Vai al contenuto
Accedi per seguirlo  
Dominus

Ucciso Basayev, capo della guerriglia cecena

Messaggi consigliati

Credo che ad Ant e non solo faccia molto piacere questa notizia.

Ancora non è confermata ma pare che le forze di sicurezza Russe abbiano fatto il colpaccio, complimenti e continuate così!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Credo che ad Ant e non solo faccia molto piacere questa notizia.

Si, senza dubbio. Era ora che si sbarazzassero di lui. Penso che oramai la notizia possa essere considerata confermata, perche' il capo della FSB lo ha riferito al presidente... quindi penso che sia una cosa certa.

 

Approposito, quando ho visitato il forum oggi non avevo ancora guardato il notiziario alla TV, quindi ho saputo la notizia da te Dominus :)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Basayev.

 

Bhè, era ora no?

 

Come l'hanno "sistemato"?

 

-----------

 

Ok, visto al TG.

 

Certo l'FSB lavora meglio della CIA non è vero? Voglio dire... Putin abbaia e le forze di sicurezza mordono l'osso nel giro di poco.

Modificato da -{-Legolas-}-

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Certo l'FSB lavora meglio della CIA non è vero? Voglio dire... Putin abbaia e le forze di sicurezza mordono l'osso nel giro di poco.

Non ho capito, sarebbe una specie di battuta sarcastica o cosa?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mosca, 10 lug. (Adnkronos/Ign) - Il terrorista ceceno Shamil Basayev è stato ucciso nella notte in un'operazione delle forze speciali russe in Inguscezia. A renderlo noto il capo dei servizi segreti russi (Fsb, ex Kgb), Nikolai Patrushev, subito dopo avere informato il presidente russo Vladimir Putin.

 

Il leader dei guerriglieri ceceni, 41 anni, è accusato da Mosca di essere il mandante della presa di ostaggi nel teatro moscovita Dubrovka e di quella nella scuola di Beslan, costata la vita a più di trecento persone (metà erano bambini). Petrushev ha fatto sapere che Basayev stava preparando un attacco terroristico nella Russia meridionale in concomitanza con il summit del G8 a San Pietroburgo questo fine settimana.

 

''E' una punizione meritata per questi banditi - ha detto Putin -. In nome dei bambini di Beslan, Budennovsk, e per tutti gli attentati che hanno commesso a Mosca e nelle altre regioni della Russia, tra cui l'Inguscezia e la Cecenia''.

 

Il capo dei guerriglieri ceceni è rimasto ucciso nella notte, insieme ad altri cinque uomini, nella violenta esplosione di un camion riempito di tritolo, nel villaggio di Ekazhevo. Lo ha confermato all'agenzia di stampa russa 'Interfax' il vicepremier della piccola repubblica caucasica russa, Bashir Aushev. ''Basayev si trovava in una delle auto che accompagnavano il camion'' carico d'esplosivo, ha precisato Aushev. La deflagrazione del mezzo pesante è stata causata da un'''operazione speciale''. Stamani le agenzie russe avevano riportato la notizia dell'incidente, senza precisare che tra le vittime figurava anche la 'primula rossa' dell'indipendentismo ceceno. L'esplosione è stata così violenta da ridurre a brandelli i corpi delle vittime. Il cadavere di Basayev, secondo quanto hanno riferito le forze di sicurezza russe, è stato ritrovato decapitato. L'identificazione è stata fatta su alcuni frammenti del suo corpo.

 

 

Io ora vorrei solo dire una cosa Ant...

 

ma perchè questa cosa va benissimo, e invece se gli americani uccidono Al-Zarkawi si fa tanta polemica sui civili rimasti uccisi?

 

Qui è stato usato un camion pieno di tritolo, non sappiamo chi fossero gli altri cinque uomini, l'esplosione in un villaggio, ci poteva rimanere secco chiunque....

 

spiegamela questa cosa Ant, com'è che questo ti va bene e quello no?

 

Io almeno sono coerente: mi vanno benissimo entrambi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Touchè John, pensavo di fare la stessa domanda ma non riuscivo a capire come l'avessero fatto secco

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Gianni065

 

spiegamela questa cosa Ant, com'è che questo ti va bene e quello no?

 

Io almeno sono coerente: mi vanno benissimo entrambi.

 

Anch'io sono coerente. Se viene fuori che tra i morti c'erano dei civili innocenti e che la FSB lo sapeva - per me non va bene! Anzi anche in questo caso diro che e' assolutamente sbagliato.

 

Pero' per quanto ne sappiamo fin ora sono morti solo terroristi. E poi "nel villaggio di Ekazhevo" non e' un informazione esatta, l'esplosione e' avvenuta a 2Km dal villagio, per strada, di notte... Teoricamente anche li ci potevano essere dei civili ma e' poco probabile...

 

Il fatto e' che non conosco ancora i particolari dell'operazione ma a me sembra meno pericolosa per quanto rigurda la vita di civili rispetto a quella contro Al-Zarkawi. Cioe' se hai un esplosivo radiocomandato in un camion lo puoi fai saltare un po' quando vuoi. per esempio quando vedi che non c'e' nessuno in giro. Se invece tiri una bomba su una casa in mezzo alla citta - e' un rischio enorme, non importa quanto sia precisa e intelligente la bomba.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Certo l'FSB lavora meglio della CIA non è vero? Voglio dire... Putin abbaia e le forze di sicurezza mordono l'osso nel giro di poco.

Non ho capito, sarebbe una specie di battuta sarcastica o cosa?

E' una provocazione Ant.

 

Com'è che Basayev banfa d'incrementare l'attività, e pochi giorni dopo lo beccano a colpo sicuro? Perchè una cosa è trovarlo e scaricargli addosso una JDAM prima che scappi, un'altra è preparargli il "piattino" aspettando che ci faccia la scarpetta.

 

Vuol dire che c'era qualcuno che lo tampinava, un traditore magari, uno che riferisce i movimenti, così da poter far fuori l'obiettivo quando e come conviene. A due Km dalla città poi..

 

E' questo "quando e come conviene" che mi lascia perplesso.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ant, questa distinzione tra "bomba intelligente" e carica esplosiva radiocomandata è un po' forzata.

La carica la metti se puoi metterla, innanzitutto, e in entrambi i casi non è possibile essere certi al 100% che non ci saranno altre vittime.

 

 

Al momento non si sa molto circa la dinamica dell'uccisione, quello che si sa è che Baseyev viaggiava in auto, in un convoglio di cui faceva parte un camion che conteneva 220 libbre di esplosivo (circa 100 kg) , esplosivo dei ribelli.

 

A un certo punto il camion è esploso.

 

Sul posto gli artificieri hanno poi disinnescato circa 40 testate di razzi, il che lascia ritenere che ci fosse almeno un altro veicolo con a bordo armi ed esplosivi.

 

I ribelli dicono che è stato un incidente, il governo russo dice che è stata un'operazione militare, parte della stampa russa dice che potrebbe essere stato un missile.

 

In effetti alla storia dell'incidente credo poco, è possibile che l'intelligence russa sia riuscita a piazzare una carica radiocomandata o a tempo nel camion, ed è possibile che il convoglio sia stato attaccato con missili.

 

I morti in tutto sono variamente indicati tra sei e dodici.

 

Comunque, l'importanza di questi episodi non sta tanto nell'uccisione in sè (muore uno e se ne fa un altro) quanto nel fatto che dimostrano l'efficienza del sistema di intelligence, dimostrano la capacità di penetrare nelle maglie più protette dei terroristi.

 

Ritengo che se si arriva a individuare con tanta precisione la posizione di un leader, significa che certamente i servizi di intelligence possono individuare con maggiore facilità tante altre figure che leader non sono, dai semplici combattenti ai capi intermedi.

 

E siccome negli altri casi non ci sono eliminazioni mediante bombe ed esplosivi, la conclusione è che la decisione di impiegare mezzi pesanti è presa solo quando il bersaglio è così pagante da compensare i rischi connessi.

 

E penso che non ci sia modo di sapere se nella casa di un leader terrorista c'è anche qualche civile, così come non c'è modo di sapere se all'ultimo momento a un convoglio si aggrega un'auto civile che magari sta transitando proprio in quel momento.

 

Se ci si dovesse porre ogni volta il problema di evitare la morte di un civile, forse non si riuscerebbe mai a uccidere un terrorista, visto che a questo basterebbe stare sempre in compagnia di una donna con bambino.

 

Tutto qui.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
mmazza ragazzi è in corso una piccola guerra fredda nel forum!!! :okok:

Te ne sei accorto anche tu?

 

Se sono davvero i russi si nota la classica posizione russa (potrebbe essere solo un luogocomune) di "non facciamo prigionieri".

Maschadof ex presidente ceceno ucciso durante un combattimento.

Numero di prigionieri fatti dai russi al teatro di mosca = 0

Numero di prigionieri fatti dai russi a Beslan (su 20 e passa) = 1

 

Ricordate la città russa che per un giorno era sotto controllo ceceno?

Quanti palazzi liberati con "nessun guerrigliero catturato, ma tutti uccisi".

 

è una vita che pensa a ciò.

Comunque congratulazioni ai russi per l'eliminazione di quel bast....

 

Spero solo che la guerriglia ora inizi a collasare avendo perso entrambi i leader della guerriglia cecena

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

-{-Legolas-}-

Com'è che Basayev banfa d'incrementare l'attività, e pochi giorni dopo lo beccano a colpo sicuro?

E' da 11 anni che lo cercano... le sue recenti minacce non c'entrano niente.

 

E' questo "quando e come conviene" che mi lascia perplesso

Guarda, se i servizi segreti sono riusciti ad infiltrare un agente o comunque ad avere delle informazioni dall'interno - beh c'e' solo da eserne fieri, perche questa e' una cosa molto difficile ma allo stesso tempo e' il modo piu' efficace di combattere il terrorismo.

 

Io pero sinceramente ho un piccolo dubbio... non scarterei la possibilita di un incidente o comunque di una serie di coincidenze fortunate... Boh! Spero pero' che sia davvero stata un operazione speciale a tutti gli effetti.

 

 

Gianni065

La carica la metti se puoi metterla, innanzitutto, e in entrambi i casi non è possibile essere certi al 100% che non ci saranno altre vittime.

Certo, il rischio c'e' sempre. La questione e' QUANDO il rischio passa da accettabile ad inacettabile. E comunque un discorso e' quando parli di rischio (probabilita') un altro e' qundo hai la certezza che morira qualche innocente e sei comunque deciso a portare avanti l'operazione. Se ti ho capito bene nell'altra discussione tu saresti pronto ad uccidere il terrorista pur avendo la certezza di sacrificare una o piu' vite innocenti. Io no.

 

Leviathan

Se sono davvero i russi si nota la classica posizione russa (potrebbe essere solo un luogocomune) di "non facciamo prigionieri".

Non ti capisco. Cosa centra la "posizione russa"? A me sembra l'unica posizione logica possibile (forse perche sono russo?! :) ).

Se le forze speciali irrompono nella scuola/teatro e vedono un terrorista con una cintura di esplosivo e un AK47 ci sono solo due possibilita: o il terrorista si becca subito una pallottola in testa o ti ritrovi con una cinquantina di civili morti e feriti.

Non e' una questione di volerlo prendere vivo o morto, e' una questione di salvre quanti piu' ostaggi puoi.

 

Dimmi un po' tu quale sarebbe l'alternativa, magari la "posizione italiana" in questo caso?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Qui ha ragione Ant, se ti trovi davanti a dei terroristi potenzialmente suicidi con ostaggi qualsiasi forza armata dalle Spetnaz al SAS alle guardie svizzere non sta a fare prigionieri, cerca di ammazzarli tutti e subito.

Comunque per quel terrorista di Beslan credo che sarebbe stato meglio morire subito, è giusto un' impressione...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
E' questo "quando e come conviene" che mi lascia perplesso

Guarda, se i servizi segreti sono riusciti ad infiltrare un agente o comunque ad avere delle informazioni dall'interno - beh c'e' solo da eserne fieri, perche questa e' una cosa molto difficile ma allo stesso tempo e' il modo piu' efficace di combattere il terrorismo.

Figurati, io non stavo mettendo in dubbio la bravura degli agenti. :rolleyes:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
-{-Legolas-}-
Com'è che Basayev banfa d'incrementare l'attività, e pochi giorni dopo lo beccano a colpo sicuro?

E' da 11 anni che lo cercano... le sue recenti minacce non c'entrano niente.

 

E' questo "quando e come conviene" che mi lascia perplesso

Guarda, se i servizi segreti sono riusciti ad infiltrare un agente o comunque ad avere delle informazioni dall'interno - beh c'e' solo da eserne fieri, perche questa e' una cosa molto difficile ma allo stesso tempo e' il modo piu' efficace di combattere il terrorismo.

 

Io pero sinceramente ho un piccolo dubbio... non scarterei la possibilita di un incidente o comunque di una serie di coincidenze fortunate... Boh! Spero pero' che sia davvero stata un operazione speciale a tutti gli effetti.

 

 

Gianni065

La carica la metti se puoi metterla, innanzitutto, e in entrambi i casi non è possibile essere certi al 100% che non ci saranno altre vittime.

Certo, il rischio c'e' sempre. La questione e' QUANDO il rischio passa da accettabile ad inacettabile. E comunque un discorso e' quando parli di rischio (probabilita') un altro e' qundo hai la certezza che morira qualche innocente e sei comunque deciso a portare avanti l'operazione. Se ti ho capito bene nell'altra discussione tu saresti pronto ad uccidere il terrorista pur avendo la certezza di sacrificare una o piu' vite innocenti. Io no.

 

Leviathan

Se sono davvero i russi si nota la classica posizione russa (potrebbe essere solo un luogocomune) di "non facciamo prigionieri".

Non ti capisco. Cosa centra la "posizione russa"? A me sembra l'unica posizione logica possibile (forse perche sono russo?! :) ).

Se le forze speciali irrompono nella scuola/teatro e vedono un terrorista con una cintura di esplosivo e un AK47 ci sono solo due possibilita: o il terrorista si becca subito una pallottola in testa o ti ritrovi con una cinquantina di civili morti e feriti.

Non e' una questione di volerlo prendere vivo o morto, e' una questione di salvre quanti piu' ostaggi puoi.

 

Dimmi un po' tu quale sarebbe l'alternativa, magari la "posizione italiana" in questo caso?

ant fra i due mali si scegli il minore

 

se ogi posso prendere un terrorista rischiando la vita di 1 o 2 civili

è sempre meglio di farne morire 100.000/200.000/500.000 o molte di piu in un attentato!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
la "posizione italiana" in questo caso?

In Italia, gli agenti del servizio segreto sarebbero stati processati per omicidio volontario :whistling:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

COmunque i pesci grossi storici della uerriglia cecena ce ne sono andati a miglior vita.

Iniziera a calare la spirale della violenza?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sono stati stupidi e hanno perso quell'appoggio internazionale del quale godevano con questi atteggiamenti sanguinari, ora sono tutti con i Russi e al massimo potranno continuare con il terrorismo ma la Repubblica Cecena di Ichkeria mi sembra ormai una cosa passata.

 

P.S. Comunque è rimasto ancora Umarov che pare non essere una testa calda come questi altri, fossi nei Russi penserei ad una trattativa che conceda maggiore indipendenza alla regione e un amnistia a chi si consegna, concordando il futuro governo anche con questa gente, almeno questi non sono whaabiti e non sono legati ad Al Quaeda.

Modificato da Dominus

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

scherzi?

il mitico colonnelo del kgb non concedera mai l'amnistia

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Sono stati stupidi e hanno perso quell'appoggio internazionale

Io la metterei in un altro modo. Gli occidentali sono stati abbastanza stupidi (o ingenui) da bersi la storiella della guerra d'indipendenza. Questa non c'e' mai stata! Per chiamare un cosa "guerra per l'indipendeza" almeno si deve essere sicuri che il popolo della regione appogia l'idea dell'idipendenza. E questo non c'era! Se qualche centinaio di malviventi ha deciso di farsi un proprio stato indipendente - non e' una guerra per l'indipendenza - e' solo un branco di terroristi.

 

Infatti dal 1996 al 1999 la Cecenia di fatto era indipendente. Cosa ne e' venuto furi? L'imvasione da parte dei ribrelli ceceni del Dghestan (una regione della Russia adiacente). Questo ha fatto traboccare il vaso ed e' cominciata la seconda guerra cecena.

 

Adesso e' finita!

La regione ha un preidente e un parlamento eletto, e' cominciata la ricostruzione delle citta', entrano in funzione nuove scuole, ospedali, fabbriche, ricomincia la coltivazione dei campi... La vita sta tornando alla normalita'.

 

E le amnistie ci sono state (piu' di una). Ogni ribelli potevano consegare le armi e tornare alla vita pacifica senza essere perseguitati. Ovviamente non riguardava quelli colpevoli di omicidio.

 

Per quanto rigurdo Umarov - e' un altra di quelle carogne che vanno eliminate senza pieta, e sono sicuro che prima o poi sara fatto.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ragazzi, l'ultima sparata di Histrory channel:

 

In molti pensano che gli attentati ai palazzi moscoviti siano in realtà una messa in scena dell' FSB (servizio segreto russo) per riprendere la guerra in cecenia. Inoltre gli esplosivi utilizzati sono troppo sofisticati per essere usati dagli indipendentisti ceceni

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora
Accedi per seguirlo  

×