Jump to content

starfighter84

Membri
  • Posts

    390
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by starfighter84

  1. Per adesso ho schiarito soltanto le macchie in Dark Earth direttamente con il light sand... opo i lavaggi valuterò quanto questi hanno appiattito l'effetto del Post Shading ed eventualmente schiarirò di nuovo il marrone scuro. I lavaggi scuriranno sicuramente anche il sabbia... quindi sfrutto il tono più scuro per ripassare con il colore di fondo schiarito anche il Light Sand. staremo a vedere cosa nbe esce fuori!
  2. Grazie a tutti per gli apprezzamenti. Alcune sbavature in effetti ci sono, ma non me ne sono preoccupato più di tanto perchè con i successivi lavaggi e trasparenti si dovrebbe uniformare tutto. Il Pata Fix è un ottimo accorgimento: crea delle sfumature bellissime e perfettamente in scala... cosa che a mano libera difficilmente si ottiene. Una sfumatura troppo "larga" in una scala così ridotta... non fa un bell'effetto secondo me. Il Pata Fix "usato" può essere riciclicato facilmente: basta reimpastarlo ed è pronto di nuovo per l'uso! Il modello non sò quanto è lungo... credo circa 25 cm!
  3. Vorthex, non vorrei sembrare insistente... ma oramai l'argomento è aperto e quindi rispondo. Quando devo scegliere il colore per i miei modelli... mi comporto così: guardo la documentazione e leggo i riferimenti Federal Standard. Gli elicotteri dell'US ARMY (compreso il tuo) sono verniciati in Army Helo Drab 34031... questo colore lo fa solo la Testors - codice 2024. Se hai la mazzetta del FS per fare il confronto... vedrai che non è nero! è un verde scuro... ma non nero. Quindi, e ripeto, il Nato Black (che è nero e non fa riflessi verdi) è errato. Detto questo... chiudo qui!
  4. Il NATO Black è una pura e semplice invenzione della Tamiya, perchè in realtà non esiste e non è associato a nessun FS ufficialmente utilizzato dalle forze della NATO. E' un nero desaturato che è ottimo per simulare l'usura del colore... ma è nero, ASSOLUTAMENTE NON tende al verde. Oramai l'hai verniciato, ma il colore per me non è corretto.
  5. Ho letto il topic... ma non sono d'accordo. L'autore dell'articolo secondo me ha toppato alla grande... Mi trovo molto d'accordo con Girolamo sul suggerimento di scurire l'olive drab. E' solo una mia opinione personale però...!
  6. Vorthex, il colore dei Chinook americani (e oramai anche dei nostri) non è nero... ma Helo Drab. E' un verde scurissimo che può ingannare.. tende al nero, ma se lo vedi in pieno sole si nota chiaramente che è un verde. Oramai hai già verniciato... ma il colore non è corretto.
  7. Parte II: Le gambe di forza dei carrelli sono state dettagliate con tubazioni in filo elettrico di rame e filo di stagno, con l'aggiunta di particolari proveniebti dal set Eduard e Renaissance. Il tubo di Pitot originale è stato scartato senza pietà... l'ho ricostruito con del rod in ottone tondo. I tre serbatoi supplementari: quelli subalari orginali Heller, quello ventrale provvidenziale aggiunta in resina della Eduard! la configurazione del modello sarà questa... ovvero, i tre serbatoi con i piloni più esterni vuoti come spesso si vede dalle fotografie dei velivolo di Dubai. Ed ecco il modello praticamente completo... Ah, dimenticavo! ho eliminato le due antenne ECM alle estremità alari e l'ho rimpiazzate con quelle in resina molto più realistiche. se tutto va bene domani si inizia la verniciatura... Per oggi è tutto...a presto!!
  8. Parte I (ho splittato il post perchè le foto erano troppe): Ed ecco invece gli ultimissimi progressi di questo Mirage che oramai sta diventando un vera "Fabbrica di San Pietro" a causa dei continui interventi per riprendere stuccature non proprio a posto... ecco le foto: La palperbra del cruscotto è completa!ho inserito anche le grigliette fotoincise che, devo dire, fanno molta scena. Il problema è che esse vanno un pò fuori dalla sagoma prevista e "cozzano" contro il parabrezza che non si inserisce correttamente... Poichè limare le fotoincisioni era molto rischioso (le avrei di sicuro piegate e rovinate), ho assottigliato il bordo interno del trasparente quel tanto che bastava. Alla fine l'ho incollato... un pò a forza ma l'ho incollato! Ricordate quella griglietta fotoincisa sulla gobba?bene... dato che non era ben raccordata, l'ho ricarteggiata un pochino fino a quando... non è saltata via! Ho provato a riposizionarla nel suo alloggiamento ma oramai era compromessa... Colot dallo sconforto, ho ritappato tutto con del plasticard e ho provato a reinciderla con uno scriber... risultato PESSIMO! mi sono scervellato mezza giornata, ed alla fine ho deciso di unire due ulteriori fotoincisioni del set Eduard (queste erano per la parte inferiore però) che hanno più o meno la stessa dimensione. Con un pò di pazienza (e direi molto c...lo) è andato tutto ok... e anzi, l'aspetto visivo mi piace anche molto di più! Ho provveduto a montare i portelloni che normalmente a terra rimangono chiusi... inutile dire che anche in questo caso la precisione di incastro è penosa, con conseguente lungo lavoro di carteggiatura e stuccatura.
  9. Pensavate fossi sparito?? no no... sono di nuovo qui! in questi giorni ho lavorato parecchio, ma non ho avuto molto tempo per postare i progressi. Ed eccoli qui, corredati con le solite foto: Dato la scarsa propensione generalizzata del modello a farsi montare... credevo che le prese d'aria mi avrebbero fatto penare abbastanza! mi sono dovuto ricredere (per fortuna), e non ho incontrato particolari difficoltà. L'intake sinistro necessita solo di una bella carteggiata e di un pò di stucco, quello destro invece formava un accentuato scalino. Ho risolto il problema incollando un paio di listellino di pasticard in modo da creare uno spessore di raccordo. Successivamente ho carteggiato a fondo e stuccato per pareggiare il tutto... Sulla presa destra c'è un piccolo rettangolo trasparente. Purtroppo di materiale su questi Mirage ne ho reperito veramente poco.. giusto un paio di pubblicazioni (PKL e Osprey Super Base) e qualche foto. Da quest'ultimi sono risalito alla funzione di questa vetratura: dovrebbe essere un faro d'illuminazione, sullo stile di quello montato anche sui nostri F-16... ma chiedo conferma a qualcuno più esperto per la mia intepretazione! ad ogni modo il fondo, da quello che ho visto, è in zinc chromate yellow - lo stesso utilizzato come antiruggine per la struttura interna di tutti i Mirage. In fondo, sulla destra, c'è la parabola riflettente del faro che è in alluminio cromato... da me riprodotto con una pennellata in alluminio. lo sò, il risultato non è particolarmente realistico e anche poco tridimensionale... ma sinceramente non avevo molta voglia di ricostruire un particolare non molto significativo e perderci troppo tempo! Qui potete vedere il terminale dell'ala prelevato dal set della Renassance. I Mirage degli Emirati montano l'estremità con dispositivi ECM integrati che nel kit non sono presenti. Anche qui ho dovuto effettuare un lavoro di "sgrosso" delle parti in resina poichè sono fortemente sovra dimensionate. Ho proceduto incollandole dapprima nel loro alloggiamento con una buone dose di attack... poi, a suon di carta abrasiva 400 (e dico 400!!) ho levigato e raccordato la resina alla plastica. Anche qui il risultato non è dei migliori perchè, con le carteggiature, i pezzi hanno perso gran parte del loro dettaglio e si sono assottigliati troppo... Due visioni d'insieme del modello a montaggio quasi ultimato. Sto procedendo con la graduale reincisione delle pannellature perse... e purtroppo sono tante! ho montato anche le alette antiscorrimento sulle prese d'aria e sulla deriva. Le ho dovute assottigliare moltissimo perchè originariamente avevavo lo spessore di un tronco di sequoia di Yellowstone! una cosa esageratamente fuori scala.... Infine, il cruscotto è andato al suo posto. L'ho stuccato e lisciato... appena termino il montaggio degli ultimi dettagli procedo con la sua verniciatura ed il posizionamento dell'HUD e di altri dettagli. Per oggi è tutto... ciao e a presto!
  10. Veramente carino!! però in effetti è troppo lucido... fai sempre in temp a dare un'altra mano di opaco...
  11. Ciao ragazzi... la tappo giallo non l'ho mai utilizzata. La tappo verde invece è molto utile negli incollaggi di precisione e dove non è facile intervenire per spazi angusti o fessure poste in posizioni particolari (come nel mio caso!). Non è una vera e propria colla... a giudicare dall'odore infatti assomiglia di più alla trielina o a qualche solvente simile. In pratica, invece di lasciare sulla superficie un agente collante... scioglie leggermente la plastica saldando le parti dove è più concentrata. Dove non è concentrata, evapora dopo poco non lasciando alcuna traccia... ne aloni ne macchie! un vero spettacolo... P.S. La tappo giallo che fa invece?
  12. Nuovi aggiornamenti: Ho rifatto i cannoncini poichè quelli del kit erano davvero inguardabili! Ho tagliato un pezzo di ago ipodermico da una siringa, e l'ho infilato all'interno di una sezione di rod tondo da 1 mm per ricreare il dispositivo taglia fiamma. La griglia fotoincisa e l'air scoop in resina tratta dal set Renassance. Quest'ultimo è stato carteggiato e rifilato più volte poichè la forma "originale" non era corretta. L'incastro tra ali e fusoliera è un vero disastro! si formano accentuati scalini in alcuni punti... e fessure molto larghe... Per evitare di utilizzare kilogrammi di stucco,a seguito di numerose prove a secco, ho deciso di "riportare in sagoma" le ali aiutandomi con del nastro adesivo. Dopo aver costretto le ali nella giusta posizione, ho incollato tutto colando all'interno delle fessure (lungo alcuni tratti ho infilato delle striscioline di plasticard in modo da favorire la presa dei collanti) sia l'Attack che la provvidenziale Tamiya tappo verde. Ho lasciato asciugare e successivamente ho carteggiato le zone con carta vetrata a grana grossa per raccordare il più possibile le due parti... Nella parte visibile dei pozzetti carrello ho aggiunto qualche particolare.... a presto con nuovi aggiornamenti! stay tuned...
  13. Se vi può interessare, l'articolo completo di foto e guida passo passo è on line a questo indirizzo!! CLICCA QUI Ditemi cosa ne pensate... grazie a tutti! P.S. @ Blue: perdonami! lo sfondo non ho avuto tempo di stamparlo e per non allungrae i tempi editoriali ho fatto le foto con vecchio telo blu! appena posso stampo le foto... promesso!
  14. Ecco alcuni progressi di questi giorni! Abitacolo: inserito nell'alloggiamento senza grosse difficoltà, come annunciato. Ai lati delle consolle si apre un vuoto di circa mezzo millimetro perchè la vasca è sottodimensionata in larghezza... ma lo spazio è davvero molto trscurabile. Ho dipinto tutto in XF-54 Tamiya... in realtà il colore dell'abitacolo dei delta francesi tende più al bluastro, ma se il lavaggio viene effettuato con Grigio Payne il risultato dovrebbe essere abbastanza fedele. La strumentazione del cruscotto non mi piace affatto... la fotoincisione sinistra tocca su parte della palpebra e rimane storta... inoltre i quadranti stampati sull'acetato non sono propriamente all'altezza. Purtroppo non è l'Aires, quindi mi sono dovuto accontentare. Ovviamente il Pit è stato sottoposto ad ampio dry brush in 36375 con l'aggiunta di particolari in rosso e giallo per dare quel tocco in più! Fusoliera: chiusa ed attualmente stuccata. Le due valve tendono a creare vistosi scalini sopratutto nella zona della gobba. Un pò di attenzione durante l'incollaggio ed una bella carteggiata con grana grossa hanno pareggiato il dislivello. Ho inoltre eliminato l'Air scoop (da sotituire con quello fornito dalla Renassance), e la luce di posizione stampata (veramente brutta, da sotituire con una CMK). Griglia di aerazione: a causa della carteggiata parte del dettaglio è andato... e con esso anche le incisioni che raffiguravano la griglia posta alla base della deriva. L'ho sostituita con un pezzo fotoinciso tratto dal set Eduard... e devo dire che fa anche una certa figura. Con un fresetta montata su un trapanino ho ricreato lo scasso seguendo le pannellature. Successivamente ho aggiunto due striscioline di rod ho creato uno spessore che fungesse da base d'appoggio per la griglia fotoincisa. Una buona dose di attack e di carta vetrata hanno fatto il resto... anche se dovrò ritoccarla ancora e cercare di spianare qualche avvallamento. Intanto vi mostro il bellissmo scarico, sempre della Renassance... Ecco le foto!
  15. Eccomi di nuovo a lavoro! questa volta si comincia con un Mirage 2000 della Eduard, in pratica un re-boxing del vecchio stampo heller a cui la ditta ceca ha aggiunto un pò di fotoincisioni e delle parti in resina (serbatoio ventrale e seggiolino). Le fotoincisioni però, proprio non bastano per dettagliare decentemente il cockpit ed in particolare lo scarico... così ho deciso di acquistare i due set della Renassance Model, una ditta artigianale francese che è l'unica a commercializzare after market per il kit Heller. Devo dire che il loro reperimento non è proprio cosa semplice... ed anche il prezzo è abbastanza alto, ma la qualità è buona e l'inserimento nel modello delle parti in resina non crea troppi problemi! ecco le prime foto...
  16. Ciao Dino, la miglior cosa sarebbe acquistare l'ottimo libro di D'Amico e Valentini - Camouflage & markings of Aeronautica Nazionale Repubblicana, la BIBBIA per tutti gli amanti dei velivoli ANR. A pagina 66 trovi infatti un profilo proprio del tuo esemplare più ulteriori immagini... Intanto ti posso dire che la particolare mimetica del tuo Veltro è il risultato di una parziale rivernicatura dello schema così detto "Herringbone" adottato dai tedeschi. Quando il velivolo ripassò all'ANR, esso venne di nuovo riverniciato con il classico schema RLM 74-75-76, ma il muso rimase invariato poichè quando il velivolo era parcheggiato risultava meglio mimetizzato...
  17. Ciao Bone, i Netz israeliani sono tutti block 15 perchè hanno gli stabilizzatori del tipo grande. L'unica alternativa ragionevole con un buon rapporto qualità prezzo è l'Hasegawa. Puoi utilizzare anche la scatola di un C perchè gli A oramai sono quasi introvabili.... le modifiche che devi apportare sono poche, in particolare eliminare le bugne che si trovano alla base della deriva. Per il resto la scatola dei C Hasegawa contiene già tutto quello che ti serve: presa d'aria piccola (small mouth) e scarico PWF100. A dirla tutta dovresti modificare anche un pò l'abitacolo, visto che quello dei Netz era Full Analogic. A questo punto: - Rimedi un A e sei già pronto per l'opera. - Rimedi un C e fai qualche modifica. Vale per tutti e due: è meglio se ti procuri lo scarico ed il cockpit per F-16 N dell'Aires. L'abitacolo dell'N va benissimo perchè in pratica è lo stesso dell'A... varia solo qualche placchetta del sistema di armamento che sugli aggressor era completamente rimosso per far spazio ad avionica più diretta ai combattimenti simulati. Poi ti dò un consiglio... prendi il set per i Netz fatto dalla isradecal... ti dà i lanciatori chaff & flare da installare alla base della deriva ed altri sensori che montavano ai lati della presa d'aria. In alternativa... se non vuoi fare il classico (per me i più belli!) esemplare con livrea desertica... c'è un ottimo foglio della Eagle Strike... codice EAG48153.
  18. Kit, ti capisco e ti sono vicino in questi momenti! quando arrivi alla fine e devi iniziare da capo... ti verrebbe voglia di buttare via tutto. Come fai con le decal? ti devi comprare un bel foglio nuovo... @Paolo20991: com'è la tua pragtica con i set in resina in generale (ed in particolare quelli Aires)?? gli aftermarket in resina sono bellissimi, ma creano parecchi problemi quando li vai ad inserire. Anche se sono creati su quello specifico kit, bisogna comunque lavorarci parecchio ed adattarli perchè non saranno mai precisi per la loro sede... Io personalmente, specie per il motore, ti sconsiglio di acquistare il set...
  19. Ah! scusami Gianni, questo pezzo di discussione me l'ero persa!! quindi se ho capito bene... il fiele di bue non si passa ad aerografo ma direttamente a pennello, giusto? solo sulle zone che vuoi trattare? lo devo far asciugare completamente oppure posso subito "stendere" gli acqurelli? questa tecnica mi interessa molto... ha un effetto bellissimo...
  20. Gianni... io questa curiosità me la devo togliere: mi spiegheresti, se ne hai voglia, la tecnica acquarelli/fiele di bue?? è bellissima....
  21. Desatura moltissimo le decal Kit, mi raccomando! ho visto che il prabrezza non l'hai montato... si adatta bene?
  22. Grazie a tutti! a presto con l'articolo e le foto più serie invocate da Blue!
×
×
  • Create New...