Jump to content
Sign in to follow this  
-{-Legolas-}-

F2Y Sea Dart

Recommended Posts

Non sapevo fosse stato costruito un jet ad alte prestazioni idrovolante.

 

E' rimasto allo stadio di prototipo, mi piacerebbe sapere a che razza di specifiche della marina rispondesse...

 

"The Convair F2Y Sea Dart was a unique American seaplane fighter aircraft that rode on twin hydro-skis for takeoff. It only flew as a prototype, and never entered production, but it is still the only seaplane to exceed the speed of sound."

 

http://www.patricksaviation.com/videos/en52/2467/

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' molto originale come idea. Peccato non si sia andato in fondo con questo progetto. Secondo me poteva rivelarsi un velivolo molto utile, soprattutto per quelle marine che magari non si possono permettere una portaerei. Non oso dire che un modello del genere possa intraprendere un dogfight con un caccia imbarcato ed essere al suo livello, però magari per alcune missioni di pattugliamento marittimo poteva essere un buon mezzo. Del resto sarebbe bastato dotare delle navi con una gru che lo calasse in mare: non è una novità si è fatto per molto tempo prima dell'invenzione delle portaerei e in seguito si è continuato a fare anche durante la seconda guerra mondiale, poi da lì non so.

 

Non vedo grossi difetti se non magari l'idea un po' troppo ardita: come mai non si portò avanti il progetto?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per quanto ricordi, c'era anche un 'altro motivo. A quel tempo si era ossessionati dall'idea che attacchi simultanei avrebbero distrutto tutti gli aeroporti. Ma un idrocaccia a reazione che decolla dal mare...

 

Per i motivi che ne hanno decretato il fallimento, la storia, i dati, potete cercare su Wiki o su altri, anche alla voce F-7 Sea Dart, come venne poi ridenominato.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non era solo la paura di perdere gli aeroporti negli attacchi aerei che spinse verso il Sea Dart...D'altra parte non erano gli aeroporti il problema della US Navy, ma le portaerei...

In effetti la principale ragion d'essere di questo velivolo era lo scetticismo dei primi anni 50 da parte della US Navy riguardante la possibilità di realizzare caccia supersonici imbarcati.

La convinzione che questi velivoli fossero caratterizzati da velocità di atterraggio e decollo eccessive e quindi incompatibili con l'impiego imbarcato, portò la marina statunitense a utilizzare inizialmente sulle portaerei solo velivoli subsonici e a richiedere un caccia idrovolante supersonico, che potendo decollare e operare dalla superficie del mare non avrebbe avuto di questi problemi.

 

In realtà il velivolo Convair, ne ebbe di altri legati alle sue peculiarità marine...

Per operare sull'acqua, ovviamente si scelse di non usare dei galleggianti a scarpone, perché assolutamente incompatibili con le velocità che si volevano raggiungere.

Anche la soluzione di usare il ventre della fusoliera su cui far andare il velivolo in planata, fu scartata, perché le alte velocità sull'acqua avrebbero richiesto una forma della fusoliera, più dettata dalle esigenze idrodinamiche che da quelle aerodinamiche, senza contare la necessità di irrobustire considerevolmente lo scafo-fusoliera con evidenti aggravi di peso.

In effetti, aerodinamica e peso sono i principali handicap dell'idrovolante rispetto al velivolo terrestre.

 

I progettisti allora scelsero la soluzione degli sci retrattili con un sistema di ammortizzatori oleopneumatici per assorbire le inevitabili vibrazioni, specie col mare meno "tranquillo".

Qui però cominciarono i problemi, perché il livello di vibrazioni era elevato nonostante il velivolo facesse lo sci d'acqua in decollo e ammaraggio. Furono provate varie configurazioni di questi sci, compreso lo sci unico centrale al posto di due laterali...

I risultati non furono mai del tutto soddisfacenti...

 

A questo si aggiunsero altri problemi...

Il velivolo era sottopotenziato perché inizialmente i prototipi montavano due Westinghause J-34 che avevano la metà della potenza prevista per i definitivi J-46 con postbruciatori. Anche con questi però le cose non migliorarono in modo decisivo...

Il velivolo riusciva infatti a superare la velocità del suono solo in leggera picchiata...

Anche l'XF2Y si scontrò cioè con gli stessi problemi in cui incappò l'F-102: l'elevata resistenza in fase transonica.

Proprio in quegli anni veniva infatti scoperta la "regola delle aree"che prevedeva una riduzione di sezione della fusoliera per compensare la presenza delle ali...

Purtroppo il Sea Dart fu progettato prima e non beneficiò di questa importante conquista dell'aerodinamica e come se non bastasse nel frattempo qualcuno convinse coi fatti la US NAVY che era possibile imbarcare caccia supersonici sulle portaerei...

L'F-8 Crusader prima e il superlativo F-4 Phantom II poi, furono argomentazioni alquanto convincenti che portarono alla soppressione del programma.

 

In generale, venute meno le motivazioni principali del programma, rimanevano i difetti: oltre ai già citati c'è da dire che il velivolo aveva necessariamente una configurazione di "compromesso" dovendo opereare dall'acqua, con una posizione delle prese d'aria non certo ottimale e con difficoltà ad installare l'amamento esterno (in effetti era previsto l'uso di cannoni e razzi).

 

E' interessante ricordare che fu ipotizzato anche un uso del velivolo da parte dei sottomarini.

I limiti dell'aereo, uniti ai problemi tecnici legati alla necessità di creare un ampio hangar stagno nello scafo con relativo elevatore, sconsigliarono di procedere oltre nell'idea...

Share this post


Link to post
Share on other sites

ne o sentito parlare anch'io un convair f-102 delta dart trasformato in idrovolante..... credo il primo idrovolante a reazione .....forte

Edited by Gabu86

Share this post


Link to post
Share on other sites
ne o sentito parlare anch'io un convair f-102 delta dart trasformato in idrovolante..... credo il primo idrovolante a reazione .....forte

Per quanto vagamente somiglianti, F-102 e F2Y sono due progetti Convair distinti e il secondo non è la versione idro del primo.

Quanto a primo idrovolante a reazione della storia, fu lo SRA/1 britannico...Volò nel '47 e non ebbe miglior fortuna del caccia americano...

 

sra1.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
Quanto a primo idrovolante a reazione della storia, fu lo SRA/1 britannico...

Esatto Dr. Flaggy! :adorazione:

 

Saro SR.A/1

SRA-1.jpg

The SRA-1 started life in 1943 when Saro proposed the SR.44 a flying-boat fighter (inspired by the Japanese Nakajima A6M2-N"Rufe" and Kawanishi N1K1"Rex" floatplane fighters) which could be used in the Pacific Theatre of war. In May 1944 a contract was awarded under specification E.6/44 to Saro for three prototypes of the SR.44 now called SR.A/1. The first prototype took to the air on the 15/6/1947 some four years after it's proposal! The second and third aircraft followed soon after wards, the SR.A/1's were flown and tested for four years with the second and third planes being lost in accidents. By 1951 the need for a flying-boat fighter had disappeared and the last SA.A/1 was retired in June of that year.

SAR2.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...