Jump to content

Fantascienza - Navi spaziali


GreenPhoenix

Recommended Posts

Un sistema di gravità artificiale "esotico" potrebbe risolvere il problema delle accelerazioni all'interno di una nave (mi riferisco al fatto che una nave non più schizzare da 0 a 10000 km/s in pochi secondi perché l'equipaggio finirebbe spalmato contro le pareti)

 

velocità smodata !!!

 

http://www.youtube.com/watch?v=NeGBiDMot7A

 

comunque star wars da molti è ritenuto un fantasy più che un film fantascienza

Link to comment
Share on other sites

È una generalizzazione: proprio perché il trailer concentra quello che dovrebbe essere il meglio di un film può essere fuorviante.

 

Io molto umilmente ammetto che potrebbe benissimo essere un grande film ma che semplicemente non ho la capacità di apprezzarlo. È sicuramente un limite, così come molto probabilmente tra 50 anni i giovani reputeranno Battlestar Galactica un'emerita cretinata (già quelli di oggi a dire il vero...).

Infatti .... se tu fossi vissuto nel 1957, anno in cui il film uscì in Italia, ed avessi avuto la tua attuale età, lo avresti molto verosimilmente considerato il meglio di quanto sino ad allora prodotto nel settore ....

 

Come ho già detto .... cambiano i tempi .... cambiano i gusti .... ;)

Link to comment
Share on other sites

 

Come ho già detto .... cambiano i tempi .... cambiano i gusti .... ;)

 

Sacre parole, esempio classico è la saga di Star Wars: chi ha amato la triologia originale (come me) odia e trova insulsi e noiosi i prequel (e le rivisitazioni di Lucas degli originali) mentre chi ha visto per prima i prequel trova la serie originale scialba e ingenua.

 

;)

Link to comment
Share on other sites

Sacre parole, esempio classico è la saga di Star Wars: chi ha amato la triologia originale (come me) odia e trova insulsi e noiosi i prequel (e le rivisitazioni di Lucas degli originali) mentre chi ha visto per prima i prequel trova la serie originale scialba e ingenua.

 

;)

Io per motivi cronologici ho visto prima i prequel e poi la serie originale. Devo essere onesto, all'inizio ero scettico sulla serie originale ma col tempo (poco) l'ho amata come i prequel.

Link to comment
Share on other sites

anche perché a parte il primo film della nuova trilogia gli altri sono ben realizzati e hanno dato maggiore profondità ad anakin /darth vader

Link to comment
Share on other sites

anche perché a parte il primo film della nuova trilogia gli altri sono ben realizzati e hanno dato maggiore profondità ad anakin /darth vader

Concordo. Oggettivamente il primo è stato un tentativo per far avvicinare i giovanissimi alla serie (Anakin stesso è infatti un bambino); negli altri due invece compaiono elementi più "maturi": la strage dei sabbipodi e le varie sfuriate di Anakin, il terzo non c'è neanche bisogno di descriverlo (bellissimo, l'ho visto decine di volte). Peccato per Qui-Gon, mi piaceva come personaggio.

Star Wars comunque è una saga che merita davvero tanto.

 

Cosa pensate invece di Battlestar Galactica (2003)? Sinceramente ho apprezzato molto l'inizio ma poi non ho gradito la piega religiosa che ha preso: era meglio concentrarsi esclusivamente sull'aspetto politico-militare-sociale.

Link to comment
Share on other sites

Cosa pensate invece di Battlestar Galactica (2003)? Sinceramente ho apprezzato molto l'inizio ma poi non ho gradito la piega religiosa che ha preso: era meglio concentrarsi esclusivamente sull'aspetto politico-militare-sociale.

 

ne ho visto una parte e devo dire che non era male, appunto era molto interessante la situazione della flotta con una continua minaccia esterna ed interna......comunque la piega religiosa (non cosi marcata direi quasi più mitologica) non è stato un gran difetto.. in una situazione del genere credo sia normale un riavvicinamento con la religione per cercare di scaricare le responsabilità su una presunta entità superiore.... comunque me ne sono perso una quantità cosi enorme di episodi che delle volte era difficile capire che diavolo succedesse, ma rimedierò questa estate con calma....

Link to comment
Share on other sites

ne ho visto una parte e devo dire che non era male, appunto era molto interessante la situazione della flotta con una continua minaccia esterna ed interna......comunque la piega religiosa (non cosi marcata direi quasi più mitologica) non è stato un gran difetto.. in una situazione del genere credo sia normale un riavvicinamento con la religione per cercare di scaricare le responsabilità su una presunta entità superiore.... comunque me ne sono perso una quantità cosi enorme di episodi che delle volte era difficile capire che diavolo succedesse, ma rimedierò questa estate con calma....

No no, il problema è che avvengono fenomeni "paranormali" a bizzeffe, specie verso la fine.

Link to comment
Share on other sites

No no, il problema è che avvengono fenomeni "paranormali" a bizzeffe, specie verso la fine.

la fine non la conoscevo,allora si... direi proprio che abbiano calcato un po troppo la mano con la religione.... vabbuo

Link to comment
Share on other sites

la fine non la conoscevo,allora si... direi proprio che abbiano calcato un po troppo la mano con la religione.... vabbuo

Comunque valuterai tu, in quanto ho sentito pareri discordanti.

Spero di non aver spoilerato troppo! :adorazione:

Link to comment
Share on other sites

la parte religiosa non mi ha disturbato più di tanto , anche perchè religiosa e non riferita ad una religione specifica , e credo che sia servita per dare spessore alla trama è stato come se parlassero di filosofia...

Link to comment
Share on other sites

la parte religiosa non mi ha disturbato più di tanto , anche perchè religiosa e non riferita ad una religione specifica , e credo che sia servita per dare spessore alla trama è stato come se parlassero di filosofia...

 

La parte religiosa / sovrannaturale ha un ruolo centrale nella serie ma il fatto che Dio, o i Dei di Cobol, non parteggia per una parte ma si limita a indicare il cammino verso casa (a entrambi gli schieramenti) rende la serie interessante (sia i coloni che i cyloni sono comunque gli artefici del loro destino).

 

Più che la parte filosofica era interessante la parte sociologica perché i coloni erano sì uniti nella lotta alla sopravvivenza ma le ingiustizie sociali e le divergenze di vedute hanno più volte portato alla rottura degli schieramenti, sia tra gli umani che tra i cyloni, con gravi conseguenze fra entrambi gli schieramenti.

 

Il bello della serie è che non ci sono eroi senza macchia e senza paura e anche il comandante, per quanto saggio e capace, molte volte fa delle scelte dettate più dai suoi sentimenti che dalla logica o dal buon senso; forse i litri di ambrosia e chili di pastiglie che ingurgitava qualche piccolo effetto collaterale l'avevano. :asd:

 

Comunque è una bella serie anche se con molte ingenuità (nel tempo libero hanno costruito un caccia stealth con pezzi d'avanzo che ha fatto sfraceli ma quando è stato distrutto a nessuno è venuto in mente di ricostruirlo :blink: ).

 

Ps. L'ultima puntata è ingiudicabile :thumbdown:

Link to comment
Share on other sites

il finale non ti è piaciuto ? in effetti neanch'io sono perplesso sul abbandonare la tecnologia così , trovo interessante l idea invece che la serie si sia svolta nel nostro passato e che terra rischi di fare la fine delle 12 colonie

 

 

quando è partita la canzone di hendrix piangevo

Link to comment
Share on other sites

Non vi è piaciuto il finale?

 

Fantastico quanto Kara sparisce in un'istante!

 

Si, era più un filosofeggiare più che parlare di religione, e poi c'era anche tanta psicologia come in quella puntata in cui un cylone si lascia interrogare instillando dubbi sull'autenticità di Adama, persino in Scorpion e il Presidente Laura Joslin.

 

http://it.wikipedia.org/wiki/Battlestar_Galactica_%28serie_televisiva%29

Link to comment
Share on other sites

Infatti .... se tu fossi vissuto nel 1957, anno in cui il film uscì in Italia, ed avessi avuto la tua attuale età, lo avresti molto verosimilmente considerato il meglio di quanto sino ad allora prodotto nel settore ....

 

Come ho già detto .... cambiano i tempi .... cambiano i gusti .... ;)

 

Hehe, specie quando scendono in campo gli effetti speciali che amplificati sul grande schermo, contribuiscono a creare la "magia del cinema".

A proposito di film di fantascienza storici, quando ero piccolino (Mamma Rai lo riproponeva spesso), Viaggio allucinante (sulla cui sceneggiatura Asimov scrisse un romanzo, e non come alcuni credono, viceversa) colpiva molto la mia fantasia:

 

http://it.wikipedia.org/wiki/Viaggio_allucinante_%28film%29

 

Vale la pena ricordare:

 

1967 - Premio Oscar

 

Migliore scenografia

Migliori effetti speciali

Nomination Migliore fotografia

Nomination Miglior montaggio

Nomination Miglior montaggio sonoro

 

proprio per riallacciarmi a quanto scriveva Pinto. Magari un ragazzino di oggi lo troverebbe barboso, ma questi Oscar testimoniano quanto fosse avanzato in epoca coeva.

 

Qui più che di navi spaziali, si parla di una nave (nello specifico un sottomarino) miniaturizzata e inserita all'interno del corpo umano.

La tensione claustrofobica è la stessa di parecchi film ambientati in sottomarini convenzionali, con la suspence apportata anche dalla figura del misterioso sabotatore.

 

Magnifica immagine per chi come me ha un certo gusto vintage:

 

fantastic-voyage-rm-eng.jpegù

 

Dovrebbe uscire presto un remake, spero possa essere all'altezza.

 

P.S.

 

Cama, non evocare Casco Nero, che mi scompiscio :asd:

Edited by Scagnetti
Link to comment
Share on other sites

il finale non ti è piaciuto ? in effetti neanch'io sono perplesso sul abbandonare la tecnologia così , trovo interessante l idea invece che la serie si sia svolta nel nostro passato e che terra rischi di fare la fine delle 12 colonie

 

 

Ma se ricordo bene la serie non era ambientata nel passato ma era piuttosto ambienta in un universo a ciclo continuo circolare; in Razor una voce fuori campo disse : "Tutto questo è successo prima, tutto questo accadrà di nuovo" :blink:

 

E anche nell'ultima puntata la scena con i robottini giapponesi non ci avvisa forse che il passato sta tornando. :ph34r:

 

Ps. il finale in se era coerente, la tecnologia li aveva portati sull'orlo dell'annientamento e quindi aveva una suo logica, ma il dividersi sui cinque continenti (già erano rimasti in pochi) e ripartire da zero quante possibilità di sopravvivenza lasciava?

 

E quante possibilità lasciava agli abitanti di Terra 2 di sopravvivere? La storia di Cortés e degli spagnoli che sterminarono intere popolazioni solo con un raffreddore era a loro sconosciuta?

 

Ok era un telefilm di fantascienza e non va preso troppo sul serio ma comunque.....

Link to comment
Share on other sites

Tutto questo è successo prima, tutto questo accadrà di nuovo" non si riferisce a un i universo a ciclo continuo circolare ma ai corsi e ricorsi storici , perchè l umanità non impara dai suoi errori.

nella scena finale i due ''angeli '' commentano un articolo sull'antenata comune a tutta l umanità :cioè la bambina salvata , Hera (in mitologia greca è il nome della madre-terra )

 

la musica di along the watchtower è appunto per dire stiamo ripetendo gli stessi errori stiamo attenti .

 

 

circa la sopravvivenza gli studiosi ritengono che proprio la dispersione del homo sapiens sia sta determinante per la sopravvivenza della specie , in questo modo una singola calamità non poteva spazzare via in una singola occasione tutti i sapiens , i neanderthal erano concentrati in europa e sono estinti per colpa della glaciazione

 

ho trovato questa analisi sul perchè abbiano scelto la canzone di dylan come elemento portante della serie http://www.hwupgrade.it/forum/showpost.php?p=32042477&postcount=6128

 

a questo punto si capisce il perchè del tema religioso , se la serie originale era un allegoria delle peregrinazione ebraica prima di trovare la terra promessa , nella nuova serie il tema religioso è stato ampliato in senso multietnico la terra promessa non è tanto il luogo fisico ma la fine di un ciclo di morte resurrezione ,morte resurrezione ....

Edited by cama81
Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...

Tempo fa, forse proprio qui e forse fu detto proprio a me ma non ricordo bene, lessi che uno dei motivi per cui è impossibile costruire astronavi come quelle viste nella fantascienza è che, indipendentemente dal propulsore, avrebbero avuto collassi strutturali o non si sarebbero proprio mosse; come mai?

Link to comment
Share on other sites

Tempo fa, forse proprio qui e forse fu detto proprio a me ma non ricordo bene, lessi che uno dei motivi per cui è impossibile costruire astronavi come quelle viste nella fantascienza è che, indipendentemente dal propulsore, avrebbero avuto collassi strutturali o non si sarebbero proprio mosse; come mai?

 

L'unica cosa che mi viene in mente è l' inerzia che potrebbe creare problemi, però non sono sicuro.. per esempio se l'ipotetica nave si volesse fermare ci dovrebbe essere una forza che gradualmente decellera la struttura, ipoteticamente dei motori con dei reversori di spinta, ora nei punti di ancoraggio dei motori si dovrebbe creare una forte tensione (se superiore alle capacità strutturali direi che sia distruttiva) fra i motori che tentano di rallentare e il resto della struttura che cerca di mantenere la proprio velocità.......

ripeto è l'unica cosa che mi è passata per la testa ed è solo una teoria non so se è giusta o se è una grandissima cavolata

Link to comment
Share on other sites

L'unica cosa che mi viene in mente è l' inerzia che potrebbe creare problemi, però non sono sicuro.. per esempio se l'ipotetica nave si volesse fermare ci dovrebbe essere una forza che gradualmente decellera la struttura, ipoteticamente dei motori con dei reversori di spinta, ora nei punti di ancoraggio dei motori si dovrebbe creare una forte tensione (se superiore alle capacità strutturali direi che sia distruttiva) fra i motori che tentano di rallentare e il resto della struttura che cerca di mantenere la proprio velocità.......

ripeto è l'unica cosa che mi è passata per la testa ed è solo una teoria non so se è giusta o se è una grandissima cavolata

D'accordo grazie!

 

Giusto un paio di cosette: si riuscirebbe a rilevare una nave spaziale nel sistema solare dalla Terra?

 

Come difesa terrestre contro astronavi sarebbe utile un grosso railgun? Almeno ad una distanza relativamente ravvicinata.

Link to comment
Share on other sites

D'accordo grazie!

 

Giusto un paio di cosette: si riuscirebbe a rilevare una nave spaziale nel sistema solare dalla Terra?

 

Come difesa terrestre contro astronavi sarebbe utile un grosso railgun? Almeno ad una distanza relativamente ravvicinata.

 

Bho forse un gigantesco radar riuscirebbe ad avere un ritorno da un'ipotetica nave..... oppure si potrebbe rilevare particolari radiazioni elettromagnetiche.... per quanto riguarda la difesa in Halo attorno alla terra erano state allestite 300 piattaforme orbitali(non so in che tipo di orbita forse geostazionaria) armate di un gigantesco cannone elettromagnetico , mentre un cannone posto sulla superficie avrebbe la problematica che avrebbe una finestra di fuoco ristretta quindi ne servirebbe un gran numero posti in ogni angolo del globo..... e poi volendo la luna potrebbe essere armata e fungere da base avanzata pero sarebbe sempre in movimento e non so quanto potrebbe essere effettivamente utile

 

P.s volendo potresti sempre ricorrere ad un vasto arsenale missilistico coadiuvato con testate nucleari

Edited by Brando
Link to comment
Share on other sites

per quanto riguarda la difesa in Halo attorno alla terra erano state allestite 300 piattaforme orbitali(non so in che tipo di orbita forse geostazionaria) armate di un gigantesco cannone elettromagnetico ,

Sì sì, orbita geostazionaria, ho controllato sulla wiki di Halo.

Si tratta di una stazione spaziale armata con una coilgun di potenza devastante, praticamente più che un'arma di distruzione di massa: accelera proiettili di uranio impoverito o tungsteno ad una velocità di 120000 km/s. Il proiettile non dovrebbe essere vaporizzato da tanta potenza? È per via della mancanza di attrito nello spazio?

mentre un cannone posto sulla superficie avrebbe la problematica che avrebbe una finestra di fuoco ristretta quindi ne servirebbe un gran numero posti in ogni angolo del globo.....

È quello che mi serve: cannoni che proteggono un delimitato territorio impedendo alle navi di scendere abbastanza per eseguire un bombardamento orbitale (cinetico, con barre di tungsteno) con la dovuta precisione.

e poi volendo la luna potrebbe essere armata e fungere da base avanzata pero sarebbe sempre in movimento e non so quanto potrebbe essere effettivamente utile

Ci ho già pensato! ;)

P.s volendo potresti sempre ricorrere ad un vasto arsenale missilistico coadiuvato con testate nucleari

Sapevo che nello spazio i missili nucleari sono abbastanza inutili (se non per l'EMP).

Un missile credo sia facilmente intercettabile.

 

Se satelliti e ISS completano un orbita attorno alla Terra in 90 minuti circa, immagino che ci voglia un tempo abbastanza breve per mettere sotto tiro un interno pianeta avendo a disposizione un numero adeguato di navi, considerando anche la velocità di movimento superiore ai 7 km/s di ISS e satelliti e la propulsione che permette di riposizionarsi. Corretto?

 

:):D

Link to comment
Share on other sites

È quello che mi serve: cannoni che proteggono un delimitato territorio impedendo alle navi di scendere abbastanza per eseguire un bombardamento orbitale (cinetico, con barre di tungsteno) con la dovuta precisione.

 

Se satelliti e ISS completano un orbita attorno alla Terra in 90 minuti circa, immagino che ci voglia un tempo abbastanza breve per mettere sotto tiro un interno pianeta avendo a disposizione un numero adeguato di navi, considerando anche la velocità di movimento superiore ai 7 km/s di ISS e satelliti e la propulsione che permette di riposizionarsi. Corretto?

 

 

comunque per un bombardamento globale penso che l'orbita polare sia la migliore.... bombardamento cinetico con barre di tungsteno... come idea è carina però le barre dovranno avere una massa adeguata per creare ingenti danni, poi sinceramente io preferirei un sistema tipo icbm(invece di partire da un continente la testata parte direttamente dall'orbita) con sistema di rientro di tipo Mirv (con testata nucleare o convenzionale).......................però pensandoci bene il bombardamento cinetico come hai proposto te sarebbe meno soggetto all'intercettazione, se la massa è sufficiente la vedo dura distruggerlo o deviare in maniera sensibile una massa che viaggia alla velocità di rientro

 

Si tratta di una stazione spaziale armata con una coilgun di potenza devastante, praticamente più che un'arma di distruzione di massa: accelera proiettili di uranio impoverito o tungsteno ad una velocità di 120000 km/s. Il proiettile non dovrebbe essere vaporizzato da tanta potenza? È per via della mancanza di attrito nello spazio?

 

non essendoci aria non cè attrito quindi non cè frizione e quindi non si genera calore e quindi non si dovrebbe vaporizzare

Edited by Brando
Link to comment
Share on other sites

io preferirei un sistema tipo icbm(invece di partire da un continente la testata parte direttamente dall'orbita) con sistema di rientro di tipo Mirv (con testata nucleare o convenzionale)......................

 

in pratica questo

 

 

 

 

http://www.youtube.com/watch?v=_39avaboNTI

Edited by cama81
Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...