Jump to content

Recommended Posts

Airbus Defence & Space piazza una testa di ponte in Indonesia ...

Airbus Defence & Space has signed a letter of intent with an Indonesian company related to Jakarta’s possible purchase of the A400M transport aircraft.
The LOI was signed with Pelita Air Services, which represents a consortium of state-owned companies involved in aerospace, says Airbus in an email to FlightGlobal.
Link to post
Share on other sites
  • Replies 422
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

I motori, con la loro scelta contestata e lo sviluppo tribolato, c’entrano relativamente col problema del lancio dei paracadutisti dai portelli laterali. Questo consiste nel rischio di possibile colli

La condanna a morte della partecipazione italiana al programma ha radici “antiche”, che partono anche prima dell’accordo con LM e affondano nel rifiuto degli altri partner di assegnare una grossa fett

L'A400M ha appena ottenuto un altro record. Gli extra costi dovuti a ritardi e problemi hanno superato i 10 miliardi di euro...🤨 http://www.opex360.com/2020/02/13/les-surcouts-du-programme-europee

Sono giorni agrodolci per il programma A400M.

 

Se da una parte il governo indonesiano ha firmato una lettera di intenti per l'acquisto dei cargo, dall'altra alla riunione dei 30 marzo 2017, i 7 paesi clienti hanno deciso di infliggere delle penalità al consorzio, in ragione dei ritardi e dei problemi del programma.

 

http://www.latribune.fr/entreprises-finance/industrie/aeronautique-defense/a400m-airbus-a-fait-un-bide-aupres-des-pays-clients-675337.html

 

http://fr.reuters.com/article/frEuroRpt/idFRL5N1H84WC

Link to post
Share on other sites

Il commento di DefenseNews ...



Airbus faces a cash squeeze and months of uncertainty over its troubled A400M airlifter after buyer nations upheld penalty clauses for delays to Europe's largest defense project.
The Toulouse-based group has called for help on the €20 billion (U.S. $21 billion) program as it continues to encounter technical problems seven years after winning a €3.5 billion bailout from seven NATO nations.
On Thursday, Airbus CEO Tom Enders met European buyers, and a source with knowledge of the talks said nations maintained penalties but agreed to keep talking.

 

Link to post
Share on other sites

Per continuare a sorridere - tristemente - sull'approccio tedesco al programma...

http://www.ttu.fr/a400m-berlin-veut-utiliser-suisses/

Negli ultimi mesi il ministero della difesa tedesco avrebbe lavorato con quello ceco e quello svizzero per un progetto di condivisione degli A400M. Secondo Berlino, la Svizzera acquisterebbe 1 o 2 Atlas ma i famosi 13 aerei in surplus stazionerebbero in Germania dove la Luftwaffe gestisce manutenzione, logistica ed addestramento.

Peccato che gli svizzeri non abbiano bisogno degli A400M... Sembra che i tedeschi abbiano lavorato al progetto come se gli svizzeri fossero parte del progetto, cosa che invece non è, comportamento che è stato poco apprezzato a Berna.

La Germania ha ordinato 53 velivoli, ma la Bundeswehr ne vuole utilizzare solo 40, mentre degli altri non si sa cosa fare. Il ministero pensava di poter vendere facilmente questi velivoli, cosa che non è avvenuta e l'industria da parte sua si rifiuta di ridurre il numero degli ordini.

Quindi la Luftwaffe deve utilizzarli per proprio conto e deve fornire due basi con ulteriori costi imprevisti stimati in 500 milioni di euro (senza parlare di costi di gestione e di manutenzione).

Link to post
Share on other sites
  • 1 month later...

Un rapporto confidenziale del ministero della difesa tedesco, ha scritto che Airbus è in perdita sul programma e che quindi potrebbe non finanziarlo ulteriormente per sistemare i problemi noti, minacciando l'operatività dell'aereo.

Airbus ha stimato un ritardo da 12 a 18 mesi per rimettere in sesto il progetto A-400M e si aspetta un aiuto finanziario importante dagli stati finaziatori per poter progredire.

 

http://www.usinenouvelle.com/article/de-nouveaux-retards-anticipes-pour-l-airbus-a400m-dans-un-rapport-de-berlin.N536789

Link to post
Share on other sites
  • 5 months later...
Airbus ... 3° trimestre 2017 ...

Airbus incurred a fresh charge of €80 million ($93 million) against its A400M programme in the third quarter of this year, as the company remains in discussion with its European customers over delays to the tactical transport.
Detailed on 31 October (*), the new sum – which Airbus says is linked to "the production adjustment and liquidated damages incurred", takes the company's total charges taken against the A400M this year to €150 million.
Link to post
Share on other sites
  • 3 weeks later...
Da Dubai ... uno sguardo al futuro ...

With several embryonic pan-European development programs on the horizon, Airbus Defense and Space is looking to position itself to lead on them.
But it also faces a big task on completing development on existing programs such as the complex A400M airlifter.
ShowNews caught up with Dirk Hoke, Airbus’ CEO for the defense and space business.
Fonte: aviationweek.com ... Airbus Military Improves A400M, Looks to Future ...
Link to post
Share on other sites
  • 2 weeks later...
Consegnato alla Francia il primo velivolo con capacità IFR (In-flight refueling) ...

France’s procurement office has revealed it received its 12th A400M airlifter, which is the first in the European program to be fitted with two underwing pods for in-flight refueling of fighter jets.
“The Direction Générale de l’Armement (DGA) took delivery Nov. 22, 2017, the 12th A400M Atlas military transport aircraft, to be handed over to the Air Force,” the DGA said in a Nov. 30 statement (*).
The A400Ms already in service will have the fuel pod added as they undergo a retrofit over time.
Link to post
Share on other sites
  • 4 weeks later...

Il braccio militare di Airbus comunica ...

 

An Airbus A400M has successfully refuelled six Spanish Air Force F-18 fighters in a single mission as part of an air-to-air refuelling (AAR) human factors certification flight.
The 13 December mission featured a complex series of AAR scenarios such as changes of area, receivers with unknown priorities, and unexpected increases in numbers of receivers.
Through multiple contacts the six aircraft simulated a fleet of eight.
Link to post
Share on other sites
  • 4 weeks later...
Prima consegna del 2018 ...

Airbus Defence & Space delivered its first A400M of the new year on 12 January, taking its total output of Atlas tactical transports to 56 units so far.
Its most recent delivery was the German air force's 15th A400M – service registration 54+16 (MSN64) – from a total commitment for 53 of the four-engined type.
Fonte: flightglobal.com ... A400M deliveries hit new high in 2017 ...
Link to post
Share on other sites
  • 2 weeks later...
A400M ... fra pochi giorni il momento della verità ?

On February 5, Airbus will meet with several NATO members in London to discuss reductions to fines imposed on the company due to delivery delays and failing to meet contract capability requirements for its A400M Atlas military transport aircraft program, Reuters reports.
If Airbus is unable to convince buyer countries to put a cap on financial penalties, the company fears the $21 billion program will be seriously at risk.
Link to post
Share on other sites

....If Airbus is unable to convince buyer countries to put a cap on financial penalties, the company fears the $21 billion program will be seriously at risk. ...

Da parte di Airbus , mi sembrano sembrano spacconate , considerando che lo stato francese soccorre sollecitamente le sue aziende strategiche in difficoltà , cosa non permessa all'italietta.

 

Del resto , anche in USA, Lockheed vorrebbe farsi pagare dal Pentagono la ristrutturazione di Sikorsky ( leggere nella sezione elicotteri ) ....

 

Un domanda : è vero che , in origine , la scatola del riduttore del motore dello A400M doveva essere costruita in Italia ?

Edited by engine
Link to post
Share on other sites
  • 2 weeks later...
A400M ... si va verso un accordo ...

One year after Airbus called for emergency talks with its launch customers for the A400M tactical transport to address what it described as a "huge financial burden" afflicting the company, the parties appear to be on track to sign a revised contract before the end of 2018.
Announcing the development on 7 February (*), after signing a declaration of intent with Belgium, France, Germany, Luxembourg, Spain, Turkey and the UK via Europe's OCCAR defence procurement agency, Airbus says the measure "provides a new baseline on which to evaluate the A400M contract".
Link to post
Share on other sites
  • 2 weeks later...
  • 1 month later...

Continuiamo a sparare sulla Croce Rossa...

 

In Germania ci sono preoccupazioni che l'A400M non sia in grado di soddisfare i requisiti operativi entro il termine previsto, ovvero il 2021, data di ritiro dei C-160.

 

I problemi sono numerosi e variegati.

 

Ad esempio i dati di carburante devono andare in diversi sistemi dell'aereo, con la conseguenza che sono richieste fino a 50 ore di pianificazione per operazioni MEDEVAC ed altro, cosa non accettabile.

Da notare però che la valutazione tedesca del mission planning è significativamente diversa rispetto a quella di altre nazioni. I militari francesi pianificano un’operazione tattica in 90 minuti, e una di routine tra 40 e 60 minuti.

Benchè la pianificazione possa essere accorciata da 6 alle 10 ore, questo risultato è ottenuto solo riducendo il numero di passeggeri e di equipaggiamento trasportato.

 

Il velivolo soffre poi del ben noto problema di non consentire il lancio di paracadutisti in sicurezza.

 

Un altro serio problema del programma è la mancanza in Europa di un numero sufficiente di strutture per testare questo velivolo al punto che si sta valutando di andare anche alla base di Yuma in Arizona per completare le prove.

 

Infine ci sono problemi critici di produzione di chip per i sensori del sistema di allerta. Si noti che la Luftwaffe ha ricevuto 5 velivoli senza il warning system ed Airbus sta chiedendo nuovi fondi per completare il sistema di autodifesa.

 

Ad oggi la Luftwaffe ha ricevuto 17 velivoli su un totale di 53 ordini.

 

https://www.reuters.com/article/us-airbus-a400m-germany-exclusive/exclusive-germany-raises-fears-over-capabilities-of-airbus-a400m-aircraft-idUSKBN1H51CX

Link to post
Share on other sites

A parte i piagnistei che , da qualche anno a questa parte , vengono fatti per ogni sistema acquistato dai tedeschi ( non solo per i mezzi militari : guardare qui per treni e l'aeroporto di Berlino

 

http://www.ferrovie.info/index.php/it/13-treni-reali/3594-ferrovie-la-germania-tra-grandi-opere-e-grandi-flop ) , in Germania sta emergendo un problema di trascuratezza e di burocratizzazione spinta.

 

Aeronautica & Difesa di Aprile ne parla in un paio di articoli.

 

Lo A 400 M è un aereo che non è nè carne nè pesce : vorrebbe avere ( quasi ) le capacità strategiche di un C-17 , cosa che fa comodo soprattuto ai francesi, e ( quasi ) quelle tattiche di un C-130.

Il problema grosso è , perciò, all'origine e coinvolge soprattutto la soluzione per i propulsori e la sofisticazione generale dell'aereo.

 

 

Il velivolo soffre poi del ben noto problema di non consentire il lancio di paracadutisti in sicurezza.

 

 

Eccdecredo col soffio di quegli eliconi...., ... comunque , questo è un problema risolto : che non lancino paracadutisti ....

 

 

 

Un altro serio problema del programma è la mancanza in Europa di un numero sufficiente di strutture per testare questo velivolo al punto che si sta valutando di andare anche alla base di Yuma in Arizona per completare le prove.

 

 

.... forse Decimomannu è piccola per le loro pretese.... e sì che una volta ci decollavano gli F-104 ....

 

 

Infine ci sono problemi critici di produzione di chip per i sensori del sistema di allerta. Si noti che la Luftwaffe ha ricevuto 5 velivoli senza il warning system ed Airbus sta chiedendo nuovi fondi per completare il sistema di autodifesa.

 

 

... li hanno presi in Cina o al LIDL ? O chip , o cheap , si decidano .....

 

 

 

Ad oggi la Luftwaffe ha ricevuto 17 velivoli su un totale di 53 ordini.

 

.... qui Krande Ghermania fece il gioco sporco : inizialmente ordinò 60 macchine per avere la leadership tecnica del progetto e quella nella ripartizione delle quote di lavoro, salvo poi ridurre gli ordini .

 

Ci sarà da sganasciarsi dalle risate quando Francia e Germania vorranno cominciare sul serio a fare il nuovo super - ultra caccia.

 

p.s. : a margine, una che riguarda la Svizzera ... germanofona :http://www.ferrovie.info/index.php/it/13-treni-reali/3250-ffs-il-macchinista-finisce-il-turno-e-fa-scendere-i-passeggeri-dal-treno

Edited by engine
Link to post
Share on other sites

I motori, con la loro scelta contestata e lo sviluppo tribolato, c’entrano relativamente col problema del lancio dei paracadutisti dai portelli laterali.
Questo consiste nel rischio di possibile collisione quando i D-bag che si accumulano sui fianchi della fusoliera a mano a mano che si lanciano i paracadutisti possono andare ad impattare coi paracadutisti successivi.
Qui è spiegato il problema che più che altro è legato all’intera configurazione aerodinamica e non facilmente prevedibile in sede di progetto e comunque non impossibile da risolvere.

 

http://forcesoperations.com/en/solving-static-lined-bag-interference-problem/

 

Volendo anche il problema del rifornimento in volo agli elicotteri non è colpa dei motori, anzi, con dei motori a reazione temo che di rifornire gli elicotteri non se ne sarebbe parlato.
È proprio la presenza delle turboeliche che ha invece consentito di abbassare la velocità di stallo a valori compatibili con quella di volo degli elicotteri, rendendo più efficaci gli ipersostentatori. Il problema è che per farlo bisogna tenere anche gli spoiler estratti e questo comporta vortici che disturbano il rifornimento. Anche qui la maggior responsabile è la configurazione generale che è stata spinta verso velocità di crociera più elevate di quelle fin troppo modeste del C-130 e anche qui la soluzione come visto ci sarebbe allungando il tubo.

 

https://www.flightglobal.com/news/articles/french-aerospace-laboratory-details-a400m-refuelling-427792/

 

Penso che l’aereo dimensionalmente non sia poi così sbagliato in considerazione del fatto che gli equipaggiamenti tattici ci stanno ingrandendo e appesantendo a fronte di una fusoliera non certo eccelsa per sezione e volume quale quella del C-130. Tutto sommato il più recente CK-390 brasiliano, pur avendo una capacità di carico comparabile con quella C-130 (qualche tonnellata in più) e lo stesso volume disponibile (intorno a 170 metri cubi) se non altro se ne differenzia per la maggiore sezione di fusoliera.
Non credo però che questo sia legato al fatto che il C-130 sia dimensionalmente azzeccato a distanza di un’era geologica dalla sua concezione, ma che ci si sia un pochino accontentati col 390 che certo non aveva velleità strategiche, ma che forse nemmeno fa la cortesia di rispondere a tutti i requisiti tattici del C-130, oltre a non avere qualcosa di più piccolo e complementare da affiancare.
Nel giungere a questa conclusione non posso infatti dimenticare che quando quarant’anni fa si pensò di sostituire il C-130, si idearono il YC-14 e l’YC-15 che quanto a capacità di carico (31 e 35 tonnellate rispettivamente) erano più vicini alle 37 tonnellate dell’A400M decollato trent’anni dopo, piuttosto che alle 20 stiracchiate del C-130J.

 

Probabile che un giusto bilanciamento si sarebbe ottenuto affiancando l’A400M con i vari C-27 e C-295 prodotti da Leonardo e Airbus (anche questi forse da ingrandire…e al C-27 sarebbe venuto meglio).

E' l'ottimo? No di certo, ma l'ottimo è nemico del buono quando si tratta di acquisire certe capacità, trovandosi a scegliere tra il buono o niente.

 

I problemi comunque ci sono in ogni velivolo nuovo o modificato che sia (pure il C-130J ha avuto i suoi), poi quel che conta è anche la determinazione a risolvere le grane: i consorzi europei non brillano certo in efficacia in questo…

Edited by Flaggy
Link to post
Share on other sites

Il fatto che…

 

Airbus,[], said the German assessment of mission planning time differed significantly from other nations.

 

magari è un sintomo di una mancata standardizzazione in un programma multinazionale che da a ciascuno la possibilità di fare quello che gli pare…purtroppo anche male.
Però, e c'è un però, al di là dei pastrocchi tedeschi di inserire i dati in sistemi che evidentemente non si parlano, io comunque credo si stiano confrontando mele con pere e l’articolo, forse in cerca di un po’ di polemica, non lo spiega a dovere. In effetti si legge:

 

Problems included data such as fuel usage needing to be entered into multiple systems, meaning it could take up to 50 man-hours to plan medical evacuations and other missions, which the report said was “not acceptable” operationally.

 

For instance, it took the French military a maximum of 90 minutes to plan a tactical mission, and just 40 to 60 minutes for a routine mission, a company spokesman told Reuters.

 

In sostanza mi pare che si dica che i tedeschi impieghino 50 ore/uomo, il che non significa che ci impieghino 50 ore, ma solo che più uomini lavorino per un totale di 50 ore per pianificare una missione.
I francesi invece ci impiegano 40-90 minuti, ma non si dice quanta gente ci lavori in quei minuti: se per assurdo fossero 50 persone (anche se non lo credo), non farebbero meglio dei tedeschi.

Edited by Flaggy
Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...