Jump to content
Sign in to follow this  
red giacomo

pantsir-S1

Recommended Posts

salve a tutti,qualcuno mi potrebbe dire di più su questo interessante sistema antiaereo? su wikipedia dicono che riesce a tracciare bersagli con un rcs piccolissima,attendo con anzia le vostre informazioni,grazie a tutti :okok:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Veramente su wiki dice che a 20 km traccia un bersaglio di 2mq di rcs, quindi non è che sia propriamente un anti-stealth, daltronde non ha un radar eccezionale essendo di base uno SPAAG con l'aggiunta di missili. Il dato che parla di una presunta capacità contro bersagli nell'ordine del centimetro di rcs è senza fonte e sinceramente poco credibile visto che in quell'ordine di traccia un radar del genere non avrà mai la capacità di risoluzione e, soprattutto, di discriminare un bersaglio.

In definitiva se entri nel raggio dei cannoni è sicuramente temibile, il missile invece sembra un mezzo bidone (niente seeker e radioguida), poi conta molto anche la piattaforma su cui è istallato.

Edited by Dominus

Share this post


Link to post
Share on other sites

ma il missile può intercettare bombe plananti o missili antiradar?ed il cannone che portata ha?

Share this post


Link to post
Share on other sites
ma il missile può intercettare bombe plananti o missili antiradar?

il missile non ha alcuna propria autonomia, dipende tutto dal sistema di tiro. i russi dicono che possa intercettare qualsiasi cosa su questa terra, ma ben sappiamo che nel 90% dei casi sono boiate più o meno tremende.

 

ed il cannone che portata ha?

4 km di gittata per 3 km di altituidine.

Share this post


Link to post
Share on other sites

quindi il sistema di tiro è un bidone?perchè il mezzo è moderno e mi aspettavo un mezzo antiaereo abbastanza valido.ma le tue fonti riguardo alla scarsità del sisteme di puntamento dove le hai prese?perchè wikipedia dice il contrario(però sù wikipedia si trovano tante di quelle ca*****)insomma i russi questo tipo di sistemi antiaerei li usano da un pò e pensavo che questo mezzo fosse come minimo temibile,però è anche vero che come dici tu non si sà mai quando dicono la verità o quando esagerano smisuratamente.

Edited by red giacomo

Share this post


Link to post
Share on other sites

in primio luogo, se vuoi davvero farti una cultura su queste cose, lascia perdere wikipedia e dai uno sguardo ai siti che spesso ti vengono linkati (se proprio devi, usa wikipedia inglese e poi passa ai link delle fonti che porta... ogni tanto qualcosa di interessante esce).

in secondo luogo, la tua analisi è troppo rigida e poco inerente alla realtà: il Pantsir sarà sicuramente un buon SPAAG, ma appunto, è un SPAAG, non un sistema di difesa aerea a lungo raggio, nè un sistema con capacità anti-stealth che, ricordiamo sempre, ad OGGI, non esistono.

per assurdo, anche ammettendo che il radar riesca ad inseguire un oggetto con un RCS di 2cm quadrati... il raggio d'azione del radar stesso è troppo limitato (perchè è uno SPAAG, appunto): a 20km un F-35 o un F-22 ti hanno già ampiamente distrutto con una SBD o una JDAM lanciata da 60km, ad alta quota (campo fuori dalla portata degli SPAAG).

diverso è il discorso per l'ingaggio di missili e bombe... alla fine il sistema è quasi identico al nuovo CIWS della marina russa, quindi non è improbabile, ma... è da vedere e di dati precisi non ne ho trovati.

Edited by vorthex

Share this post


Link to post
Share on other sites

era appunto la possibilità di intercettare missili o bombe che mi interessava,perchè comunque anche un aereo non stealth potrebbe distruggerlo,non per forza un f-22,ma anche un bel super hornet con AGM-88 gli farebbe vedere le stelle ad un sistema a corto raggio del genere,però sequest'ultimo riesce ad intercettare gli HARM il discorso cambia,e diventerebbe un ottimo sistema per la difesa di colonnecorrazzate o anche postazioni radar,ma il missile del pantsir i bersagli li può intercettare a quali velocità?(grazie per il consiglio sui siti,comunque io tendo sempre ad utilizzare wiki in inglese)

Share this post


Link to post
Share on other sites

In effetti pare sia stato collaudato con un certo successo contro bombe a caduta e missili autocercanti, di fabbricazione russa, però in condizioni di disturbo elettronico non molto intenso. In parole molto povere i bersagli NON effettuavano manovre evasive, nè liberavano contromisure , nè vi erano sostanziali interferenze con sensori e sistema di guida. Già nel 1999 le condizioni degli attacchi contro le fabbriche ed i blindati serbi erano molto differenti,e poco si sa sulla effettiva resistenza del sistema di rilevazione alle contromisure, ed ancor meno su quella del sistema di guida.

A mio modesto parere se lo scopo è proteggere le colonne di blindati in caso di conflitto contro qualche stato caucasico che non vuole rendere omaggio a zar Putin, stato che al più può schierare Su-25 armati di razzi passivi, allora lo scopo può dirsi relativamente raggiunto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

vabbè spero che gli ingenieri russi puntino un pò più in alto!!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ci sono voci secondo le quali il Pantsir-s1 potrebbe operare operare in modalità elettro-ottica con un sensore "remoto", fra cui anche le telecamere digitali collegate a trasmittenti usate dai giornalisti della TV Russa di Stato. Mi spiego: da qualche anno i furgoni satellitari delle grandi emittenti si aggirano ai limiti delle zone di combattimento, e in qualità di veicoli neutrali non potrebbero essere fatti segno di azioni offensive di alcun tipo. Munite di teleobiettivi "da paparazzi" e/o visori notturni avanzati, queste telecamere possono scorgere un aeroplano a distanze non enormi, ma già significative per chi vuole operare una difesa a corto raggio. Così le telecamere dei presunti giornalisti. i quali, membri della TV di stato, sarebbero in pratica aiutanti civili dell'Armata Russa, scoprono la minaccia, aereo o bomba che sia, trasmettono l'immagine computerizzata al Pantsir S1 più vicino che può così reragire senza emettere radiazioni elettromagnetiche utiizzabili. Così il nemico non può attaccare il furgone televisivo perchè legalmente neutrale (de facto non lo è, ma questo alla corte penale internazionale è difficile da spiegare), Se vero, non si può dire che agli strateghi Russi manchi l'ingegno

Share this post


Link to post
Share on other sites

I dati che ho potuto trovare non concordano per nulla con Wiki. La portata del radar nei confronti di bersagli di 2 mq è di 24 km, non male...Contro bersagli "tradizionali". Il sistema è in grado di individuare anche bersagli a bassa RCS come missili e bombe plananti ma in un raggio di 7 km. Facendo qualche conto significa che è in grado di rilevare tracce di 150 cmq (non 2 o 3 !). E a quella distanza inizia il processo di identificazione/calcolo/puntamento ecc, ovvero scatta il "tempo di reazione" che è di diversi secondi. A questo si aggiunge il tempo necessario al missile per intercettare il bersaglio. E' facile che un antiradar riesca a penetrare fino alla portata minima del missile. Così restano i cannoni... :helpsmile:

Share this post


Link to post
Share on other sites

la velocità di reazione cambia da sistema a sistema,ma non dovrebbe essere lunghissima,il problema è se i missili riescono ad intercettare un HARM,od uno SHIRKE, ma come ho già chiesto il missile può colpire bersagli che vanno veloci fino a quanto?

Share this post


Link to post
Share on other sites

considerando i tempi di reazione di diversi secondi ed il fatto che il missile ha una distanza di ingaggio minima ed un tempo fisso per l'accellerazione... le possibilità che becchi un missile antiradiazione sono davvero basse, per non dire nulle.

tuttavia, ciò non deve affatto meravigliare: il Pantsir, così come il Tunghuska, ha il suo punto di forza nei cannoni da 30mm, non certo nei missili, che sono solo un complemento per gli ingaggi più lontani.

Share this post


Link to post
Share on other sites

La memoria mi ha tradito, la portata di 24 km si riferisce al sistema di puntamento. Il radar di ricerca ha una portata di 36 km. Così è in grado di rilevare a 10 km un bersaglio di 150 cmq. La telecamera IR associata è in grado di rilevare la traccia termica di uno HARM già da 13-15 km se il motore è in funzione e a 10 km se spento. Ho un articolo con due pagine di dati. Il sistema può attaccare bersagli in volo a 1000 m/s. Quindi, teoricamente, potrebbe colpire un missile antiradar. Contro un singolo bersaglio si possono lanciare fino a 3 missili, oppure 2 missili contro 2 bersagli contemporaneamente. Il missile accelera in 2 secondi a 1300 m/s, a 12 km di distanza vola ancora a 900 m/s, dopo 18 km vola a 780 m/s, a 20 km dal punto di lancio non dispone di sufficiente energia. Il tempo di reazione non l’ho trovato (azzardiamo 1-2 secondi ?). Adesso si tratta di fare qualche calcolo. Se il missile viene rilevato a 10 km potrebbero mancare solo 10 secondi all’impatto. Il missile intercettore forse riuscirà a colpire appena in tempo. Con quale probabilità è difficile dire…E questa è la teoria. I margini sono molto ristretti. Ma ci sono sempre i cannoni.

Share this post


Link to post
Share on other sites

i cannoni sono un surplus,se si vuole avere un sistema veramente buono si deve far si che abbia dei missili abbastanza efficaci da non far usare mai i cannoni,che sono l'ultima spiaggia per un mezzo come questo.Comunque un mezzo del genere potrebbe anche operare in modalità "passiva" sopratutto nel compito di scorta ai convogli,usando la telecamera IR,che gli consentirebbe di proteggere una colonna senza attirarsi addosso tutti gli aerei antiradar nelle vicinanze ed intercettando gli eventuali aerei CAS che cercherebbero di attaccarla,un sistema del genere diventerebbe un nemico tremendo per qualunque aereo d'attacco

Share this post


Link to post
Share on other sites

i cannoni sono un surplus,se si vuole avere un sistema veramente buono si deve far si che abbia dei missili abbastanza efficaci da non far usare mai i cannoni,che sono l'ultima spiaggia per un mezzo come questo.Comunque un mezzo del genere potrebbe anche operare in modalità "passiva" sopratutto nel compito di scorta ai convogli,usando la telecamera IR,che gli consentirebbe di proteggere una colonna senza attirarsi addosso tutti gli aerei antiradar nelle vicinanze ed intercettando gli eventuali aerei CAS che cercherebbero di attaccarla,un sistema del genere diventerebbe un nemico tremendo per qualunque aereo d'attacco

 

 

Veramente il tunguska nasce come spaag, quindi i cannoni sono l'arma principale, e visto il profilo d'ingaggio si può ben capire perchè.

Share this post


Link to post
Share on other sites

si,questo è vero,però i cannoni non sono proprio il massimo nell'intercettazione dei missili,meglio usare qualcosa di più affidabile(sempre che i missili del pantsir lo siano)poi se sono dei catorci è un altro discorso

Share this post


Link to post
Share on other sites

veramente, il cannone è intrisecamente più affidabile del missile per ovvi motivi.

in questo genere di ingaggio non è tanto l'arma a contare, quanto i tempi di reazione... è come per la storia dei missili antinave. se i tempi di reazione sono di "svariati secondi"... puoi avere quello che vuoi, ma l'intercettazione sarà molto difficile.

Share this post


Link to post
Share on other sites

però anche l'affidabilità dell'arma è un fattore essenziale,certo,puoi avere anche il miglior missile e sistema di guida dell'universo ma se non ingaggi il bersaglio il tempo poco conta,ma è pure vero che se hai tempi di reazione buonissimi e però poi usi un arma incapace di intercettare la minaccia il risultato è lo stesso,ovvero che ti fanno a pezzi.Ma mi confermate che il tempo di reazione del pantsir è di un paio di secondio

Share this post


Link to post
Share on other sites

Credoche questo sia un dato fra i più segreti dell'arma, anche perchè immagino dipenda anche dalle caratteristiche del/dei bersagli da intercettare, dalle traiettorie che percorrono, dai disturbi Eletromagnetici, nonchè dalla potenza di calcolo dei microprocessori (massimo rispetto, maspero non abbiano Windows come SO).

Quella possibile boutade sulla cooperazione tv di Stato-equipaggio del Pantsir S-1, che con i dati di GianVito mi sembra iparecchio improbabile, mi è stata comunicata da A.Gukov, cittadino Russo che in patria fino al 2007 è stato giornalista per una emittente locale

Share this post


Link to post
Share on other sites

comunque ho trovato informazioni secondo le quali il reaction time sarebbe di 4/6 secondi dall' individuazione dell'obiettivo al lancio del primo missile

Edited by red giacomo

Share this post


Link to post
Share on other sites

con tempi di reazione così alti, potrebbe fermare solo un piccione (che, però, vola in volo livellato)... sicuro che il sito da dove li hai presi è affidabile, che sito è? linkacelo ;)

Edited by vorthex

Share this post


Link to post
Share on other sites

"]Mio Link Mio Link Mio Link[/url] e ce ne sono altri,comunque che riusciva a intercettare per un pelo un AGM 88 o no poco importa dato che comunque basta che gliene lanciano 2 ed il gioco è fatto,quindi risulta ovvio che questo sistema è efficace e temibile soprattutto quando opera passivamente e non rilascia tracce radar,anche grazie ai suoi potenti sensori, insoma un mezzo come questo se si fosse trovato in iraq al contrario delle armi contraeree fisse avrebbe potuto operare per gran parte del conflitto, e sarebbe stato il vero incubo dei CAS americani.

Ma i missili da crociera tomahawk potrebbero essere intercettati in modalità passiva dal pantsir?perchè non sò quanto sono visibili agli infrarossi.

Edited by red giacomo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×