Jump to content
Sign in to follow this  
Maverick1990

Processo Franzoni

Recommended Posts

Ragazzi non abbiamo mai parlato del processo Franzoni, non sto qui a riassumervela perchè probabilmente la vicenda vi sta uscendo fuori dalle orechie a forza di sentirla ( e qui ci sarebbe da discutere, evidentissima la fretta degli investigatori e dei periti nel far intervenire giornali televisioni ecc...) però mi piacerebbe discuterne con voi.

 

Vi dico la mia opinione :

 

Ho l'impressione che si sia perso veramente troppo tempo, i giudici e le varie perizie si sono soffermati tantissimo sul pigiama sporco di sangue, quando a parer mio, diventa difficile ricavarci qualcosa....( a cosa ti serve sapere se il bambino lo indossava oppure no? mah..)

 

Quello però che mi ha impressionato più di tutta la vicenda è il comportamento dei familiari della franzoni, non posso credere che i suoi parenti più vicini non sappiano nulla, e non posso nemmeno credere che un marito possa mai perdonare sua moglie se ella uccide il suo bambino...prima o poi sotto le pressioni psicologiche qualcosa scappa...ma quel che mi suona ancora più strano è che la stessa franzoni è impassibile davanti agli interroatori.

Se questa donna è veramente colpevole si comporta come se non avesse fatto il reato, se escludiamo qualche pianto ( è sempre morto suo figlio non dimentichiamocelo) davanti a qualche psicologo, il suo comportamento non si è spostato di una virgola, freddo e sicuro.

 

sulla base di queste supposizioni non riesco a trovarmi alcuna spiegazione se non una che ancora sinceramente non ho sentito approvare da nessuno.

Quel che mi viene da chiedermi è: e se fosse statto proprio il fratello di samuele?

 

Questo ricostruirebbe tutto:

1) I familiari più stretti della franzoni sarebbero disposti a perdonare il fratellino ( è strano che degeneri in questo modo ma può succedere che da bambini il gioco si trasformi velocemente in litigio, soprattuto se i bambini vivono in un ambiente familiare piuttosto teso)

2) La freddezza della franzoni sarebbe spiegata, non avendo nulla da nascondere sulle accuse mosse su di lei continua, impassibile, a mantenere il suo comportamento

3) lo stesso assassino, il fratello di samuele, avendo comunque una tenera età ( 5 anni se non ricordo male al momento dell' omicidio) dimentica o ignora l'accaduto, agevolato anche dal fatto che non si interroga un bambino di 5 anni..

 

Cosa ne pensate voi?

Share this post


Link to post
Share on other sites

:blink::blink: Accidenti Mav, se cosi fosse, il casino che salterebbe fuori non se lo può immaginare nessuno. Cmq non t sembra un'ipotesi un po troppo fuori dalla realtà?

A mio parere lo sanno pure i muri che è stata lei ad uccidere il bambino...

Probabilmente, in preda ad una crisi nervosa, lo ha ucciso e poi ha rimosso completamente i suoi ricordi, tanto che ora non sa neanche cosa sia successo veramente.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questa del fratellino è una tesi che ho già sentito, a dire il vero.

 

A me questo processo piace poco.

Le indagini sono state fatte malissimo (troppo mediatiche) e di fatto alla fine l'unico elemento di prova contro la Franzoni sono le macchie di sangue, ed in particolare la loro distribuzione.

 

Su queste però, bisogna "fidarsi" del parere dei periti, e i periti a volte sbagliano.

 

La mancanza di un chiaro movente, la mancanza dell'arma del delitto, la mancanza di una prova oggettivamente certa, fanno sì che la Franzoni sembra essere stata condannata non tanto perchè è dimostrato che è stata lei, quanto perchè lei era in condizioni di farlo e non è stato trovato nessun altro potenziale colpevole.

 

Sono due cose diverse, a ben vedere, e in punta di diritto la Franzoni dovrebbe essere assolta perchè la sua colpevolezza non è stata dimostrata - secondo me - oltre ogni ragionevole dubbio.

 

D'altro canto, logica vuole che sia stata lei, è inutile girarci attorno.

Ma con la logica non si dovrebbe mandare dentro la gente.

La logica è una cosa, le prove sono altre.

 

Purtroppo il problema è che per la Legge italiana, nessuno può essere processato due volte per lo stesso crimine.

Se la Franzoni fosse assolta, non potrebbe mai più essere processata, nemmeno se un domani si scoprisse che è stata davvero lei.

 

Al contrario, una persona condannata può sempre contare sul fatto che se emergono prove di innocenza, il processo si riapre.

 

Morale della favola: la Franzoni non avrebbe mai dovuto essere incriminata.

Bisognava continuare ad indagare, e passare all'incriminazione, e al processo, solo quando ci fossero state prove certe.

 

Questo è l'errore imperdonabile che è stato commesso.

Share this post


Link to post
Share on other sites

allora c'è qualcuno che non scarta a priori l'ipotesi del fratellino oltre a me. mi fa piacere questo.

 

Gianni & Fede ma come fate a dire con una quasi assoluta certezza che è stata lei, com' è possibile che regga così per 6 anni, e soprattuto i familiari? i nonni, il padre...ma come farebbero a nascondere un segreto del genere?

 

Trovo anche io ingiusta la condanna alla Franzoni, ho la stessa tua impressione Gianni, mi sa tanto che l'hanno condannata a 16 anni solo perchè bisognava condannare qualcuno.

 

Ma cosa si sa di certo in questa vicenda? manca movente, prova e arma del delitto che dovrebbero essere tre pilastri principali su cui condannare o rimandare a giudizio una persona...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Noi non possiamo giocare ai piccoli investigatori...

Si è parlato e sparlato di questa vicenda anche troppo...

Dopo 2 gradi di giudizio forse sarebbe meglio stendere un velo pietoso su tutta questa orribile storia...

 

E' vero, i periti a volte sbagliano...

Può anche essere che a sbagliare siano stati il Ris di Parma e i periti della magistratura:

si spera che in tal caso l'abbiano fatto in buona fede, visto che loro hanno il compito di appurare i fatti in modo oggettivo...

Non so se potremmo dire la stessa cosa dei periti della Franzoni che invece avevano un unico obiettivo (come giusto che fosse): tirare acqua al mulino dell'accusata...

Dubbio lecito se pensiamo che a volte l'hanno fatto in modo goffo (come con la famosa impronta "dell'assassino" che poi si è rivelata essere di uno dei periti).

 

In presenza di prove indiziarie, assenza di arma del delitto e di un movente che non fosse la follia di una madre, anche gli avvocati ci hanno messo del loro....

Taormina si è fatto un bel po' di pubblicità...sebbene la sua linea difensiva sembrava più che altro quella di intorbidire le acque con false piste e sbraitare contro i magistrati...

 

Mettiamoci poi i media che si sono buttati a capofitto nella vicenda, mostrando come al solito, incompetenza, pressapochismo e discutibile moralità, nel modo in cui l'hanno data in pasto alla curiosità morbosa del pubblico...

Questo, senza farsi tanti problemi, passava da una puntata di Colombo, a una di Porta a Porta col criminologo o lo psicologo di turno...

Non che la famiglia dell'accusata sia stata da meno... Franzoni &co passano da una trasmissione televisiva all'altra, scrivono libri e pensano alla sceneggiatura di un film...

 

Mah, tutta questa vicenda mi ha sinceramente disgustato...

In tutto questo, restano ben poche certezze, per chi, come me, non conosce a fondo le carte processuali e gli elementi di prova...

 

Come dice Gianni, resta la logica, con cui uno si può fare un'opinione, ma non so manco quanto valga la pena esprimerla..

Tanto a stabilire chi abbia ammazzato quel bambino, non sarà certo un sondaggio di opinioni...

Edited by Flaggy

Share this post


Link to post
Share on other sites

x Mav90.

 

Io dico solo che da un punto di vista logico, è normale pensare che la madre sia colpevole: era nelle condizioni di poterlo fare, non è spuntato fuori nessun altro, per cui è logico pensare che sia stata lei.

 

Il discorso del suo comportamento e di quello dei suoi familiari tocca aspetti psicologici che non possiamo valutare.

Il cervello umano è complesso, e se la realtà è troppo dolorosa, ne costruisce una alternativa per proteggersi.

 

Ma tutto questo non ha nulla a che vedere con le prove, sulle quali dovrebbe basarsi un processo.

 

Flaggy, proprio la "mediaticità" sta rovinando ancor più una giustizia che già non funzionava proprio bene.

 

Esisteva un tempo in cui la giustizia era di qua, ed i giornalisti erano ben di là.

Oggi le indagini e i processi si fanno in TV, e un magistrato sa bene che un processo molto visibile gli potrà garantire fama, carriera (anche politica) e soldi.

Lo stesso vale per avvocati e per imputati.

Anche le forze dell'ordine ne sono influenzate: quando un caso è su tutti i giornali, le pressioni per cui sia individuato rapidamente un colpevole diventano fortissime.

 

Tutti questi elementi non aiutano certo la serenità e l'equilibrio (e l'imparzialità) che dovrebbero caratterizzare qualsiasi processo o indagine penale.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Noi non possiamo giocare ai piccoli investigatori...

Qua nessuno fa il piccolo investigatore, ma solo ne riflette e ne discute assieme agli altri.

 

x Mav90

 

Ho detto che è stata sicuramente lei, perchè non c'è nussun altro indiziato e quando Taormina ha detto di averlo trovato, il tutto si è rivelato una gran bufala. Se fosse stato qualcun altro, avrebbe lasciato almeno una MINIMA traccia... invece nulla, non c'è nulla apparte qualche telefonata intercettetata la notte del delittto, dove la franzoni aveva chiamato un medico perchè aveva avuto qualche crisi nella notte; le famose macchie di sangue e tutte le successive perizie.

 

L'unica indiziata e sospettata è lei. E' ormai inutile che continui a negarlo.

Comunque è vero, dargli 16 anni in Corte d'Appello non è giusto, a pare mio gliene dovevano confermare 30.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cogne, la strage di Erba, la vicenda di Erica ed Omar o del piccolo Tommy sono lo specchio di un disagio sociale che sfocia in tragedie che coinvolgono, oltre che persone, anche aspetti psicologici e intimi in cui non bisogna buttarsi a capofitto avendo in mente più una puntata di CSI e del Grande Fratello che il dovuto "tatto" che imporrebbe a tutti di fare un passo indietro...

Per questo motivo, ipotizzare in questa sede scenari privi di riscontri e ancor più agghiaccianti (un bambino che ne uccide un altro) in una vicenda già di per se orribile, è un passo che forse potremmo evitare di fare...

Intendevo dire solo questo FedeKW11, niente di più e niente di meno...

Discutere e soprattutto riflettere, non è certo un male...

Edited by Flaggy

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...