquisto di un altro biglietto.

 

... (conosco gente che non vuole mettere piede su nessun altro aereo che non sia Lufthansa).

 

Non ho mai volato su aerei Alitalia, ma ne ho sempre sentito parlare fra il male e il pessimo. Pensavo alla mania italiana di farsi del male, ma vedo che qualche ragione c'era.

Edited by intruder
Link to comment
Share on other sites

Scusate, ma mi è venuto in mente adesso, leggendo il post di Paperinik, un episodio emblematico che mi è capitato a bordo di un volo AZ.

 

1980 o giu di li, volo Lisbona-Milano con un DC9 e sono seduto proprio nell'ultima fila, quella di fianco al motore di sinistra. Parte il sevizio colazione (era un volo di mattina), arriva la hostess col carrello dei beveraggi, chiedo un caffè e la tipa prende la caraffa (al tempo di metallo) e inciampando me ne sversa una meta addosso.

 

Per fortuna il liquido non era proprio bollente eppoi ero protetto dai vestiti, salto su non imprecando più di tanto contro il fato e imbrigliato dalla cintura di sicurezza. Ma in fondo non è successo nulla di irrimediabile e mi dispiace per la hostess che ha fatto una figuarccia vittima del destino, quindi dico solo "urka" !

 

La tipa, mi guarda e invece di dire una cosa "normale", si è fatto male, si è bruciato, mi spiace e tutte le amenità che si dicono per via di un'educazione normale, mi guarda e dice: se vuole i pantaloni glieli possiamo far mandare in tintoria a spese della compagnia.

 

Giuro che se avessi potuto fulminarla lo avrei fatto, in ogni caso è una di di quelle persone che ha contribuito alla perdita di crdibilità della Compagnia.

Link to comment
Share on other sites

Fossero solo questi i guai che aveva Alitalia...

 

Beh, ma questo dell'atteggiamento era sintomatico di una Compagnia Aerea che non sapeva come operare e dovendo essere onesti era governata da gente funzionale ai politici del momento, ma altamente incompetenti e completamente disinteressati al bene della compagnia, ne più ne meno come le ASL.

 

Il problema è sempre stato quello.

Link to comment
Share on other sites

Non potevi fare esempio migliore Luigi, in entrambi i casi l'utente, cliente o paziente che sia, è visto più come un fastidio da sbrigare il più in fretta possibile, purtroppo quando lo stato mette le mani nell'economia, e in particolare lo stato Italiano, succedono disastri.

 

Quanto all'Alitalia mi spiace molto perchè da sempre, nei racconti familiari un pò patriottici, l'ho vista in una veste romantica, ma, giungendo all'età di intendere e di volere e provando altre compagnie, tra cui veri e propri campioni come Lufthansa, Quantas, Emirates e Singapore, la voglia di pagare prezzi assurdi per avere un servizio sotto la media ti fà passare la voglia di avere quella A tricolore sull'impennaggio.

Link to comment
Share on other sites

-Aerei di linea:

 

Avro RJ-100

 

ATR-42

 

Bombardier CRJ-200/700/900

 

Embraer ERJ-145

 

Douglas:

-DC-9-30

-DC-10-30

 

McDonnell-Douglas MD-80/82/88

 

Airbus:

-A300B4

-A310-300

-A319

-A320

-A321

-A330-300

 

Boeing:

-727-200Adv

-737-300/400/700/800/800W

-747-100/200

-757-200/300

-767-200/300/400

-777-200

 

-Aerei militari(come pilota):

 

Beechcraft T-34C Turbomentor

 

Beechcraft T-44A Pegasus(King Air 90)

 

-Elicotteri militari(come pilota):

 

Bell TH-57B/C Sea Ranger(206B/C Jet Ranger)

 

Bell AH-1W Cobra

 

Sikorsky MH-60S Knighthawk

 

Boeing-Vertol CH-46E Seaknight

 

-Come passeggero:

 

Agusta-Bell AB.212ASW

 

Agusta-Westland EH-101ASW

 

Aerospatiale HH-65C Dolphin

 

-Aviazione generale/ULM(come pilota):

 

Socata TB-9 Tampico

 

S.G. Aviation Storm 300

 

Tecnam P-92J

 

Storch

Edited by DraklorAUPC
Link to comment
Share on other sites

Povera Alitalia... Questi sono gli effetti del monopolio...

 

Riguardo agli equipaggi credo sappiate come la penso, a parte qualche eccezione significativa sono ingestibili...

Link to comment
Share on other sites

Guest iscandar
Povera Alitalia... Questi sono gli effetti del monopolio...

 

Riguardo agli equipaggi credo sappiate come la penso, a parte qualche eccezione significativa sono ingestibili...

 

 

OT

tuccio la versione turboprop dell'aereo in firmo come si chiama?

 

/OT

Link to comment
Share on other sites

OT

tuccio la versione turboprop dell'aereo in firmo come si chiama?

 

/OT

 

E' il Dornier Do. 328.

 

 

Gente, però su Alitalia non generalizziamo! E' vero che la cordialità ed il servizio a bordo sono sotto la media, ma è altrettanto vero che ci sono assistenti di volo gentilissimi e molto pazienti.

 

Viaggio in AZ da quando ho 3 mesi e vi assicuro che di episodi positivi da raccontare ne ho diversi....il problema è che la cortesia e la gentilezza verso il passeggero dovrebbero essere la regola, invece in AZ si segnala come eccezione!

 

E comunque equipaggi scorbutici, cafoni e sbrigativi sono presenti in tutte le linee aeree occidentali (quindi sono escluse le varie linee aeree asiatiche come Thai, Emirates, Singapore che hanno nel servizio di bordo livelli di eccellenza assoluta)....ricordo bene che uno dei peggiori voli che ho fatto è stato a bordo di un 767 della KLM in servizio da Accra ad Amsterdam: al di là della cabina molto scomoda (spazio per le gambe inesistente e poltrone strettissime) i due assistenti di volo (una hostess e uno steward) assegnati alle file in cui mi trovavo erano di una maleducazione inaudita (vassoi della cena letteralmente lanciati sui tavolini, modi cafoneschi nello svegliare la gente per riavere le cuffie indietro, un thè che non è mai arrivato nonostante ripetuti solleciti, i lamenti non troppo nascosti per la quantità di passeggeri a bordo -aereo pieno come un uovo-, bagagli sbattuti nelle cappelliere, ripetuti pestoni sui piedi della gente seduta nel corridoio -fra cui il sottoscritto- senza mai chiedere scusa, etc etc).

Link to comment
Share on other sites

E' il Dornier Do. 328.

Gente, però su Alitalia non generalizziamo! E' vero che la cordialità ed il servizio a bordo sono sotto la media, ma è altrettanto vero che ci sono assistenti di volo gentilissimi e molto pazienti.

 

Viaggio in AZ da quando ho 3 mesi e vi assicuro che di episodi positivi da raccontare ne ho diversi....il problema è che la cortesia e la gentilezza verso il passeggero dovrebbero essere la regola, invece in AZ si segnala come eccezione!

 

E comunque equipaggi scorbutici, cafoni e sbrigativi sono presenti in tutte le linee aeree occidentali (quindi sono escluse le varie linee aeree asiatiche come Thai, Emirates, Singapore che hanno nel servizio di bordo livelli di eccellenza assoluta)....ricordo bene che uno dei peggiori voli che ho fatto è stato a bordo di un 767 della KLM in servizio da Accra ad Amsterdam: al di là della cabina molto scomoda (spazio per le gambe inesistente e poltrone strettissime) i due assistenti di volo (una hostess e uno steward) assegnati alle file in cui mi trovavo erano di una maleducazione inaudita (vassoi della cena letteralmente lanciati sui tavolini, modi cafoneschi nello svegliare la gente per riavere le cuffie indietro, un thè che non è mai arrivato nonostante ripetuti solleciti, i lamenti non troppo nascosti per la quantità di passeggeri a bordo -aereo pieno come un uovo-, bagagli sbattuti nelle cappelliere, ripetuti pestoni sui piedi della gente seduta nel corridoio -fra cui il sottoscritto- senza mai chiedere scusa, etc etc).

 

Verissimo quello che dici, anch'io mi sono trovato in situazioni come quella che tu hai descritto, però, come anche tu sottolinei, si sono trattate di eccezioni.

In ogni caso del personale di volo scorbutico e del panino freddo per un paio di volte posso anche infischiaremene, ma se a questo ci aggiungi che per avere i bagagli ti ci vogliono 2 ore, la coincidenza non si sa se parte o no e nessuno è in grado di dirti quale sara il tuo futuro nelle prossime 3 ore, al check-in ti guardano come se tu fossi un appestato.........beh allora uno fa la somma, poi mette tutti i dati nel pentolone, fa un po' di calcoli statistici sulla sfiga-nonsfiga e poi decide che non è mica obbligato a prendersi dei rischi perchè alla fine non vince niente.

E cambia Compagnia.

Link to comment
Share on other sites

Verissimo quello che dici, anch'io mi sono trovato in situazioni come quella che tu hai descritto, però, come anche tu sottolinei, si sono trattate di eccezioni.

In ogni caso del personale di volo scorbutico e del panino freddo per un paio di volte posso anche infischiaremene, ma se a questo ci aggiungi che per avere i bagagli ti ci vogliono 2 ore, la coincidenza non si sa se parte o no e nessuno è in grado di dirti quale sara il tuo futuro nelle prossime 3 ore, al check-in ti guardano come se tu fossi un appestato.........beh allora uno fa la somma, poi mette tutti i dati nel pentolone, fa un po' di calcoli statistici sulla sfiga-nonsfiga e poi decide che non è mica obbligato a prendersi dei rischi perchè alla fine non vince niente.

E cambia Compagnia.

Vero. Proprio sta sera avevo bisogno di posizionare un CPT da FCO a LIN e, contrariamente a quello che succedeva fino ad almeno un anno fa, i voli Meridiana ed AirOne erano tutti in overbooking, con le file interminabili alle rispettive biglietterie, mentre l'AZ delle 2000 (notoriamente lo "strapieno per eccellenza") era praticamente vuoto. Costo del biglietto? la bellezza di 367,90 €. La gente ormai non si fida più di Alitalia...

 

Poi, paperinik, io non generalizzo eh, ma come hai ben detto, nelle altre compagnie puntualità e gentilezza sono la regola, non l'eccezione...

Link to comment
Share on other sites

Farei volentieri leggere queste pagine a qualche responsabile del personale in AZ....chissà se capirebbe finalmente cosa ha trasformato l'Alitalia da prodotto di eccellenza italiana assoluto a barzelletta dell'aeronautica civile. Comunque neanche tutto ciò che si dice di AZ sono cose vere.

 

Un esempio su tutti sono le tariffe....è evidente che se voglio volare su un Roma-Linate il giorno stesso che acquisto il biglietto (magari pure solo andata e in giorno feriale) mi verrà applicata la tariffa business più cara, ma sarebbe così per qualsiasi compagnia!!!

Edited by paperinik
Link to comment
Share on other sites

Farei volentieri leggere queste pagine a qualche responsabile del personale in AZ....chissà se capirebbe finalmente cosa ha trasformato l'Alitalia da prodotto di eccellenza italiana assoluto a barzelletta dell'aeronautica civile. Comunque neanche tutto ciò che si dice di AZ sono cose vere.

 

Un esempio su tutti sono le tariffe....è evidente che se voglio volare su un Roma-Linate il giorno stesso che acquisto il biglietto (magari pure solo andata e in giorno feriale) mi verrà applicata la tariffa business più cara, ma sarebbe così per qualsiasi compagnia!!!

 

Sicuramente non ne avrebbero bisogno perchè queste cose che diciamo noi adesso si dicono sin dalla fine degli anni '70. E poichè AZ è sempre stata dello Stato Italiano funziona come lo stato italiano , cioè esattamente come le ASL, la Giustizia, le Poste e via discorrendo.

Quindi mettiamoci il cuore in pace e se dobbiamo proprio volare Alitalia facciamaolo giusto perchè è l'unico volo che c'è.

 

Per quanto riguarda le tariffe sono d'accordo.

Qualsiasi Compagnia vende il suo biglietto a tariffa piena non appena sia possibile, non solo Alitalia che nella tariffazione segue lo schema generale.

Link to comment
Share on other sites

che in italiano vuol dire? scusa la mia ignoranza tuccio

No scusa tu, quando scrivo dal posto di lavoro mi viene automatico indicare un comandante con CPT e gli aeroporti (APT) con il loro identificativo IATA (International Air Transport Association)... Comunque gli equipaggi si posizionano in base alla base (appunto :D) ed all'aeroporto da dove origina e finisce la rotazione di voli. Colgo l'occasione per farvi notare questo particolare: abbiamo tutti gli MD tra BGY (Orio al Serio) e MXP (Malpensa). A tutti i F/O (First Officer, primo ufficiale), CCC (Chief Cabin Crew, capo cabina) e C/C (Cabin Crew, A/V, assistenti di volo) è stato fatto firmare un contratto che prevede la tri-base MXP-LIN(ate)-BGY, mentre i CPT, proveniendo da AZA (Alitalia in codice ICAO) è stato fatto firmare un contratto con base a FCO... E gli aerei sono a Milano... Il che comporta che ogni volta bisogna pagare albergo ed eventualmente trasferimento in aereo ed in superficie (auto con autista). Ma qua si va in OT...

 

Farei volentieri leggere queste pagine a qualche responsabile del personale in AZ....chissà se capirebbe finalmente cosa ha trasformato l'Alitalia da prodotto di eccellenza italiana assoluto a barzelletta dell'aeronautica civile. Comunque neanche tutto ciò che si dice di AZ sono cose vere.

 

Un esempio su tutti sono le tariffe....è evidente che se voglio volare su un Roma-Linate il giorno stesso che acquisto il biglietto (magari pure solo andata e in giorno feriale) mi verrà applicata la tariffa business più cara, ma sarebbe così per qualsiasi compagnia!!!

Sì, ma a noi che lo acquistiamo a prezzi di favore (agenzie convenzionate) quest'estate costava la metà... Il fatto che volevo mettere in evidenza comunque era che l'aereo era occupato solo per metà, e la gente piuttosto che volare con Alitalia si prenotava in overbooking sui voli ADH (AirOne) ed ISS (Meridiana), questi ultimi, tra l'altro, mi sarebbero costati 200€ comprandoli da semplice passeggero un'ora prima del decollo...

 

In generale, come dicevo altrove, le tariffe Alitalia sono allineate col mercato, tranne che per le tratte dove opera in monopolio o, al massimo, in duopolio con AirOne. Non vedo l'ora che si fondino in CAI, a meno che Assoclearance (l'ente che assegna gli slot sugli aeroporti alle compagnie) non la faccia davvero sporca, saranno costretti a lasciare un po' di spazio alle altre compagnie. E se Meridiana riesce a volare alla metà del prezzo con lo stesso assetato MD di Alitalia, non voglio immaginare cosa potrebbe offire RyanAir con i suoi B-737 o qualcun altro con i Sukhoi...

Edited by Tuccio14
Link to comment
Share on other sites

Chissà chi con i Sukhoi Tuccio :whistling::asd:

Comunque la fine di questo monopolio assurdo, o duopolio che dir si voglia, finalmente porterà delle tariffe decenti pure in Italia, quindi ben vengano Irlandesi, Tedeschi o chiunque voglia, anche perchè il mercato Italiano dell'aviazione civile secondo me è molto sottostimato proprio perchè delle tariffazioni assurde hanno portato a far preferire altri mezzi alla gente, anche se con l'avvento della TAV su molte tratte, su tutte Milano-Roma, le compagnie avranno un nuovo, pericolossissimo, concorrente.

Link to comment
Share on other sites

Chissà chi con i Sukhoi Tuccio :whistling::asd:

Comunque la fine di questo monopolio assurdo, o duopolio che dir si voglia, finalmente porterà delle tariffe decenti pure in Italia, quindi ben vengano Irlandesi, Tedeschi o chiunque voglia, anche perchè il mercato Italiano dell'aviazione civile secondo me è molto sottostimato proprio perchè delle tariffazioni assurde hanno portato a far preferire altri mezzi alla gente, anche se con l'avvento della TAV su molte tratte, su tutte Milano-Roma, le compagnie avranno un nuovo, pericolossissimo, concorrente.

 

Secondo me il mercato italiano dell'aviazione civile non decollerebbe nenche se i biglietti costassero 10 euri e la ragione è che il trasporto aereo non si riduce al mero volo, ma è un sistema complesso fatto di infrestutture che devono funzionare in sincrono.

 

Faccio un esempio pratico.

 

Quando abitavo a Charlotte negli USA la mia compagnia di riferimento era la Delta. Il primo volo del mattino per Atlanta (lo hub principale della Delta) partiva alle 6,30 ed era il mio preferito quando viaggiavo verso ovest.

Bene, mi alzavo alle 5,00, lavaggio e caffè. Alle 5,30 ero in auto e alle 6,00 all'aeroporto, Parcheggiata l'auto al long term parking, nel giro di 3 minuti venivo prelevato dallo shuttle e scaricato al mio terminal.

Alle 6,10 massimo ero al check-in e alle 6,30 l'aereo iniziava il push-back..........

Sono sempre arrivato a destinazione (LAX, SFO, SEA ecc) in orario e una volta lì giunto in altri 15 minuti prelevavo il bagaglio quando imbarcato e affittavo la mia automobilina. A 30 minuti (anche meno) dall'atterraggio ero pronto per lavorare.

 

Quindi il "sistema" mi consentiva di sfruttare la velocità del volo che in 4 ore mi faceva attraversare il continente e sopratutto di non sciupare tempo in fronzoli accessori. In pratica in 8 ore passavo dal letto alle strade di un posto a quasi 4000 km di distanza.

 

Ovviamente in Italia questo sarebbe il mondo dei sogni.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...