Jump to content
Sign in to follow this  
Berkut

Domanda sull'StG-44

Recommended Posts

Avrei una domanda da fare sull'StG-44.

Ma a che serviva lo spuntone nel cerchio?

 

stg44au3.jpg

 

P.S: ho fato varie ricerche su Google ma sull'StG-44 non ho trovato nulla, solo nella discussione Softair, ma io parlo di quello vero.

Edited by Berkut

Share this post


Link to post
Share on other sites

Fa parte del sistema di recupero dei gas per il funzionamento dell'arma.

 

 

 

Che mitico fucile, il primo fucile d'assalto del mondo! Se non era per l'StG44 il Sig. Kalashnikov sarebbe marcito in un gulag (ah, il Comunismo applicato...) e nessuno lo conoscerebbe. E dire che non ha dovuto fare altro che "russizzare" (cioè appesantire, ingrezzire e rendere meno precisa) l'arma teutonica. Tanto di cappello agli armaioli tedeschi! :adorazione::adorazione::adorazione:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il calcio non è buono, meglio quello dell'AK!

Anche l'AK ha qualcosa del genere, sempre stesso scopo?:

 

ak472tt6.gif

 

Per il resto, quoto Marvin.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il calcio non è buono, meglio quello dell'AK!

 

A parte che sono quasi identici, meglio quello dell'StG44. Infatti se indossi gibernaggio, zaino, cappotti o giacconi, questi fanno aumentare la distanza tra la spalla del tiratore e l'arma, peggiorando le prestazioni di tiro. Quanto ai calci ribaltabili comparsi sugli altri AK lasciamo perdere, li detesto. Scomodi ed instabili.

 

Anche l'AK ha qualcosa del genere, sempre stesso scopo?:

ak472tt6.gif

 

Esatto. Essendo la copia dell'StG44 (e da quelle parti di Sturmgewehr se ne trovano ancor oggi!) ne ha anche ereditato la meccanica (operante a gas con otturatore rotante).

 

Esattamente come il Kalashnikov non è comodissimo da usare in posizione prona. Inoltre era abbastanza pesante. Certo che se consideriamo il peso di armi dell'epoca come il TommyGun e soprattutto i vari fucili come lo SMLE o il Garand, oppure di armi successive come il FAL, il G3 o il Galil allora non ci si può lamentare...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Comunque l'Ak non è un derivato diretto del 44, in mezzo c'è la carabina simonov.

Inoltre è molto avanti sull'ergonomia e sui pesi rispetto al fucile tedesco, diciamo che la più grande intuizione dei tedeschi fu il calibro intermedio preso quasi paro paro (loro usavano il 7,92 per comunanza con il calibro mauser ma le prestazioni balistiche sono quasi identiche al 7,62x39 russo, così come il bossolo)

Share this post


Link to post
Share on other sites

La vera innovazione dell'STG 44 è stata l'introduzione della lamiera stampata nella costruzione di armi da fuoco.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusate, ma perché nell'StG-44 il "bitorzolo" è staccato dalla canna e nell'AK è attaccato?

Per non far vedere che era copiato spudoratamente?

Edited by Berkut

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per restare in tema di AK

 

AK-74.jpg

 

Questo è l'AK-74, cos'è quel prolungamebto della canna oltre il mirino?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il cosino era (è) di serie sul 74, vero?

E il calcio pieghevolo dell'AK (47-74) che vantaggi ha?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il cosino era (è) di serie sul 74, vero?

E il calcio pieghevolo dell'AK (47-74) che vantaggi ha?

Per i paracadutisti. Quando si lanciano con il paracadute, atterrando un fucile con il calcio pieghevole "rompe meno le scatole"!!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Per restare in tema di AK

 

AK-74.jpg

 

Questo è l'AK-74, cos'è quel prolungamebto della canna oltre il mirino?

 

E' il freno di bocca/compensatore/parafiamma...un'attrezzo che serve anche come attacco per lanciare le granate ma principalmente per ridurre il rinculo e l'impennamento dell'arma e dissimulare la vampa di bocca. Per inciso lo hanno studiato male dal punto di vista acustico e genera delle onde sonore laceranti per chi sta di fianco!! :rolleyes:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quindi hanno tolto uno svantaggio e ne hanno messo un altro!

Ok, grazie a tutti per le risposte!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Salve, sono nuovo di questo forum e colgo l'occasione per salutare tutti gli iscritti.

Rispondo alla domanda riguardante lo spuntone cerchiato di rosso.

Esso serviva per creare il fascio d'armi, tradizione militare germanica continuata fino alla fine della guerra.

Già in armi precedenti come il 98AZ (il predecessore del 98k) il gancio per fascio d'armi costituiva una caratteristica delle armi militari tedesche,

nel 98k invece era la bacchetta di pulizia sporgente per circa 15cm. dal calcio a farne da sostituto.

Il fascio d'armi veniva formato incrociando tra loro le armi lunghe individuali di una squadra fucilieri appunto tramite questo gancio, normalmente

serviva per riporre le armi dei soldati in un'unico punto nell'accampamento in modo che fossero rapidamente prese in caso di bisogno.

Nel StG44 il gancio per fascio d'armi, come visibile nella fotografia è stato creato prolungando la parte metallica che costituisce il recupero dei gas di sparo, una scelta costruttiva piuttosto pratica. Infatti questo prolungamento non ha alcuna funzione meccanica o di manutenzione dell'arma stessa.

Il calcio del StG44 era forse meno bello esteticamente del calcio del fucile russo ma sicuramente migliore, la linea ipotetica che continua oltre la canna

fino al punto di contatto con la spalla del tiratore nel fucile tedesco è direi perfetta. Il rilevamento dell'arma (lo spostamento verso l'alto al momento dello sparo) è tanto minore quanto questa ipotetica linea coincide, infatti se il punto di appoggio della spalla è inferiore alla canna (come nell'ak-47) il rilevamento sarà maggiore. Stoner, l'americano che progettò l'AR15 il prototipo del fucile M16 tenne ben presente questa caratteristica tanto che il suo fucile

è tra i più precisi e controllabili nel tiro automatico.

I russi dopo l'esperienza acquisita con l'AK-47 ed il sucessivo AKM, migliorarono il disegno del loro fucile d'assalto ridisegnado il calcio, nell'illustrazione del Ak-74 si vede infatti che la linea del calcio è stata rialzata ed uno spegnifiamma dal disegno modernissimo per l'epoca completa l'arma.

Quest'ultimo è considerato il migliore spegnifiamma mai progettato per armi portatili automatiche, oltre che deflettere i gas prodotti dallo sparo verso l'alto

e quindi diminuire il rilevamento, rompe la fiamma riducendone la visibilità al nemico e deflette i gas lateralmente riducendo quello spostamento dell'arma

dovuto all'asse arma-tiratore. Il problema del rumore riscontrato su questa arma è dovuto al tipo di munizionamento fortemente supersonico (oltre i 907m/s)

ed al tipo di polvere della cartuccia impiegato di rapidissima combustione e forte espansione dei gas.

Lo speglifiamma di questa arma non era stato progettato per il lancio di granate (come nell'ambito NATO erano le granate MECAR da 40mm.)

Nel blocco sovietico solo Polonia e Iugoslavia usavano granate lanciabili da fucile ma solo con appositi accessori applicabili all'arma.

Spero di essere stato d'aiuto anche se forse mi sono dilungato troppo...

Sempre che a mesi di distanza dall'ultimo post qualcuno legga questo messaggio...

Comunque sia, saluti!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Andrea29

una domanda ma l'ak 74 che qualità ha rispetto al 47.

 

es piu preciso o cosa?

Share this post


Link to post
Share on other sites
una domanda ma l'ak 74 che qualità ha rispetto al 47.

 

es piu preciso o cosa?

 

La differenza principale è il calibro: 7.62x39 per l'AK-47 e 5,45x39 per l'AK-74

Il calibro 5.45x39 è un calibro creato come corrispettivo del 5.56x45 nostrano nei confronti del quale è balisticamente è piu scarso; mentre rispetto al 7.62x39 puo vantare tempi di volo piu brevi sulle distanze tipiche da combattimento e un rinculo molto piu basso vista la ridotta quantita di moto del proiettile (paragonabile a quella di un 9x19 caricato in una SMG)

 

7.62X39 peso proiettile 125grani velocita alla bocca 710 metri al secondo circa , energia cinetica sui 200 Kgm

5.45x39 peso proiettile 50 grani velocita alla bocca 900 metri al secondo circa , energia cinetica sui 130 kgm

Share this post


Link to post
Share on other sites
Quest'ultimo è considerato il migliore spegnifiamma mai progettato per armi portatili automatiche, oltre che deflettere i gas prodotti dallo sparo verso l'alto

e quindi diminuire il rilevamento, rompe la fiamma riducendone la visibilità al nemico e deflette i gas lateralmente riducendo quello spostamento dell'arma

dovuto all'asse arma-tiratore. Il problema del rumore riscontrato su questa arma è dovuto al tipo di munizionamento fortemente supersonico (oltre i 907m/s)

ed al tipo di polvere della cartuccia impiegato di rapidissima combustione e forte espansione dei gas.

Appunto il rompifiamma ha una segnatura acustica devastante tanto da mandare in crisi le reclute che si addestrano fianco a fianco al poligono, quindi forse proprio ben studiato non era, perche si avverte ancora da più lontano lo sparo! :thumbdown:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Restando in tema di StG44

 

mp44-4.jpg

Stg.44 assault rifle with the Krummlauf Vorsatz J (curved barrel) attachment, which was designed to be fired "around the corner" or from inside the armored vehicle

 

Ditemi che non lo hanno fatto davvero :blink:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Oh...sii!! nel combattimento urbano era una manna ....dicono :okok: il problema era che il raggio di curvatura della canna stressava il proiettile che si instabilizzava e non era molto preciso, ma per il bersaglio grosso dietro l'angolo andava bene :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

Girando per il web ho trovato queste foto, se riesco ve le aggiungo...

IMG_0843.jpg

La visuale del tiratore grazie a specchi e prismi.

IMG_0851.jpg

Esisteva anche una versione con lanciagranate integrale, utilizzava le stesse granate del fucile 98k.

In basso la versione per cartuccie a palla ordinaria.

IMG_0838.jpg

 

Al fucile si potevano montare anche congegni di mira a cannocchiale sia diurno che notturno:

scope.jpg

DOWx3-K43.jpg

Questo è lo ZF4, che di norma veniva montato sul G43 semiautomatico.

 

01.jpg

Il VAMPIR invece era un sistema attivo di visione notturna a luce infrarossa, uno dei primi impiegati sul campo seppur a livello sperimentale.

 

Queste ottiche potevano essere fissate su quei StG44 che di fabbrica erano provvisti di apposite fresature ricavate sotto lo zoccolo della tacca di mira.

Anche gli americani costruirono un visore simile ed era montato sulla carabina .30M1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...