Jump to content
Sign in to follow this  
Leviathan

riflessioni di travaglio sul V day

Recommended Posts

Ci sono due modi per reagire ai sondaggi che danno la popolarità del governo in picchiata: prendersela con Grillo che «fa il gioco della destra»; oppure domandarsi come sia possibile che gl’italiani in fuga dall’Unione si rifugino nella Casa delle Libertà, come se non l’avessero già sperimentata due volte, nel ‘94 e nel 2001-2006, con gli ottimi risultati che tutti ricordano. O meglio, che pochi ricordano. E il punto è proprio questo: perché i due peggiori governi della storia repubblicana, il Berlusconi 1 e il Berlusconi 2, non sono bastati a maturare quel “vaccino” che, secondo Montanelli, doveva immunizzarci da un Berlusconi 3? Perché le leggi ad personam, il conflitto d’interessi, lo sfascio della giustizia, della scuola e della finanza pubblica, le epurazioni bulgare, la crescita zero, il boom dell’evasione fiscale, i 12 condoni in un anno, le due guerre camuffate da missioni di pace, la legge elettorale-porcata non le ricorda più nessuno e c’è chi, inviperito per le fesserie dell’Unione, è pronto a ricascare nell’incubo? Anzitutto perché l’informazione che conta è ancora saldamente nelle mani di Bellachioma. Ma soprattutto per l’assoluta incapacità dei leader unionisti di rammentare a ogni occasione che cosa fu quel quinquennio nero. Perché non lo fanno mai? Perché non possono. Se ricordassero le leggi vergogna, qualcuno domanderebbe: e perché non ne avete cancellata nemmeno una? Se ricordassero le epurazioni bulgare, qualcuno domanderebbe: e perché Luttazzi e la Guzzanti non hanno un programma in Rai, e perché Oliviero Beha non è stato reintegrato? Se ricordassero il precariato delle leggi Treu e Maroni, qualcuno domanderebbe: e perché non avete modificato quelle leggi? Se ricordassero i continui sabotaggi alla giustizia, qualcuno domanderebbe: perché allora avete bloccato il processo per il sequestro Abu Omar col segreto di Stato e col conflitto alla Consulta? Se ricordassero la guerra ai giudici di Milano che processavano il premier, qualcuno domanderebbe: e perché allora avete insultato per mesi Clementina Forleo e ora non dite una parola su Mastella che vuole trasferire il pm De Magistris che indaga sul premier e sulle telefonate di Mastella? Se ricordassero il monopolio Mediaset a danno di Europa7 e la lottizzazione della Rai, qualcuno domanderebbe: e perché non mandate Rete4 satellite, non passate le frequenze a Europa7 e non ritirate i partiti dalla Rai? Se qualcuno ricordasse il conflitto d’interessi, qualcuno domanderebbe: e perché non fate un legge seria per risolverlo una volta per tutte? È per non rispondere a queste domande che si preferisce archiviare tutto. Ma così si smarrisce il marchio sul quale, faticosamente, si era costruita la striminzitissima vittoria del 9-10 aprile 2006. L’unica cura contro l’amnesia del paese più smemorato del mondo è costringere Berlusconi a uscire alla scoperto sulle tre ragioni sociali del suo fare politica: i processi, i soldi e le tv. Nulla di eversivo: basta mantenere qualche promessa elettorale. Per esempio, abolire la ex-Cirielli che manda 9 processi su 10 in prescrizione: se la giustizia ricomincia a funzionare spedita, Bellachioma - l’imputato più prescritto della storia - mette mano alla fondina. Idem se si ripristina il reato di falso in bilancio: Bellachioma, che coi libri contabili ha più problemi che coi libri, salta su come un misirizzi. Idem se si fissa un tetto antitrust sul numero di reti tv e sulla pubblicità. Idem se si tassano le rendite e le eredità a una quota accettabile, come da programma elettorale. Se si fa ciò che è giusto, colui che ingrassa da trent’anni sull’ingiustizia uscirà fuori al naturale, e tutti si ricorderanno chi è. Se invece si continua ad attaccare Grillo, cioè il sismografo, il sisma seguiterà a far danni. E presto ci sveglieremo nell’incubo del Berlusconi 3.

 

A voi i commenti

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non mi pare che il signor ministro TREU fosse del governo Berlusconi

 

Ma te che fai nella vita? Perche vedi dato che mi hanno costretto a fare un fondo pensione privata, e dato che questo fondo investe su titoli di stato ed altro dato che loro ora vogliono tassare le rendite, tutti i prospetti su futura pensione se ne vanno a puttane, e no. Non ci sto. gia mi scippano il tfr, poi ci metti che i risparmi che uno fa con tanto sudore (sia di lavoro che di rinunce), loro me li tassano perche sono ricco? Perche invece di farmi la macchina nuova o le vacanze ho comprato con l'ultima tredicisema e quattordicesima dei BOT?!

Share this post


Link to post
Share on other sites

La tassazione delle rendite finanziarie penso sia giusta, pochi hanno i bot, tanti hanno i conti corrente (la cui tassazione calerebbe di 7 punti percentuali)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Molti non hanno i bot perceh hanno 8 telefisori al plasma, nvece di sperperare i soldi basta saperli amministrare, no come succede nella PA

Share this post


Link to post
Share on other sites

è proprio un grande....(è meglio che non finisco la frase)

 

le leggi ad personam di Berlusconi non le cancellano perchè fanno comodo anche a quelli di SX. Altrimenti è probabile che gente come Mastella, Visco(per citarne due) adesso sarebbero in galere a far compagnia a Silvio.

 

Travaglio fa tante domande ma risponde solo a quelle che gli fanno + comodo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
è proprio un grande....(è meglio che non finisco la frase)

 

le leggi ad personam di Berlusconi non le cancellano perchè fanno comodo anche a quelli di SX. Altrimenti è probabile che gente come Mastella, Visco(per citarne due) adesso sarebbero in galere a far compagnia a Silvio.

 

Travaglio fa tante domande ma risponde solo a quelle che gli fanno + comodo.

 

non sarebbe male.

ne facciamo un reality con quei tre nella stessa cella a pane e acqua?

ci mettiamo anche qualche comunista e siamo a posto: dovertimento assicurato

Oltre a baffetto chiaramente

Share this post


Link to post
Share on other sites
La tassazione delle rendite finanziarie penso sia giusta, pochi hanno i bot, tanti hanno i conti corrente (la cui tassazione calerebbe di 7 punti percentuali)

 

i BOT insieme al resto dei titoli di stato sono il principale strumento di risparmio di molti (la stragrande maggioranza), perchè la vecchietta o la famiglia sconvolta dagli scandali finanziari non mi va a investire nel mercato azionario o valutario mi compra titoli di stato o al massimo qualche obbligazione corazzata...

 

secondo me la tassazione del risparmio deve essere molto bassa, onde evitare la doppia tassazione, mi spiego se io lavoratore percepisco uno stipendio me lo tassano (giustissimo anche se le tasse sono abbastanza alte) con quello che mi riamane cerco di arrotondare con degl'investimenti, che per definizione non sono sicuri, e sul guadagno(che proviene dal mio sudore già tassato) mi ci mettono pure una ritenuta, stiamo un po' esagerando...

 

aliquota massima rendite finanziarie 10%, anche meno se si parla di capital gain intorno al 8%...

al massimo si può introdurre un'aliquota margianale un po' più alta nel caso di guadagni in termini percentuali molto alti...

Share this post


Link to post
Share on other sites
i BOT insieme al resto dei titoli di stato sono il principale strumento di risparmio di molti (la stragrande maggioranza), perchè la vecchietta o la famiglia sconvolta dagli scandali finanziari non mi va a investire nel mercato azionario o valutario mi compra titoli di stato o al massimo qualche obbligazione corazzata...

 

secondo me la tassazione del risparmio deve essere molto bassa, onde evitare la doppia tassazione, mi spiego se io lavoratore percepisco uno stipendio me lo tassano (giustissimo anche se le tasse sono abbastanza alte) con quello che mi riamane cerco di arrotondare con degl'investimenti, che per definizione non sono sicuri, e sul guadagno(che proviene dal mio sudore già tassato) mi ci mettono pure una ritenuta, stiamo un po' esagerando...

 

aliquota massima rendite finanziarie 10%, anche meno se si parla di capital gain intorno al 8%...

al massimo si può introdurre un'aliquota margianale un po' più alta nel caso di guadagni in termini percentuali molto alti...

 

QUOTO IN PIENO.

Se poi pensiamo che ormai tutti i lavoratori privati hanno dovuto fare un fondo pensione che investe in titoli di stato......................................

Share this post


Link to post
Share on other sites
La tassazione delle rendite finanziarie penso sia giusta, pochi hanno i bot, tanti hanno i conti corrente (la cui tassazione calerebbe di 7 punti percentuali)

 

Invece la tassazione delle rendite finanziarie affosserebbe ancora di più il nostro paese nel baratro della tesaurizzazione e dell'immobilismo in cui è caduto, spingerebbe le persone al risparmio forsennato e all'investimento solo nel mattone e in altri beni durevoli deputando, di fatto, la crescita economica solo ai fondi dei grandi imprenditori e a quelli esteri.

Per questo invece bisognerebbe incentivare gli Italiani all'investimento, evitando anche di abbassare l'ICI.

 

 

Quanto al discorso di Travaglio emerge un errore di fondo di tutta la sinistra "impegnata" o intellettualoide che ormai da anni ha perso il contatto con la realtà: si considera la destra e berlusconi il male supremo e si pensa che l'unico compito della sinistra sia di demolire tutto quanto fatto dal governo precedente, tra cui molte cose senz'altro buone, e nel differenziarsi totalmente da questo, dimenticando che la realtà non è tutta bianca o nera.

Il governo prodi non deve fare il berluconi-killer o il demolitore, ma modificare quello che ritiene sbagliato continuando nel continuo processo riformatore che dovrebbe distinguere ogni paese democratico, a differenza di quello che vuole una certa sinistra che si dimostra sempre più conservatrice di qualsiasi destra e che porta all'immobilismo totale dell'economia e della società.

Share this post


Link to post
Share on other sites

non capisco cosa intendi per cose buone fatte da Berlusconi, spero che non riguardi leggi fatte sulla giustizia.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il governo prodi non deve fare il berluconi-killer o il demolitore, ma modificare quello che ritiene sbagliato continuando nel continuo processo riformatore che dovrebbe distinguere ogni paese democratico, a differenza di quello che vuole una certa sinistra che si dimostra sempre più conservatrice di qualsiasi destra e che porta all'immobilismo totale dell'economia e della società.

 

Il governo Prodi ha un compito molto difficile da portare avanti ovvero fare il berlusconi-killer e fare riforme che possano far crescere il paese e risolverne i grossi problemi... il tutto in una sola legislatura!!! Sono d'accordo con Travaglio in quanto penso che un qualsiasi governo sia meglio di quello di Berlusconi poichè Berlusconi non è un politico, ma un PUBBLICITARIO e gli Italiani che lo votano sono gli stessi che si bevono i suoi slogan senza mettersi 5 minuti, non dico di più, e pensare. Finchè ci saranno persone che si rifiutano di pensare con la propria testa e ci sarà qualcuno che sarà bravo a lanciare spot la politica non sarà più politica ma solo un mercato, dove si vende bestiame... e il bestiame siamo noi!

 

"Meno tasse per tutti" Una persona "normale" sentendo questa frase si fa alcune domande:

1) Meno tasse=meno soldi... dove li prende i soldi? Li mette lui?

2) Meno tasse=meno soldi Meno soldi=meno investimenti?

3) Le casse dello stato sono vuote... come intende riempirle? Paga lui per tutti?

Penso che ce le siamo fatte un po' tutti, o almeno lo spero, e ognuno è arrivato a una sua personale conclusione: non posso credere che qualcuno dopo essersi fatto queste domande l'abbia votato, evidentemente non se l'è fatte, quindi è una pecora incapace di pensare e dipendente in tutto e per tutto da qualcun altro: abbiamo combattuto per la libertà di pensiero e ci ritroviamo a non pensare più.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Magno vai su wikpedia scrivi Wiston Churchill e poi leggi un paio delle sue massime, forse cresci, se cio non ti riesce allora ti rispondo io:

 

Meno tasse ovvio, io pago meno tasse, ergo spendo di piu in consumi (telefonia, turismo, e cose via) le imprese guadagnano di piu e quindi l'economia riparte e si possono pagare meno tasse e le casse dello stato si riempiono, sta anche scritto in un libbro di Tom Clancy ch eno è economista, molti economisti sposano questa tesi descritta da me.

 

Se le casse dello stato sono vuote non si puo dare la colpa al ultimo arrivasto a governare, dov'era il centro sinistra negli ulitmi 50 anni? Faceva opposizione oppure era impegnato tramite i suoi seguaci sindacati a far accaparare posti nelle imprese statali o parastatali? Altra domanda perche Italia manager incapaci prendono liquidazioni da Presidente degli USA o da regina del UK?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Magno vai su wikpedia scrivi Wiston Churchill e poi leggi un paio delle sue massime, forse cresci(....)

 

Ti ricordo che sei al limite, vedi di dimostrare rispetto verso chi non la pensa come te.

 

vai su wikpedia scrivi Wiston Churchill e poi leggi un paio delle sue massime(...)

 

Di Wiston Churchill in Italia non ne vedo molti, nè a destra nè a sinistra.

Almeno chi è di sinistra può sperare in Veltroni, che cerca di superare il concetto di "vota a destra sennò vanno al governo i comunisti" oppure "vota a sinistra sennò va al governo Berlusconi"....

 

Meno tasse ovvio, io pago meno tasse, ergo spendo di piu in consumi (telefonia, turismo, e cose via) le imprese guadagnano di piu e quindi l'economia riparte e si possono pagare meno tasse e le casse dello stato si riempiono, sta anche scritto in un libbro di Tom Clancy ch eno è economista, molti economisti sposano questa tesi descritta da me.

 

Senz'altro una bella teoria. Oltre che da Tom Clancy, la puoi leggere anche su tutti i libri di economia.

 

Peccato soltanto che, insieme ad altre perle, come la "finanza creativa" ed i condoni, abbia provocato l'arresto del paese (crescita zero) ed il completo prosciugamento dell'avanzo primario.

 

Ora, grazie ad una politica economica competente ed accorta, non più "improvvisata" in base alle evenienze, il paese è ripartito e piovono i tesoretti.

 

Sarà una coincidenza....

Edited by Captor

Share this post


Link to post
Share on other sites

il centro sinistra dove era negli ultimi 50 anni?

Non esisteva ecco la risposta ripassati storia politica dell'Italia, e il concetto di "democrazia bloccata" della DC

 

Meno tasse ovvio, io pago meno tasse, ergo spendo di piu in consumi (telefonia, turismo, e cose via) le imprese guadagnano di piu e quindi l'economia riparte e si possono pagare meno tasse e le casse dello stato si riempiono, sta anche scritto in un libbro di Tom Clancy ch eno è economista, molti economisti sposano questa tesi descritta da me.

Vedi il problema è che lo stato deve garantire di servizi, inoltre in italia abbiamo problemi come il mezzo giorno e una classe imprenditoriale mezza incapace

Edited by Leviathan

Share this post


Link to post
Share on other sites

Captor ti consiglio di andare da un buon oculista, forse cosi leggi meglio. Hai un tesoretto perche la pressione fiscale è aumentata e lo dicono tutti sia iprenditori sia operai

 

Leviathan Beh allora il pci di allora cos'era? Dopo tangentopoli dov'erano tutti i puritani? Erano a incolpare Craxi Intini e Amato? Peccato che ora queli che prima incolpavano ogni anno stanno in prima fila sulla tomba a piangere, L'unica persoan che posso stiamre e il signor Antonio Di Pietro, cacciato dal partito da lui creato durante la votazione di fiducia per il governo D'alema bis. In italia hai avuto imprenditori come Agnelli, quando la fiat incassava allora andava tutto bene, quando perdeva giu aiuti di stato, poi abbiamo avuto De benedetti, peccato che sia olivetti e ominitel siano sparite, poi ci sono Tronchetti Provera che da quattro e quattro da buona persona vicino alla sinistra licenzia dipendenti, apre industrie in Cina, acquista compagnie tv e telefoniche e si butta nel mattone. Ah, ovviamente facendo tutto questo non ha comnflitto d'interessi.

 

FINCHE LO STATO DARA' AIUTI ALLE IMPRESE NON AVRAI MAI IMPRENDITORI CAPICI

Share this post


Link to post
Share on other sites

CHAFFEE79 mi pari un pelino disinformato

 

Il tesoretto è dovuto per la maggioranza alla lotta all'evasione, non mi apre che operai e imprenditori siano fonte sicura per capire da dove viene il tesoretto mentre le agenzie di rating si, così come il ministero dell'economia.

Comunque Padoa-Schioppa non è un politico, è un ministro tecnico in quanto non fa parte dal mondo politico ed è un vero economista.

 

 

Leviathan Beh allora il pci di allora cos'era?

Non ha mai governato il PCI nella sua breve vita (1946-1991)

 

Anche io sono contrario a finanziare le imprese, ma se cadeva la FIAT cadeva un intera catena di aziende italiane.

Da qui nasce la procedura Statale grandi imprese in crisi.

 

Da poco fede ha detto da cosa viene il tesoretto: non ha detto in due minuti la parola lotta all'evasione.

Mah

Share this post


Link to post
Share on other sites

Veramente il tesoretto viene sia dalla lotta all'evasione che dall'aumento della pressione fiscale(e non venite a dirmi che non è vero che le tasse sono aumentate perchè lo diceva anche il financial times) ;) Alcuni di voi comunque probabilmente non hanno ancora capito che l'economia di uno stato non si fa solo con le tasse. tasse alte non significa per forza di cose migliori servizi. Viceversa avere tasse basse non significa che i cittadini stanno meglio.

 

ha ragione poi Dominus. Finche il governo avrà come obbiettivo primario l'eliminazione di ciò che ha fatto Berlusconi, non farà mai un c@@@o di buono(a parte la finanziaria). Come dice Dominus il governo non deve eliminare le leggi del precedente governo ragionando in termini del tipo: l'ha fatta Berlusconi quindi è una cazzata. deve riprendere le leggi e modificare ciò che non va ma mantenere i lati positivi. altrimenti 5 anni di legislatura se ne vanno per abrogare le leggi del governo precedente. capite bene che in questo modo un paese non va avanti.

Edited by Venon84

Share this post


Link to post
Share on other sites

Levithan io la pressione fiscale sulla mia busta paga la vedo ogni 27 del mese, non mi serve un esperto pagato tanti mila euro per comparire in tv a dirmi da dove proviene il tesoretto, in piu parlando con amici imprenditori esce fuori la stessa cosa.

Per agenzie di rating intendi quelle che facevano comprare bond cirio parmalat e argentini? beh ce da fidarsi allora

Share this post


Link to post
Share on other sites

chaffe il discorso di leviathan non è sbagliato, il tesoretto accumulato quest' anno proviene in gran parte dai soldi ricevuti combattendo l'evasione fiscale e in piccola parte dall' aumento delle tasse, questa sinistra criticata fino a ieri, ora che si vedono i risultati risulta essere stata molto più efficente di quanto non si pensasse.

Al di la di Grillo e di tutti i fantapolitici italiani qualche riforma importante, soprattutto nella finanziaria 2008, c'è.

Pensa alla decisione di diminuire il numero di parlamentari, certo ancora ci sono rossi passi da fare.

 

Mi ricollego a quanto letto oggi: ANSA di cui tutti conoscete il nome e la fama, oggi ha presentato un articoletto molto breve dove evidenziava come tutti i senatori italiani abbiano votato per non abolire il continuo aumento dei loro stipendini...vedete questo secondo me è conflitto di interesse, non quello che può fare un berlusconi o un altro imprenditore.

Finchè investi in qualcosa a parer mio l'economia non si blocca, berlusconi è un investitore in case ( che ora come ora resta probabilmente il tipo di rendità più sicura, insieme all' oro), e ritengo anche giusto che lo stato aiuti le industrie in difficolta, soprattuto se da queste grandi industrie derivano altre piccole imprese.

 

Se mai fosse fallito il gruppo FIAT, oggi ci saremmo trovati in una situazione di m@@@a, con tanta gente per strada.... le idustrie che possono fruttare e possono essere competitive devono essere incentivate e sovvenzionate.

Forse è uno spreco di soldi investire in alitalia, che ha aerei troppo grandi e dei costi troppo elevato per le tratte che fa, ma aiutare la fiat non è certo stata una mossa sbagliata...ed i risultati oggi si vedono...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Maverick la FIAT si è ripresa da quando Marchionne è diventato amministratore delegato e lo stato ha smesso di finanziarla. il successo della FIAT non è dovuto al fatto che lo stato regala fondi(estremamente dannoso perchè non rispetta uno dei principi dell'economicità: cioè non dipendere eccessivamente da capitali di terzi), ma al fatto che si è messa a fare belle auto, con qualità elevata e che si vendono. non fa + la punto senza retrovisori con carrozzeria di plastica senza servosterzo ecc.... Ad esempio se guardiamo la 500 e le auto cui si confronta(C1,smart,micra), tecnologicamente il gioellino FIAT è la + avanzata(ad esempio il motore è il meno inquinante e già euro5),e io ne vedo già parecchie sulle strade. Proprio perchè non aveva accesso a capitali statali la FIAT è stata COSTRETTA a innovare e migliorare per non scomparire(attenzione che stò semplificando)

 

Aiutare le industrie alla lunga può essere + dannoso che benefico(guardate Alitalia. Anche l'EU ci ha batteccato ordinandoci di smetterla di iniettare fondi statali in continuazione) ;)

Edited by Venon84

Share this post


Link to post
Share on other sites
chaffe il discorso di leviathan non è sbagliato, il tesoretto accumulato quest' anno proviene in gran parte dai soldi ricevuti combattendo l'evasione fiscale e in piccola parte dall' aumento delle tasse, questa sinistra criticata fino a ieri, ora che si vedono i risultati risulta essere stata molto più efficente di quanto non si pensasse.

Al di la di Grillo e di tutti i fantapolitici italiani qualche riforma importante, soprattutto nella finanziaria 2008, c'è.

Pensa alla decisione di diminuire il numero di parlamentari, certo ancora ci sono rossi passi da fare.

 

Mi ricollego a quanto letto oggi: ANSA di cui tutti conoscete il nome e la fama, oggi ha presentato un articoletto molto breve dove evidenziava come tutti i senatori italiani abbiano votato per non abolire il continuo aumento dei loro stipendini...vedete questo secondo me è conflitto di interesse, non quello che può fare un berlusconi o un altro imprenditore.

Finchè investi in qualcosa a parer mio l'economia non si blocca, berlusconi è un investitore in case ( che ora come ora resta probabilmente il tipo di rendità più sicura, insieme all' oro), e ritengo anche giusto che lo stato aiuti le industrie in difficolta, soprattuto se da queste grandi industrie derivano altre piccole imprese.

 

Se mai fosse fallito il gruppo FIAT, oggi ci saremmo trovati in una situazione di m@@@a, con tanta gente per strada.... le idustrie che possono fruttare e possono essere competitive devono essere incentivate e sovvenzionate.

Forse è uno spreco di soldi investire in alitalia, che ha aerei troppo grandi e dei costi troppo elevato per le tratte che fa, ma aiutare la fiat non è certo stata una mossa sbagliata...ed i risultati oggi si vedono...

 

Non so se hai sentito cosa hanno deto i due ex sindacalisti ora presidenti di camera e senato, conla frase è compito del parlamento vuol dire che il parlamento non l'ho fara mai, trovami chi vota per abbassarsi lo stipendio.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Non so se hai sentito cosa hanno deto i due ex sindacalisti ora presidenti di camera e senato, conla frase è compito del parlamento vuol dire che il parlamento non l'ho fara mai, trovami chi vota per abbassarsi lo stipendio.

chi è che si tra da solo la zappa nei piedi? Già è tanto se diminuiscono i parlamentari...!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il fatto è che non ha senso aumentare le tasse quando già la pressione è altissima per far fronte agli sprechi di una spesa pubblica immensa mentre , di contro, il cittadino riceve servizi scadenti.

Una delle cose migliori fatte durante le finanziarie del governo Berlusconi fu il piano di contenimento della spesa pubblica (fatto, non a caso, quando era ministro l'ottimo siniscalco) che la sinistra purtroppo ha snaturato.

Il problema è che i politici, specialmente quelli di certe aree estreme, devono capire che l'economia non è nè di destra nè di sinistra, e che per farla funzionare i rimedi, fuori dai discorsi di facciata, sono sempre gli stessi.

Infatti anche Padoa-Schioppa, anche lui economista di un certo calibro, da più di un anno batte il chiodo sulla riduzione della spesa pubblica, cosa che questo governo però non si può permettere di fare per la sua intrinseca debolezza verso soggetti esterni, quali i sindacati, che hanno ormai un loro braccio politico (anche l'ottimo piano Nicolais per il pubblico impiego è finito nel nulla proprio per le pressioni di questi ultimi).

Se anche il compromesso già raggiunto e sottoscritto per il welfare (per il quale si era già concesso troppo in un momento in cui i soldi dello scalone Maroni potevano essere vitali) verrà rimodificato sotto le pressioni della sinistra radicale penso che sia il caso di tornare davvero alle urne, e lo dico da persona di sinistra che rivoterà sinistra.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...