Jump to content
Sign in to follow this  
Unholy

Plasma shield for F/A-22...

Recommended Posts

Si continua a parlare di uno scudo al plasma per "nascondere" l'antenna del radar dell'F-22... Verrebbe inserito in un MDU verso il 2018... Avete sentito qualcosa? Ci sarà un fondamento?

Share this post


Link to post
Share on other sites

In USA da anni si studia (a dire il vero è stata l'USNavy ad avviare le prime ricerche) un'antenna radar al plasma.

 

In pratica l'antenna del radar sarebbe costituita da una serie di elementi in grado di creare un campo ionizzato (plasma) quando NON è in funzione (il motivo è chiaro: il plasma interferisce con il corretto funzionamento dell'antenna e in ogni caso quando l'antenna trasmette essa rivela comunque la sua presenza per cui renderla stealth è inutile).

 

Comunque, non sembra che l'antenna dell' F-22 costituisca poi un grosso problema dal punto di vista della sua visibilità ai radar, considerata la RCS complessiva del velivolo (che pare sia migliore di quella dell'F-117 che di radar non ne ha proprio).

 

In ogni caso, al 2018 mancano ancora troppi anni per fare qualsiasi ipotesi, ma vedi sotto.

 

=====

 

Invece, secondo me ci sono due informazioni che nei prossimi anni potrebbero far parlare di sè.

La prima è che i francesi sostengono che il loro radar RBE2 PESA (una specie di AESA passivo anzichè attivo, ) sia in grado di vedere un F-22 a distanze ragionevoli.

Secondo alcuni studi, in effetti un radar AESA o uno PESA hanno una sensibilità tale da consentire di vedere un aereo Stealth classe F-22 a una distanza di circa 15 km (i più moderni radar tradizionali possono vederlo a distanze nell'ordine dei 5 km).

Si tratta comunque di studi non ufficiali, ma abbastanza attendibili. Il problema è che - secondo lo stesso studio - il radar dell' F-22 vede un bersaglio classe Rafale a 120 km di distanza.

Sempre il radar AESA dell'F-22 può vedere un altro F-22 a circa 20 km di distanza.

In ogni caso, da questo studio emerge che le tecnologie AESA/PESA sono quelle che in qualche modo promettono di poter ottenere, in un futuro, una certa capacità di individuazione dei velivoli Stealth (se si passasse dai 15-20 km attuali a distanze nell'ordine dei 40-50 km sarebbe già un risultato preoccupante).

Non deve meravigliare quindi che gli americani stiano già studiando i sistemi opportuni per ridurre ulteriormente la RCS del Raptor o dei caccia che saranno sviluppati un domani.

 

La seconda informazione interessante è che pare che il radar dell'F-22 abbia dimostrato la capacità di "cuocere" i circuiti dei missili, a distanze significative, se le sue emissioni sono opportunamente concentrate. Sono stati fatti esperimenti in tal senso, e pare che i risultati siano incoraggianti.

Se i programmi in corso si riveleranno promettenti, questo potrebbe aprire un capitolo del tutto nuovo nella guerra aerea.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Molto interessante... Così si aggiungerebbe una funzione di distruzione missili al radar dei caccia... Il radar dell'F-22 riesce ad individuare missili AA in avicinamento?

Share this post


Link to post
Share on other sites

In ogni caso vedere un caccia a 20 Km è sempre troppo poco per un ingaggio serio

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ovviamente non si sa se il radar dell'F-22 possa individuare missili aria-aria.

Immagino che se hanno verificato che li può cortocircuitare, possa vederli.

Onestamente credo che ciò sia possibile solo a brevissime distanze, troppo poco per pensare a un impiego serio.

Però la finestra è aperta, e queste tecnologie potrebbero essere efficaci in futuro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Queste tecnologie potrebbero addirittura portare a un' altra visione della guerra aerea secondo me, lo scontro tra aerei non pilotati, in futuro, potrà avvenire senza neanche lanciare un missile volendo......

 

 

Cos' altro si sa sul radar dell' F-22?

 

Molti dati sono ancora classificati oppure e cambiato qualcosa?

Share this post


Link to post
Share on other sites

ok, grazie John, ho letto tutto il primo articolo e ho capito abbastanza :), spero al più presto di vedere altre informazioni :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
-_- E' possibile avere qualche informazione in più su questa tecnologia che cortocircuita i circuiti dei missili??Siti internet o riviste?Grazie.Kaiser

Share this post


Link to post
Share on other sites

in che senso li cortocircuita?

deviandoli dalla traiettoria o facendo li esplodere, no?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per Kaiser:

 

le mie fonti sono uno studio dell'Air Force Research Laboratory dell'USAF, parzialmente declassificato nel febbraio del 2006, nonchè alcuni articoli di Aviation Week and Space Technology, che già dal 2004 ha iniziato a interessarsi della cosa, pubblicando indiscrezioni sulle capacità dei radar AESA dell'E-10, dell'F-35, dell' F-22 e del Super Hornet.

 

La tecnologia comunque è molto simile a quella delle "armi a microonde", conosciute come HPM. Prova a cercare qualcosa così in Internet.

 

=========

 

Per Nighthawk: questi radar hanno la possibilità di concentrare una grande quantità di energia su punti estremamente ristretti (in pratica questi radar hanno centinaia di elementi ciascuno indipendente dall'altro, che dovrebbero ciascuno guardare la propria parte di cielo... qualcuno che non aveva di meglio da fare ha provato a programmare queste centinaia di elementi in maniera tale che TUTTI trasmettano verso lo stesso punto... e ne è scaturita questa interessante scoperta).

 

Chiaramente, tutta questa energia concentrata su un sensore o un circuito elettronico, ha buone possibilità di mandarlo in tilt, persino di bruciarlo.

Chi si intende di apparati radio, sa cosa può succedere a un ricevitore che si trovi a pochi metri di distanza da una emittente da migliaia di watt.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie per l'info gianni065...se ho capito bene è come un forno a micronde, ma l'energia da sviluppare penso sia notevole anche perche l'obiettivo è di cortocircuitare il tutto prima dell'invio del missile da parte dell'aversario, quindi ad una distanza ragionevolmente notevole....cmq provo a vedere su internet.Grazie ancora.

Kaiser :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Queste tecnologie potrebbero addirittura portare a un' altra visione della guerra aerea secondo me, lo scontro tra aerei non pilotati, in futuro, potrà avvenire senza neanche lanciare un missile volendo

a mio parere non cambiera molto sempre se questa tecnologia verra ulteriormente sviluppata poichè schermare un missile da queste onde non e una grande impresa pero mi sorge un dubbio la schermatura del missile puo dare problemi al corretto funzionamento del missile?ad esempio se un missile a guida radar attiva schermando quelle in "entrata" schermi anche quelli in "uscita" giusto? :hmm::wacko:

Scusate la riesumazione di un topic così vecchio.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questa tecnologia è presente sul B2?

Ho sentito molto parlare di questo scudo di plasma principalmente sui bombardieri Stealth! :hmm:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Invece, secondo me ci sono due informazioni che nei prossimi anni potrebbero far parlare di sè.

La prima è che i francesi sostengono che il loro radar RBE2 PESA (una specie di AESA passivo anzichè attivo, ) sia in grado di vedere un F-22 a distanze ragionevoli.

Secondo alcuni studi, in effetti un radar AESA o uno PESA hanno una sensibilità tale da consentire di vedere un aereo Stealth classe F-22 a una distanza di circa 15 km (i più moderni radar tradizionali possono vederlo a distanze nell'ordine dei 5 km).

Si tratta comunque di studi non ufficiali, ma abbastanza attendibili. Il problema è che - secondo lo stesso studio - il radar dell' F-22 vede un bersaglio classe Rafale a 120 km di distanza.

Sempre il radar AESA dell'F-22 può vedere un altro F-22 a circa 20 km di distanza.

In ogni caso, da questo studio emerge che le tecnologie AESA/PESA sono quelle che in qualche modo promettono di poter ottenere, in un futuro, una certa capacità di individuazione dei velivoli Stealth (se si passasse dai 15-20 km attuali a distanze nell'ordine dei 40-50 km sarebbe già un risultato preoccupante).

Non deve meravigliare quindi che gli americani stiano già studiando i sistemi opportuni per ridurre ulteriormente la RCS del Raptor o dei caccia che saranno sviluppati un domani.

 

Secondo me quando uno afferma che un radar è in grado di vedere un aereo stealth a una determinata distanza spesso omette di dire che il risultato è ottenuto però in condizioni di laboratorio, cioè sapendo esattamente dove si trova l'oggetto da vedere e quindi puntandogli contro il radar. A questo punto è facile distinguere il bersaglio.

Edited by Alpino

Share this post


Link to post
Share on other sites
Questa tecnologia è presente sul B2?

Ho sentito molto parlare di questo scudo di plasma principalmente sui bombardieri Stealth! :hmm:

 

La storia dello scudo al plasma è una leggenda messa in giro dai russi circa 10 anni fa.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Alpino il fatto è che un aereo Stealth non è invisibile ma a bassa osservabilità. Prima o dopo il radar lo vede. Il problema, come dice Gianni, è che

 

il radar dell' F-22 vede un bersaglio classe Rafale a 120 km di distanza.

 

Personalmente penso ci siano grandi margini di miglioramento nei sensori passivi (IR per esempio) per controbattere alla stealthness degli ultimi progetti americani. Sensori passivi che tra l'altro hanno un gran pregio: non dichiarano la presenza dell'aereo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...