Jump to content
Sign in to follow this  
samurai

Operazione In Codice: El Dorado Canyon, Usaf/Navy VS Libya

Recommended Posts

L’attacco dell'Aeronautica militare e della Marina degli Stati Uniti contro la Libia il 15 aprile 1986.

 

 

L'incursione /bombardamento era la conclusione di un periodo di forti e reciproche tensioni tra Stati Uniti e Libia. Dopo anni di scaramucce occasionali e richieste territoriali nel Golfo della Sirte , un golfo d’acqua che si estende lontano in acque internazionali, ed anni di attacchi di terrorismo sostenuto dal governo Africano , Abu Nidal in specie fecero attacchi a Roma ed all’aeroporto di Vienna il 27 dicembre 1985, gli Stati Uniti decisero di rimandare il problema nella Primavera del 1986, mentre organizzavano un attacco militare per inviare una risposta al terrorismo internazionale. A marzo 1986, gli Stati Uniti, asserendo in 12 miglia (22 km)il limite delle acque territoriali riconosciute dalla comunità internazionale, spedì una forza aereonavale nella regione. La Libia rispose in maniera aggressiva il 24 di Marzo questo condusse alla distruzione di sistemi radar e unita’ navali per attacco missilistico. Meno di due settimane più tardi il 5 Aprile , una bomba esplose in una discoteca di Berlino Ovest, La Belle, uccidendo due membri delle Forze Armate americani ed una donna turca e ferendo 200 altri. Gli Stati Uniti chiesero la estradizione degli agenti Libici in Germania Est che furono coinvolti nell'attacco.

Dopo molti giorni di discorsi diplomatici tra europei e partner arabi, il Presidente Ronald Reagan ordinò l’attacco sulla Libia il 14 aprile. Aerei F-111 del 48° C TW,della base RAF di Lakenheath e 20 C T W, della base RAF di Heyford, insieme ad A-6, A-7, e F/A-18 delle portaerei USS America, USS Coral Sea ed USS Saratoga colpirono cinque obiettivi alle 02:00 dell 15 aprile, nella speranza che la Libia smettesse di sostenere i terroristi. Agli Stati Uniti furono negati i diritti di sorvolare il proprio territorio da Francia e Spagna così come l'uso di basi continentali europee, costringendo a sorvolare la Francia ed lo Stretto di Gibilterra, aggiungendo 1,300 miglia (2,100 km) in ogni modo fu’ necessario il rifornimento in volo multiplo. L'attacco durò approssimativamente dieci minuti. Molti obiettivi furono colpiti e furono distrutti, ma anche luoghi civili e diplomatici a Tripoli furono colpiti, grossi danni all'ambasciata francese, quando un numero di bombe fallirono gli obiettivi intenzionali.

 

Aerei USA e Basi Libiche

 

Azizyah: 9 F-111 -36 GBU-10 2,000 lb –LGB, 1 F-111F si perse

Murat Sidi Bilal: 3 F-111F 12 GBU-10 2,000 lb LGB

Campo d'aviazione di Tripoli (. Base Aerea di Wheelus): 6 x F-111F 72 Mk 82 500 lb RDB 1 F-

Jamahiriyah (Benghazi): 7 A-6E 84 Mk 82 500 lb RDB 6 A-6E

Benina campo d'aviazione: 8 A-6E 72 Mk 20 500 lb CBU

24 Mk 82 500 lb RDB 6 A-6E

Tripoli –Rete di difesa Aerea: 6 A-7E 6 A-7E

Benghazi Rete Difesa Aerea: 6 F/A-18 6 F/A-20 danni

Totale 45 aerei e 300 bombe

48 missili 35 bombe

1 Perduto

1 Disperso

8 abortiscono 227 colpi

48 missili homing

 

Difese Aeree Libiche:

 

Le difese Aeree Libiche avevano:

 

* 4 Sistemi SA-5 Vega unità missili e contraeree per un totale di 24 lanciatori.

* 86 SA-2 Volchov e Neva unità missili e contraeree con un totale di 276 lanciatori.

 

Tripoli:

 

* 7 SA-2 Volchov unità missili e contraeree con 6 lanciatori di missili per unità per un totale di 42 lanciatori.

* 12 SA-3 Neva unità missili e contraeree con 4 lanciatori di missili per unità per un totale di 48 lanciatori.

* 3 SA-6 Kub unità missili e contraeree con un totale di 48 lanciatori.

* 1 SA-8 Osa-AK reggimento contraereo con 16 veicoli di lancio.

* 2 Crotale II unità contraeree 60 blocchi di lancio

 

Una ragazza 15enne che si disse essere la figlia adottata del leader Colonnello Gaddafi, Hanna fu uccisa e due dei suoi figli furono feriti. Si penso che Gaddafi stesso fosse stato l'obiettivo principale ma, se una bomba cadde sulla sua e le altre bombe distrussero la sua casa nella capitale, lui non fu colpito . In tutto , 15 borghesi morirono negli attacchi, insieme con un numero ignoto di personale militare.

 

Due Capitani della USAAF —Fernando L. Ribas-Dominicci e Paul F. Lorence—furono uccisi quando il loro F-111 fu abbattuto sul Golfo della Sirte.

 

Il 25 dicembre 1988, Gaddafi offrì di rilasciare il corpo di Lorence alla sua famiglia attraverso Papa Giovanni Paolo II . Sebbene il corpo di Ribas-Dominicci fu riportato nel 1989, si pensa che i resti di Lorence siano, ancora in mani di Libici.

 

In 2001 Teodoro D. Karantsalis, un bibliotecario dell’Universita’ di Dade - Miami- chiese l'aiuto dell'ufficio del Membro del congresso Wally Herger per esortare la Libia a riportare i resti di Lorence alla sua famiglia ed amici. Karantsalis creò anche un website ed invitò i visitatori a firmare una petizione al Membro del congresso Lincoln Diaz-Balart per il ritorno in dei resti di Paul.

 

Il 27 gennaio 2005, Karantsalis fece una denuncia federale sotto la Libertà di Informazioni Atto (FOIA) contro il Reparto di Difesa ed il Reparto dell'Aeronautica militare per sapere dovesono i resti del Capitano Paul Lorence .

 

Karantsalis aveva sperato di localizzare i resti per il 20 anniversario della morte del .Capitano Paul Lorence

 

 

 

La Ritorsione

 

La . Libia rispose sparando,come ritorsione alcuni missili Scud alla stazioni di Guardia Costa degli Stati Uniti sull'isola italiana di Lampedusa che comunque non colpirono il bersaglio. A Beirut, Libano, due ostaggi britannici tenuti dall’Organizzazione di Abu Nidal, Alec Collett e Leigh Douglas insieme ad un americano Filippo Padfield furono uccisi per vendetta. Il giornalista John McCarthy fu rapito, e Paul Appleby un turista fu assassinato a Gerusalemme.

Gaddafi ebbe una rivolta interna,. Anche se Gaddafi sembrasse avere lasciato la sfera pubblica per un tempo nel 1986/87, emerse più tardi continuando a finanziare spedizioni a gruppi di terroristi in specialmente all'Ira. Poi venne la bomba al Volo 103 il 21 dicembre 1988. Si penso’ inizialmente chel’ Iran fosse stato responsabile per il Lockerbie ma si scopri’ dopo che furono due Libici.-

Molte nazioni condannarono l'attacco alla Libia, incluso tutti gli stati arabi, Francia, e l'Unione sovietica. Gli Stati Uniti ricevettero l’appoggio dal Regno Unito, Australia, Israele ed alcuni altri. La sua dottrina di dichiarare una "Guerra al Terrore" non fu ripetuta fino a 1998, quando il Presidente Clinton ordinò sattacchi su sei campi terroristi in Afghanistan. L'approvazione di Margaret Thatcher dell'uso delle basi della RAF condusse alla critica della Leader Inglese.

La reazione europea complessivamente all’attacco degli USA alla Libia era estremamente negativo. Quasi ogni governo europeo si oppose all'attacco americano.

Anche se l'Unione sovietica apparentemente cooperava con la Libia,

annunciò esplicitamente, che non avrebbe offerto aiuto supplementare alla Libia oltre ai rifornimenti e vendita di armamenti. Non fece nessun tentativo di intimidire militarmente gli Stati Uniti, nonostante le operazioni americane ed in corso nel Golfo della Sirte e comunque era a conoscenza dell’attacco ,anche se’ non perdette l’occasione di fare delle dimostranze sul barbaro attacco.-

Dopo l'incursione, Mosca annullò una visita progettata agli Stati Uniti dal ministro degli esteri Eduard Shevardnadze. -

Share this post


Link to post
Share on other sites

è un episodio degli anni 70, a quanto pare una corvetta della MMI ha abbattuto il Mirage F1 libico che aveva fatto un passaggio di mitragliamento

Share this post


Link to post
Share on other sites

la nostra motovedetta fu mitragliata e un marinaio ferito gravemente, ma sono certo non rispose al fuoco e nessun aereo libico fu abbattuto; quello che non ricordo se la mancata risposta al fuoco libico dipese dalle regole di ingaggio o da autorizzazioni tardive.

Share this post


Link to post
Share on other sites
è un episodio degli anni 70, a quanto pare una corvetta della MMI ha abbattuto il Mirage F1 libico che aveva fatto un passaggio di mitragliamento

 

Macchè abbattuto, la reazione italiana consistette in una spedizione di soccorso partita in fretta e furia da Taranto (con marinai di leva eccitati/terrorizzati) ed in qualche cannonata in aria a casaccio (il sistema di direzione del tiro era rotto) ed il Mirage ha deciso di tornarsene a casa.

Edited by Captor

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non so a che episodio vi riferite, io sapevo che una nostra nave (civile) stava effettuando dei sondaggi per scopi petroliferi presso Malta e che questo causò l'ira dei Libici che consideravano la zona di loro competenza.

 

Furono inviate le rispettive marine ma niente di più.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Allora ho fatto un pò di ricerche su internet:

 

UN’ESTATE BOLLENTE

 

Questi i tasselli di quella bollente estate del 1980 messi insieme da G71:

 

"L’11 giugno inizia la mattanza degli esuli libici presenti in Italia. Il 27 giugno viene abbattuto sul cielo di Ustica il DC9 Itavia, partito da Bologna per Palermo con due ore di ritardo, mentre è seguito ad una distanza pari a meno di dieci minuti di volo da un Boeing 707 della Air Malta (volo KM153). Il 10 luglio vengono sequestrati dalla Libia due pescherecci italiani con 19 marinai a bordo (verranno rilasciati due anni dopo). Il 18 luglio viene ritrovato un Mig 23 libico sui monti della Sila, era stato abbattuto il 27 giugno da due gladiatori delle Frecce Tricolori, Mario Naldini e Ivo Nutarelli (I Centuria Aquile), poi morti nel 1988 durante una esibizione in Germania, a Ramstein, in un incidente che causò la morte di oltre 80 persone.

 

Il 2 agosto prende posizione, sui banchi di Medina, la nave da ricerche petrolifere dell’Eni Saipem, a dimostrazione, soprattutto ad uso interno maltese, della giustezza della politica filo-italiana di Mintoff contro l’area politica filo libica molto forte nell’isola. Sempre il 2 agosto l’on. Zamberletti per conto del governo italiano firma il protocollo d’intesa relativo al trattato che esclude la Libia dal controllo dell’isola. Lo stesso giorno salta la stazione di Bologna. Il 6 agosto una parte dell’esercito libico si ribella e tenta un colpo di stato contro Gheddafi. I congiurati saranno sconfitti dall’intervento di unità militari della Germania Orientale (guidate dagli uomini del Kgb), che salvano il colonnello Gheddafi. Di questo colpo di stato Gheddafi accuserà l’Italia, arrestando tre imprenditori italiani ritenuti fiancheggiatori degli insorti (III Centuria ‘Colombe’, verranno rilasciati dopo sei anni). Il 24 agosto una nave da guerra libica intima, con la minaccia di prenderla a cannonate, alla nave italiana Saipem-2 di interrompere le ricerche petrolifere sui banchi di Medina ed andarsene. Si sfiora la battaglia fra le navi italiane intervenute a difesa della Saipem e le navi libiche. Gli aerei F104 di Trapani Birgi pattugliano il cielo di Malta. Il 2 settembre l’Italia si impegna a garantire l’integrità territoriale di Malta e il giorno dopo il premier maltese vola a Roma per approfondire l’intesa. Il 9 settembre si ratifica l’accordo fra Italia e Malta, che prevede fra l’altro l’esclusione delle navi americane e sovietiche dai porti dell’isola".

 

 

FONTE: http://www.almanaccodeimisteri.info/arconte.htm

Edited by VittorioVeneto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quando troverò un pò di tempo cercherò qualche riferimento bibliografico anch'io; comunque, andando a memoria, il caso della motovedetta mitragliata è diverso da quello della nave da ricerca petrolifera; la questione Ustica e il MIG23 precipitato (la versione ufficiale non mi pare abbia mai contemplato la possibilità dell'abbattimento) risalgono a diversi anni prima della crisi USA - Libia che portò all'operazione Eldorado Canyon (Ustica 1980, Eldorado Canyon 1986) e forse stiamo uscendo dall'oggetto di questa discussione, ma sarebbe interessante trovare notizie su quegli eventi (mi riferisco al caso della motovedetta).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lo so lo so che si andava un po OT , ma visto che si parlava di Libia ...

 

Cmq io sapevo che il mig era stato abbattuto dagli starfighter, non precipitato .... :huh:

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' a dir poco nauseabonda la quantità di sciocchezze scritta nel testo che hai riportato, Vittorio Veneto.

 

E più di tutto, è vergognoso il modo in cui si diffama la memoria di due piloti che hanno perso la vita in circostanze così tragiche.

 

"abbattuto", "gladiatori", "centuria"... G71 e chi gli ha pubblicato le dichiarazioni dovrebbero fare una cura di disintossicazione in qualche centro specialistico...

Share this post


Link to post
Share on other sites
logixamente in italia ci hanno tirato gli scud e non abbiamo fatto niente

 

Guarda che gli scud non hanno colpito il territorio italiano, non ci sono andati neppure vicino.

Lo so, visto che c'ero :ph34r:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Dove ? In Sicilia ?

 

In MM, in zona :rolleyes:

 

Come avevo scritto, quando ero militare mi occupavo di telecomunicazioni e non molto distante da Lampedusa c'era un importante centro della marina.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Che disonore ! Presi a colpi di scud dai Libici. Ma siamo o non siamo uno dei paesi più forti del pianeta?

 

Servirebbe il suicidio rituale per lavare l'onta :rotfl:

 

Il Sismi doveva far fuori Ghedaffi :furioso:

Share this post


Link to post
Share on other sites

In http://www.f-117a.com/Javaframe.html ho trovato che:

 

On April 15, 1986 a bombing raid was planned under the code name Operation EL DORADO CANYON. The F-117A was identified as the best suited weapons system for the mission. Although senior officers at TAC knew of the F-117A's capabilities, the theater commanders knew nothing of its capabilities or even that it existed. As a result, the raid was carried out using carrier based Navy A-6s, A-7s, F/A-18s, and USAF F-111s based out of the U.K.

Once again, the F-117As were within less than one hour from launch when Casper Weinberger scrubbed the mission. He felt that the aircraft was too valuable to risk on such insignificant targets and the F-117A's participation in the raid was canceled.

 

Anche se non capisco come sia possibile che la missione sia stata abortita meno di un ora prima del lancio in considerazione del rapporti rischi / benefici troppo elevato; non ci sarebbero dovuti arrivare in fase di pianificazione a questa considerazione?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest intruder

Non vorrai mica che le stupidaggini le facciano solo gli italiani, spero...

 

Battute a parte, il 117 fu usato quattro anni dopo, durante Just Cause, e i risultati furono alquanto incerti perché i piloti non avevano ancora preso troppa confidenza con la macchina. Chissà... forse non impiegarli per El Dorado Canyon (questo il nome ufficiale, forse sarebbe il caso di correggere il titolo del topic) non fu tanto stupidaggine.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest iscandar
Che disonore ! Presi a colpi di scud dai Libici. Ma siamo o non siamo uno dei paesi più forti del pianeta?

 

Servirebbe il suicidio rituale per lavare l'onta :rotfl:

 

Il Sismi doveva far fuori Ghedaffi :furioso:

 

scusa che dovevamo fare??? creare nuovamente la quarta sponda???

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest intruder

Considerato che gli Scud (ammesso e non concesso lo fossero, ci stanno dei seri dubbi in proposito) non fecero danni, credo si sia fatto il dovuto (furono spostate alcune unità navali e aeree in zona) per far capire all'ultimo amico di Berlusconi che non doveva tirare troppo la corda.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Aerei USA e Basi Libiche

 

Azizyah: 9 F-111 -36 GBU-10 2,000 lb –LGB, 1 F-111F si perse

Murat Sidi Bilal: 3 F-111F 12 GBU-10 2,000 lb LGB

Campo d'aviazione di Tripoli (. Base Aerea di Wheelus): 6 x F-111F 72 Mk 82 500 lb RDB 1 F-

Jamahiriyah (Benghazi): 7 A-6E 84 Mk 82 500 lb RDB 6 A-6E

Benina campo d'aviazione: 8 A-6E 72 Mk 20 500 lb CBU

24 Mk 82 500 lb RDB 6 A-6E

Tripoli –Rete di difesa Aerea: 6 A-7E 6 A-7E

Benghazi Rete Difesa Aerea: 6 F/A-18 6 F/A-20 danni

Totale 45 aerei e 300 bombe

48 missili 35 bombe

1 Perduto

1 Disperso

8 abortiscono 227 colpi

48 missili homing

 

Non per esse pignolo o essere acido, ma questo specchietto è piuttosto confuso ed errato (addirittura riporta l'impiego di 6 F/A-20....che il Tigershark sia stato adottato dalla USN senza che nessuno ne abbia preso nota?! :ph34r::blink::rotfl: ).

Precisiamo....

 

Quando ci si riferisce inoltre a "1 perduto e 1 disperso" non si fa riferimento ai due piloti deceduti nell'attacco, ma semplicemente all'esito della missione degli F-111F che attaccarono le importanti istallazioni ad Azizyah (centro di comando e HQ dei terroristi libici): dei nove Advaark impiegati per questa missione solo 3 colpirono il bersaglio, 4 abortirono la missione, 1 mancò il bersaglio ("missed", impropriamente tradotto in "disperso" anzichè "mancato") e -purtroppo- 1 venne abbattuto. Per questa missione ogni F-111F era stato dotato di 4 LGB GBU-10 da 2000lb.

 

Altri obiettivi della missione El Dorado Canyon:

-campo militare Murat Sidi Bilal= 3 F-111F Advaark(4 LGB GBU-10 da 2000lb ognuno): tutti a segno

-base aerea Wheelus (aeroporto Tripoli)= 6 F-111F Advaark (12 RDB Mk.82 da 500lb ognuno): 5 colpirono il bersaglio, 1 abortì la missione

-installazioni militari di Benghazi (Jamahiriyah Guard)= 7 A-6E Intruder (12 RDB Mk.82 da 500lb ognuno): 6 colpirono il bersaglio, 1 abortì la missione prima del decollo

-aeroporto di Benina= 8 A-6E Intruder (9 RDB Mk.82 500lb e 3 RDB Mk.82 500lb ognuno): 6 colpirono il bersaglio, 2 abortirono la missione

-difese aeree di Tripoli= 6 A-7E Corsair (4 armati con 4 missili Harm ognuno e 2 armati con 4 missili Shrike ognuno): tutti a segno

-difese aeree di Benghazi= 6 F/A-18C Hornet (5 armati con 4 missili Harm ognuno e 1 armato con 4 missili Shrike): tutti a segno

 

Totale= 45 aerei impiegati (18 F-111F, 15 A-6E, 6 A-7E e 6 F/18C): 35 obiettivi copiti, 1 mancato, 8 attacchi abortiti, 1 velivolo perso.

 

Senza dimenticare che tutto accadeva sotto la difesa aerea degli F-14 Tomcat, lanciati dalle portaerei USS Coral Sea e USS America, per svolgere missioni di Combat Air Patrol a lungo raggio.

 

Alla missione hanno partecipato attivamente anche:

-6 F-111F utilizzati come velivoli sostitutivi qualora qualche F-111F avesse evidenziato problemi o avarie nella lunga trasferta da Lakenheath (UK) a Tripoli

-5 EF-111 Raven utilizzati per la guerra elettronica e l'uso di ECM (partiti anch'essi dall'UK).

-28 KC-10 e KC-135 per supportare la lunga trasferta degli F-111F (6/7 ore complessive di volo) e rifornire i velivoli USN

-4 E-2C Hawkeye come centro di comando aereo e stazione AEW.

-Vari elicotteri della USN pronti a missioni CSAR.

 

Altri 50/80 (numero imprecisato) velivoli, dislocati nelle varie basi e portaerei erano stati posti in stato di allarme qualora fosse stato necessario intervenire.

Edited by paperinik

Share this post


Link to post
Share on other sites

Precisazioni utili, Pap!

 

Qui c'è un video in inglese sull'operazione, con le immagini degli Il-76 colpiti sulla pista:

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Senza dimenticare che tutto accadeva sotto la difesa aerea degli F-14 Tomcat, lanciati dalle portaerei USS Coral Sea e USS America, per svolgere missioni di Combat Air Patrol a lungo raggio.

Non vorrei sbagliarmi ma la USS Coreal Sea (classe Midway) non operava con i Tomcat; all'epoca su questa unità venne imbarcato per la prima volta uno stormo composto da 4 squadron di F/A18A due della Navy e due dell'USMC.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...