Jump to content

Spearfish vs ADCAP


Hitman079
 Share

Recommended Posts

al momento chi vince?

(portata, velocità, Testata, Capacità di ricerca, peso, profondità massima..ecc.)

 

..e poi che altri siluri ad alta potenzialità ci sono in giro per il mondo? cosa usa l'india/cina/russia...?

Link to comment
Share on other sites

Spearfish tutta la vita; viaggia a oltre 80 nodi, contro i 55 del Mk 48. Di contro la portata è minore (23 contro 38Km al massimo della velocità). La testata è simile (siluro pesante, testata da 300Kg circa). Ah già, filoguidati entrambi

Edited by Rick86
Link to comment
Share on other sites

Beh, c'è il black Shark italiano e il progetto del supercavitante tedesco Barracuda, oltre al già vecchiotto Shkval, anche'esso supercavitante.

 

Dal punto di vista delle prestazioni in termini di velocità lo Shkval è imbattibile, per adesso, la velocità di punta è di 180 nodi con una carica cava da 250 Kg (era nato con una carica nucleare tattica) ma dal punto di vista dell'homing è praticamente zero, visto che è soggetto a lancio balistico oimpiega nella versione Mk2 un rudimentale sistema di guida inerziale. E' in dotazione a Russia, Cina e Iran, le ultime due in versione "E" con la necessità di introdurre a mano i parametri di lancio. arma insidiosa ha un range limitato a soli 8Km con l'80% di Killing probability e un range massimo di appena 11 Km. D'altro canto essendo non homing è insensibile ai decoys e l'altissima velocià di oltre un ordine di grandezza rispetto a qualuqnue altro mezzo marino, lo rende pericolosissimo, sopratutto se lanciato da FACs.

 

il barracuda è un progetto tedesco che cerca di realizzare un siluro supercavitante con guida attiva o semiattiva. il grosso problema sta nel cavitatore e nell'enorme rumore idrodinamico sulla piccolissima punta, oltre ad un efficace sistema di guida e governo che tenga conto delle dinamiche delle bolle di cavitazione.

 

Il Black Shark è un prodotto nostro che stiamo vendendo a molte marine come Francia, Paesi Bassi, Singapore, Portogallo e India, prodotto dalla Whitehead Alenia Sistemi subacquei è una bella arma che ha riscosso un grandissimo successo di esportazione. Ottimo siluro italiano anche l'A184, esportato in Taiwan con Le prestazioni tipiche delle armi elettriche con batterie Ar-Zn: velocità di circa 36 nodi per circa 17km oppure 24 nodi per 20-25k

Link to comment
Share on other sites

Sulla carta lo Spearfish è un'arma eccezionale, ma guardando al fallimento clamoroso del Tigerfish e al programma già annunciato per la sostituzione dello Spearfish, viene il dubbio che non sia tutto questo granchè.

 

Per gli SSK, penso che il Black Shark sia molto vicino ad essere il top attualmente disponibile, mentre per SSN mi sentirei molto più sicuro scegliendo l'esperienza e le capacità USA, e mi prenderei senza esitazioni l'ADCAP.

 

Gli australiani dicono che a conti fatti per i loro SSK, che operano sia nell'oceano che in prossimità della costa nemica, il siluro ADCAP è superiore allo Spearfish in quasi tutti gli scenari e soprattutto si trova bene anche su fondali bassi, cosa che lo Spearfish secondo loro non può fare per la scarsa manovrabilità e i sensori ottimizzati per le acque profonde.

Link to comment
Share on other sites

Quoto martin pescatore, non bisogna solo vedere la velocità.

Lo spearfish nasce per una specifica un pò particolare, per prendere gli Akula, e sacrifica un pò tutto alla velocità mentre a livello di precisione, homing ecc l'ADCAP è realmente un altro pianeta.

Quanto al nostro black shark dovrebbe rappresentare il futuro della categoria, ma anche gli A184 attualmente in servizio sono delle armi veramente fantastiche per gli SSK in scenari littoral o in piccoli bacini.

 

Riguardo ai supercavitanti probabilmente diverranno realmente utili tra trent'anni, attualmente sono poco più di razzi marini senza guida, tranne forse per il barracuda che ha dimostrato qualche capacità di manovra, anche se si tratta sempre di un prototipo.

Link to comment
Share on other sites

Beh, se lo spearfish vuole prendere un Akula armato Shkval spero che come distanza massima di ingaggio sia sugli oltre 20Km, altrimenti rischia di far esporre gli SSN americani ad un discreto fuoco di rappresaglia nemico.

 

 

EDIT: Inglesi, non americani

Edited by Sangria
Link to comment
Share on other sites

A parte che lo spearfish equipaggia gli SSN inglesi lo shkval ha un raggio d'azione ben minore e non è guidato, quindi al massimo puoi usarlo per fargli tagliare il filo ma certo prenderlo è ben difficile a meno di un colpo a bruciapelo.

Poi intendevo gli Alpha e ho scritto gli akula ;)

Link to comment
Share on other sites

GLi shkval hanno un range di 8Km e anche io ho scritto americani per errore, intendevo inglesi (mò correggo).

ipotizzando comunque uno scontro contro un Akula (gli alfa sono un po' vecchiotti) mica gli vai a 10Km, basta solo l'abbrivio per ritrovarti in zona pericolosa, ergo il doppio della gittata del siluro nemico è ovvio e doveroso se non vuoi assumerti troppi rischi.

Link to comment
Share on other sites

No, sono armi di ritorsione da sparare qualora ci si accorgesse di esser stati oggetto di un lancio di siluro per costringere il lanciatore a muoversi e a spezzare il filo e, difficilmente, a distruggere la piattaforma di lancio.

Di certo non possono essere armi antisiluro in quanto non sono guidati, sono, in pratica, una specie di razzo subacqueo.

Armi antisiluro operative ancora non ce ne sono, però nel campo delle misure attive c'è un grande interesse e anche fincantieri ha il suo progetto

Link to comment
Share on other sites

Sì, verrà adottato dalla Marina Militare e per le info devo stare attento a non riferire troppo... Comunque come prestazioni è superiore all'A184 ma la sua forza è i sistema sensore, che consente al siluro di individuare il bersaglio anche nelle peggiori condizioni acustiche.

 

Circa i sistemi antisiluro...Esistono numerosi sistemi HardKill e Softkill, Finmeccanica ha presentato ad esempio il C310, un sistema di contromisure antisiluro progettato per affrontare l'attuale e futura generazione di siluri attivi e/o passivi filoguidati o meno, lanciati singolarmente o in modalità a salva.

Gli attuatori non recuperabili si basano su dispositivi a basso costo, leggeri e a prestazioni elevate che vengono schierati dalle navi di superficie nel corso di contromanovre evasive computerizzate prestabilite per massimizzare le possibilità di sopravvivenza della nave contro un attacco da parte di siluri moderni. (dal sito di finmeccanica).

Link to comment
Share on other sites

Volendo, ci sarebbe il MILAS...

 

A proposito di difesa dai siluri invece, WASS sostiene che già l'MU-90 abbia reali capacità antisiluro, tant'è che l'apposita versione Hard Kill attualmente è considerata superflua.

Edited by SML
Link to comment
Share on other sites

Volendo, ci sarebbe il MILAS...

 

A proposito di difesa dai siluri invece, WASS sostiene che già l'MU-90 abbia reali capacità antisiluro, tant'è che l'apposita versione Hard Kill attualmente è considerata superflua.

 

L'ho letto da qualche parte, e mi dà da pensare, un siluro leggero a corto raggio è forse abbastanza veloce e agile da affrontare un siluro pesante in arrivo, e se gli esplode a pochi metri di distanza con la sola onda d'urto dovrebbe distruggere tutti i sistemi di guida, da quelli autonomi al cavo a fibre ottiche.

 

Però i siluri attuali sono abbastanza silenziosi oltre che veloci, mi domando a quale distanza dalla nave riesca un MU90 ad ingaggiare un siluro in arrivo.

Edited by martin pescatore
Link to comment
Share on other sites

ma un MU90 costa cento volte un decoy Hard Kill, solo un comandante idiota userebbe un prezioso siluro leggero per ingaggiare un altro siluro. A aprte il fatto che il rischio di fallire l'intercetto è elevatissimo, il rapporto costo-efficacia è sfavorevolissimo, sopratutto quando hai dispositivi economici in gran quantità appositamente progettati per questo. Diciamo che se sei a corto tenti il tutto per tutto ma diversamente usi l'arma giusta per l'obiettivo giusto.

 

a proposito d Milas... Ma che cavolo di fine ha fatto? L'ultima volta che l'ho visto aveva finito il lanci di qualificazione in Sardegna, tutto ok... E poi?

Ma verrà imbarcato su qualche nuova costruzione?

Edited by Sangria
Link to comment
Share on other sites

ma un MU90 costa cento volte un decoy Hard Kill, solo un comandante idiota userebbe un prezioso siluro leggero per ingaggiare un altro siluro. A aprte il fatto che il rischio di fallire l'intercetto è elevatissimo, il rapporto costo-efficacia è sfavorevolissimo, sopratutto quando hai dispositivi economici in gran quantità appositamente progettati per questo. Diciamo che se sei a corto tenti il tutto per tutto ma diversamente usi l'arma giusta per l'obiettivo giusto.

 

a proposito d Milas... Ma che cavolo di fine ha fatto? L'ultima volta che l'ho visto aveva finito il lanci di qualificazione in Sardegna, tutto ok... E poi?

Ma verrà imbarcato su qualche nuova costruzione?

Il MILAS è previsto per le FREMM ASW.

 

Quanto all'Hard Kill cui m i riferivo, è una versione dell'MU-90 con programmazione e testata esplosiva diverse. Giustamente la MM è più interessata ai decoy, però se è vero che il siluro leggero standard è capace di contrastare siluri pesanti allora impiegarlo in tal senso è sicuramente più conveniente che ricorrere ad un'apposita versione dedicata.

Link to comment
Share on other sites

Certo, noi abbiamo il MILAS che però, con tutti i suoi pregi, non so se portata e potenza sono paragonabili all'ASROC tenendo conto, tra l'altro, che quest'ultimo, a differenza del milas è lanciabile nei pozzi VLS.

 

La cosa che più mi colpisce è che perfino la Royal, dopo l'Ikara, non ha utilizato più nessun sistema del genere.

 

Secondo me l'ideale è una versione avanzata del MILAS lanciabile dagli A-70 ed equibaggiata con il Black Shark

Link to comment
Share on other sites

Il MILAS porta un siluro leggero (MU-90), il Black Shark non ci sta nemmeno per magia.

L'ASROC porta un Mk.46 o Mk.54, la cui "potenza" non è particolarmente diversa da quella di un IMPACT, ed ha una portata di una quindicina di miglia, contro la ventina del MILAS.

Edited by SML
Link to comment
Share on other sites

Il MILAS ha il motore del TESEO, nell'A70 non c'entra neanche se lo spingi, se poi ci provi con un siluro pesante ottieni un missile di sette metri, neanche fosse un ICBM... 35 Km+range del Mu90 sono eccezionali, inoltre il lancio del MILAS è impossibile da intercettare per il sottomarino, che non può sentire cosa accade sopra la superficie, inoltre è possibile sostituire il MILAS con il TESEO in tempi relativamente rapidi, garantendo elevata elasticità di impiego.

Altro vantaggio del MILAS rispetto all'ASROC è il tempo di ingaggio. A 30 Km l'ASROC impiega, senza contare i transitori e le evoluzioni di ricerca del bersaglio, impiega più di un quarto d'ora (!!!) il sistema combinato MILAS+Mu 90 pochi minuti e dè l'unica vera risposta credibile ai supercavitanti, conun raggio d'azione molto migliore. difetti? Il Mu 90 che imbarca il MILAS è un siluro leggero e la carica può non bastare per un grosso bersaglio navale o un SSN nemico, ma l'Italia non ha nemici con SSN e al limite gliene lanci un paio (fino a 8).

 

Spero davvero lo imbarchino sulle FREMM perché è un sistema d'arma ASW eccezionale.

Edited by Sangria
Link to comment
Share on other sites

quindi il milas ha ben poco da invidiare all'ASROC.

 

Certo se si potesse combinare una testata + potente per poter rispondere al meglio anche agli SSN... nei prossimi anni, niente vieta che si debba tener a bada le nuove classi indiane e cinesi che stanno facendo passi da gigante in quest'ambito

 

Ma l'ASROC non porta il MK-48 e in futuro il MK-50?

Link to comment
Share on other sites

Il Mk.48 è un siluro pesante, quindi no.

http://www.navy.mil/navydata/fact_display....d=1500&ct=2

Il Mk.50 forse, o forse no. Ho letto che ci sono stati ripensamenti, o qualcosa del genere (ragione per cui ho dovuto correggermi qui sopra).

Ma che c'è che no va nel MU-90? Nasce apposta per accoppare i più recenti SSN sovietici, ora ex, per cui a meno di tornare alle cariche di profondità nucleari non vedo di che lamentarsi.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...