Jump to content
Sign in to follow this  
davidecosenza

caschi bluy in sudan

Recommended Posts

ho letto che verranno inviati caschi blu in sudan l'italia partecipera?

L'Italia ha gia partecipato (Operazione Nilo) inviando un contingente di 200 uomini per 4 mesi a Kartoum.

Share this post


Link to post
Share on other sites
ma ne stanno mandando altri 23 mila(l'onu) dico,l'italia in questo novo contingente partecipera?

Non ho sentito niente, comunque spero di no!

 

Ci manca solo un'inutile missione in Sudan :thumbdown: Concentriamoci su Libano e Afghanistan.

Share this post


Link to post
Share on other sites

visto le regole di ingaggio dei caschi blu... tutte le missioni affidate a loro sono inutili.

Share this post


Link to post
Share on other sites
visto le regole di ingaggio dei caschi blu... tutte le missioni affidate a loro sono inutili.

E c'hai proprio ragione! :adorazione:

 

 

Per non parlare poi della Catena di Comando (che tutto è tranne una catena di comando) del fatto che per prendere una decisione ci si mettano secoli, della composizione eterogenea ed approssimativa dei contingenti. Poi si devono fare operazioni extra-ONU parallele per cercare di risolvere la faccenda.

Edited by Marvin

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anch'io spero prorpio che l'italia non parteciperà! Poi se è una misione ONU, è un buon motivo in più per stare a casa. :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

servirebbe per esperienza o no?

cmq credo che manderemo prorpio un contigente di 1000 2000 uomini.

ma e vero che i soldati che stanno in libano sono meglio armati del contigente in afghanistan

Share this post


Link to post
Share on other sites

"...The small African Union (AU) peacekeeping force in Sudan's western province of Darfur has been struggling to contain widespread abuses and violence.

More than two million people are living in camps after fleeing almost four years of fighting in the region and they are vulnerable without peacekeepers.

After months of stalling, Sudan now appears to have agreed to allow a much larger, stronger UN-controlled joint mission to replace it.

Sudan's government and the pro-government Arab militias are accused of war crimes against the region's black African population, although the UN has stopped short of calling it genocide.

Sudan also rejects moves by the International Criminal Court to name and then try war crimes suspects and hopes of peace remain elusive so far.

With much of Darfur inaccessible to aid workers and researchers, calculating how many deaths there have been in the past three years is impossible.

What researchers have done is to estimate the deaths based on surveys in areas they can reach.

The latest research published in September 2006 in the journal Science puts the numbers of deaths above and beyond those that would normally die in this inhospitable area at "no fewer than 200,000".

The US researchers say that their figures are the most compelling and persuasive estimate to date. They have made no distinction between those dying as a result of violence and those dying as a result of starvation or disease in refugee camps.

Accurate figures are crucial in determining whether the deaths in Darfur are genocide or - as the Sudanese government says - the situation is being exaggerated. " BBC World news Thuesday 29 May 2007

 

 

Bravi bravi...regole d'ingaggio o no caschi blu o mimetici, italiani o no...in Sudan ci sono milioni di rifugiati, migliaia di morti...solo perchè non ci sono interessi economici per l'occidente. Comodo vantarci d'essere peacekeepers allora...o lo si è o non lo si è...l'ipocrisia lasciamola ai pacifisti. OK? :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Bravi bravi...regole d'ingaggio o no caschi blu o mimetici, italiani o no...in Sudan ci sono milioni di rifugiati, migliaia di morti...solo perchè non ci sono interessi economici per l'occidente. Comodo vantarci d'essere peacekeepers allora...o lo si è o non lo si è...l'ipocrisia lasciamola ai pacifisti. OK? :)

Ma di concreto i caschi blu cos'hanno mai fatto? Le missioni ONU sono state tutte una farsa (o al massimo una mezza farsa). Nessuna che ha sortito fuori effetti concreti. Poi quelle fatte dall'Unione Africana sono anche peggio! Come in Africa Occidentale, dove nel 2000 migliaia di Caschi Blu vennero tenuti in ostaggio da un centinaio di balordi dei signori della guerra locale e si dovettero mandare 300 Royal Marines e una Invincible a risolvere la faccenda (Operation Palliser). L'interventismo buonista ed umanitario non serve a niente (poi sicuri che a Timor ci siamo andati per gli Indonesiani e non per gli Australiani? Guarda caso ci abbiamo schierato i G222 e la RAAF ha contribuito alla progettazione del C27J!!!).

 

 

Ed in Sudan poi, con la Cina che copre il governo locale che nega l'auotrizzazione a qualsiasi intervento ONU (è nel loro diritto, l'ONU li è ospite e deve rispettare le regole dei padroni di casa) non si è fatto, non si fa e non si farà mai niente.

 

Poi è anche ora che l'Africa si dia una regolata, che se sta nella m**** non è solo colpa del colonialismo o delle multinazionali occidentali, ma anche la colpa è anche loro, che si massacrano reciprocamente senza motivo senza nemmeno provare a cooperare (AIUTATI CHE DIO TI AIUTA! Anche Israeliani e Palestinesi, ogni tanto, arrivano a trattare!), nonchè di tutte quelle missioni ONU ed aiuti umanitari che mandiamo. Dei missionari (frati francescani, mi sembrano abbastanza attendibili!) mi hanno detto che se gli costruisici un pozzo, finchè resti li a ripararglielo e a tirargli fuori l'acqua allora va tutto bene, poi quando te ne vai viene tutto abbandonato. L'unica è OBBLIGARLI a costruirselo da soli. Se avessimo applicato la famosa massima Confuciana SE QUALCUNO TI CHIEDE UN PESCE INSEGNAGLI A PESCARE e gli avessimo mandato pale e zappe anzichè sacchi di riso (con la bandiera americana sopra perchè, guarda caso, viene tutto dalla KATTIVISSIMA AMEVICA!) a quest'ora le cose andrebbero meglio. Non vogliono l'ingerenza occidentale? Bene, inizino a cavarsela un po' da soli, chè guarda caso in tutto il mondo, tutti i popoli, anche quelli che sono stati sfruttati a lungo nella storia, qualcosa hanno compicciato.

 

Io sono un gran sostenitore degli interessi nazionali (nonchè dell'abolizione del buonismo, del pacifismo ipocrita e del politicamente corretto). Ed è giusto così, mica c'ho scritto giocondo in faccia. Prima penso a me, poi, eventualmente, agli altri, anche perchè se non risolvo prima i miei problemi è un po' difficile risolvere quelli degli altri no?

 

L'Italia ha interesse ad un Afghanistan che non sia più in mano ai terroristi di Al Qaeda? SI. Si va

L'Italia ha interesse ad un Meidoriente-Mediterraneo pacificato? SI. Si va.

L'Italia ha interesse alla stabilizzazione dei Balcani? SI. Si va.

 

Ma col Sudan non ci azzecchiamo molto, ed uno Stato non può applicare la mentalità delle Suore di Madre Teresa di Calcutta al suo operato. I missionari possono farlo. Emergency può farlo. Le ONG possono farlo. Ma uno Stato no. Ha altri compiti, obblighi e priorità da onorare, verso i suoi cittadini e (al massimo) verso i paesi alleati/amici.

 

 

Poi in Sudan, quando ci siamo andati, non abbiamo fatto iente o quasi. Tranne quelli del Col Moschin che hanno sforacchiato (termine tecnico ANNICHILITO) quattro briganti che hanno attaccato il convoglio della Contini non abbiamo fatto proprio niente. Stavamo li calmi e buoni a Kartoum al Comando Operazioni. Ruolo vitale per i poveracci del Darfur!!!

Edited by Marvin

Share this post


Link to post
Share on other sites

Eh si, Marvin ha proprio detto tutto quello che c'era da dire in proposito. :adorazione:

 

E voglio aggiungere anche un'altra cosa. Vi ricordate il caso Ruanda, quando nel 1994 le due etnie del paese africano, Tutsi e Hutu si squoiavano fra loro e l'Onu, benchè presente non mosse minimamente un dito?? E la cosa più grave è che l'incapacità delle Nazioni Unite portò alla morte 10 caschi blu belgi, trucidati dai ribelli. Ecco, se ci fosse stato un continegente NATO, col c***o che provavano a sparare! :angry:

Edited by FedeKW11

Share this post


Link to post
Share on other sites

oltre che ad una farsa spesso sono pure ridicoli.

Come quando un battaglione ONU olandese scappo senza difendere sebreniza dai serbi.

 

 

EDIT

Durante i fatti di Srebrenica, i 600 caschi blu dell'ONU, le tre compagnie olandesi Dutchbat I, II e III, non intervennero: motivi e circostanze non sono ancora stati del tutto chiariti.

 

La posizione ufficiale è che le truppe ONU fossero scarsamente armate e non potessero far fronte da sole alle forze di Mladić. Si sostiene, inoltre, che le vie di comunicazione tra Srebrenica, Sarajevo e Zagabria non fossero ottimali, causando ritardi e intoppi nelle decisioni.

 

Quando i serbi si avvicinarono all'enclave di Srebrenica, il colonnello Karremans diede l'allarme e chiese un intervento aereo di supporto il 6 e l'8 luglio 1995, oltre ad altre due volte nel fatidico 11 luglio. Le prime due volte il generale Nicolaï a Sarajevo rifiutò di inoltrare la richiesta al generale Janvier nel quartier generale dell'ONU a Zagabria perché le richieste non erano conformi agli accordi sulle richieste di intervento aereo. Non si trattava ancora, infatti, di atti di guerra con battaglie a fuoco. L'11 luglio, quando i carri armati serbi erano penetrati nella città, Nicolaï inoltrò la domanda di rinforzi a Janvier, che inizialmente rifiutò. La seconda richiesta dell'11 luglio fu onorata ma gli aerei (F-16) che stavano già circolando da ore in attesa dell'ordine di attaccare avevano nel frattempo ricevuto ordine di tornare alle loro basi in Italia per potersi rifornire di carburante.

 

Alla fine, solo due F-16 olandesi procedettero ad un attacco aereo, praticamente senza alcun effetto. Un gruppo di aerei americani apparentemente non fu in grado di trovare la strada. Nel frattempo l'enclave era già caduta e l'attacco aereo fu cancellato per ordine dell'ONU, su richiesta del ministro Voorhoeve, perché i militari serbi minacciavano di massacrare i caschi blu dell'ONU di Dutchbat.

 

Gran parte della popolazione ed i soldati olandesi erano già fuggiti e si erano rifugiati nella base militare dell'ONU di Potocari. Davanti alla minaccia ed allo spiegamento di forze di Mladić, i caschi blu decisero di collaborare alla separazione di uomini e donne per poter tenere la situazione sotto controllo, per quanto fosse possibile nelle circostanze.

 

La città di Srebrenica era comunque inserita nella futura Entità Serba e le prime bozze degli accordi di Dayton non potevano prevedere enclaves. Di fatto la conquista della città da parte dei serbi avrebbe consentito di arrivare a definire la situazione territoriale attuale e, di conseguenza, di portare avanti gli accordi di pace.

 

I soldati olandesi subirono pesanti accuse da parte dei media al ritorno in patria. Numerosi soldati soffrirono di stress post-traumatico in seguito alla vicenda, e sostengono di essere stati ingiustamente criticati dalla stampa. Il 4 dicembre 2006 il Ministro della Difesa olandese ha decorato con cinquecento medaglie il battaglione di pace che aveva il compito di proteggere Srebrenica. La motivazione fornita dal portavoce olandese precisa che questa non costituisce una medaglia al valore, bensì una forma di ricompensa per le accuse - ritenute ingiuste - a cui i soldati olandesi vennero sottoposti.

 

Medaglia all'incapacità e alla codardia più che altro

Edited by Leviathan

Share this post


Link to post
Share on other sites

Marvin sante parole le tue, e hai perfettamente ragione qunado dici "dai ad un uomo un pesce e lo sfamerai un giorno, insegnagli a pescare e lo sfamerai tutta la vita"! Noi occidentali invece di continuare a mandare in africa soldi(che usano regolarmente per comprare armi e non per lo sviluppo) e cibo gratuitamente, dovremmo cominciare a farli arrangiare. Non hanno mai fatto un ca22o in tutta la loro vita perchè gli occidentali ( che ricordo sono i cattivi) "lavoravano al loro posto"! é ora di smetterla. che si arrangino. Vogliono ammazzarsi??? sono ca22i loro. Noi (+ di )una possibilità per crescere l'abbiamo data(soldi, cibo,ecc...). ora sta a loro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

marvin ahi prorpio ragione l'africa dippende dall'occidente .

per esempio d'alema costruira una autostrada in libia da 3 miliardi di euro invece di spenderli per ospedali che fanno schifo ,lotta alla criminalia e anke abbassamento del debito publico.

ma poi non capisco perché i soldati onu anno la tuta mimetica e poi il casco blu e i mezzi bianchi

Share this post


Link to post
Share on other sites
ma poi non capisco perché i soldati onu anno la tuta mimetica e poi il casco blu e i mezzi bianchi

Perchè fa figo! :okok:

 

Speriamo che non pitturino di bianco almeno le Defender del 9° altrimenti a quei poveracci del Col Moschin i loro colleghi "specialisti" di mezzo mondo li piglieranno per il didietro finchè campano! :rotfl:

 

 

 

Comunque alla fine si devono sempre rischierare contingenti extra-ONU per fare qualcosa. I Royal Marines in Africa, la NATO nei Balcani, anche in Somalia, per ristabilire l'ordine e poter distribuire il cibo ed i medicinali, gli USA dovettero schierare 20.000 US Marines EXTRA-ONU che avevano regole d'ingaggio differenti. Guarda caso nessuno gli ha dato noia. Molti caschi blu invece sono stati uccisi o massacrati (i Pakistani) impunemente. Questo la dice lunga anche sulle condizioni in cui si trovano ad operare i soldati, senza tutele, garanzie, con una condizione giuridica ambigua e che gli lascia ben poche coperture legali, senza sapere a chi devono rispondere (tecnicamente all'ONU, però loro sono soldati di un paese sovrano e quindi devono rispondere a quest'ultimo... che si fa si tira a caso?) e con regole d'ingaggio che spesso li autorizzano a sparare quando ormai è troppo tardi... forse che un cadavere può rispondere al fuoco? Poi è inutile dargli carri armati ed elicotteri da combattimento se per sparare si devono fare decine di richieste a decine di persone diverse (cosa che richiede tempo) e sperare poi che tutti dicano SI. I nostri al pastificio disser fan*****o e si misero a sparare e se abbiamo avuto solo 3 morti è perchè saltarono completamente la linea di comando ONU ed improvvisarono. L'autorizzazione all'impiego della forza arrivò a battaglia finita! A cosa cavolo pensano i politici quando organizzano certe pagliacciate Dio solo lo sa... RISULTATO: missioni inutili, nessun risultato apprezzabile, soldati morti inutilmente, materiali logorati per nulla, tanti soldi buttati... ed i poveracci di mezzo mondo continuano a rimanere poveracci ed a morire di fame/malattia/guerra.

 

COMPLIMENTI AGLI OLANDESI ED AI PEZZI GROSSI ONU! SPINA DORSALE EH! :thumbdown:

 

 

Quanto sull'autostrada in Libia mi sembra che serva ad estinguere i danni di guerra o cose simili... e comunque garantirà un accesso privilegiato al gas metano libico.

Share this post


Link to post
Share on other sites

avete mai notato che l'unico paese africano decente è il sud-africa???chissà perchè... :rolleyes:

Share this post


Link to post
Share on other sites

ma mi potete dire quale sn in generale le regole di ingaggio che approva l'onu per una missione tipo in somalia o libano?

Share this post


Link to post
Share on other sites

bhe... più o meno dicono... se vi riempiono di piombo... voi prima tentate di fare pace... poi saparate in aria... poi sparate ai cattivi,senza fargli troppo male :lol:

Edited by vorthex

Share this post


Link to post
Share on other sites

Pare che in Libano siano state richieste ROE a prova di Somalia... seeee! Gia mi immagino il casino se uno dei nostri Parà/Marò ANNICHILISCE (termine tecnico :rotfl: ) un Hezbollah che fa lo s*****o!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Marvin, leggo ora il post.

 

Io volevo far riflettere sulla questione ONU and peacekeepers ( leggi Afganistan) e sull'ipocrisia che ne deriva se si decide l'intervento armato su basi d'interesse economico. Non la si può raccontare in un modo e poi comportarsi diversamente. Ammettesse il governo italiano che in Afganistan si è intervenuti per interesse prima che per scopi umanitari allora capirei e appoggerei un disinteresse verso il Sudan ma, siccome è utile venderla in un modo allora si deve mantenere anche un minimo di coerenza ergo, se vai in Afganistan ufficialmente come peacekeeper allora devi andare anche in Sudan e non importa se le regole d'ingaggio ONU sono una catena alle mani e se quei sudanesi del Darfur si rivelano piantagrane buoni solo a piangere...ci devi andare per coerenza. Se non ammetiamo questo è come se accettassimo d'essere fatti fessi quotidianamente. Se il governo me la vende in un modo va bene ma non mi fa fesso.

Anche io dico che il buonismo è un lusso, e l'Italia non ci naviga certo dentro. Di cattivo gusto la rincorsa mediatica a farsi belli sbarcando i sacchi di grano da C130 con militari. Di cattivo gusto la costruzione di ospedali e cliniche per poi lasciarli al loro destino per ripicca verso il governo locale che non ti ha applaudito ( per poi indignarsi se quegli ospedali sono stati -dopo- rilevati dallo stesso governo...) -vedi Emergency e il sig. Strada-

Però la forza militare ONU ha come missione quella d'intervenire nei conflitti fratricidi dove le vittime civili sono da sempre altissime. E' l'unica garanzia che si ha d'imparzialità ed è la concretizzazione di quell'idea che si aveva di 'giusto'.

Ora, che fino ad ora sia servita a poco è da vedere...in Libano negli anni 80 l'Italia fece bene e avevano i caschi blu...in Africa è quasi all'ordine del giorno che un convoglio ONU scorti dei rifugiati o protegga campi di sfollati, e se i caschi blu non sono attaccati non è per timore di una rappresaglia ma perchè l'ONU sono le Nazioni Unite...e al palazzo di vetro viene vagliata ogni mossa di ogni stato sovrano e se necessario condannata e forse non ti bombardano ma la prossima volta non potrai avanzare pretese o richieste d'aiuto.

Cmq, se l'ONU finalmente potrà entrare in Darfur non lo farà per risolvere il problema economico del paese, lo farà per garantire un cessate il fuoco che al momento uccide molti più civili di militari e citatemi un militare che sia contento di vedere morire i propri connazionali non in armi... e le guerre civili distruggono i paesi molto più di quelle convenzionali...le malattie ( in Africa il morbillo è micidiale per i bambini sotto i 5 anni) nei campi profughi sono micidiali, falciano. Ma non voglio farvi cadere nessuna lacrimuccia. Quel che dite è giusto e sacrosanto ma se l'ONU esiste è per evitare queste situazioni, è nato apposta. Allora che operi e sia messo in grado di operare. Le regole d'ingaggio vanno annullate. L'ONU ha una forza militare, bene la usi come si usa un esercito, si faccia rispettare.

Ho vissuto per un periodo in UK e gli inglesi insegnano...battaglieri, forti e individualisti ma mostrano compassione e rispettano chi ne ha...certo se serve usano il bastone, ma quello serve... chi lo nega.

Tutto quà, mi ha dato fastidio leggere "...spero l'Italia non partecipi" e via dicendo. Avrei preferito leggere " ...sarebbe l'ora che l'ONU mostrasse i muscoli e tirasse fuori qualche pallottola" specie nel Darfur dove allo stato attuale si capiscono solo le maniere forti... non per imporre la Pace, per spegnere la moria di civili che di quella guerra ne farebbero a meno.

 

Amichevolmente

Share this post


Link to post
Share on other sites

Attenzione: L'ONU NON HA UNA FORZA MILITARE. L'ONU chiede in prestito dei contingenti ai paesi membri (pagandoli profumatamente!). Questo è il grosso problema: a chi devono far capo questi contingenti? L'ONU non può assumersi la responsabilità politica di utilizzare delle forze armate di uno Stato sovrano. Occorrerà sempre il benestare (non scontato) dello Stato a cui appartiene quel contingente. E' per questo che non può funzionare. Inoltre anche lo status giuridico del Casco Blu è ambiguo. Meglio che l'ONU... "appalti" la missione ad una coalizione o alla NATO, garantendo la cornice giuridica ed i limiti del mandato. Ma a questo punto si parla necessariamente di ENFORCING. Inoltre l'eterogeneità, la preparazione ed il modus operandi dei contingenti sono talmente variegati da rendere impossibile l'operare congiuntamente. Adesso voglio sapere come si possono mettere assieme Boliviani, Australiani, Ghanesi e Pakistani! Solo gli Aussies combinerebbero qualcosa. Ergo: questi contingenti eterogenei e scarsamente (o per niente) interoperabili sono del tutto (o quasi) inefficienti.

 

In Sudan l'ONU può fare poco e niente perchè non può agire senza prima chiedere il permesso a Kartoum, e visto che la Cina para il c****o al governo sudanese in ambito Consiglio di Sicurezza in cambio di enormi quantitativi di petrolio a buon mercato, non si potrà mai cambiare la situazione.

 

Anch'io sono dell'opinione (e mi pare di averlo scritto) di smetterla con l'ipocrisia del Peace Keeping (che in fondo non esiste, meglio parlare di Peace Enforcing oppure Stabilisation & Reconstruction) ed essere più concreti.

 

CONCRETAMENTE NON VUOL DIRE NIENTE SE MILIONI DI PERSONE MUOIONO DI FAME, ABBIAMO I NOSTRI PROBLEMI A CUI PENSARE, NON SI PUO' ANDARE A PULIRE IL NASO A TUTTI I DISGRAZIATI CHE CI SONO SULLA TERRA, SIAMO COERENTI. ABBIAMO LE NOSTRE PRIORITA' E LE NOSTRE ESIGENZE. PRIMA VENIAMO NOI, POI, EVENTUALMENTE, GLI ALTRI. DELLA GENTE MUORE? PACE, NON CI SI PUO' FARE NIENTE, E COMUNQUE NON PRIMA DI AVER SISTEMATO I NOSTRI PROBLEMI E CURATO I NOSTRI INTERESSI. NON POSSIAMO SALVARE TUTTI. METTIAMOCELO IN TESTA. A COSTO DI PASSARE DA CATTIVONI INSENSIBILI (IN FONDO E' COSI' CHE CI CHIAMANO MALGRADO TUTTI GLI AIUTI CHE GLI INVIAMO). SIAMO REALISTICI.

 

Quindi smettiamola con la pagliacciata dei caschi blu. Se la cosa si vuol fare, o si costringe l'ONU a formare una coalizione come in Iraq per il Desert Storm (figurati cosa avrebbero potuto fare li i Caschi Blu) o come in Bosnia con Allied Force (idem) oppure si lascia stare che forse si fanno anche meno danni.

 

In Somalia morivano di fame/guerra prima dell'arrivo dei Caschi Blu, hanno continuato a morire durante la missione e continuano a morire nonostante questa sia conclusa (fallendo i suoi scopi, ovviamente) da più di dieci anni. Stessa roba per tutti gli interventi ONU. Nei Balcani se non interveniva la NATO si compicciava poco e niente (non che si sia riusciti a fare di meglio, ma almeno non si spara dalla mattina alla sera) e nonostante tutto la situazione non è del tutto stabilizzata, spece in certe zone come il Kossovo, dove solo la presenza dei nostri soldati armati delle missioni NATO e UE evita (quasi sempre) il riaccendersi degli scontri.

 

Poi filter dimentichi che in Afghanistan, accanto ad una missione definita S&R e non di PEACE KEEPING (ISAF), c'è n'è una di combattimento (Endurign Freedom) e comunque in nessun caso ci sono Caschi Blu, ma una Coalizione formata grazie alla copertura legale ONU. Ed infatti i risultati, anche se a fatica, si ottengono. E la cosa è MOOOOOOOOOOOOOOOOLTO diversa dal Sudan! Tanto per cominciare l'Afghanistan dei Talebani era una minaccia per l'Occidente, il Sudan non lo è, motivo buono per farlo scendere nella lista delle priorità (siamo degli Stati, non delle associazioni di mutuo soccorso).

 

Se ti da fastidio la verità, e cioè che è inutile (ed economicamente controproducente) partecipare ad una missione ONU in Sudan, beh... BENVENUTO NEL MONDO REALE! L'ONU non potrà mai mostrare i muscoli, a meno che non mandi la NATO o una coalizione internazionale guidata dagli USA e dai 4 grandi (UK, FR, D, I) dell'UE in una missione di Enforcing alla quale garantisca SOLO la cornice legale e gli obiettivi da conseguire, lasciando ai diretti interessati modus operandi e catena di comando. Altrimenti non si farà mai niente di niente.

 

Infatti guardiamo la QRF francese supportata dagli assetti pregiati del contingente italiano in UNIFIL 2. Francia ed Italia hanno fatto capire chiaramente che non vogliono più condurre le missioni ONU alla vecchia maniera e che se Hezbollah (le voci su Israele sono solo... voci, per tenere buoni gli arabi, figuriamoci se ci mettiamo a sparare contro gli Israeliani - e non perchè localmente sono più forti militarmente - checchè ne dica Pellegrini) rompe i c******i ed il governo libanese fa troppo il finto tonto, allora li rompiamo noi per benino.

 

Se poi si insiste a voler fare le Florence Nightingale della situazione allora stabiliamo una bella TASSA UMANITARIA al 40% del reddito, reclutiamo a forza 150.000 giovani tra i 18 ed i 25 anni, diamogli un Casco Blu e spediamoli in mezzo mondo, dove c'è la gente che sta male perchè ci sono i cattivi, a fare le Suorine della Carità. Così saremo più coerenti ed umanitari. Si, certo, e gli asini volano! Voglio proprio vedere gli italiani cosa direbbero di farci coi rifugiati del Sudan!

 

Piccola NOTA: avete notato che i contingenti ONU sono composti da paesi del secondo e terzo mondo, con economie deboli? Perchè l'Unione Africana si impelaga in tutte le missioni ONU nel continente nero? Come mai l'Uruguay spedisce un sacco di roba in Congo o in Angola? Com'è che il Bangladesh ed il Nepal mandano uomini a destra e a manca? Per spirito di carità? Perchè sono più buoni e pacifisti di noi? NO, PERCHE' L'ONU PAGA AGLI STATI UN SACCO DI SOLDI PER LA LORO PARTECIPAZIONE ALLE MISSIONI (AD ITALIA, USA, UK, FRANCIA E GERMANIA DEVE ANCORA UN SACCO DI SOLDI!). Cos'è che dicevi filter? Proteggere i rifugiati? Fermare i genocidi? Seeeeeeee, SOLDI, ecco cosa vogliono gli Stati che partecipano alle missioni ONU. Ed infatti quei contingenti non fanno mai nulla, ne si impegnano per farlo. Poi dicono che sono gli occidentali che sono mossi da meri interessi economici.

 

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

 

Piccola precisazione sulla missione in Libano agli inizi degli anni '80

 

NON ERA UNA MISSIONE ONU, era un intervento unilaterale (quindi KATTIVISSMO, DA CAPITALISTA IMPVERSENTABILE ED IMPEVIALISTA E CHE FA LE GUEVVE PEV IL PETVOLIO) attuato da USA, Francia ed Italia proprio perchè l'ONU non ci chiappava niente e gli israeliani se ne fregavano (ovviamente e forse anche giustamente) di quello che succedeva nel paese dei cedri, e cioè un massiccio IN FOR THE KILL, un tutti contro tutti in stile DUELLO ALL'OK CORRAL. L'ONU c'era, ma non poteva farci niente... ne è riuscita a salvare il Libano dallo sfascio in tutti questi anni. Chissà perchè?

Edited by Marvin

Share this post


Link to post
Share on other sites
KATTIVISSMO, DA CAPITALISTA IMPVERSENTABILE ED IMPEVIALISTA E CHE FA LE GUEVVE PEV IL PETVOLIO

scusa marvin ma avevi un incubo con bertinotti ieri notte all'una meno venti? :okok::rotfl:

attento a te! si sarà accorto che gli fai l'imitazione!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

"...CONCRETAMENTE NON VUOL DIRE NIENTE SE MILIONI DI PERSONE MUOIONO DI FAME, ABBIAMO I NOSTRI PROBLEMI A CUI PENSARE, NON SI PUO' ANDARE A PULIRE IL NASO A TUTTI I DISGRAZIATI CHE CI SONO SULLA TERRA, SIAMO COERENTI. ABBIAMO LE NOSTRE PRIORITA' E LE NOSTRE ESIGENZE. PRIMA VENIAMO NOI, POI, EVENTUALMENTE, GLI ALTRI. DELLA GENTE MUORE? PACE, NON CI SI PUO' FARE NIENTE, E COMUNQUE NON PRIMA DI AVER SISTEMATO I NOSTRI PROBLEMI E CURATO I NOSTRI INTERESSI. NON POSSIAMO SALVARE TUTTI. METTIAMOCELO IN TESTA. A COSTO DI PASSARE DA CATTIVONI INSENSIBILI (IN FONDO E' COSI' CHE CI CHIAMANO MALGRADO TUTTI GLI AIUTI CHE GLI INVIAMO). SIAMO REALISTICI." quotato Marvin.

 

Stai pure tranquillo che nessuno ti bolla come 'cattivone insensibile' al massimo come menefreghista.

Non si tratta di andare a 'far del bene', l'ho scritto anche precedentemente. Non è una questione di buonismo che siamo d'accordo è espressione solo di facciata. L'ONU è nata con l'intento di evitare i conflitti in base alla lezione imparata dalle due guerre mondiali. E' un organismo nato con questo scopo, ed è l'unico che può obiettivamente farlo. Quel che si vuole è la fine della mattanza che magari a te non frega niente-anche a me frega sinceramente poco se milioni di persone nei Developing Countries muoiono perchè povere, non mi tocca, non riesco a sentirne il dolore ma mi da fastidio se i civili muoiono a centinaia di migliaia a causa di guerre intestine ovunque nel mondo-ma a qualcuno preme.

Se in Occidente ci fosse una guerra civile, tutti sarebbero in armi...laggiù no, la metà di loro manco sa perchè stanno combattendo nel villaggio vicino e gente ignara si ritrova senza più una famiglia dalla mattina alla sera. Questo è inammissibile, all'ONU c'è una carta detta dei Diritti dell'Uomo, è un traguardo raggiunto non è solo poesia, e quella carta vale per tutti anche per i 'cattivoni e insensibili' che usano la forza solo per proprio interesse.

Mettiamola in altro modo, l'ONU interviene ma i contingenti sono tutti africani o provenienti da nazioni del terzo mondo, l'occidente ( siccome non ha interessi diretti e soldi, vite da buttare) se ne tira fuori. Andrebbe meglio?...mi dirai "...ma cosa vuoi che facciano quei quattro cialtroni d'Africa impelagati come sono nel sbarcare il lunario"... eh, cosa vuoi che facciano, ci vanno perchè pagati profumatamente, perchè neanche l'ONU ha soldi da buttare.

Immagina nel tuo vicinato una famiglia disgraziata che come speso succede, oltre ad essere povera si inguaia di continuo e a farne le spese sono i bambini...lo ammetteresti? lasceresti che a pagare più di tutti siano i bambini? non perchè piccoli e indifesi e fonte d'ispirata tenerezza che scalda il cuore dei buoni d'animo, no. Interverresti per la dignità dell'essere umano, in quanto tu stesso essere umano. Come fai a continuare ad essere vicino di casa di un tizio che per sfogare la sua rabbia maltratta gratuitamente i propri figli? o cambi indirizzo ( compri due belle fette di mortadella e te le cali sugli occhi) o vai dalle forze dell'ordine e lo denunci. Perchè con tutte le battaglie giustificate dall'interesse che hai fatto sin ora ( attenzione, tutti si lotta per il proprio interesse, lo so bene ed è fisiologico che sia così, ci mancherebbe) puoi benissimo farne una con l'unico scopo di salvaguardare la Tua dignità, perchè anche questa alla fine è di tuo interesse. La dignità anche negli affari ha peso, se la perdi il tuo potere contrattuale crolla

Poi a me sta bene se non si va, se l'Italia rigetta la richiesta d'invio di un contingente ma deve metterci la faccia e chiarirne il motivo senza fronzoli, deve farlo per noi ( cittadini Italiani) e per il suo prestigio e assumersene le responsabilità perchè una scelta del genere comporta responsabilità.

Se si nega che l'ONU ha il dovere d'intervenire allora si deve rinnegare l'ONU stesso, andiamo avanti per bande armate ( Nato- ex patto di Varsavia- lobby economiche-sette religiose) e vince chi resta vivo...bella prospettiva, anche perchè non è detto alla fine la banda cui l'Italia appartiene, vincerà.

Share this post


Link to post
Share on other sites

In Sudan non risolverà nulla perchè la Cina ha fatto dell'attuale governo di Khartoum, reo, oltre al genocidio delle popolazioni del sud, di sostenere il terrorismo internazionale, il perno della propria politica terzomondista in Africa e lo appoggia con tutte le forze nel consiglio di sicurezza.

Share this post


Link to post
Share on other sites

La carta dei diritti dell'uomo purtroppo per alcuni è meno utile della carta-igenica.

 

L'ONU secondo il mio parere è la cosa + inuile che si poteva creare. Di fatto non ha nessun potere. E non venite a dirmi che le risoluzioni dell'ONU vengono ascoltate o servono a qualche cosa, perchè se non sbaglio Corea del Nord, Iran, Israele e Palestina(mi vengono i mente solo adesso) fino ad ora, codeste risoluzioni le hanno usate per pulirsi il ****.

 

Marvin ha ragione l'ONU può fare la voce grossa e mandare in Sudan 3 marocchini 2 cingalesi e 5 venusiani con un casco blu in testa. Liberissimi di farlo, ma che non vengano a chiedere a noi i soldi per pagarli. E poi il problema non è che non si possono aiutare quelle popolazioni, il problema è che non vogliono essere aiutati.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×