Jump to content

caschi dei piloti


dread
 Share

Recommended Posts

vorrei sapere che sensori i JHMCS utilizzano per rilevare lo sguardo del pilota

poi una curiosità: i caschi non hanno alcuna funzione di sicurezza ma servono solo per l'ossigeno e la radio oppure no?

ho visto modelli in cui ci sono anche dei monocoli che tenderanno a incrementare le informazioni dell'HUD e che questi ben presto saranno sostituiti da raggi laser che proietteranno sulla retina, è vero o sono boiate? grazie

Edited by dread
Link to comment
Share on other sites

I caschi HMS non guardano l'occhio del pilota, ma il movimento del casco.

 

Il pilota deve guardare il bersaglio con tutta la testa, non solo con la pupilla!

 

I movimenti del casco sono controllati attraverso appositi sensori.

 

Quella di proiettare i dati direttamente sulla retina non è una boiata, ma sarà realtà a breve termine, se sarà ritenuta più utile rispetto alle soluzioni attualmente adottate (monocolo e mini-hud davanti all'occhio).

 

Il casco dei piloti ha anche funzioni protettive, specialmente in caso di eiezione.

Link to comment
Share on other sites

Io credo che un "sensore di pupilla" sia un po' esagerato e difficile da concepire: il povero pilota dovrebbe controllare il movimento dell'occhio, stare attento a non lanciare uno sguardo altrove... che so agli strumenti o alla cloche... mi pare un tantino esagerato...

Link to comment
Share on other sites

Io credo che un "sensore di pupilla" sia un po' esagerato e difficile da concepire: il povero pilota dovrebbe controllare il movimento dell'occhio, stare attento a non lanciare uno sguardo altrove... che so agli strumenti o alla cloche... mi pare un tantino esagerato...

Verissimo...lo avevo pensato anche io....

 

Povero pilota :rotfl:

Link to comment
Share on other sites

Il tempo dipende da quanto ci mette il sistema a "agganciare" il bersaglio visto dal pilota.

 

In altre parole il pilota "vede" il bersaglio attraverso il suo reticolo di mira e lo designa premendo un tasto.

 

A questo punto il computer deve capire cos'è che ha designato, e deve fornirne le coordinate (posizione, direzione e velocità) al sistema di guida del missile che a quel punto può essere lanciato.

 

E' comunque roba di secondi.

Link to comment
Share on other sites

Sarebbe,come ho visto in TopGun quel procedimento in cui appare una crocetta che lampeggia fino a sovrapporsi su un altro segno mentre fa bip bip bip?

(Scusa la maccheronicità della domanda ma non sapevo come impostartela :rotfl: )

Link to comment
Share on other sites

Sarebbe,come ho visto in TopGun quel procedimento in cui appare una crocetta che lampeggia fino a sovrapporsi su un altro segno mentre fa bip bip bip?

(Scusa la maccheronicità della domanda ma non sapevo come impostartela :rotfl: )

Non mi ricordo la scena in Top Gun (l'ho visto pochissime volte) ma non credo proprio che si quello che intendi tu... mi sembra piuttosto un normale aggancio sull'HUD anche xké a ben pensarci il film non è esattamente moderno!!!

Quindi è presumibile che in quegli anni non esistesse quel tipo di casco, soprattutto montato su un F14 che, a quanto mi risulta, non lo ebbe mai in dotazione perché radiato proprio nel periodo di immissione dell' AIM9-X

 

Credo che le cose siano andate così ma non sono sicuro al 100%... la parola a Gianni

 

;)

Link to comment
Share on other sites

speedy, ieri sera per tua fortuna mi sono rivisto per l'ennesima volta TOP GUN ( è sempre bellissimo :okok: ).

 

Allora quello che dici tu si tratta del sistema di puntamento dei mig 21 ovvero del mirino..

 

Negli F14 c'era un quadrato come mirino che doveva essere posizionato sopra l'aereo nemico per mitragliarlo o sparargli contro un missile

 

Nei mig c'era un cerchio e un quadrato, per colpire l'aereo nemico il pilota doveva far inscrivere il quadrato nella circonferenza e poi vedere il Mig21 sul quadrato e sul cerchio.....

Link to comment
Share on other sites

I MIG 28 non esistono infatti, gli aerei usati erano i T 38 Talon, gli F 5 e gli A 4 Skyhawk in Top Gun. Tutti aerei usati in quegli anni dagli Squadron "Aggressor", cioè reparti di volo nei quali i piloti volano quali piloti avversari dei reparti di volo del US Navy usando tattiche di combattimento russe (all'epoca sovietiche)

 

In film come Aquila d'Acciaio o d'attacco gli aerei erano dei Kfir comprati in Israele dagli USA i quali gli diedero anche una sigla propria (non me la ricordo al momento, ma Gianni di sicuro la sa) e furono usati dai reparti aggressor nelle stesse modalità di cui sopra. Penso che fossero in carico solo alla US Air Force però.

Link to comment
Share on other sites

Allora... un po' che manco e accumuliamo cosette da precisare, eh?

 

Per Jack: gli F-14 non sono stati ancora radiati.

Comunque è vero che il casco JHMCS non è mai stato integrato sul Tomcat.

 

Nei film si vedono spesso un sacco di cavolate, specialmente quando si tratta di mostrare agganci di bersagli e cose del genere.

 

Nell'HUD quando il bersaglio è agganciato di solito appare una X lampeggiante sul suo simbolo, o il quadrato diventa un rombo, cose del genere che conoscete bene, perchè ho avuto modo di vedere gli HUD usati nei giochi dei simulatori per PC come Falcon e simili, e sono identici.

 

I KFIR furono noleggiati dall'USNavy e dall'USMC, Tillo, non dall'USAF.

La sigla assegnata fu F-21.

L'USAF ha sempre usato come Aggressor i T-38 e gli F-5.

 

I caschi come il JHMCS si chiamano genericamente HMS, e sono stati implementati per primi dai sovietici sui MIG-29 e SU-27, abbinati ai missili AA-11 Archer.

La tecnologia di questi caschi è stata sviluppata in USA, che però non li avevano mai implementati operativamente sui caccia, ma sull'AH-64 Apache, che è stato il primo HMS operativo.

 

Anche i russi propongono i loro HMS/AA-11 come aggiornamento di modelli di caccia più vecchiotti, come il MIG-21, e in effetti i piloti dell'USAF che hanno avuto modo di confrontarsi in esercitazione con i MIG-21 indiani dotati di AA-11, hanno riferito che si sono rivelati avversari pericolosissimi, nonostante l'età.

Link to comment
Share on other sites

Eh si, infatti con Gianni non si sbaglia mai!!!

 

Ci ha già spiegato che ha un enorme database creato con cura per anni e da questo enorme "cilindro" può trarre qualsiasi informazione necessaria.

 

Che dire se non grazie ancora.

 

Anche io a suo tempo ero informatissimo e divoravo le riviste del settore, poi il lavoro e la famiglia mi portano via un sacco di tempo ora... se riesco a leggere un paio di mensili è già tanto...

 

ciao ciao :D

Link to comment
Share on other sites

Ciao DREAD, scusa la correzione ma nel film "TOP GUN" i fantomatici mig sono in realtà degli F 5 FREEDOM FIGHTER, aereo subsonico maneggevolissimo utilizzato proprio per questo anche dai BLUE ANGEL, e non F 4 PHANTOM...mentre la controparte di addestramento erano defli SKYHAWK A 4...

Link to comment
Share on other sites

la mia è stata una risposta un pò frettolosa sapevo che non erano i phantom, ma non ho pensato a collegare f-4 con phantom: il mio cervello funziona in modo strano

 

i blue angels hanno in dotazone gli f-18, non gli f-5

Link to comment
Share on other sites

A parte la correzione che i Blue Angels volano sugli Hornet, ci terrei a precisare che l'F-5 è tutt'altro che subsonico.

 

L'F-5E fila a Mach 1,6....

 

Freedom Fighter è il nome delle prime versioni (F-5A/B) che andavano a Mach 1,2 mentre le più recenti (F-5E/F) si chiamano Tiger II.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...