Jump to content

Marine Nationale


Graziani

Recommended Posts

Sarò pessimista, ma io la vedo così:

 

i francesi son pronti ad andare contro ogni logica per portar avanti un progetto che gli dia prestigio, esempi x tutti: Concorde, CdG, Rafale...

Se proprio loro gettano la spugna vuol dire che siamo davvero arrivati alla frutta e le conseguenze credo le pagheremo tutti: dubito che gli inglesi continuerebbero da soli con le CVF visto che riducendosi le unità il prezzo lieviterà sensibilmente...

pagheremo anche noi: la riduzione del numero delle FREMM e la rinuncia alla seconda coppia di caccia farà lievitare i prezzi di queste unità anche per noi...

 

UE navy prima di diventare UE Coast Guard!

Link to comment
Share on other sites

Bhè la Francia rinuncia a qualsiasi cosa pur di mantenere una forza strategica convenzionale/nucleare!!!

Per me la Marine Nationale ci rimarrà superiore anche se non di tanto!!

Per caso nel libro bianco parlano della sostituzione della Jeanne d'Arc (R 97)????

Lo so che non centra con la marina ma parlano del sostituto del semovente AMX 30 AuF1???

GRAZIE

Link to comment
Share on other sites

In effetti (escluso il commento a caldo per Picpus) la mia maggiore preoccupazione è che i politici ottusi sfruttino il disastro francese (veramente, non mi sarei mai aspettato una simile batosta) come scusa per tagliare ancora di più alla MMI.

Comunque noi abbiamo un libro bianco e degli ammiragli che si sono spesso dimostrati delle volpi nel portare a casa i finanziamenti: sono fiducioso.

 

Quanto alla PA2, il fatto che (come penso sia probabile) verrà approvata intorno al 2012-2013 non sarà che d'aiuto per la futura post-GG, che andrà autorizzata un paio di anni dopo.

 

Gli inglesi andranno avanti comunque:

- c'è un patto tra RAF e RN per spingere le due PA: la RAF ci guadagna 150 F-35, (sarebbero stati molti meno), la RN ci guadagna le navi

- i voti dei lavoratori dei cantieri navali sono fondamentali x Gordon Brown, che è difatti il principale sponsor.

- l'autorizzazione è stata data e i primi contratti ormai firmati

Link to comment
Share on other sites

Sembrerebbe che nel nuovo libro bianco della difesa francese la capacità di inviare all'estero uomini scenderà da 50 mila a 30 mila giusto???

Ma questo numero non comprende già gli oltre 30 mila soldati schierati nelle varie colonie????

Cioè, la Francia ne suoi territori d'oltremare e nelle basi permanenti in Africa ha circa 30 mila uomini e oltre a quelli sarebbe in grado di inviarne all'estero altri 30 mila per una guerra???? giusto???

Link to comment
Share on other sites

Non ci state proprio azzeccando! :thumbdown:

 

MN da quaranta anni a questa parte è stata sempre inferiore, come capacità AAW di sicuro e in parte ASW alla MM.

 

E MM è sempre stata enormemente inferiore come capacità di proiezione di forza.

 

Da qui al 2020 quello che accadrà sarà che MN dovrà acquiire una capacità AAW che non ha mai posseduto, e Forbin+FREMM saranno un salto in avanti eccezionale per loro, mentre MM dovrà acquistare una certa capacità di proiezioe di forza che non ha mai posseduto, e anche qui Cavour + Doria+FREMM saranno un grosso passo in avanti.

 

Però la capacità di proiezione di forza di MN resterà enormemente superiore, grazie a quattro fattori dati dalla Legione che è facilmente impiegabile ed è in parte una componenete anche della proiezione di forza marina, una CVN che per quanto scarsa è sempre una CVN da 40kt, una rete di basi con magazzini, aeroporti e quanto altro serve a inviare in rifornimenti con semplici navi mercantili per poi consegnalrli alla squadra navale con i pochi rifornitori militari e infine 4 SSBN e 6 SSN.

 

Il gap che si ridurrà di molto sarà quello tra MN e RN, altro che tra noi e i francesi.

 

Tra noi e francesi si può dire che ci sarà una convergenza di requisiti operativi che non era mai esistita nel dopoguerra.

Link to comment
Share on other sites

Il gap che si ridurrà di molto sarà quello tra MN e RN, altro che tra noi e i francesi.

 

Totale disaccordo:

 

Proiezione di forze e sea control: da 3 PA classe Invincible vs 1 CdG passiamo a 2 PA da 60kt vs 1 PA da 40kt (sempre la CdG). Il differenziale tra RN e MN aumenta enormemente.

 

Nell'AAW e nell'ASW mi pare che il differenziale rimanga perlomeno invariato visto che le loro FREMM, con la sola esclusione delle due FREDA, non avranno le capacità AAW delle nostre, mentre gli inglesi avranno ben 6 Daring (che, per inciso e dispiace dirlo, sono superiori agli Horizon grazie al Sampson). Sull'ASW con 13 FFG classe Duke contro la sensibile riduzione francese lasciamo perdere che è meglio.

 

SSN e SSBN: mi pare che la situazione sia invariata.

 

Vedi, si è parlato su questo forum su chi, per primo, tra la marina francese e quella inglese sarebbe crollato: beh, con questo libro bianco mi pare sia toccato alla Francia. I tagli sono pesantissimi. Penso nessuno qui si aspettava che tagliassero 6-7 FREMM: prevedevamo tutti che al più sarebbero scesi a 13.

Link to comment
Share on other sites

Ma che confrontaiamo RN MM e MN con il tonnellaggio?

 

Fino a ieri le fregate e i caccia francesi erano dei rottami al confronto di quelle inglesi, almeno sulla carta perchè si è visto che qualche unità inglese era tutte chiacchiere e distintivo, e alle Falkland ha fatto solo da bersaglio.

 

E fino all'arrivo della CdG era la Foch contro le tre Invincible, e la Foch era davvero un rudere.

 

E pure sulla flotta subacquea, quella inglese era superiore per quaranta anni, mentre ora sarà esattamente uguale a quella francese, con l'aggravante che se non arrivavano gli americani a dare una mano gli Astute tanto silenziosi non sarebbero stati e il sistema di combattimento non avrebbe funzionato proprio, mentre i francesi sono stati preferiti a tutti gli altri per fornire i flank array dei Collins (che hanno il sistema di combattimento dei Virginia, mica un giocattolo) perchè dopo gli USA sono all'avanguardia nel mondo in quel settore.

 

Quando il Sampson funzionerà, i Daring saranno un poco superiori ai Doria e ai Forbin, ad oggi non funziona ancora (forse apettano l'arrivo di Raytheon o Hughes a dare una mano... :rolleyes: )

 

Quindi nel futuro MN avrà una capacità inferiore a RN, ma solo dal punto di vista quantitativo, non della qualità, mentre fino ad oggi la differenza qualitativa era enorme e a vantaggio della RN, a parte la breve parentesi della CdG.

Link to comment
Share on other sites

Rick il tuo errore di fondo è quello di fare il confronto tra ciò che si realizza e ciò di cui si fantasticava!

 

Ciò è sbagliato sempre, per tutte le marine, perché mai o quasi mai, vengono realizzati i programmi elaborati dagli stati maggiori e regolarmente cancellati dai politici!

 

Il paragone corretto da fare, invece, è tra ciò che c'era prima, ciò che c'è oggi e ciò che, realisticamente, con i piedi ben piantati per terra, ci sarà domani.

 

Per il confronto tra la MN e la MMI (a parte le incontestabili considerazioni di martin pescatore), dai uno sguardo al mio ultimo post ( http://www.aereimilitari.org/forum/index.p...st&p=146140 , messaggio n° 350 ) dove, dati alla mano, ho dimostrato che 2 + 2 = 4!!!

 

Per la Royal Navy evito di farti un raffronto per ciascuna categoria di naviglio e ti porto un solo esempio: a fronte di 12 (DODICI) caccia antiaerei classe "Sheffield" (type 42), vi saranno solo 6 (SEI) caccia antiaerei classe "Daring" (type 45)!!!

Link to comment
Share on other sites

I pescatori bloccano i porti, i camionisti si mettono in coda e fanno avanzare la Francia a lumaca, gli agricoltori murano le porte dei municipi, i ladri si danno all’assalto dei camion cisterna con la cura con cui un tempo i briganti si dedicavano alle diligenze. E la Marina? Come un automobilista qualsiasi, quella che orgogliosamente ha continuato a definirsi “la Royale”, annulla le missioni e raccomanda agli ammiragli di andare a far rifornimento dove il combustibile è meno caro. Siamo al razionamento, insomma. Strani tempi davvero quelli del petrolio a 120 dollari il barile. La scarsezza di combustibile è sempre stata una eccellente scusa delle flotte per restare ben accucciate nei porti, gli ammiragli italiani erano specializzati in questo esercizio di scusa preventiva.

Per i francesi, invece, è tempo di fare economia, dimenticandosi la grandeur sui sette mari. Si sbirciano ogni giorno i listini del greggio. Il bilancio della Marina è stato stilato con il petrolio a 65 dollari il barile; oggi costa il doppio. Addio esibizioni di potenza. E pensare che venti anni fa in Francia si facevano girare i motori dei carri armati a vuoto per consumare le riserve di benzina e non avere giacenze per l’anno dopo!

 

Le misure sono state adottate con grande discrezione. Non è il caso di diffondere la voce che la Marina della quinta potenza mondiale ha i serbatoi vuoti. Senza chiasso si è cominciato a cancellare le operazioni, protocollari ma anche operative. Le unità francesi in navigazione sono state invitate a rifornirsi nei porti dove il carburante è meno caro, con la raccomandazione in questo caso di riempire le cisterne fino a scoppiare. Nel Mediterraneo, ad esempio, bisogna fare rotta verso le basi della Nato a Creta e Sicilia. I prezzi sono competitivi. Anche le petroliere incaricate del rifornimento in mare sono state autorizzate in via eccezionale a scendere sotto la quota finora obbligatoria del settanta per cento e devono rifornire prioritariamente le navi nazionali. Gli alleati si arrangino.

 

Il Mistral, finora impegnato nelle operazioni di soccorso alle popolazioni birmane, doveva arrivare trionfalmente a Le Havre. Erano attese migliaia di persone e gli invitati sulla grande unità erano già stati pregati di dotarsi di scarpe piatte per salire a bordo. Peccato; missione cancellata, il viaggio di ritorno si fermerà a Tolone per risparmiare carburante. Nei porti del Mar nero non vedranno la fregata Montcalm che ha fatto parte della squadra navale di appoggio al contingente internazionale di pace in Libano. Anche lei tornerà a Tolone.

 

Ma queste sono missioni di prestigio e reclutamento. La fregata De Grasse, invece, doveva partecipare alle esercitazioni americane Jtfex al largo di Norfolk in Virginia. Manovre importanti perchè segnavano la nuova collaborazione franco americana ed era previsto lo schieramento dei “rafales’’ francesi nel gruppo navale di cui fa parte la portaerei Roosvelt. La De Grasse è una unità di costruzione antica e consuma molto. Resterà a casa. Niente navi francesi neppure alle operazioni di lotta contro il traffico marittimo della droga “Marcops”. Sono tempi duri per la Marina. A giugno Sarkozy doveva annunciare la costruzione di una seconda portaerei, secondo gli ammiragli indispensabile perchè la Charles de Gaulle è bloccata a Tolone fino all’autunno per la sostituzione del cuore atomico.

 

Sarkozy che l’aveva promessa durante la campagna elettorale, ha rinviato tutto al 2011 : «Devo riflettere, è una decisione difficile». Non è un soprassalto di tentazione disarmistica, è un problema di costi. Le notizie del razionamento navale arrivano quando mancano dieci giorni alla presentazione del libro bianco della difesa. Gli Alti Comandi si preparano alla stangata. Si annuncia la chiusura di numerose basi e la soppressione di 42 mila posti di lavoro. L’esercito peraltro manca di elicotteri e i carri armati risalgono alla Guerra fredda. E’ intanto è già iniziato il ritiro dall’Africa.

 

Fonte: La Stampa (Domenico Quirico, Parigi)

 

Nessuno l'ha postato...

Link to comment
Share on other sites

Certo che li abbiamo e oggi e uscito anche un articolo sulla nostra marina...ma noi non vogliamo mica conquistare il mondo facendo vedere che la francia e ovunque ed e imbattibile come ci vorrebbero fare credere i francesi...questo dimostra,se non si fosse capito prima,che i francesi anno gli stessi problemi di tutti.Ma mentre loro fanno crociere intorno al mondo per far vedere di cosa sono capaci,noi abbiamo risparmiato e agito per il bene del nostro paese e dell'intera comunita' internazionale,abbiamo mandato l'Etna e il Borsini a sventare attacchi pirati con successo,abbiamo una fregata e un NUMC davanti al Libano che svolge il suo lavoro egregiamente,e abbiamo potuto mandare il todaro in navigazione in atlantico a differenza dei nostri cugini.

Mi sa' che le crociere tanto amate da picpus verranno cancellate...

Edited by davidecosenza
Link to comment
Share on other sites

Certo che li abbiamo e oggi e uscito anche un articolo sulla nostra marina...ma noi non vogliamo mica conquistare il mondo facendo vedere che la francia e ovunque ed e imbattibile come ci vorrebbero fare credere i francesi...questo dimostra,se non si fosse capito prima,che i francesi anno gli stessi problemi di tutti.Ma mentre loro fanno crociere intorno al mondo per far vedere di cosa sono capaci,noi abbiamo risparmiato e agito per il bene del nostro paese e dell'intera comunita' internazionale,abbiamo mandato l'Etna e il Borsini a sventare attacchi pirati con successo,abbiamo una fregata e un NUMC davanti al Libano che svolge il suo lavoro egregiamente,e abbiamo potuto mandare il todaro in navigazione in atlantico a differenza dei nostri cugini.

Mi sa' che le crociere tanto amate da picpus verranno cancellate...

Anche su quella canadese e altre ne verranno...

Link to comment
Share on other sites

Certo che li abbiamo e oggi e uscito anche un articolo sulla nostra marina...ma noi non vogliamo mica conquistare il mondo facendo vedere che la francia e ovunque ed e imbattibile come ci vorrebbero fare credere i francesi...questo dimostra,se non si fosse capito prima,che i francesi anno gli stessi problemi di tutti.Ma mentre loro fanno crociere intorno al mondo per far vedere di cosa sono capaci,noi abbiamo risparmiato e agito per il bene del nostro paese e dell'intera comunita' internazionale,abbiamo mandato l'Etna e il Borsini a sventare attacchi pirati con successo,abbiamo una fregata e un NUMC davanti al Libano che svolge il suo lavoro egregiamente,e abbiamo potuto mandare il todaro in navigazione in atlantico a differenza dei nostri cugini.

Mi sa' che le crociere tanto amate da picpus verranno cancellate...

Dai uno sguardo al seguente link: http://www.jdb.marine.defense.gouv.fr/

 

alle altre 44 pagine dello stesso link ed ai vari sublink delle diverse unità navali francesi e dopo una giornata di navigazione (su internet!) vedrai se è vero che la "Marine Nationale" ha problemi di carburante, nella misura e nei termini in cui sono evidenziati, o se si tratta solo dell'articolo del solito francofobo di turno che vede le pagliuzze negli occhi altrui e non la trave nei propri!!!

 

Ed ora scusate, mi devo posizionare dinanzi la tv: scende in campo, la FRANCIA!!! :adorazione:

Link to comment
Share on other sites

Però Picpus le capacità di due Sheffield (vado a memoria ma mi sembra siano in grado di ingaggiare contemporaneamente 3-4 bersagli) restano comunque molto inferiori alle capacità di un singolo Daring.

Link to comment
Share on other sites

Però Picpus le capacità di due Sheffield (vado a memoria ma mi sembra siano in grado di ingaggiare contemporaneamente 3-4 bersagli) restano comunque molto inferiori alle capacità di un singolo Daring.

Ubiquità, questa sconosciuta... Purtroppo. Qual è il contrario di ubiquità?

Link to comment
Share on other sites

Però Picpus le capacità di due Sheffield (vado a memoria ma mi sembra siano in grado di ingaggiare contemporaneamente 3-4 bersagli) restano comunque molto inferiori alle capacità di un singolo Daring.

Un "Daring", probabilmente, vale più di tutti i 12 "Sheffield" messi assieme, ma un "Daring" non fa una flotta, 12 "Sheffield" si!!!

 

Comunque è fin troppo ovvio che una qualsiasi unità navale di una generazione successiva, vale di gran lunga più di un'unità della generazione precedente: se così non fosse, saremmo ancora all'età della pietra!

 

Ed è per questo che affermo che la MN sostituendo 11 navi con un'età media di 30 anni ed estremamente obsolete dal punto di vista tecnologico, con 11 (nella più pessimistica delle ipotesi) unità (le FREMM dei 3 tipi: ASW, AVT e AAW) modernissime (ed anche notevolmente di maggiori dimensioni), fa un salto di qualità straordinario, senza alcuna penalizzazione quantitativa!!!

Link to comment
Share on other sites

Hai ragione pero' rispetto a paesi come l'italia ha perso tantissimo terreno,e mentre 10-20 anni fa (per la componente di superficie,per quella subaquea non ce paragone)nessuno osava avvicinare italia e francia oggi si puo' e non ne usciremo affatto male.

Link to comment
Share on other sites

Guarda che il medesimo concetto vale per l'Italia. Le Maestrale erano e sono straordinarie nell'ASW, ma per il resto hanno poco (salvo il 127). Lasciamo stare poi le vecchie lupo già radiate.

E, per l'appunto, lo stesso vale per gli Horizon a sostituzione dei due Audace.

Link to comment
Share on other sites

Guarda che il medesimo concetto vale per l'Italia. Le Maestrale erano e sono straordinarie nell'ASW, ma per il resto hanno poco (salvo il 127). Lasciamo stare poi le vecchie lupo già radiate.

E, per l'appunto, lo stesso vale per gli Horizon a sostituzione dei due Audace.

Si ma 8 "Maestrale" + 4 "Lupo" = 12! Quante saranno le "FREMM" italiane? Massimo 10, più probabile 8!

 

Per quanto riguarda i caccia AAW.

 

Prima avevamo 2 "Impavido" + 2 "Audace".

 

Poi 2 "Audace" + 2 "Durand de la Penne".

 

Ora 2 "Durand de la Penne" + 2 "Andrea Doria".

 

Tra, al massimo 5 anni, solo i 2 "Andrea Doria".

 

I "Durand de la Penne" resteranno, se non erro, con gli SM-1 inutilizzabili e di altri 2 "Horizon" non se ne parla proprio (e neanche di "FREDA"!).

 

Quindi la MMI a fronte di un normale salto qualitativo legato all'acquisizione di naviglio di una generazione successiva rispetto a quello di cui dispone attualmente, subisce però, a differenza della MN, una contrazione quantitativa!

Link to comment
Share on other sites

I nodi vengono al pettine. Chirac ha lasciato un'eredità pesante al suo successore:

 

http://fr.news.yahoo.com/ap/20080608/tfr-p...es-9a28d55.html

 

La Marine française économise sur le carburant

 

AP - Dimanche 8 juin, 22h10

 

PARIS - La marine française a annulé des missions jugées non indispensables afin d'économiser le carburant, a-t-on appris dimanche auprès d'un responsable. Le budget avait été calculé sur la base d'un prix du pétrole de moins de 70 euros le baril, alors qu'il a atteint les 138,54 dollars vendredi à New York.

(Publicité)

 

"On préserve l'essentiel de notre activité de dissuasion, de prospection et de présence en zone de crise", a affirmé le capitaine de vaisseau Jérôme Erulin, commandant chef du service de communication de la Marine (Sirpa-Marine).

 

Des missions prévues pour l'été ont été annulées par l'"état-major des armées pour adapter les missions au fait que le gazole est de plus en plus cher", a-t-il expliqué, confirmant une information du "Point". "Nous sommes confrontés au même problème que tous les professionnels du déplacement, c'est une gestion normale de nos ressources en fonction de nos moyens."

 

Le bâtiment de projection et de commandement (BPC) "Mistral", de retour d'Asie du Sud-Est, ne se rendra pas au Havre pour le 14 juillet, la frégate "Montcalm" gourmande en carburant rentrera directement du Liban à Toulon sans passer par la mer Noire, et la frégate "De Grasse" ne participera ni à l'exercice opérationnel JFTEX (Joint Task Force Exercise) de la marine américaine ni à une opération internationale de lutte contre le trafic de drogue.

 

Les bâtiments de la Marine devront par ailleurs adopter "des méthodes de ravitaillement et des pratiques de dépense de carburant intelligentes", notamment en choisissant les ports en fonction des prix pratiqués, selon le capitaine de vaisseau Erulin.

 

"C'est douloureux", a-t-il reconnu, mais sinon "le budget va exploser". Des discussions sont en cours entre la Marine et l'état-major des armées afin d'"élaborer un plan pour continuer les missions essentielles et éventuellement lever le pied sur les missions moins essentielles", a-t-il poursuivi. "La vision à moyen et à long terme se travaillera avec le ministère de la Défense en fonction du prix du pétrole", a ajouté M. Erulin, mais "ll faut que l'on garde une capacité de réaction en cas d'aggravation de la situation en zone de crise." AP

 

Se fanno la PA2 a propulsione convenzionale......... non avranno i soldi per il jp dei Rafale :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl:

Edited by Cartman
Link to comment
Share on other sites

I nodi vengono al pettine. Chirac ha lasciato un'eredità pesante al suo successore:

 

http://fr.news.yahoo.com/ap/20080608/tfr-p...es-9a28d55.html

Se fanno la PA2 a propulsione convenzionale......... non avranno i soldi per il jp dei Rafale :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl:

Puro sciovinismo italico, se è vero quanto si legge nell'articolo al seguente link, sulla nostra situazione:

 

http://www.difesa.it/Sala+Stampa/Rassegna+...amp;pdfIndex=12

 

Guardiamo la nostra gobba, prima di guardare quella degli altri!!!

Link to comment
Share on other sites

Puro sciovinismo italico, se è vero quanto si legge nell'articolo al seguente link, sulla nostra situazione:

 

http://www.difesa.it/Sala+Stampa/Rassegna+...amp;pdfIndex=12

 

Guardiamo la nostra gobba, prima di guardare quella degli altri!!!

 

Sempre il solito :rolleyes:

 

Che MM non se la passi bene lo sanno anche i sassi sulla strada, ma da MN una cosa del genere è ben + grave. Come pretendono di sedere al tavolo dell'UNSC??

Vabbeh che ci sono entrati per capriccio, però a tutto c'è un limite.

Link to comment
Share on other sites

Tra, al massimo 5 anni, solo i 2 "Andrea Doria".

 

No, guarda i DlP rimarranno in servizio fino al 2020; per allora lo sa Dio con cosa li sostituiremo. Siamo italici e creativi, una soluzione salterà fuori (o almeno lo spero che, come giustamente hai detto tu, MMI è sempre stata basata su almeno quattro caccia negli ultimi tempi)

Link to comment
Share on other sites

No, guarda i DlP rimarranno in servizio fino al 2020; per allora lo sa Dio con cosa li sostituiremo. Siamo italici e creativi, una soluzione salterà fuori (o almeno lo spero che, come giustamente hai detto tu, MMI è sempre stata basata su almeno quattro caccia negli ultimi tempi)

Neanche Dio è in grado di prevedere le "italiche invenzioni marinare".

 

Poi bisogna vedere cosa si intende per caccia, visto che le FREMM GP, ESD, EMPARv2, 32 vls, 76/Davide e 127/Vulcano hanno capacità e dimensioni paragonabili o superiori ai 2 DlP, RAN-40L a parte.

Link to comment
Share on other sites

Hai ragione pero' rispetto a paesi come l'italia ha perso tantissimo terreno,e mentre 10-20 anni fa (per la componente di superficie,per quella subaquea non ce paragone)nessuno osava avvicinare italia e francia oggi si puo' e non ne usciremo affatto male.

 

 

Mi sa che ti sbagli.

 

Fino a poco tempo fà le unità di superfice francesi facvano una figuraccia a confronto di quelle italiane.

 

A loro di scambiarsi salve di missili con i caccia e le fregate sovietici non fregava niente, avevano come zone di interesse la costa orientale africana e i caraibi, e contro le temibili flotte angolane o cubane andavano con qualche exocet e mitragliere come difesa AA.

 

E pure nella lotta ASW hanno avuto dagli anni settanta un crollo quasi verticale, praticamente affidandola tutta alla compoennte aerea e agli SSN.

 

I francesi hanno fatto un salto qualitativo enorme, ovviamente hanno dovuto limare qua e là.

 

Noi abbiamo fatto pure un bel salto qualitativo, ma il punto di partenza era migliore.

 

Gli inglesi invece stanno perdendo colpi, passeranno da dodici caccia (che al momento del varo erano al top in Europa) a sei (programmati, ad ogi ne hanno costruito uno e finanziati direttamente tre) e il programma per le nuove fregate non è nemmeno al livello di disegni, come saranno e quante saranno è tutto da vedere, hanno la crisi economica dietro la porta di casa.

 

Resteranno la prima marina europea, ma il divario con la Francia si è ridotto abbastanza dal punto di vista qualitativo.

 

Per Cartman:

 

Qui leggo che l'Empar ha come requisito un target di 180km per rcs 10m2,lavora in banda C e il Sampson tra 400 e 1000km. Ma com'è possibile???

 

 

 

http://www.harpoonhq.com/waypoint/articles/Article_044.pdf

 

 

L'articolo che hai messo nella discussione sull'empar e lo SPY., è vecchiotto (2003) e dice che il Sampson ha una portata per il tracking di circa 400km e che può fare il tracking di un numero tra 500 e 1000 bersagli, non che rileva qualcosa a 1000km.

 

Però magaririesce a vedere da 1000km l'Enterprise in fase di rientro sulla Terra ! :D

 

L'articolo counque non è molto valido perchÈè troppo vecchio. Se è vero che la bada S permette implicitamente al Sampson una migliore portata, associato al radar di scoperta S1850M prestazioni simili non servono a molto.

 

Il vantaggio dell'antenna AESA lo ha già perduto, l'Empar entrerà in servizio con antenna AESA con le prime FREMM e sarà refittato successivamente su Doria e Bergamini.

 

Avrà forse un numero di tracce superiore, ma nemmeno è sicuro perchè l'Empar con l'antenna AESA dovrebbe ricevere anche nuovi calcolatori con capacità maggiori.

 

Se entra in servizio l'Empar a facce fisse pure il vantaggio delel due antenne del Sampson che raddoppiano la frequenza di scan se ne andrà.

 

Sicuramente il Sampson è un signor radar, ma gli inglesi ci buttano un sacco di soldi e altri ne dovranno buttare quando dovranno aggiornarlo, e ne metteranno in servizio una ventina di esemplari.

 

L'Empar arriverà di sicuro a quota 30 esemplari, e le spese di aggiornamento saranno divise tra Italia, Francia e quasi sicuramente Grecia.

 

Con la versione ridotta Kronos si arriverà forse a raddoppiare la base installata, con economie di scala enormi.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...