Jump to content

Un nuovo leader per una vera opposizione


marcello
 Share

Recommended Posts

Guest intruder
Mi sono fatto l'idea che qualcun altro potrebbe, meglio di Veltroni, ricoprire l'incarico di capo dell'opposizione.

Walter merita di essere avvicendato?

 

 

Tutti abbiamo delle idee, bisogna vedere se sono valide. Comincia tu facendo un nome, o due, o tanti...

Link to comment
Share on other sites

Guest intruder
A molti non è simpatico, ma D'Alema ha molte qualità ed esperienza.

 

 

Credo sia una delle poche, se non l'unica testa pensante dell'opposizione. Come dici tu il suo più grosso handicap è l'antipatia.

Link to comment
Share on other sites

scusate ma , a voi che ve ne importa? siete marcatamente di destra , i vostri interventi altrove lo provano, e voi volete preoccuparvi di chi debba essere il leader dell opposizione ? io non ho mai messo in discussione la leadership di Berlusconi delegittimandolo : é una scelta vostra in cui io non metto il naso .

 

vogliamo parlare del problema della leadership nei partiti ; facciamolo pure non ho problemi ma , non usiamolo come scusa per attacare gli avversari .

 

dindon nemmeno Berlusconi quando ha perso ha molato la leadership nono stante le richieste non solo di casini ma di Fini.

Edited by cama81
Link to comment
Share on other sites

Guest intruder
scusate ma , a voi che ve ne importa? siete marcatamente di destra , i vostri interventi altrove lo provano, e voi volete preoccuparvi di chi debba essere il leader dell opposizione ? io non ho mai messo in discussione la leadership di Berlusconi delegittimandolo : é una scelta vostra in cui io non metto il naso .

 

vogliamo parlare del problema della leadership nei partiti ; facciamolo pure non ho problemi ma , non usiamolo come scusa per attacare gli avversari .

 

dindon nemmeno Berlusconi quando ha perso ha molato la leadership nono stante le richieste non solo di casini ma di Fini.

 

 

Sì, sono di destra anche se non ho votato perché questa destra mi rifiuto. E non sto a dire che Veltroni se ne deve andare, meglio che resti così continua a perdere. Ho solo risposto alle osservazioni di Marcello, ti dispiace?

Link to comment
Share on other sites

.............

dindon nemmeno Berlusconi quando ha perso ha molato la leadership nono stante le richieste non solo di casini ma di Fini.

C'è sconfitta e sconfitta: nel 2006, Berlusconi ha perso, a seguito di elezioni terminate in un sostanziale pareggio; nel 2008, la sinistra, estrema e moderata, è crollata in tutte le competizioni elettorali che si sono tenute, in modo disastroso (o ve lo siete già dimenticato?)!

Link to comment
Share on other sites

scusate ma , a voi che ve ne importa?

Chi fa questa domanda sembra aver dimenticato che, in democrazia, sia l'attività di governo che l'attività dell'opposizione sono finalizzate al bene comune.

Non mi considero proprio di desta anche se, data la situazione italiana, ho spesso sostenuto le ragioni del centrodestra ma, anche se fosse, ho comunque il diritto a fruire di una opposizione valida.

Link to comment
Share on other sites

Chi fa questa domanda sembra aver dimenticato che, in democrazia, sia l'attività di governo che l'attività dell'opposizione sono finalizzate al bene comune.

Non mi considero proprio di desta anche se, data la situazione italiana, ho spesso sostenuto le ragioni del centrodestra ma, anche se fosse, ho comunque il diritto a fruire di una opposizione valida.

Quoto. L'opposizione ha il compito, tra gli altri, di fare da contrappeso alle decisioni del governo. Questo non vuol dire per forza ostruzionismo e voto perennemente contro, anzi aiutare il governo stesso proponendo disegni di legge ed emendamenti ai disegni di legge proposti dalla maggioranza.

 

Per questo Veltroni mi sembra l'uomo ideale, mi convince come politico perchè è pragmatico e non si lancia in affondi rimanendo con le spalle scoperte. Ritiene fondamentale il dialogo e cerca di mantenere le discussioni in Parlamento e nelle commissioni. Io direi che non ci si può lamentare di un'opposizione così, e io che ho votato PD neanche mi lamento, pur consapevole che le elezioni le ha vinte l'avversario e che non si può pretendere di governare con la minoranza (netta) dei voti.

 

D'Alema è un uomo politico che io stimo enormemente, forse anche più di Veltroni, ma ritengo che debba rimanere tale. E' già stato Premier, ora può mettere a disposizione la sua esperienza per incarichi importanti nel caso il PD vincesse le prossime elezioni.

 

Non so gli altri di sinistra, ma io mi ritengo rappresentato a dovere dal partito che ho votato. Peccato non aver potuto votare i rappresentanti... <_<

Link to comment
Share on other sites

A mio avviso, Veltroni ha alcune qualità ma non quelle che, in questo momento, gli sarebbero necessarie; non mi sembra un decisionista ma solo uno pseudodiplomatico ancora preoccupato di sforzarsi di non scontentare nessuno (Prodi docet!).

La sinistra ha ampia scelta!!! (Letta, D'Alema, Bersani, Pollastrini, Bonino, Damiano, Bindi, ecc.).

Inoltre Veltroni è un perdente: al Comune di Roma, cosa assolutamente insperata e quasi incredibile, ha preparato e consentito la vittoria di Alemanno.

Infine, mi sembra che si sia addirittura fatto rubare la scenda da quel "poverino" del Dott. Di Pietro

Link to comment
Share on other sites

Marcello faccio quella domanda NON perchè non si abbia il diritto di espirimere un parere sul opposizione anzi ,io vorrei che a destra ci fosse un personaggio della statura di Sarkozy, non per questo denigro gli attuali dirigenti del pdl .

 

 

Inoltre Veltroni è un perdente: al Comune di Roma, cosa assolutamente insperata e quasi incredibile, ha preparato e consentito la vittoria di Alemanno.
Link to comment
Share on other sites

Guest intruder
Inoltre Veltroni è un perdente

 

 

Quando fu annunciata la nascita del partito di Veltroni, Pansa, sull'Espresso, gli dedicò un articolo dal titolo emblematico: "La favola del perdente di successo".

Link to comment
Share on other sites

Marcello faccio quella domanda NON perchè non si abbia il diritto di espirimere un parere sul opposizione anzi ,io vorrei che a destra ci fosse un personaggio della statura di Sarkozy, non per questo denigro gli attuali dirigenti del pdl .

Non è mia abitudine denigrare e spero di non averlo fatto: dico solo che, forse, Veltroni ha fatto il suo tempo!

Link to comment
Share on other sites

perchè ci siano uomini di spessore alla guida del paese, sia a destra che a sinistra, sarebbero necessari volti nuovi.

a questo proposito sono veramente favorevole ad una legge (che non sarà probabilmente mai approvata) che limita il numero di rielezioni del presidente del consiglio, oppure che trasforma la nostra repubblica in repubblica presidenziale ponendo il limite a 2 mandati per il presidente.

Link to comment
Share on other sites

boh...io ho la sensazione che in questi primi mesi di legislatura il PD abbia ancora perso consensi, c'è molta gente che vorrebbe un'opposizione più cazzuta (scusate il termine) e il PD, e quindi il suo segretario, non l'ha certo incarnata, molti che han votato PD voterebbero Di Pietro oggi, ma è una mia impressione derivante dai pochi commenti delle persone che conosco. Comunque c'è ancora tempo prima delle europee del prossimo anno, solitamente chi è all'opposizione ha tutto da guadagnare.

Edited by Montgomery
Link to comment
Share on other sites

Guest intruder

Conosco persone che han votato PD e vorrebbero Bersani o la Bindi alla guida del partito, e considerano Di Pietro (e la Finocchiaro) soltanto l'espressione del becerume imperante in questo Paese: Di Pietro, come Bossi, dà le risposte sbagliate alle domande giuste, mi ha detto uno di loro oggi, a pranzo.

Link to comment
Share on other sites

Alla gente di destra: non è che Sarko sia tutto 'sto gran che eh, ricordiamocelo. In Francia era gia abbastanza in calo a pochi mesi dalla sua nomina e se non sbaglio il suo partito ha perso elezioni locali in quelle che erano sue roccaforti. Dovrebbe pensare più a governare e meno alla modella (cosa difficile, tanto è gnocca). Del resto... ha vinto perchè aveva davanti la "segaiola reale" che non è riuscita a stracciare uno che politicamente era FINITO (ricordiamoci dei "pendagli da forca" che gli hanno messo a ferro e fuoco il paese!!!). SCANDALOSO... Vergogna, sinistra francese, vergogna... anzichè trattare col guanto di velluto i terroristi italiani che ammazzano i nostri poliziotti...

 

Quanto a Veltroni va più che bene. Non è un perdente. In due mesi ha tirato fuori un partito da quasi il 40% dei voti. Sfido chiunque a farlo. Smettiamola di dargli addosso per moda oppure perchè si è capito che è un avversario realmente temibile e quindi gli si da addosso (tattica che sappiamo bene da chi è usata con maestria). E smettiamola anche con la storiella del Comune di Roma, altrimenti mi viene in mente Catania, unica città del Primo Mondo alla quale è stata tagliata la fornitura di luce pubblica (e che vede il sindaco, che fa il medico personale di non-si-sa-bene-chi, indagato per questo dalla magistratura).

 

Inoltre il fatto che se ne debba andare è incomprensibile. Era abbastanza ovvio che si perdesse le elezioni. Si potevano limitare i danni? Forse. Si poteva mandar via la Binetti per far entrare Boselli? Di sicuro. Ma è andata com'è andata. Pace. Il nostro poi non è un sistema presidenziale all'americana dove se perdi qualcosa-non-importa-cosa-ne-come-la-perdi-basta-che-la-perdi sei fregato (e comunque ricordo che negli anni '80 ci fu un certo Bill Clinton che perse le Primarie e poi sappiamo com'è andata a finire...). In un sistema Parlamentare si può anche perdere (di tanto o di poco) e rimanere al proprio posto alla guida del partito. Succede in tutte le democrazie parlamentari (ah... informarsi...). In Grecia ad esempio, Papandreus (nipote) ne ha fatte di cotte e di crude eppure sta ancora li (sebbene Venizelos sarebbe molto meglio). In Inghilterra addirittura ci sono stati Primi Ministri licenziati dal loro stesso partito mentre erano in carica (la cara vecchia Maggie!!!). Veltroni ha perso le elezioni. Ci sta. Pace. Tra cinque anni probabilmente le vincerà. E allora Berlusconi starà all'opposizione ma senza andarsene dalla guida del PDL perchè perdente (e poi ci mancherebbe, è il suo giocattolino!). Non vuol dire niente aver perso le elezioni. Ficchiamoci in testa il funzionamento del nostro sistema, che non è un Presidenziale Anglosassone (dove la cultura di vincente/perdente è molto radicata), ma un Parlamentare Europeo Continentale. E' giusto quindi che Veltroni continui a guidare l'opposizione. Anche perchè poi sarebbe stupido silurarlo senza avergli dato l'opportunità di fare qualcosa, anche se si tratta della guida dell'opposizione e non di quella del paese.

 

Quanto a DiPietro (e alla Finocchiaro) non ci sparerei tanto sopra. Solo che Tonino a volte esagera.

Link to comment
Share on other sites

a molti della sinistra Veltroni non piace perchè è una persona seria, che fa politica e non spettacolo come alcuni "eroi"...

 

MODEVA I TEVMINI, SPOVCO IMPEVIALISTA!

 

:asd:

Link to comment
Share on other sites

Guest intruder
Quanto a DiPietro (e alla Finocchiaro) non ci sparerei tanto sopra. Solo che Tonino a volte esagera.

 

 

Ti ho detto conosco gente del PD alla quale non piace nessuno dei due e argomenta in maniera molto complessa le proprie antipatie. Io te l'ho riassunto in breve, e spesso la sintesi è nemica della verità o quanto meno la approssima.

 

Non si può stare a pensare come saranno le elezioni fra cinque anni, potrebbero essere fra cinque mesi. Marcello si è limitato a dire che a suo giudizio occorre un nuovo leader dell'opposizione, e, visto e considerato che anche per molti elettori del PD Veltroni non è adeguato, la sua osservazione è valida. Per il resto chiunque metta in piedi un partito di centro modello democrazia cristiana (questo, in effetti, è il PD: cos'hanno in comune Binetti e Finocchiaro? Quello che avevano Andreotti e Martinazzoli, per fare i primi due nomi che mi vengono, poco o niente) rastrellerà tutti i voti degli scontenti della sinistra-no-ad-ogni-costo-ma-non-voto-Berluska-perché-non-mi-piace-o-meglio-non-mi-piace-Bossi... Io non ho votato, perché non mi piaceva Veltroni (e certi suoi alleati francamente impresentabili, come Di Pietro) come non mi piaceva Berlusconi (e certi suoi alleati, altrettanto impresentabili, come Bossi), ma la mia è un altro tipo di scelta, che esigo comunque venga rispettata, così come rispetto chi ha votato Berlusconi, Fini o Veltroni o perfino Diliberto.

Edited by intruder
Link to comment
Share on other sites

Veltroni ha perso le elezioni. Ci sta. Pace. Tra cinque anni probabilmente le vincerà. E allora Berlusconi starà all'opposizione ma senza andarsene dalla guida del PDL perchè perdente ....

Probabilmente le vincerà? ... difficile prevederlo ora .... ma se l'attuale governo continuerà sulla strada delle riforme meriterebbe di essere confermato alla guida del Paese.

Quanto a Veltroni, non scommetterei su di lui quale candidato della sinistra nel 2013.

Difficile che Berlusconi, tra 5 anni, ormai 77enne, possa ancora candidarsi alla guida del Paese.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...