Jump to content

nuova classe di portaerei russe


nick_firefox
 Share

Recommended Posts

Tempo fa su Aeronautica e Difesa ho letto un articolo riguardante l'unità Admiral Kuznetsov. Ma ciò che mi ha lasciato perplesso è stata la dichiariazione dell'Ammiraglio Vladimir Masorin sulla costruzione di una nuova classe di portaerei prevista per il 2016. La domanda è la seguente: c'è un briciolo di attendibilità in questa affermazione? E nel caso fosse una notizia fondata si tratterebbe di navi CATOBAR? Grazie per l'interessamento.

Edited by nick_firefox
Link to comment
Share on other sites

bha... bisogna vedere quanti soldi ci saranno nel 2016, al momento, come si sa, i fondi sono pochi. non dimentichiamo poi la crisi d'identità che sta passando l'industria militare russa che compra navi in Francia e mezzi in Italia... non è da escludere che si ripercorra di nuovo questa strada, visto che comunque i russi di portaerei non ci capiscono niente.

Link to comment
Share on other sites

Certo i Russi non hanno grande dimestichezza con le portaerei, ma credo che l'esperienza della Kuznetsov sia stata per loro utile. Non dimentichiamo poi il progetto defunto relativo alle Uljanovsk, dotate di configurazione CATOBAR.......... (spero di non aver detto una castroneria :ph34r: :ph34r: )

Link to comment
Share on other sites

fino a poco tempo fà dicevano che pure di stealth non ci capivano niente,eppure....

progettare una nave non è come progettare un aereo, sono know-how molto diversi e mentre per gli aerei i russi li hanno sempre progettati e con notevoli successi, le portaerei è relativamente poco tempo che le hanno sui fogli da disegno e non ne hanno ingarrata una.

inoltre, il Pak-Fa non è affatto detto che sia veramente stealth...

Edited by vorthex
Link to comment
Share on other sites

I russi hanno perso tutto il (poco) know-how che avevano nel campo del naviglio pesante con la secessione dell'ucraina con i suoi arsenali sul mar nero, devono ricominciare tutto da capo.

Conta che ci son voluti 30 anni di investimenti della più grande superpotenza mondiale per arrivare alla Kuznetsov, figurati se ora possono puntare ad avere una marina blue water, non dimentichiamo che la portaerei è solo un componente, con il bilancio della difesa attuale.

 

Terranno la Kuznetsov finchè durerà e probabilmente poi punteranno su altro, ma certo vedo difficile una vera portaerei a così breve termine.

Molto più probabile che pensino ad unità più leggere sfruttando il know-how ottenuto dai francesi.

Link to comment
Share on other sites

se non sbaglio in una recente dichiarazione i russi hanno detto che di portaerei non se ne parla fino al dopo 2020.

 

un pò di know-how lo stanno recuperando sui lavori per la portaerei indiana, ma ciò grazie ai soldi e alla pazienza indiana visti gli innumerevoli ritardi e aumenti dei costi.

Link to comment
Share on other sites

Beh la portaerei indiana non è un bell'esempio: si trattava di modificare uno scafo conosciuto con ponte inclinato e tecnologie su per giù assimilabili alla kuznedov che gira per i mari da vent'anni, di certo è stata una pessima figura per la cantieristica russa.

 

La realtà è che ad oggi sono di buon livello solo nel campo delle unità subacquee nei cantieri di severodvinsk che in qualche modo hanno mantenuto lo know-how e stanno faticosamente rientrando nel campo delle unità sottili di superfice, ma il fatto è che l'unico design nuovo dalla caduta dell'URSS sono le stereguschy, corvette da 2000t, prima che i cantieri di san pietroburgo arrivino al livello di quelli sovietici dell'89 ci vorrà un bel pò di tempo.

Link to comment
Share on other sites

Boh.

I bei tempi del comunismo sono finiti: stavolta gli ucraini immagino che vorranno essere PAGATI per il disturbo. Se devo costruire una classe di nuove ammiraglie della mia flotta le commissiono a un paese straniero, ostile e che dà su un mare chiuso?

Le ipotetiche nuove portaerei avranno ambizioni oceaniche, quindi perchè buttarle a mare nel Mar Nero?

E poi i nemici stanno altrove per me. Quindi le costruisco con le mie mani e il più lontano possibile da occhi indiscreti. A occhio Severodvinsk (Severo - Dvinsk: Dvina del Nord) sul Mar Bianco, vicino Arcangelo, alla foce della Dvina.

Sul Pacifico non direi, Habarovsk sull'Amur e Vladivostok sono un po' troppo vicine alla Cina. Forse qualche cantiere segreto alla foce di uno dei grandi fiumi siberiani (Ob, Liennissei, Lena...), ma dovrebbero avere una grande rete di collegamenti per portarci tutta la roba per costruirle e poi lassù l'Artico è sempre gelato, a meno che l'effetto serra non tiri brutti scherzi.

Edited by Hobo
Link to comment
Share on other sites

I cantieri ucraini sono stati in gran parte smantellati/riconvertiti con l'aiuto americano, senza contare che per una costruzione di questa importanza i russi certo non si affideranno all'estero.

In russia gli unici arsenali in grado, potenzialmente, di costruire navi di quel tonnellaggio sono quello baltico e quello dell'ammiragliato a san pietroburgo, che fin'ora però hanno prodotto solo navi di superfice di medio tonnellaggio e grossi rompighiaccio militari e supertanker.

Link to comment
Share on other sites

Troverei curioso che dopo essersi interessati alle mistral per delle "semplici" LHD si sentano sicuri nel riprovarci da soli con una PA.

 

ma scusate pure gli usa hanno comprato ultimamente mezzi all'estero,i nostri C-27j,ma ciò non vuol dire che non hanno lo know how per costruirli,perchè per le minstral non può essere la stessa cosa???

Edited by red giacomo
Link to comment
Share on other sites

ma scusate pure gli usa hanno comprato ultimamente mezzi all'estero,i nostri C-27j,ma ciò non vuol dire che non hanno lo know how per costruirli,perchè per le minstral non può essere la stessa cosa???

 

A parte l'enorme differenza tra costruirsi una classe di LHD e dei C-27 (tra l'altro ne hanno tagliati parecchi dall'ordine) pensa solo all'indotto lavorativo, al risparmio (i Francesi costano molto di più), l'acquisire know-how, mantenere una certa segretezza su un'intera classe di navi, il possibile mercato (l'India su tutti ma non solo), ecc.

 

Avendone le capacità qualunque potenza vorrebbe cavarsela da sola e dar lavoro e soldi a se stessa piuttosto che ad altri stati.

A parte per urgenze strategiche, che al momento la Russia non ha, non ci sarebbe motivo di guardare alle Mistral se non si sentissero deboli in questo campo (di fatto han costruito solo le Rogov in passato, mal riuscite).

Edited by Alpino_sommerso
Link to comment
Share on other sites

inoltre il c27j e' un "normale" aereo da trasporto truppe/medico

Non e'; sicuramente un progetto "strategico"...una carrier o supercarrier, tra l'altro forse appartenente ad una nuova classe, e' un progetto ben strategico e nessuno stato ha la convenienza a farlo fare da altri.

Anche se poi, nello stile russo, si "vende", il progetto e' domestico e si puo decidere come gestirlo.

 

Ovviamente sono scelte, basta vedere l'apporto di tecnologie estere nelle portaerei spagnoli nella discussione dedicata, ma una potenza come la Russia dubito fortemente seguira' la stessa linea. piuttosto rimarra' senza per un po e si terra' l'unica che ha.

Link to comment
Share on other sites

Per valutare la fattibilità del progetto credo che si potrebbero citare le difficoltà avute dalla Francia nel realizzare una PA a propulsione nucleare, la lunghezza dei lavori di ricostruzione della portaerei cinese, le difficoltà economiche per la costruzione delle portaerei inglesi. Lo stesso Cavour è stato concepito negli anni ottanta per affiancare il Garibaldi ed è finito da poco. Al contrario è evidente che gli Usa, avendo sempre una portaerei in costruzione, mantengano una primato mondiale nel campo.

 

Però forse i Russi hanno in mente una portaerei STOBAR progettata per imbarcare i più leggeri MIG 29 che forse potrebbero avere una qualche funzione di attacco al contrario dei pesanti Sukoi. Magari fatta in collaborazione con gli Indiani in cantieri indiani.

Edited by DanieleTrentino
Link to comment
Share on other sites

Però forse i Russi hanno in mente una portaerei STOBAR progettata per imbarcare i più leggeri MIG 29 che forse potrebbero avere una qualche funzione di attacco al contrario dei pesanti Sukoi. Magari fatta in collaborazione con gli Indiani in cantieri indiani.

 

Visti i risultati, dubito che i Russi abbiano intenzione di puntare nuovamente sulla soluzione STOBAR. Con una portaerei da 60.000t riescono a far partire i Su-33 con il solo armamento antiaereo, mentre i Su-25 UTG vengono impiegati per l'addestramento. A mio modesto parere ritengo che,nelle loro intenzioni vogliano dotarsi di un'unità CATOBAR, come le pariclasse americane.

Tuttavia l'attuale condizione economica e la mancanza di cantieri sufficientemente attrezzati fa presumere che questo progetto rimarrà sulla carta ancora a lungo....... .

Edited by nick_firefox
Link to comment
Share on other sites

Volevo dire che forse i mig 29k, più leggeri dei Sukoi, potrebbero essere meglio armati, avere maggiore autonomia e sfruttare quindi meglio la configurazione STOBAR. E' naturalmente un'idea mia. Ma gli Indiani sono d'accordo con me. Anche se è evidente che se fossero in grado di progettare catapulte lo farebbero volentieri.

Edited by DanieleTrentino
Link to comment
Share on other sites

Credevo ti stessi riferendo al progetto russo. Comunque si, il Mig-29K, viste le dimensioni e i pesi ridotti, sarebbe la macchina ideale per equipaggiare le portaerei STOBAR. Non dimentichiamo poi che il Su-33 venne scelto per contrastare la minaccia rappresentata dal Tomcat, ormai radiato dal servizio.

Link to comment
Share on other sites

l'idea è giusta, infatti la scelta russa non fu dettata da precisi e razionali concetti operativi, ma da smania di grandezza: il Fulcrum veniva visto come il contraltare dell'F-18, il Flanker dell'F-14.

tuttavia, ormai il danno e si terranno i Flanker anche in futuro.

Link to comment
Share on other sites

i piani per sostituire i Su-33 con i Mig-29K ci sono, vedremo se e quando si materializzeranno.conoscendo i russi, potrebbero anche tentare navalizzare il Pak-Fa nel frattanto :asd:

 

bè non dovrebbe essere una grande spesa una manciata di mig 29 k da basare a Malyavr.Ma fare una versione navalizzata del pak fa, che verra prodotto in una ventina di esemplari( a meno che non si costruiranno nuove portaerei) non è uno spreco di soldi?si potrebbe tirare avanti 15 anni con dei mig 29k, durante i quali magari si penserà a nuove portaerei.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...