Jump to content

F-35 Lightning II - Discussione Ufficiale


Recommended Posts

  • Replies 8.5k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

Tra le altre cose uno degli step del Block 4 introduce le SDB II battezzate GBU 53/B StormBreaker https://www.janes.com/article/81956/stormbreaker-enters-operational-test-phase Poco interess

Forse può essere interessante soffermarsi su qualche aspetto della struttura dell’F-35 e sulla sua evoluzione a partire dal primo prototipo, per arrivare ai velivoli di serie, che hanno recepito quant

In realtà, anche se a prima vista non sembra, il tettuccio dell’F-35 è in un pezzo singolo... Il montante è un supporto che fa da appoggio all’interno, ma non divide il plexiglass in due, pe

Posted Images

f 35.... ora non dico che non siano utili, ma un ridimensionamento della commessa mi pare opportuna,

d'altronde siamo andati avanti con bei i catorci durante la guerra fredda, possiamo sopravvivere anche senza gli f35

Un ridimensionamento ci sarà di sicuro, crisi a parte, e mi sembra anche sensato visto che i costi di acquisizione sono raddoppiati.

 

L'alternativa in caso di default del progetto o di ritiro dal programma?

Completare in toto la tr. 3 dell'EF 2000 (46 macchine) dotandola di radar Aesa, sfruttandone a pieno (magari migliorandole...) le capacità swing role in attesa di Ucav di nuova generazione europei o usa (neuron o avanger)

la T3b era di 25 aerei, con capacità swing role... Nel (solo) caso di ridimensionamento del requisito F35 è improbabile ci si rimetta mano. Nel caso di cancellazione degli F35 AM è molto probabile.

 

Dopotutto, Marina a parte, cadremmo in piedi certo, abbiamo il Typhoon per rimpolpare le linee. Ma che piaccia o meno (anche noi) abbiamo usato nell'ultimo decennio più assetti strike che da difesa aerea...

Edited by Alpino_sommerso
Link to post
Share on other sites

Nativi su "AW&ST" ....

 

Defense Spending

 

F-35 Under Fire In Italy

 

Aviation Week & Space Technology Jan 09 , 2012 (p. 22)

Andy Nativi (Rome)

 

 

 

Italy weighs industry, budget implications of radical F-35 procurement changes

 

Printed headline: Rome Faces Reality

 

 

The Italian government is ushering in a new round of defense cuts in which, for the first time, the fate of Rome’s participation in the F-35 Joint Strike Fighter program will be seriously threatened.

 

The newly launched defense review not only has sweeping implications for Italy’s defense ambitions but also rings in a further belt-tightening in Europe among countries that are just beginning to come to grips with the scale of their budget and debt problems. Spain, where a new conservative government is grappling with greater-than-anticipated economic troubles, may follow with budget reductions. France is also expected to scale back defense spending after presidential elections in May.

 

In Italy, much of the work on the military review remains to be completed. Nevertheless, a sharp reduction in the number of F-35s Italy will buy is virtually certain, military officials say. At least a third of the 131 fighters slated for procurement will likely fall under the budget ax, with some minority parties arguing for an outright program termination.

 

Rome is one of the largest international buyers of the F-35—after the U.K. drastically cut its procurement objective in its 2010 spending review. Italy plans to spend €13 billion ($16.7 billion) to buy and sustain both the F-35A conventional-takeoff-and-landing and the F-35B short-takeoff-and-vertical-landing versions, though it has not ordered any aircraft yet.

 

Other major procurement projects are also under scrutiny, but the F-35 has received the lion’s share of attention because of the size of the planned outlays.

 

Although Italy assessed its spending needs in 2010 in light of an era of fiscal austerity, the change late last year to a technocratic government, led by Mario Monti, specifically put in place to handle the country’s financial problems more aggressively, has put military spending back in the crosshairs. The government, although not elected, enjoys broad support in the parliament to carry out sweeping reforms.

 

Also potentially affecting the JSF debate is the fact that the government is very much focused on budget considerations rather than foreign policy ambitions. Cancelling the 22 navy F-35Bs would leave the service without fighters to put on its aircraft carrier after the AV-8B Harriers are retired. While that would crimp the ability to project forces, those considerations may not hold much sway with the Monti government. Such a move would likely cause the Italian air force also to drop plans to buy 40 F-35Bs and focus instead entirely on the F-35A.

 

On the other hand, working in the JSF’s favor is that even at reduced numbers, the F-35 procurement would allow Italy to capitalize on the €2.5 billion it spent or pledged to the development and construction of a JSF final assembly and check out (FACO) facility at Cameri air force base. Work on the FACO is progressing quickly to be ready by 2014 to meet original JSF production schedules.

 

Italy committed $10 million in 1999 to the early phases of the F-35 program, with $1 billion put into the systems design and development phase in 2002, and another $900 million for the production sustainment and follow-on development phase. Another €700 million has gone for the FACO.

 

Factoring into budget discussions is not just the wasting of that money but also the potential loss of business for Italian companies, which is estimated at $11 billion over the life of the program, although Italian officials also bemoan that they have not secured more workshare.

 

The shifted political winds also may give Defense Minister Giampaolo Di Paola, a retired admiral who previously chaired the NATO military committee and served as the country’s chief of staff, more leeway in adjusting the budget. When the Silvio Berlusconi government cut defense spending last year, it took €2 billion from modernization accounts but left personnel costs untouched, considering them sacrosanct, even though they represent 63% of defense spending.

 

Di Paola will have more options available, and he has already signaled an end- strength reduction from the authorized force level of 190,000 troops, which was set 10 years ago. The actual force level is down to 180,000, but Di Paola is reportedly looking at cutting this number to 150,000 or fewer, with civilian personnel levels also to be reduced by 5,000 from the current 30,000 positions.

 

The operations budget will probably remain constant, having been hit by cuts in prior years.

 

Di Paola has taken personal responsibility for the review of modernization plans, but he has not publicly weighed in on the F-35 debate.

 

As other countries’ defense ministries have done, Di Paola will likely package the anticipated changes with a broad reform of acquisition practices. One probable area of interest is striking a new balance between buying off-the-shelf equipment and competing programs internationally to achieve a lower price. That could pose a threat to Finmeccanica, which has enjoyed a relatively protected home market in many cases.

 

The national aerospace and defense industry is anxiously awaiting the outcome of the review, even as the pressure on Di Paola to make decisive cuts on big-ticket programs is mounting. Spending cuts are likely to emerge this spring.

 

Link to post
Share on other sites

Salve a tutti.

Proprio questa mattina ho comprato la rivista mensile "Aeronautica e difesa". Leggendo le prime pagine , nello spazio dedicato alle lettere dei lettori c'era una lettera in cui si chiedeva che fine farà il ruolo SEAD (Suppression of Enemy Air Defense) dopo la sostituzione del Tornado ECR con gli F35. E nella risposta c'era scritto che in effetti la Lockeed-Martin e l'USAF hanno preso già in considerazione lo sviluppo di una versione dell'F35 dedicata proprio a questa funzione chiamata EF-35, ma viene specificato che al momento tutto questo è informale e incerto. Sapete dirmi di più su questa versione dell'F35 che io prima d'ora ignoravo se effettivamente se ne è parlato in precedenza?

Link to post
Share on other sites

.... la Lockeed-Martin e l'USAF hanno preso già in considerazione lo sviluppo di una versione dell'F35 dedicata proprio a questa funzione chiamata EF-35, ma viene specificato che al momento tutto questo è informale e incerto. Sapete dirmi di più su questa versione dell'F35 che io prima d'ora ignoravo se effettivamente se ne è parlato in precedenza?

Non è che ci siano molte informazioni in merito ....

 

http://www.f-16.net/f-16_forum_viewtopic-t-13493.html

 

Inoltre ....

 

* The NATO air campaign against Yugoslavia over Kosovo in the spring of 1999 revealed a shortfall in electronic warfare (EW) capabilities. EW missions during the Kosovo campaign relied heavily on the venerable EA-6B Prowler, and Prowler crews were stretched to the limit. Although the US Navy is adopting the Boeing EF-18G Growler as its replacement, the US Marines investigated the F-35 as their solution.

 

The conclusion of the investigation was that the Marines were not going to pursue a two-seat "EF-35" EW variant of the JSF, preferring instead to ensure that the AESA system designed for the F-35B could operate as a useful EW system -- possibly assisted by external conformal EW modules when required by the mission. This would permit a larger and, on a unit price base, cheaper buy of F-35Bs, and more flexible operational use of the aircraft.

http://www.vectorsite.net/avf35.html

Link to post
Share on other sites

Non è che ci siano molte informazioni in merito ....

 

http://www.f-16.net/f-16_forum_viewtopic-t-13493.html

 

Inoltre ....

 

 

http://www.vectorsite.net/avf35.html

Lessi anch'io tempo fa che erano in progetto alcune componenti e pod dedicati che avrebbero permesso all'F 35 A di svolgere missioni Sead con modifiche in linea di volo, senza realizzare una versione apposita della macchina.

In pratica se vuoi compri i muduli o i pod dedicati e puoi consentire ai tuoi F 35 di svolgere anche quella tipologia di missione.

Link to post
Share on other sites
The U.S. Navy F-35 Joint Strike Fighter (JSF) known as the F-35C is at serious risk of never being able to land aboard an aircraft carrier.

 

ecco un grafico che rappresenta la distanzatra il gancio ed i fili di atterraggio dei principali aerei che hanno servito su una "carrier" (notate l'F-35 C cerchiato in rosso)

 

hooklocationC.png

 

The distance from the hook to the main landing gear is so short that it is unlikely the aircraft will catch the landing wires on a ship's deck

 

ed ecco la fonte source

Link to post
Share on other sites

ecco un grafico che rappresenta la distanzatra il gancio ed i fili di atterraggio dei principali aerei che hanno servito su una "carrier" (notate l'F-35 C cerchiato in rosso)

 

 

Immagino intendessi scrivere la distanza tra il gancio e il carrello principale, non i fili di atterraggio ;)

Comunque nulla di nuovo, il testo da te segnalato non fa che riprendere il documento del Dipartimento della Difesa del 27 novembre, il grafico in questione è alla pagina 31 del suddetto documento, già segnalato da Madmike pagine indietro di questo thread: http://www.aereimilitari.org/forum/topic/2565-f-35-lightning-ii-discussione-ufficiale/page__view__findpost__p__283430 con relativa discussione nelle pagine seguenti ;)

Edited by Scagnetti
Link to post
Share on other sites

ecco un grafico che rappresenta la distanzatra il gancio ed i fili di atterraggio dei principali aerei che hanno servito su una "carrier" (notate l'F-35 C cerchiato in rosso)

Come appena detto e discusso nelle pagine precedenti, in realtà quella è la distanza fra carrello principale e gancio d'appontaggio...

Nell'F-35C è ridotta perchè il motore è in posizione avanzata e il gancio giocoforza è collocato davanti all'ugello.

Altri aerei hanno il motore più indietro e/o una configurazione bimotore che consente di mettere il gancio fra i due motori in posizione molto più arretrata, anche più indietro degli ugelli. A parità di angolo di appontaggio il gancio viene a trovarsi in posizione molto più bassa tanto che può toccare il ponte prima del carrello e anche qualora il carrello principale schiacciasse il cavo questo, grazie alla maggiore distanza, farebbe a tempo a risollevarsi prima di venire impegnato dal gancio.

Se non bastasse il redesign del gancio e dell'attuatore/smorzatore, attualmente in atto, il problema potrebbe dunque diventare piuttosto serio perchè toccare geometria, punti d'attacco del gancio e magari struttura, forma e aerodinamica della zona posteriore può diventare troppo impegnativo...

Edited by Flaggy
Link to post
Share on other sites

Immagino intendessi scrivere la distanza tra il gancio e il carrello principale, non i fili di atterraggio ;)

Comunque nulla di nuovo, il testo da te segnalato non fa che riprendere il documento del Dipartimento della Difesa del 27 novembre, il grafico in questione è alla pagina 31 del suddetto documento, già segnalato da Madmike pagine indietro di questo thread: http://www.aereimilitari.org/forum/topic/2565-f-35-lightning-ii-discussione-ufficiale/page__view__findpost__p__283430 con relativa discussione nelle pagine seguenti ;)

 

Scusate, me lo sono persno nelle 146 pagine di discussione :blink:

Link to post
Share on other sites

A proposito di un'eventuale versione biposto (con altrettanto eventuali sviluppi "EF"?) .... potrebbero esserci delle novità ....

 

Intriguingly, Romig said that if the US Air Force returns to the days of "back-seat" electronic warfare officers, the F-35 could control a swarm of four "buddy" UAVs.

He didn't directly say that Lockheed is considering two-seat F-35s, but the possibility tantalises.

Fonte .... http://www.flightglobal.com/blogs/the-dewline/2012/01/chief-skunk-on-6th-gen-fighter.html

Link to post
Share on other sites

L'Italia parla di ridurre o abbandonare il programma JSF, mentre altri paesi (oltre al Giappone) cominciano a manifestare interesse:

 

"Norway, Netherlands Look to F-35 Cooperation" source

 

Questa, però, non è una grande novità, Norvegia e Olanda sono partner del programma ormai da molto tempo e, assieme alla Danimarca pensano, piuttosto logicamente, di rinnovare la collaborazione nata con il programma F16 al nuovo sistema d'arma, coinvolgendo anche gli altri paesi europei partner, in primis l'Italia (che sicuramente non abbandonerà l'F-35).

E' l'altra faccia dell'impostazione su cui è imperniata la partecipazione italiana al programma (la FACO di Cameri dovrebbe assemblare gli F-35 italiani e olandesi e poi fungere da unico centro di manutenzione europeo).

Link to post
Share on other sites

Non mi sembra ci siano novità o ulteriori problemi rispetto a quanto detto finora (già ce n'erano a sufficienza).

L'articolo fa riferimento a un rapporto del Pentagono e riassume quanto emerso già dallo studio diffuso il mese scorso e aggiunge la risposta del costruttore sul numero di obiettivi raggiunti e di voli superiore a quanto programmato per l'anno scorso, ma che ovviamente lascia il tempo che trova di fronte ai ritardi accumulati negli anni precedenti e ai problemi ancora da risolvere.

 

Forse più interessante è proprio il rapporto a cui fa riferimento l'articolo di Bloomberg anche se è un discreto mattone....

Questo rapporto va ancora più in dettaglio di quanto visto finora sotto l'aspetto tecnico e degli specifici test fatti sulle tre varianti.

 

http://s3.documentcloud.org/documents/283239/section-on-the-f-35-joint-strike-fighter-from.pdf

 

Da cui emerge la preoccupazione per l'immaturità del progetto e per la necessità di costosi aggiornamenti sugli aerei che vengono ora prodotti con le note deficenze che ne limitano l'utilizzabilità.

 

Non è sempre facile individuare aspetti nuovi da commentare, comunque si può evidenziare qualche dettaglio.

 

I test strutturali sull'F-35B riprenderanno questo mese con le modifiche individuate dopo la cricca scoperta nei mesi scorsi su un'ordinata di fusoliera e quanto emerso da successive e più affinate simulazioni a elementi finiti che hanno individuato altri componenti critici (una sessantina) in tutte le varianti. L'F-35A è più avanti nei test strutturali che hanno confermato che tra i vari elementi critici c'è l'ordinata alla radice alare che effettivamente si è criccata come da simulazione.

L'F-35C inizierà tali test in primavera.

 

Carichi aerodinamici più elevati del previsto si sono riscontrati sulle derive e quindi anche qui sarà da vedere se lavorare con degli irrobustimenti o con il software dei comandi di volo per permettere di arrivare ai 9g e 50 gradi di angolo d'attacco prescritti per la variante CTOL.

 

Si stanno aggiungendo sensori e strumentazioni per capire l'origine del problema di blistering e danneggiamento del bordo d'uscita dei piani orizzontali dopo un prolungato uso del postbruciatore che li cucina.

 

A pagina 31 c'è una dettagliata tabella di problemi e soluzioni per i tanti portelli della variante STOVL che a vario titolo si sono dimostrati deboli nelle cerniere o negli attuatori.

Le modifiche saranno implementare sui prossimi aerei di produzione in consegna ai Marines, ma siccome quelli non sono velivoli di test e quindi sono privi di strumentazioni per monitorare il tutto, saranno utilizzabili solo in operazioni CTOL fino al termine dei test che si protrarranno per tutto il 2012 con velivoli strumentati.

 

Il peso della veriante B viene comunicato con precisione e si sa che si attesta attualmente a 14644K, poco sotto il limite compatibile con il naturale incremento di peso che un velivolo subisce nel corso degli anni.

Sappiamo già che P&W è disponibile a incrementare la spinta dell'F-135 e d'altra parte si può anche aumentare la velocità di discesa ammissibile a 7 piedi al secondo e aumentare il margine senza modifiche, ma al momento si tiene d'occhio il peso e il costruttore ha dichiarato di poterlo limare ulteriormente con il redesign in atto, per es sull'albero del lift fan.

 

Discorso buffeting transonico. Si è migliorato parecchio agendo sul software, ma se non lo si ritiene sufficiente (rilassando i requisiti) bisognerà lavorare sulla struttura/aerodinamica. Sono problemi fastidiosi da risolvere e l'F-18E ne sa qualcosa con la soluzione definitiva raggiunta dopo parecchi anni e diverse soluzioni intermedie non del tutto soddisfacenti.

 

I vari sensori sono stati provati singolarmente (con i noti problemi di integrazione DAS-casco visore), ma mancano ancora adeguati test sulla sensor fusion.

 

La richiesta di manutenzione vista l'immaturità del sistema è ovviamente elevata e il fatto che la logistica dei ricambi non sia ancora operativa e collegata al sistema di autodiagnosi non aiuta.

 

E comunque tanto lavoro da fare...

Link to post
Share on other sites

ma come cavolo si può pensare di sostituire l'f35 con l'f/a 18 super hornet!!!!!!! intanto l'f35 è un aereo di 5a generazione e completamente STEALTH da PRINCIPIO mentre l'f 18 è di 4a generazione e non è affatto stealth.

punto secondo l'f18 non può essere impiegato dalla MMI visto che la cavour non è una catobar!! cioè non ha le catapulte e i cavi d'arresto per far decollare e fermare un f18, il quale non ha decollo e atterraggio verticale e se proprio si vorrebbe fare una versione stovl quanti soldi servirebbero???

l'f35 si ha un costo elevato ma come ho ripetuto in altri miei post ed è stato detto anche da altri utenti l'italia è partner al 2° livello quindi una parte dei soldi spesi gli verranno restituiti dalle vendite internazionali. certo non li recupereremo tutti ma una buona parte, secondo me su 15 miliardi da spendere ne rientreranno 8/10 al massimo. e penso ke un contro è spenderne 15 un conto 5 al massimo 7!!!!

Link to post
Share on other sites

ma come cavolo si può pensare di sostituire l'f35 con l'f/a 18 super hornet!!!!!!! intanto l'f35 è un aereo di 5a generazione e completamente STEALTH da PRINCIPIO mentre l'f 18 è di 4a generazione e non è affatto stealth.

punto secondo l'f18 non può essere impiegato dalla MMI visto che la cavour non è una catobar!! cioè non ha le catapulte e i cavi d'arresto per far decollare e fermare un f18, il quale non ha decollo e atterraggio verticale e se proprio si vorrebbe fare una versione stovl quanti soldi servirebbero???

l'f35 si ha un costo elevato ma come ho ripetuto in altri miei post ed è stato detto anche da altri utenti l'italia è partner al 2° livello quindi una parte dei soldi spesi gli verranno restituiti dalle vendite internazionali. certo non li recupereremo tutti ma una buona parte, secondo me su 15 miliardi da spendere ne rientreranno 8/10 al massimo. e penso ke un contro è spenderne 15 un conto 5 al massimo 7!!!!

 

Ma dove hai preso questi "dati"?

Torniamo sul pezzo.

 

Il ministro oggi ha parlato

http://video.repubblica.it/politica/di-paola-f35-programma-ridotto-ma-si-va-avanti/85787?video

Edited by Alpino_sommerso
Link to post
Share on other sites

interessante l'intervista!....ne emerge che in ogni caso il programma f35 non sarà cancellato per l'Italia ( al massimo ridotto).

 

fra l'altro volevo portare alla vostra attenzione il mini-articolo di pag20 di aeronautica e difesa di questo mese dove si dice esplicitamente che entro un anno sarà pronto il primo JSF per l'Italia poichè è stato modificato il programma ed ora prevede anche l'acquisizione di componentistica a lungo termine per 12.8 milioni di euro.

 

Tuttavia si dovranno effettuare attività di collaudo negli Stati Uniti.

 

Mi sembra sempre più evidente che la teoria di una cancellazione del programma JSF Italia sia sempre più remota !

Link to post
Share on other sites
  • fabio-22raptor featured, unfeatured, pinned, unpinned, featured and unfeatured this topic

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...