Jump to content

Graziani

Membri
  • Posts

    1,238
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    1

Everything posted by Graziani

  1. Ah ok ho capito grazie Flaggy era per sapere Vultur non ti consiglio di venire nella mia Italia a meno che ti piaccia stare in cassa integrazione come il sottoscritto
  2. Ragazzi ma perchè l'AMI con una parte dei soldi risparmiati con Typhoon ed F-35 non si compra una decina di C-17 Globemaster III????????
  3. sorry hai ragione Comunque posto una notizia di gennaio che credo non sia stata postata Nuovo Centro operativo Marina Militare 20 gennaio 2012 07.32 Inaugurato a Roma questa mattina, alla presenza del Ministro della Difesa Giampaolo Di Paola insieme al Capo di Stato Maggiore della Marina Militare Bruno Branciforte e al Comandante in Capo della Squadra Navale Luigi Binelli Mantelli, il nuovo Centro Operativo della Marina Militare, presso il complesso Santa Rosa, quartier generale del Comando in Capo della Squadra Navale (CINCNAV). Il nuovo Centro risponde appieno al Concetto Strategico della Marina Militare fondato su due essenziali pilastri: la sorveglianza integrata di spazi marittimi d’interesse e la proiezione di capacità in ambiente marino. Il Centro riunisce, in un’unica struttura, la Centrale Operativa di Sorveglianza Marittima, la Centrale Operativa Aeronavale e lo European Maritime Component Commander Ashore, al servizio della Sorveglianza Marittima Integrata che vede nella “condivisione e nella fusione delle informazioni, il perno della interoperabilità e della cooperazione interforze, interagenzia e internazionale” come spiega il Comandante di Cincnav Ammiraglio Binelli Mantelli, entrando nei dettagli al termine del saluto del Capo di Stato Maggiore, Ammiraglio Branciforte. Funzioni specializzate e realizzate ad altissima tecnologia, riunite in un unico comando che ne assicura velocità ed efficienza e che sottolinea, come spiega ancora l’Ammiraglio Binelli Mantelli “una naturale attitudine alla Sicurezza Marittima, nella sua duplice veste: security and safety”, secondo la terminologia internazionale. Ed è proprio la funzione internazionale che emerge dalla costituzione di questo centro: “Noi siamo una realtà, un Paese che deve esercitare il proprio ruolo – spiega il ministro della Difesa – e abbiamo il dovere e la capacità di concorrere con la comunità internazionale alla salvaguardia della sicurezza.” Un investimento in linea con l’adesione del nostro Paese a standard e ad organismi internazionali ai quali “il nostro Paese deve dare continuità e contributi”, come conferma il Ministro Di Paola. (G.S.) per vedere le foto: Mio Link
  4. TAGLI ALLA DIFESA, DECIMATA LA FLOTTA DELLA MARINA (Il SecoloXIX) - Dopo il disegno di legge sui tagli alle forze armate, la Marina militare sta progettando un consistente piano di riduzione della propria flotta. Fonti ben informate nel settore della Difesa fanno sapere che è prevista la dismissione, fra quest’anno e il 2016, di ben 26 fra navi di prima e seconda linea, oltre a mezzi navali per il supporto e la formazione degli equipaggi. A una prima analisi, questa sembrerebbe un’azione per limitare i costi e aumentare l’efficacia della flotta, che al suo interno conta unità vetuste. Ma chi conosce i precedenti progetti di dismissione della Marina, sa bene che in quest’ultimo è stata data un’accelerata notevole... Questo dovrebbe condizionare, riducendole, le attuali capacità operative delle Forze armate. Dunque, per la flotta come per il resto, il messaggio che passa è abbastanza chiaro: se si tagliano i mezzi, si taglia anche la possibilità di intervenire a favore delle missioni internazionali, e quindi fare valere in generale il peso dell’Italia nella politica geo-strategica internazionale. È prevista la dismissione delle 4 fregate classe Maestrale non ammodernate (ne rimangono in linea altrettante), 3 dei 4 pattugliatori di squadra classe Soldati, 6 delle 8 corvette classe Minerva, 3 dei 4 cacciamine classe Lerici, uno dei 2 rifornitori di squadra classe Stromboli, l’unità di soccorso polivalente Anteo, le 4 unità per l’addestramento classe Astice ed altrettanti rimorchiatori d’altura. Rispetto alla pianificazione precedente al ddl sui tagli alla Difesa, la componente delle fregate e dei pattugliatori d’altura registra un’anticipazione tale da creare una temporanea riduzione della linea operativa da subito, in attesa che dal prossimo anno entrino in servizio le nuove fregate Fremm, la seconda delle quali è stata varata lo scorso 31 marzo. Secondo i piani originali dovrebbero essere costruite 10 Fremm, ma ad oggi ne risultano finanziate soltanto 6, di cui le ultime 2 parzialmente. Sebbene persista il requisito per le rimanenti 4 unità, la Marina, insieme alla Difesa stanno valutando anche la costruzione di nuove unità multiruolo più piccole, da acquisire in numero maggiore (si parla di 6 unità) per compensare la cancellazione delle ultime Fremm. Queste navi rimpiazzeranno con cadenza annuale le Maestrale non ammodernate, che potrebbero avere una seconda vita a seguito dell’interesse manifestato da parte di altre Marine, fra cui quella peruviana e filippina. Da notare che in quest’ultimo caso potrebbero essere cedute e sottoposte a lavori di revisione ed ammodernamento da parte di Fincantieri e società di Finmeccanica, prima del definitivo trasferimento al cliente finale. Nessun rimpiazzo immediato è invece previsto per i 3 pattugliatori d’altura classe Soldati, il cui capoclasse Artigliere è stato ritirato lo scorso fine gennaio, così come per i 3 cacciamine classe Lerici e le 6 corvette classe Minerva, la cui dismissione è anticipata di oltre un quinquennio, e per cui un’eventuale cessione ad altre Marine, almeno per le corvette, verrebbe valutata anche a titolo gratuito. Stesso destino subiranno i 4 rimorchiatori d’altura e le 4 unità per l’addestramento. Saranno invece rimpiazzate da nuove costruzioni, fondi permettendo, la nave soccorso Anteo e la prima delle due rifornitrici di squadra classe Stromboli, destinare ad essere ritirate dal servizio rispettivamente nel 2015 e 2016, e comunque in concomitanza con le nuove unità. Nave Anteo è destinata al rimpiazzo con la nuova Unità Supporto Subacqueo Polivalente, il cui contratto per la costruzione deve essere assegnato a Fincantieri entro il 2012, affinché possa essere consegna alla Marina entro il 2015. Alla fine del 2011, la Direzione degli Armamenti Navali (Navarm) ha assegnato a Fincantieri un contratto del valore di 18 milioni di euro per gli studi di riduzione e definizione del progetto per la futura unità d’assalto anfibio tutto-ponte (Landing Helicopter Dock, Lhd) e per la menzionata nuova rifornitrice di squadra denominata unità da supporto logistico (Logistic Support Ship, Lss). Affinché quest’ultima possa essere consegnata alla Marina entro il 2016, è necessario che venga assegnato a Fincantieri un contratto per la costruzione entro il 2013.
  5. Per me alla fine saranno sicuramente 10 le FREMM.....sarebbe ridicolo ridurre a solo 6 unità e avere una linea caccia-fregate di sole 8 unità Va bene tutto ma così che schifo
  6. Il Ministero della Difesa Inglese ha scelto la proposta dei cantieri sudcoreani Daewoo Shipbuilding and Marine Engineer per la realizzzione dei 4 rifornitori a doppio scafo da 37.000 t.
  7. Prima prova di fuoco del Tomahawk sul sottomarino Astute
  8. Fuga di notizie sull’Iran: israeliani e britannici attaccheranno a Natale
  9. The Guardian: USA e Gran Bretagna pianificano un attacco all'Iran Un'operazione per neutralizzare gli impianti nucleari potrebbe essere lanciata entro i prossimi mesi WASHINGTON – Stati Uniti e Gran Bretagna sono pronte a colpire l’Iran. Un'operazione militare per neutralizzare gli impianti nucleari potrebbe essere lanciata entro i prossimi mesi, forse in primavera. La notizia diffusa dal sito del quotidiano britannico Guardian combacia con le indiscrezioni da Israele sulla decisione del premier Netanyahu di agire al più presto. L’offensiva – sempre secondo i media – potrebbe essere lanciata con missili da crociera, jet e piccoli nuclei di forze speciali. Londra, in coordinamento con gli Stati Uniti, avrebbe già studiato piani di contingenza e scenari per l’utilizzo dei suoi sottomarini d’attacco. Il progetto non ha subito accelerazioni, affermano le fonti del Guardian, tuttavia gli Usa vorrebbero intervenire prima che gli iraniani nascondano tutti i loro impianti in profondi bunker sotterranei. Un obiettivo che dovrebbero conseguire nell’arco di un anno. In realtà i tunnel sono una buona difesa ma l’aviazione statunitense dispone di bombe speciali studiate proprio per distruggere bunker. Ordigni che nei mesi scorsi sono stati forniti anche a Israele. ISRAELE- Sempre informazioni comparse sulla stampa aggiungono che i cacciabombardieri israeliani avrebbero intensificato le esercitazioni per missioni a lungo raggio. Alcune di queste simulazioni si sono svolte nel poligono italiano di Decimomannu, in Sardegna. In precedenza i piloti si addestravano usando lo spazio aereo turco ma da quando i rapporti tra i due paesi sono entrati in crisi, Gerusalemme ha inviato spesso i suoi jet in Italia grazie ad un accordo bilaterale. I RISCHI - Le voci su un possibile attacco all’Iran non sono nuove e ritornano di frequente. E’ strano, però, che siano diffuse in questo modo: nessuno avvisa il nemico su quello che vuol fare. Le rivelazioni dunque rappresentano una sorta di monito a Teheran ed esercitano una pressione su un regime piuttosto diviso. Il Pentagono, almeno fino a pochi mesi fa, si è sempre dichiarato contrario a una nuova guerra, soprattutto in Iran. Molti analisti hanno messo in guardia sui rischi: non c’è la sicurezza di un successo completo, l’intera regione potrebbe essere trascinata in un conflitto e gli ayatollah potrebbero ricorrere al terrorismo. L’ex capo del Mossad, Meir Dagan, che pure ha coordinato una lotta segreta contro i mullah, è apparso sulla stessa linea. Il quadro economico mondiale sembra sconsigliare nuove avventure belliche mentre il presidente Obama ha ordinato il ritiro dall’Iraq, ha in programma una forte riduzione di unità in Afghanistan ed ha autorizzato solo un impegno ridotto in Libia. IL CONTRASTO - Il quadro, tuttavia, è mutato dopo l’estate. Washington ha annunciato di aver sventato un presunto complotto terroristico iraniano contro l’ambasciatore saudita negli Usa ed ha esercitato pressioni sull’Aiea affinché riveli dati cruciali sulle ricerche atomiche di Teheran. L’intelligence ha aggiunto di aver rilevato attività di nuclei clandestini di pasdaran pronti a organizzare attacchi in diversi scacchieri. Per molti osservatori si tratta di segnali che fanno pensare a un aggravamento del confronto con l’Iran anche se le possibilità di un attacco sarebbero – per ora – remote. A meno che Israele non decida di passare all’azione. E a quel punto – aggiungono fonti diplomatiche – per gli Usa sarebbe complicato restare neutrali. Guido Olimpio 02 novembre 2011 Corriere della Sera
  10. Consegnato alla Marina francese il pattugliatore L’Adroit
  11. mi sa tanto che sto FRES va a farsi benedire....... Billion-pound upgrade to armoured vehicles announced
  12. Comunque secondo me i numeri contano ma fino ad un certo punto. Il Regno Unito nonostante i piccoli numeri riesce comunque a proiettare un complesso di forze decisamente notevole e questo perchè hanno una struttura ed un efficienza veramente ammirevole. E' anche vero che hanno il Territorial Army. Guardate quanti soldati ha la Francia e quanti mezzi e guardate il Regno Unito. Più o meno per quanti riguarda il numero dei mezzi siamo li eppure i Britannici li fanno funzionare con un numero molto inferiore di uomini!!! Efficienza
  13. io ho sentito dire che i Britannici prendono di più degli Americani però non ho fonti scritte per dimostrarlo.
  14. Sbaglio o i Sas hanno addestrato in passato i Delta force???
  15. bè si parlando dal punto di vista complessivo della RAF questa risulta superiore.
  16. no bè su quello hai ragione però alla fin della fiera la RAF si troverà con una linea da caombattimento parecchio ridotta, oserei dire di poco superiore alla nostra AMI.......
  17. Quindi la RAF avrà una linea da combattimeno praticamente identica sul profilo numerico a quella dell'Armee de l'Air ovvero di 300 velivoli. grazie E poi a questo punto non credo che ci saranno riduzioni per l'F-35 altrimenti difficilmento la RAF potrà disporre di un mix di 300 aerei da combattimento a meno che non elimini del tutto la componente dei Tornado. A questo punto mi sembra un pò stupido avere in linea tre caccia diversi. Si è vero ci sarà anche il Taranis ma chissà quando.
  18. Quindi ci sarà una Luftwaffe che conterà solo 180 caccia a meno che non ritiri tutti ma proprio tutti i Tornado. Noi con 96 Typhoon più 131 F-35 ( se non ci saranno riduzioni ) per un totale di 227 aerei La RAF?????
  19. non ho mai capito se i 30 mila uomini schierabili all'estero in caso di conflitto è riferito solo all'armee de terre o al totale di tutte e tre le forze armate
  20. ci sono varie ditte tessili ad esempio quella dove lavoravo io prima del fallimento aveva vinto una gara indetta dal Ministero Della Difesa proprio per le divise dell'esercito
  21. penso sia una cosa impraticabile. Prima cosa i costi d'acquisto che saranno enormi e poi come la si mantiene??? Hanno voluto a tutti i costi la propulsione convenzionale e questo non è un problema da poco e poi con quali soldi riempiamo il ponte di volo??? Mi piacerebbe moltissimo avere in dotazione una nave del genere ma non si può fare. Piccola parentisi.......sarebbe un peccato se l'F-35 a decollo verticale non venisse prodotto perchè vorrebbe dire declassare il Cavour a portaelicotteri
  22. La costruzione della HMS Prince of Wales, la seconda portaerei classe Queen Elizabeth (QE) della Royal Navy, è iniziata presso il cantiere di Govan di proprietà di BAE Systems sul fiume Clyde. Dipendenti e ospiti si sono riuniti presso il cantiere inglese con il Segretario di Stato alla Difesa Liam Fox, il quale ha premuto il pulsante della torcia al plasma che ha tagliato la prima lastra d’acciaio della nave. Secondo i piani di ridimensionamento delineati dall’ultima Strategic Defence and Security Review la HMS Price of Wales, terminata la costruzione, verrà messa subito in stato di “extended readiness”, ovvero sostanzialmente non operativa ma pronta ad entrare in azione a seconda delle necessità. La decisione se tenerla o venderla verrà presa nel 2015. Le nuove unità, HMS Queen Elizabeth e HMS Prince of Wales, avranno un dislocamento di 65.000 tonnellate e potranno operare fino a 40 velivoli ad ala fissa e rotante (F-35C Lightning II, piattaforme Airborne Early Warning, Chinook e Apache). I costi complessivi di acquisizione sono saliti da 5.7 miliardi di euro a circa 8 miliardi di euro (£7bn). BAE Systems è membro della Aircraft Carrier Alliance, consorzio industriale incaricato della produzione delle due QE, che comprende Babcock, Thales e il Ministero della Difesa britannico. I lavori sulla HMS Queen Elizabeth sono a buon punto con la costruzione dei componenti principali in corso presso sei cantieri in tutto il Regno Unito, tra cui quelli BAE Systems di Glasgow e Portsmouth, così come nei cantieri degli altri membri della ACA, Appledore, Merseyside, Newcastle e Rosyth, dove avrà luogo l’assemblaggio finale. A Govan si lavora sulla sezione mediana e su quella superiore di poppa, mentre a Portsmouth su quella anteriore e inferiore di poppa. I lavori sulle due isole, che ospitano le strutture di comando e controllo del traffico, cominceranno verso fine anno. La HMS Queen Elizabeth entrerà in servizio nel 2020, in coincidenza con l’arrivo dei primi F-35C JCA. 27 mag, 2011 Difesa News
  23. credo che i Mirage 2000 rimarranno per piu' di dieci anni visto che la Francia per il futuro avrà una componente d'attacco basata su 300 Rafale/Mirage 2000 in attesa credo di un UCAV con la U maiuscola.
  24. saranno sicuramente SAS e SBS con tutti i vari supporti
×
×
  • Create New...