Jump to content

Prodi: via alle riforme costituzionali


Leviathan
 Share

Recommended Posts

Dopo il via libera al Senato federale, con un numero ridotto di componenti, la commissione affari costituzionali della Camera ha detto si' anche alla riduzione del numero dei deputati, che dovrebbero passare dagli attuali da 630 a 500. Il voto favorevole e' stato trasversale, con la conferma pero' del no di FI, che secondo quanto dichiarato dal suo coordinatore, Sandro Bondi, non ritiene possibile "avventurarsi in proposte di riforma costituzionale".

 

Sesa Amici (Ulivo), relatrice sulle riforme in commissione, rilvea: "Un nuovo passo avanti verso le riforme e' stato fatto con il voto sulla riduzione del numero dei deputati da 630 a 500. La rappresentanza degli eletti nelle circoscrizioni estero, 12, rimane invariata e va aggiunta ai 500. Unita a quella del Senato federale (con 184 componenti), come si vede, la riduzione e' notevole e si inserisce in una complessiva riforma che da' maggiore funzionalita' al Parlamento. Il numero di 500 e' fra l'altro congruo per le nuove funzioni che la sola Camera dei deputati dovrebbe svolgere con la fine del bicameralismo paritario. Nei prossimi giorni affronteremo in commissione il tema delle materie su cui dovra' pronunciarsi il nuovo Senato, coerentemente con quanto modificato finora. Registriamo, infine, una larga convergenza delle forze parlamentari su queste scelte, con la sola distinzione di Forza Italia".

 

La mancanca di AN e FI forse costringere il popolo italiano a votare la modifica con un referendum se non si raggiunge il quorum dei 2/3

 

http://www.rainews24.it/notizia.asp?newsID=74383

Edited by Leviathan
Link to comment
Share on other sites

Mi risulta difficile credere che 130 politici rinuncino senza batter ciglio alle loro poltrone. Siamo sicuri che non ci sia qualche cosa sotto????

Comunque finchè non verrà approvata la riforma io continuerò a dubitare.

Link to comment
Share on other sites

Per un paese di 50 milioni di abitanti bastano e avanzano 250 deputati e 100 senatori, è da notare che i 300 milioni di cittadini statunitensi vengono rappresentati da 435 deputati + 100 senatori (anche se qui il discorso è differente).

Quanto alle riforme costituzionali non credo che questo governo abbia la forza di farle senza cadere in compromessi di infimo livello

Link to comment
Share on other sites

Di fatto nelle intenzioni si tratta di un provvedimento analogo a quello fatto dal governo Berlusconi, daltronde come dicevo nell'altro topic, se si ha senso di stato, e buona parte di maggioranza e opposizione lo hanno alla fine dei conti, le misure prese diventano automaticamente simili.

Comunque finchè ci sarà la sinistra radicale a pressare, a meno di non occorrere ad improbabili alleanze trasversali, il presidenzialismo (pardon premierato...) non ci sarà.

Link to comment
Share on other sites

per puntualizzare la modifica del cost . proposta un anno fa modificava un TERZO di tutti gli articoli non proponeva solo la riduzione dei parlamentari . modificare un terzo degli articoli a colpi di maggioranza del governo con un prendere o lasciare è antidemocratico per lo meno .

 

servono riforme condivise e che abbiamo un continuità già in altri settori ciascun governo fa e disfa a suo piacimento come la tela di Penelope almeno la costituzione va preservata da certi giochi politici.

Link to comment
Share on other sites

il ddl del federalismo fiscale si è arenato quando la lega si è tirata indietro dalle trattative con il governo come rappresaglia politica a non mi ricordo cosa.

Francamente non so se andrà avanti...

Link to comment
Share on other sites

Premierato non esiste e non deve esistere.

Guarda era pessima non solo perchè peggiorava il già pessimo titolo V della costituzione, ma anche per i troppi poteri al "premieri" e i troppo pochi poteri del capo dello stato.

 

Fortuna che il popolo, nonostante la disinformazione, ha deciso di bocciarla sonoricamente

Link to comment
Share on other sites

onestamente non riesco e capire cosa non ti piaccia del premierato, in fin dei conti viene eletto "direttamente" (o quasi) dal popolo e la questione del ricatto-scioglimento delle camere è particolare primo perchè se davvero vuole scioglierle va a casa anche lui non solo il parlamento secondo,non è che il parlamento dopo lo decide lui ma il popolo perchè vi sono nuove elezioni, tra l'altro se il popolo decide che quello che ha fatto non andava bene lo caccia via...

 

Però sia chiaro se tu mi dici a me il premierato non piace per prinicipio (dico io) rispetto la tua idea, ti dirò di più come ho già scritto io sono per un presidenzialismo quindi dico, capisco che in Italia il presidenzialismo non è un ipotesi che può trovare seguito anche per questioni storiche quindi piuttosto di niente...

Link to comment
Share on other sites

facendola breve

il presidenzialismo è quella forma di governo in cui vi è un presidente della repubblica eletto direttamente dal popolo (o quasi sempre, alcune volte in via indiretta) e gode di poteri molto ampi (vedi presidente USA)

 

il premierato vi è invece la presenza di un premier e un capo di stato (presidente o monarca). Ha seconda della tipologia l'elezione o la nomina del premier può variare e questo gode di ampi poteri anche se meno ampi di una forma presidenzialistica

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...