Jump to content

starfighter84

Membri
  • Posts

    390
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by starfighter84

  1. Esatto Vorthex, sto dicendo proprio questo! anzi... fai una prova: prendi il clear Tamiya o Gunze (è indifferente), aggiungi qualche goccia di rosso (così l'effetto si nota bene), diluisci molto e passa tutto ad aerografo su un vetrino.... vedi cosa ottieni! Secondo il mio modesto parere... otterrai un vetrino... rosso lucido! stile Ferrari. Quindi i suggerimenti dati da Sidewinder89 sono corretti, bisogna utilizzare solamente i pigmenti appositi della Gunze o della Tamiya per ottenere delle trasparenze sui canopy o sui vetri.
  2. Assolutamente NO! mischiando colori "normali" con il Clear non si ottiene un colore semi-trasparente come gli appositi Clear - Blu/Yellow/Green della Tamiya. Non sono adatti per creare degli effetti in trasparenza, quindi è meglio utilizzare sempre i colori appositamente studiati.
  3. Strano che non funziona il link... lo rimetto: TECNICA DEL SALE
  4. Allora: 1) per le tubazioni utilizzo filo di rame di varie misure... va benissimo quello dei cavi elettrici spellati e riutilizzati. 2) si, su questo kit o provato la tecnica del sale. Date le prove che ho fatto prima di mettere in pratica la tecnica sul modello, ho realizzato un video tutorial che può essere utile a tutti. lo trovi cliccando QUI - VIDEO TUTORIAL TECNICA DEL SALE 3) gli strumenti sono stampati su una lastra d'acetato fornita assieme al set in resina della CMK che ho utilizzato su questo Spit. Ho prima dipinto il retro dell'acetato in bianco.. poi ho incollato la lastrina sul cruscotto in resina e, successivamente, vi ho incollato sopra la fotoincisione (anch'ssa presente nel set della CMK): Ciao!
  5. I set in resina utilizzato sono i seguenti: - Cockpit: CMK - Gun Bay: CMK - Motore: Aries - piani di coda, elica, ogiva, e portellone del vano armi sinistro (quello chiuso... tutti questi pezzi elencati nel kit ICM sono errati e vanno sostituiti): Ultracast @Oberst: foto degli interni? certo! eccotene alcune in fase di lavorazione.... ù Le foto le ho fatte con un obiettivo macro... e quei lavaggi sembrano una porcheria! per fortuna che ad occhio nudo fa tutto un altro effetto...
  6. Signori, dopo circa tre mesi abbondanti di fatiche... momenti di sconforto e grandi soddisfazioni, ecco a voi il mio Spit! basta chiacchere... ecco le foto :-D : Altre in arrivo...
  7. Finalmente lo vediamo finito Alberto! mi fa piacere aver contribuito alla realizzazione di questo bello Spit.... un piccolo appunto: le superfici mobili dei piani di coda non sono corrette! i due alettoni si muovono insieme, in alto e in basso per la cabrata e la picchiata. Il modo in cui l'hai montati te rispecchia il comportamento degli alettoni alari... che si muovonon in senso opposto per variare il flusso d'aria sulla superficie dell'ala e permettere all'aereo di virare. Aggiungo anche che, a terra, i piani di coda degli Spit avevano sempre posizione a picchiare perchè, con il peso, le superfici mobili "cadevano" spingendo la tiranteria e la cloche in avanti.
  8. Tutto rigorosamente ad aerografo, anche l'invecchiamento. ciao! Altra carrellata:
  9. E dopo 5 mesi di duro lavoro, disgrazie e peripezie modellistiche... ecco a voi il mio A-7 E!! ci ho lavorato veramente troppo contando la media di tempo che utilizzo normalmente, ma devo dire che alla fine sono quasi soddisfatto di quello che ho tirato fuori. La resina che ho acquistato è utilizzato vale ogni songolo centesimo speso... i set dell'Aires valorizzano tantissimo tutto il modello. Adesso basta chiacchere e via con le foto! mi raccomando, come al solito solo commenti e critiche feroci perchè si puà sempre e comunque migliorare! altre in arrivo...
  10. Ragazzi qui si lavora sodo....! sono arrivato definitivamente a saturazione, quindi sto spingendo più possibile per finirlo sto Corsair. Forse vedo l'alba... entro questa settimana dovrebbe essere pronto! ecco i progressi: Ecco le viste complete del modello. Ho passato la quarta e quinta mano di trasparente lucido per preparare il fondo alle decal; prima però ho fatto un primo step di post shading sui tre colori... risultato? sul marrone posso ritenermi molto soddisfatto! l'effetto mi piace... sono riuscito a regolarmi bene con la desaturazione del colore. Sul grigio chiaro si vede poco e niente ma, in questo caso, sono un pò in crisi perchè il post l'ho eseguito direttamente con bianco opaco... un colore più chiaro di quello non esiste e non sò cosa altro utilizzare per far risaltare un pò di più la sbiaditura! Sul nero ci ero andato abbastanza leggero (ho usato il German Grey della Tamiya) per paura di esagerare con la desaturazione... e invece sono rimasto fregato! il trasparente si è "mangiato" tutto il post shading... Comunque la fase del weathering non è ancora finita. Ho infatti intenzione di eseguire altre due "shadizzazioni": un'altra dopo il lucido che siggilerà le decal e, se ce ne sarà bisogno, un'altra ancora dopo l'opaco finale. Questo anche per ottenere delle sfumature più varie e morbide... vediamo cosa ne esce, se il meotodo funziona lo brevetto anche per i prossimi modelli. Aspettando che il lucido si asciugasse per bene, ho iniziato i lavaggi dei vani carrello ed avionici. E' stato veramente un lavoro complicato, oltre che lungo! arrivare in tutti gli interstizi non è stato semplice... per fortuna che la superficie era abbastanza lucida da sfruttare la capillarità del colore ad olio (diluitissimo). Riguardando le foto ho notato alcuni ritocchi da fare.. inevitabilmente qualche particolare mi è sfuggito. Cosa ne pensate dell'effetto? le foto ingrandiscono molto e tutto potrebbe risultare un pò "pasticciato". Ad occhio nudo rende sicuramente meglio... i successici dry brush e la passata finale di opaco dovrebbe definire meglio tutti i dettagli. L'armamento quasi completato. Mancano i lavaggi sui TER e sulle spolette delle Snakeye... oltre ad un dry brush sul corpo delle bombe per accentuare il rivestimento ignifugo che ho ricreato. Gambe di forza e pneumatici. La parte di gomma delle ruote va ancora schiarita con una spruzzatina di grigio chiaro... Ecco a voi la quasi totalità dei portelloni (e mò te voglio per incollarli tutti!). Devo dire che questo modello mi sta venendo molto in stile Villalba...! Serbatoi e piani di coda... Curioso ed impazienti di provare le decal Two Bobs, ho posizionato subito le prime insegne! la prima impressione è buona... le decal reagiscono bene ai liquidi e sono abbastanza sottili. Avendole provate e facendo un confronto, le decalcomanie della Fightertown vincono 3 a 0 a mani basse però! Fra qualche ora, con il modello asciutto, si prosegue con le altre decal.... stay tuned!!
  11. No, semobra proprio un giocattolone con tutti quei particolari rossi, gialli e verdi.... FIAMMANTI.
  12. A me sembra un giocattolone....
  13. Bè... diciamo che il termine "pittate" non è appropriato perchè i pennelli non li uso più da una vita! per stendere i colori uso l'aerografo che ti permette di passare la vernice in modo uniforme e senza esagerare troppo con la quantità. Inoltre utilizzo solamente colori acrilici che sono formati da pigmenti molto sottili in grado di lasciare intatto e nitido tutto il dettaglio del modello (incisioni, pannelli, rivetti ecc. ecc.). Poi con un bel "lavaggio" con colori ad olio le pannellature di evidenziano e si fanno risaltare. Ciao!
  14. In questi ultimi due giorni ho avuto un bel pò di tempo libero da dedicare al mio Corsair... ecco i risultati! (scusate per la qualità delle foto... andavo un pò di fretta). Finalmente ho terminato la mimetica e ho potuto stendere tre mani di trasparente lucido Tamiya per iniziare i lavaggi. Per il washing ho usato tre tonalità differenti (non badiamo a spese!): - Tan - 50 e 50 Bruno Van Dyck e Nero. - Light Gray - Grigio scuro (poco bianco con una puntina di nero). - Nero - Grigio chiaro. Non mi convince molto il lavaggio delle pannellature sullo sfondo nero però... voi che ne pensate? stacca troppo o va bene? I vani avionici e carrelli non hanno ancora ricevuto il loro bel lavaggetto... dopo le prossime mani di trasparete saranno abbastanza lucidi e pronti per essere "trattati"! La mascheratura più temibile era proprio questa.... quella della presa d'aria. Sono stato in ansia fino alla fase di "scartamento" dello scotch temendo che qualche sbuffatina di colore fosse riuscita ad infilarsi sotto. Per fortuna tutto OK! non voglio neanche immaginare cosa sarebbe stato ritoccare il bianco all'iterno dell'intake... :-Scoccio è tutto per oggi! fino alla fine della settimana non si modella purtroppo....
  15. I trasparenti della Vallejo linea "AIR" non sono male... sono sempre tinte a base vinilica ma hanno una bella finitura. Le loro bombolette lasciale stare... molto poco controllabili (come tutte le bombolette spray), rischi di buttare via tutto perchè non riesci a regolarti e crei degli strati di trasparente troppo spessi. Vai col Gunze e/o Tamiya... intramontabili! anzi... per gli opachi/satinati ti consiglio i Puravest della Toffano.
  16. Ah Alberto, tranquillo! non sei mica il solo... anche un altro modellista molto più "esperto" e molto più famoso di noi è incappato nello stesso errore... probabilmente le istruzioni Tamiya hanno tirato un brutto scherzo anche a lui! Praticamente, come già ti ho anticipato nel precedente post, coprendo i Gunze con la Future molto spesso i colori sottostanti allo strato di lucido si spaccano e si crepano. Sicuramente la Future crea uno strato troppo compatto che non permette ai colori di "traspirare" e far espellere il diluente aggiunto ai pigmenti; quest'ultimo si concentra e spinge spaccando lo strato di vernice. Questo inconveniente si riscontra molto più frequentemente sui Gunze lucidi/semi-lucidi... ma accade anche sui colori opachi. Non cambia molto neanche far asciugare per bene i colori... a volte le crepe vengono fuori anche dopo mesi dalla fine del modello. Anche i Tamiya, seppur in parte minore, sono soggetti a questa problematica... non c'è niente da fare, la Future è ottima se usata sui trasparenti, molto meno come trasparente lucido. La cosa migliore è tornare ai vecchi trasparenti della Tamiya o della Gunze... una boccetta costa tanto e c'è poco prodotto all'interno ma, almeno, non si hanno problemi. Il Liquid Decal Film della Miscroscale è ottimo...! per i fogli "blank" su cui stampare le decal personalizzate, ti consiglio quelli prodotti dalla Expert Choice americana. http://www.greatmodels.com/~smartcart/cgi/display.cgi?item_num=BMF123
  17. Togliere delle decal che già si sono "seccate" è sempre una cosa poco igienica... sopratutto perchè devi ammorbidirle molto e alla Future questa cosa non piace molto! Il codice del velivolo (MK805) è corretto è ben fatto... il disegno di Gueli è molto preciso, anche perchè è stato lui in prima persona a partecipare al restauro. Però Alberto permettimi di dirti che, a mio avviso, lucidi sempre troppo poco i tuoi modelli prima di posizionare le decal... anche sul tuo F-86 alcuni stencil hanno fatto un silvering accentuato rovinenado un bel lavoro. La Future è buona per lucidare tettucci e parti trasparenti... ma secondo me come lucido vero e proprio non è il massimo. A parte delle note incompatibilità con i Gunze (e a volte anche con Tamiya - in pratica la vernice si spacca come se fosse terra arida... fa lo stesso effetto) , tende anche ad ingiallire col tempo (solo sulle parti verniciate però... sui canopy non dà questo problema). Tralasciando il discorso sulla bontà o meno della Future, prima di posizionare le decal la superficie dovrebbe essere più liscia e lucida (almeno 4 mani). Se guardi il codice che hai realizzato in "casa", si vede parecchio spessore del film trasparente. Per eliminarlo dovrai stendere parecchie mani di lucido sopra a tutto il modello per attenuare almeno un pò lo scalino che si è formato. Ti mando un pò di foto degli stencil del tuo esemplare:
  18. Ciao Alberto, ma le walkway le hai messe sopra la coccarda? oppure il rosso fa intravedere in trasparenza la linea nera sottostante? le walkway passavano sotto alla coccarda ad ogni modo... Per ciò che riguarda gli stencil, quelli che hai messo sono un pò sovradimensionati rispetto agli originali... lasciali così, oramai li hai posizionati tutti! P.S. lo Spit di Vigna li ha tutti gli stencil di ordinanza... gli Spit operativi, di sicuro, ne avevano molti di meno a causa di usura, ritocchi e cancellazioni varie.
  19. Nuovo aggiornamento! Ed ecco a voi... LA MUMMIA! ovvero... il modello come si presenta "scotchato" e "patafixato" prima della verniciatura dell'ultimo colore della mimetica. Questo è l'aspetto (quasi) finito del mio A-7. Mancano ancora parecchi ritocchi da dover fare... col Patafix è inevitabile che qualche macchia non sia precisa o ci sia qualche "sbuffatina" di colore indesiderata. Per i colori utilizzati, il colore più chiaro è il 36440 Gunze ulteriormente desaturato con l'aggiunta di 30% di bianco. Il marrone è il 30279 sempre Gunze. Per il nero ho deciso di non utilizzare il colore puro, bensì ho optato per il Nato Black Tamiya che rende perfettamente l'effetto scala. Ho iniziato a lavorare anche sui carichi esterni. Ecco la configurazione che ho scelto, tutta aria- superficie: - piloni interni: serbatoi supplementari. - piloni interni: TER con tre MK.82 Snakeye. - piloni esterni: due ordigni Mk.82 singoli. Le bombe provengono dal weapons set dell'Hasegawa. Ho aggiunto il rivestimento ignifugo picchiettando, con un pennello a setole piatte e dure, il Mr. Surfacer 500 della Gunze. Dà un ottimo effetto! Ai serbatoi, invece, ho ricreato i piccoli pannellini in rilievo (con la carteggiatura erano andati quasi completamente persi) con del nastro adesivo d'alluminio per idraulici. Ringrazio l'amico Daniele-Dankat per la fornitura...! Spero di poter chiudere la verniciatura al più presto... la fase dei ritocchi è sempre quella più noiosa. A presto!
  20. Come promesso, ecco le foto dello Spit di Vigna. Spero ti siano utili... fammi sapere. Ciao! Come vedi nella foto del cockpit, il collimatore è del tipo classico.... in teoria dovresti cambiarlo ma hai già chiuso il parabrezza.... Altre foto... CIAO!
  21. Le foto le ho io Alberto. Se posso in giornata te le posto... ne ho parecchie, anche di dettaglio. Magari mandami una mail al mio indirizzo se hai altre richieste... ciao!
  22. Ciao Alberto! leggendo il tuo WIP ho notato che vuoi rappresentare lo Spit conservato presso il MUSEAM di Vigna di Valle.... Avendolo studiato praticamente tutto di persona e conoscendo parecchi collaboratori del GAVS che hanno partecipato al restauro ti dico che hai fatto benissimo a riconvertire l'ala in tipo E, come è montata sullo Spit che vuoi riprodurre. Se hai letto bene il libro di Gueli saprai sicuramente che lo Spit di Vigna è un bellissimo... falso storico! in realtà l'MK805 era un esemplare con finitura metallica che operò presso il la Scuola di volo di Lecce per tutta la durata operativa nell'AMI. Ad esser ancora più precisi in origine l'MK805 era un IX con ala tipo C.... durante le fasi di restuaro però, mentre il velivolo era nelle mani del RMV di Lecce-Galatina, gli specialisti che si occupavano dei lavori sbagliarono chiudendo i fori delle armi Browning dA 7,7 MM della semi-ala destra. Accorgendosi dell'errore in ritardo e giudicando la rimozione della modifica troppo pericolosa, si optò per trasformare anche l'altra semi-ala in E. La scelta di verniciare l'esemplare conservato a Vigna con la mimetica continentale RAF è stata puramente "dimostrativa" in quanto in Italia nessun velivolo era restaurato con quei colori e con gli stemmi del 5° Stormo. Quindi, riprodurre lo Spit del MUSEAM non è proprio il massimo per ciò che riguarda la fedeltà storica. Proprio per questo, ti consiglierei di non realizzare le obliterazioni delle insegne inglesi e lasciare il modello con la mimetica "intatta" come la si può vedere sullo Spit di Vigna.... Per il resto... bel lavoro! per curiosità... come farai con le decal?
  23. Causa errore dovuto a mania complusiva da shopping, vendo Pratt & Whitney R-2800 della Quickboost in 32... buono per Corsair, P-47.. ecc. ecc qui trovate la foto del set! http://www.modelingtime.com/forum/viewtopic.php?f=37&t=1962#p26881
  24. Ciao ragazzi! vi sarete chiesti (spero) il motivo della mia lunga assenza... bè, mi sono accorto di avere commesso un erroraccio sul mio A-7 purtroppo. Controllando bene foto e documentazione, mi sono accorto di aver montato alla rovescia la canalina esterna sulla parte sinistra della fusoliera. Queste canaline sono state retrofittate sulla totalità degli ultimi A-7 in servizio a seguito di vari up-date avionici... praticamente non c'era più spazio per far passare i cavi all'interno della fusoliera e si sono inventati queste canaline esterne per contenere i cavi. Per un paio di giorni non ho praticamente toccato il modello pensando ad una soluzione: dapprima ero intenzionato a lasciare tutto com'era per evitare di rovinare inutilmente il modello... poi però non ho resistito e ho dovuto sistemare il problema! ho usato lo "Scolla Tutto" Loctite per eliminare l'Attack con cui avevo incollato la canalina di plastica e la piastrina fotoincisa... dopo qualche ora in cui il prodotto ha sciolto la colla, ho staccato con molta attenzione il pezzo. Sinceramente credevo di non riuscire a recuperarlo e doverlo auto costruire... invece sia la fotoincisione, sia la plastica hanno resistito alla grande (si è rotta solo in un punto)! questa volta per il nuovo incollagio ho usato l'Attack Gel che ha fatto il suo lavoro egregiamente. Nelle foto potete notare anche i vani carrello e gli Avionic Bays finalmente verniciati... si avvicina il momento di procedere con la mimetica! Ho anche passato una mano di nero sui frames esterni e sulla palpebra dell'abitacolo. I dettagli li ho risaltati con il classico Dry Brush in grigio 36375. continua... Guardando le foto ho notato che il vetro centrale del parabrezza ha una leggera ombratura in blu... l'ho riprodotta spruzzando dall'interno una mano diluitissima di Clear Blue Tamiya. Noterete sicuramente che ci sono dei grumi di colore... la foto è molto ingrandita, ad occhio nudo non si notano affatto (per fortuna!). Ecco il parabrezza incollato e dopo una prima lisciata con carta abrasiva... Dovrò comunque stuccarlo perchè non mi soddisfa molto come si raccorda al resto della fusoliera. continua... Questi invece sono le gambe di forza in metallo (altrimenti con tutta la resina che c'è dentro a sto modello gli originali in plastica non avrebbero mai sostenuto il peso!) carteggiati e verniciati! Stay Tuned!
  25. Ecco le news ragazzi! cruscotto finito e posizionato nell'abitacolo. Qualcuno noterà che lo schermo del radar è verde... scusate, mi sono preso una licenza poetica per dare un pò più colore al cockpit! in realtà, quando è spento è bianco... La palpebra in posizione... Ho anche stuccato le ali col solito metodo del Milliput. Quelli che mi conoscono meglio sanno che ho le mie fissazioni! una di queste sono i trasparenti e le luci... e infatti le ho completamente ricostruite! quelle di navigazione le ho rifatte con una scheggia di sprue trasparente, lisciato e lucidato. Prima però ho passato sul fondo una spennellata di rosso. Quelle di posizione sono invece due pezzetti di resina trasparente tinta con pigmento rosso e verde... così sono decisamente meglio rispetto alle originali! Stay Tuned... forse vedo la fine di questa infinita fase di montaggio!
×
×
  • Create New...