Jump to content

La vignetta e l'ira di Brunetta


VittorioVeneto
 Share

Recommended Posts

IO mi chiedo cosa sarebbe successo se Il Giornale o Libero avessero pubblicato qualcosa di simile, ma come obiettivo un esponente di sinistra.

 

Di sicuro avrebbero gridato al ritorno del Fascismo o boiate del tipo Berlusconi=Putin.

 

AL di la di tutto e' una vergogna. L'Unita' la fara' franca come al solito.

Link to comment
Share on other sites

IO mi chiedo cosa sarebbe successo se Il Giornale o Libero avessero pubblicato qualcosa di simile, ma come obiettivo un esponente di sinistra.

 

Di sicuro avrebbero gridato al ritorno del Fascismo o boiate del tipo Berlusconi=Putin.

 

AL di la di tutto e' una vergogna. L'Unita' la fara' franca come al solito.

 

Tralasciando il contenuto delle pubblicazioni del Giornale o di Libero, non capisco tutto questo astio (tipicamente ed esclusivamente italico, negli altri paesi occidentali il problema non si pone) verso la satira.

 

E dire che negli USA o in Gran Bretagna i curatori di immagine dei politici si cominciano a preoccupare quando i giornali NON fanno vignette satiriche su di loro! Mah... evidentemente in quei paesi, di media e democrazia, non capiscono una mazza!

Link to comment
Share on other sites

Il problema della satira è sempre stato sentito in Italia , basti ricordare le infinite polemiche sulla vicenda Guzzanti-Raiot , o Rockpolitic di Celentano , il fatto è che esiste una sottilissima linea tra la libertà di satira e la diffamazione ( chi si ricorda D'Alema che chiese 2 Mil di risarcimento a Forattini ?) , ma il problema è : chi può o deve decidere se certe trasmissioni sono satira o diffamazione ?

 

Ci vorrebbe un organo super-partes , che non possa poi essere accusato di essere politicizzato , in pratica un dilemma senza fine.

 

Per quanto riguarda il caso specifico poi la vignetta è assolutamente penosa , a me personalmente non fa ridere nemmeno un pò ...

Link to comment
Share on other sites

Guest intruder

Vorrei ricordare che Forattini fu difeso da Vauro e da TUTTI i vignettisti di sinistra, in blocco, e proprio quello dell'Unità (Staino) disse a D'alema "sull'Unità io ti ho fatto vignette peggiori di quella di Forattini" (risposta del Baffo: E io che c'ho, la faccia di uno che legge l'Unità? :whistling: ).

Edited by intruder
Link to comment
Share on other sites

Il problema è che in Italia vogliamo dare la qualifica di satira a ciò che satira non è.

 

Non lo era la Guzzanti che scimmiottava la Fallaci burlandosi del suo cancro.

 

Non lo era Luttazzi che comparava il Presidente del Consiglio a un pezzo di cacca.

 

Non lo è una vignetta dell'Unità in cui si nasconde un messaggio facilmente travisabile da chi non ha adeguati strumenti interpretativi.

 

PUNTO.

Edited by paperinik
Link to comment
Share on other sites

Il problema della satira è sempre stato sentito in Italia , basti ricordare le infinite polemiche sulla vicenda Guzzanti-Raiot , o Rockpolitic di Celentano , il fatto è che esiste una sottilissima linea tra la libertà di satira e la diffamazione ( chi si ricorda D'Alema che chiese 2 Mil di risarcimento a Forattini ?) , ma il problema è : chi può o deve decidere se certe trasmissioni sono satira o diffamazione ?

 

Ci vorrebbe un organo super-partes , che non possa poi essere accusato di essere politicizzato , in pratica un dilemma senza fine.

 

Per quanto riguarda il caso specifico poi la vignetta è assolutamente penosa , a me personalmente non fa ridere nemmeno un pò ...

Guarda il problema fondamentale è che,secondo una concezione "diffusa",tutto ciò che viene presentato in un contenitore "satirico",trasmissione,giornale o quant'altro,è SATIRA perciò insindacabile;pertanto basta che una trasmissione sia classificata come satirica,con qualche battuata qua e la,e puoi tranquillamente dare in maniera seria(senza far ridere) del nazista al papa o del mafioso a Berlusconi perchè tanto è satira...

Io non vedo niente di satirico in un disoccupato, che si alza la mattina e minaccia un ministro con la pistola(minaccia allargata ai presenti impiegati modello...che centrano loro?).Se qualcuno ha mai letto "il Vernacoliere" vedrà che ci sono vignette feroci su Silvio e Company,ma sempre nell'ambito della "presa in giro".

Link to comment
Share on other sites

Il problema è che in Italia vogliamo dare la qualifica di satira a ciò che satira non è.

 

Non lo era la Guzzanti che scimmiottava la Fallaci burlandosi del suo cancro.

 

Non lo era Luttazzi che comparava il Presidente del Consiglio a un pezzo di cacca.

 

Non lo è una vignetta dell'Unità in cui si nasconde un messaggio facilmente travisabile da chi non ha adeguati strumenti interpretativi.

 

PUNTO.

verissimo, ormai stiamo degenerando dalla satira all'insulto vero e proprio in molti (troppi?) casi <_<:thumbdown:

 

Inoltre è presente un rimando grafico, a mio parere di cattivo gusto, sui fatti recentemente accaduti in Finlandia.

verissimo pure questo, vedendo l'immagine è la prima cosa che ho pensato

Edited by GreenPhoenix
Link to comment
Share on other sites

Esatto Dominus....e pochi lo hanno ravvisato, proprio perchè in Italia la fascia sociale che possiede i giusti strumenti intellettuali per interpretare quella raffigurazione (impossibile definirla vignetta) è veramente ristretta.

 

EDIT:....e vogliamo parlare del titolo????? "GUERRE GIUSTE". Ma come si fa?! Veramente da restare allibiti. Poi ci stupiamo se una testa calda impugna una Beretta F-92 e va a "ringraziare" Brunetta. VERGOGNOSA.

Edited by paperinik
Link to comment
Share on other sites

Oramai la satira non c'è più come non c'è l'opinionismo, comunque sia è politica, e lo sanno anche i muri, con la politica ti fai amica una bella fetta di utenza.

Basta vedere i commenti di questa vignetta dei sinistrorsi per capirlo...

 

Vabbè... povera Italia mi vien da dire

Link to comment
Share on other sites

ma che scandolo mamma mia...

è una vignetta che non fa ridere... ma neanche c'è da scandalizzarsi, simpatica certo

 

c'è già un organo super patners che distingue satira da diffamazione ed è la magistratura

 

Si , ma sarebbe bello non dover arrivare a far volare le denunce ... ( a parte il fatto che per qualcuno la magistratura è tutto fuorchè super-partes) ...

Link to comment
Share on other sites

Guest intruder
ma solo la magistratura può fare da giudice in queste controversie, di certo non abbiamo bisogno di un'altro organo nuovo lottizzato con 10 persone a 400 000 euro al mese.

 

 

Basterebbe semplicemente che la gente selezionasse la funzione ragionamento del proprio cervello, e desse a queste kazzate il valore che hanno. Francamente certa pubblicità disturba più delle vignette, per quanto di cattivo gusto esse possano essere e senza dimenticare mai tutto il resto che si vede in tv o si trova su internet, qualunque ragazzino di otto anni è in grado di scovare i video più allucinanti o le notizie più sconvolgenti, dai manuali per fare la Bomba in poi, mentre papà e mammà guardano l'Isola dei Fetosi (beg your pardon, Famosi) o il Grande Fratello o Centovetrine...

Edited by intruder
Link to comment
Share on other sites

Basterebbe semplicemente che la gente selezionasse la funzione ragionamento del proprio cervello, e desse a queste kazzate il valore che hanno. Francamente certa pubblicità disturba più delle vignette, per quanto di cattivo gusto esse possano essere e senza dimenticare mai tutto il resto che si vede in tv o si trova su internet, qualunque ragazzino di otto anni è in grado di scovare i video più allucinanti o le notizie più sconvolgenti, dai manuali per fare la Bomba in poi, mentre papà e mammà guardano l'Isola dei Fetosi (beg your pardon, Famosi) o il Grande Fratello o Centovetrine...

Intruder mi hai battuto sul tempo.

aggiungo che in simili casi temo sia inutile anche il più efficace, minuzioso e preciso degli enti se non cominciamo a essere noi a usare il cervello e a combattere queste oscenità (in tutte le loro forme)

....e pochi lo hanno ravvisato, proprio perchè in Italia la fascia sociale che possiede i giusti strumenti intellettuali per interpretare quella raffigurazione (impossibile definirla vignetta) è veramente ristretta. [...]

inutile aggiungere altro, se non forse che la battaglia contro simili assurdità va portata avanti contestando direttamente, perché starmene con la mani in mano aspettando che sia la magistratura o chi altro a occuparsene mi sembra quasi offensivo, (come se fosse in ballo solo la contestazione politica, queste bassezze a me sembrano tanto dei veri insulti alla morale) e sarebbe ora anche di passare anche al contrattacco e formare una cultura, cosa che il proliferare di vignette/programmi/idee insulse dimostra essersi nettamente impoverita.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...