Jump to content

Coerenza Nazionale


Recommended Posts

Madonna Einhejar ma che hai combinato?

 

Nota per te:

 

Aircraft carriers are the centerpiece of America�s Naval forces. On any given day, aircraft carriers exercise the Navy core capabilities of power projection, forward presence, humanitarian assistance, deterrence, sea control and maritime security.

 

http://www.navy.mil/navydata/fact_display.asp?cid=4200&tid=200&ct=4

 

come vedi, tutto il mondo è paese.....

 

Gabriele: evabbè, manca la citazione di Pound o Evola e poi abbiamo fatto bingo. Come detto, questa l'altra faccia della stessa medaglia. Dall'altra parte c'e' il pacifismo duro e puro, ci sono gli Strada che almeno hanno il pregio di andare davvero ad aprire ospedali.

 

Immagina in USA se un vasto gruppo di pressioen si mosse con la violenza con cui si scagliano in ITalia contro l'F 35, scagliati contro la realizzazione dell' F 22 considerato oggi l'orgoglio e il pilastro della forze aree americane.

 

Il GAO spara letteralmente a zero sul programma da anni, con cifre e numeri inequivocabili.

 

addirittura in USA si sono presentati a un comizio, protestando con un senatore per l'eccessivo rumore degli F35:

 

Close to 100 protestors denouncing the F-35 stealth fighter jet loudly confronted a smaller set of Democratic Party politicians, staffers and donors who had gathered nearby for an outdoor fundraising soiree.

 

The fired-up demonstrators had chosen this venue because every member of Vermont's elected Democratic hierarchy supports bringing the supersonic war plane to the Air Guard station at Burlington International Airport. So does Sen. Bernie Sanders, an independent who consistently votes in concert with Democratic liberals. None of the big-dog backers of the F-35 attended the fundraiser in person, although Sen. Patrick Leahy, Rep. Peter Welch, Gov. Peter Shumlin and Burlington Mayor Miro Weinberger all dispatched aides to the event, as did Sanders.

 

http://7d.blogs.com/blurt/2012/07/burlingtons-intervale-was-the-setting-thursday-evening-for-an-exceptionally-dramatic-piece-of-political-theater-close-to-100.html

 

http://www.stopthef35.com/news

 

http://tucsonforward.com/morearticles/

 

Sai che c'e'? che bisognerebbe davvero conoscerlo, il mondo, prima di parlarne. Io a Washington ci sono stato, e con le stellette, per qualche anno. E vi garantisco che anche la la chiusura della base non è vista come 'un pericolo per la difesa della nazione', ma con la perdita di qualche centinaio, o migliaio, di posti di lavoro.

 

Poi, saranno più sensibili a certi argomenti? si. ma solo perchè dall'alto si preoccupano di spiegarli.

 

Questo spararsi sempre sui piedi, tipico di una certa mentalità italica, mi ha stufato da almeno 40 anni.....

 

ps: si provasse, per una volta, a vedere le cose in maniera oggettiva, non soggettiva, e non confrontandosi con 'altri', ma immaginando quelli che potrebbero essere i pro e i contro delle scelte, sarebbe gia una gran cosa.

Edited by madmike
Link to post
Share on other sites

... la risposta è nel cinquantennio del dopoguerra, come tanti altri fenomeni oggi giunti non solo a maturazione, ma a completa degenerazione e marciscenza, il punto che non riesco proprio a risolvere è come sia stato possibile che un'ideologia deleterie, pacifista e ambientalista fino a colpire i più ovvi interessi nazionali, e quindi del popolo, o perlomeno delle elite che ci governano che dovrebbero, almeno loro e non parlo solo vagamente dei "politici", ma di tutto l'entourage di una classe dirigente: imprenditori, aristocratici, grandi commercianti, alti ufficiali e funzionari, professionisti di fama nazionale, intellettuali, ecc. aver capito che una nazione non si può governare con i sogni di un altro mondo è possibile, a meno che non si voglia, deliberatamente, distruggere quella stessa nazione e consegnarsi al servaggio verso uno straniero meno idealista e più attaccato ai propri interessi che non a quelli speciosamente universalistici.

 

Ma questo è un delirio !

 

Siamo per qui per discutere di cose reali, seppur vagamente filosofiche / sociologiche come l''orgoglio nazionale' (che poi, l'orgoglio nazionale è un concetto ben più ampio dall'avere o meno l'ultimo modello di sistema d'arma ed anche della 'visione' delle FFAA, o invece le concezioni politico/sociologiche, qualsiasi essa siano, si restringono all'aspetto militare ?), o per altro ?

 

'popolo', 'elite' (aristocratici ???), <<aver capito che una nazione non si può governare con i sogni di un altro mondo è possibile (???), a meno che non si voglia, deliberatamente, distruggere quella stessa nazione e consegnarsi al servaggio verso uno straniero meno idealista e più attaccato ai propri interessi che non a quelli speciosamente universalistici (???) >>

 

MA COSA VUOL DIRE ? CHE SENSO HA ?

Chi sono i colpevoli, chi è lo 'straniero', di quali massimi sistemi e/o complotti parli ?

Perchè non provi a scendere sulla Terra, ma nel XXI secolo, però, e a indicare cose comprensibili, sulle quali si possa eventualmente discutere.

 

Più sopra

 

visto che siamo in un'altra discussione chiudiamola con le pseudo "dotte" discertazioni sulla convenienza o meno dell'aereo, che è stato fatto perfino per i fucili o sulle dotazioni individuali

di soldato futuro quindi è palese l'impostazione ideologica che vi sottende, a mio giudizio

 

Palese l'impostazione ideologica ?

Sostenere che è necessario valutare l'efficienza di uno strumento militare in termini che vanno al di là del mero 'collezionismo' dell'ultimo modello di carro/nave/aereo, perchè le FFAA NON SONO solo la somma di hardware ma sopratutto quella di software (uomini addestrati, organizzazione, efficienza, efficacia, dottrine d'impiego, strategia, ecc.) è una impostazione ideologica ?

 

Non fare i conti con le risorse disponibili NON è solo infantile, ma soprattutto MOLTO deleterio (ricordate le 8 milioni di baionette ?)

 

Perchè non provare eventualmente a discutere degli obiettivi delle FFAA in uno stato moderno, nel XXI secolo, di sostenibilità ed adeguatezza dei modelli proposti rispetto a quegli obiettivi, e quindi - purtroppo per chi non li ama - di numeri, invece di invocare astrusi, incomprensibili fenomeni para-sociologici, che stranamente, dovrebbero aver colpito solo l'Italia, per 'consegnarla al servaggio dello straniero' (sigh).

Edited by Wasserfall
Link to post
Share on other sites

Ok, forse "Orgoglio Nazionale" è troppo pretenzioso, e lo modifico.

 

Comunque, forse wasserfall si riferiva all'insfluenza degli usi e costumi USA, quando parlava di influenze straniere, ma non sto qui a dilungarmi non ho tempo.

Link to post
Share on other sites

 

 

 

Perchè non provare eventualmente a discutere degli obiettivi delle FFAA in uno stato moderno, nel XXI secolo, di sostenibilità ed adeguatezza dei modelli proposti rispetto a quegli obiettivi, e quindi - purtroppo per chi non li ama - di numeri, invece di invocare astrusi, incomprensibili fenomeni para-sociologici, che stranamente, dovrebbero aver colpito solo l'Italia, per 'consegnarla al servaggio dello straniero' (sigh).

 

 

che infatti, dovrebbero essere l'esclusivo terreno su cui confrontrarsi quando si parla di FFAA: a che servono? per fare cosa? quale riteniamo debba essere la loro dimensione, efficenza, costo?

Visto che il denaro NON è una variabile indipendente, a scapito di quali altri investimenti\costi dello Stato devono essere mantenute?

 

Questo, il punto. Il sistema d'arma è, appunto, un corollario, o un 'di cui', di quanto sopra.

 

La cosa buffa è che pare che altrove si parli di FFAA come di collezione di gadget, ove tutti i cittadini sono contenti ad avere l'ultimo costoso giocattolo, quando è evidente (vedi link sopra) che non è assolutamente così. E anzi, i problemi sono davvero molto terra terra (il rumore, ad esempio, che fa calare il valore immobiliare.... pensa un po che patriottismo).

 

Ma evidentemente, se si parla in termini pseudo-ideologici, non si può che discutere in questo modo.

Link to post
Share on other sites

Scusate per il disastro con la formattazione del messaggio di prima.

 

Ma questo è un delirio !

 

'popolo', 'elite' (aristocratici ???), <<aver capito che una nazione non si può governare con i sogni di un altro mondo è possibile (???), a meno che non si voglia, deliberatamente, distruggere quella stessa nazione e consegnarsi al servaggio verso uno straniero meno idealista e più attaccato ai propri interessi che non a quelli speciosamente universalistici (???) >>

 

MA COSA VUOL DIRE ? CHE SENSO HA ?

Chi sono i colpevoli, chi è lo 'straniero', di quali massimi sistemi e/o complotti parli ?

Perchè non provi a scendere sulla Terra, ma nel XXI secolo, però, e a indicare cose comprensibili, sulle quali si possa eventualmente discutere.

 

 

Mi ero dato per vinto ad'aristocratici, ma dopo aver consultato l'istituto luce e il dizionario ventennio-italiano-ventennio, credo di aver capito.

 

L'ideologia deleteria è il comunismo degli "utili idioti" (direttive su pacifismo ambientalismo provenienti da mosca) che in quanto tali si sono dimenticati di rimetterle in discussione quando l'urss è caduta e che ancora oggi fanno bella mostra sul "programma ideologico" della sinistra in italia.

Non capisco il listone di traditori della patria, calando un velo su l'inspiegabile aristocratici, parte della politica e gli intellettuali (inteso in senso ampio) sono quelli che hanno diffuso il virus dell'ecopacifintismo, comunque sia la "colpa" di costoro è la totale assenza di pragmatismo e credere in cose come il mondialismo, la pace senza se e senza ma, l'accoglienza per tutti e tutte quelle robe comuniste che non sono di questo mondo.

 

A questo punto ci spostiamo dal nostro mondo per andare in quello di gabriele nel quale l'italia è priva di difese perche governata da idealisti, da qualche parte c'è un paese che non condivide la linea universalistica o mondialista (chiamatela come vi pare) e piuttosto pensa ai propri interessi e che asservira gli italiani incapaci di difendersi.

Se scriveva "si vis pacem, para bellum" ci rismarmiavamo tutti un sacco di tempo.

 

Quali siano poi gli interessi che spingano lo straniero ad'invadere un paese privo di risorse e saturo di popolazione per quanto indifeso possa essere chiedetelo a lui. Patrimonio artistico? :-D

 

 

 

 

 

Fool me once shame on you, Fool me twice shame on me.

E' l'ultima volta che per fare un'appunto mi faccio trascinare da gabriele in discussioni cosi demenziali.

Edited by Einherjar
Link to post
Share on other sites

Io invece sono basito. Confesso che all'inizio l'avevo preso quasi come una cosa seria, un po' bizzarra e desueta nel proporre un "Maccartismo de noantri" che non si capiva se dovesse essere applicato ad aereimilitari.org o, in un anelito di onnipotenza, all'intera società italiana, ma comunque degna di qualche sforzo di comprensione. Mi rendo conto invece che il topic starter non ha alcun contatto con la realtà, a meno che non sia un agente provocatore volto a scredtare ogni possibile foma di "orgoglio nazionale", con argomentazioni deliranti, magari il tutto al soldo del del movimento cinque stelle o di una potenza straniera :ph34r: .

Edited by Scagnetti
Link to post
Share on other sites

Ma questo è un delirio !

 

Siamo per qui per discutere di cose reali, seppur vagamente filosofiche / sociologiche come l''orgoglio nazionale' (che poi, l'orgoglio nazionale è un concetto ben più ampio dall'avere o meno l'ultimo modello di sistema d'arma ed anche della 'visione' delle FFAA, o invece le concezioni politico/sociologiche, qualsiasi essa siano, si restringono all'aspetto militare ?), o per altro ?

 

'popolo', 'elite' (aristocratici ???), <<aver capito che una nazione non si può governare con i sogni di un altro mondo è possibile (???), a meno che non si voglia, deliberatamente, distruggere quella stessa nazione e consegnarsi al servaggio verso uno straniero meno idealista e più attaccato ai propri interessi che non a quelli speciosamente universalistici (???) >>

 

MA COSA VUOL DIRE ? CHE SENSO HA ?

Chi sono i colpevoli, chi è lo 'straniero', di quali massimi sistemi e/o complotti parli ?

Perchè non provi a scendere sulla Terra, ma nel XXI secolo, però, e a indicare cose comprensibili, sulle quali si possa eventualmente discutere.

 

Più sopra

 

 

 

Palese l'impostazione ideologica ?

Sostenere che è necessario valutare l'efficienza di uno strumento militare in termini che vanno al di là del mero 'collezionismo' dell'ultimo modello di carro/nave/aereo, perchè le FFAA NON SONO solo la somma di hardware ma sopratutto quella di software (uomini addestrati, organizzazione, efficienza, efficacia, dottrine d'impiego, strategia, ecc.) è una impostazione ideologica ?

 

Non fare i conti con le risorse disponibili NON è solo infantile, ma soprattutto MOLTO deleterio (ricordate le 8 milioni di baionette ?)

 

Perchè non provare eventualmente a discutere degli obiettivi delle FFAA in uno stato moderno, nel XXI secolo, di sostenibilità ed adeguatezza dei modelli proposti rispetto a quegli obiettivi, e quindi - purtroppo per chi non li ama - di numeri, invece di invocare astrusi, incomprensibili fenomeni para-sociologici, che stranamente, dovrebbero aver colpito solo l'Italia, per 'consegnarla al servaggio dello straniero' (sigh).

 

 

qui l'unico che delira e continua a insultare sei tu. senti che tu sia ideologizzato e abbia il tuo bell'odio antinazionale, nel senso che non useresti mai le forze armate per la protezione o il conseguimento di un interesse nazionale, lo abbiamo capito tutti, non c'è bisogno che ci erudisci costantemente con i tuoi deliri sul fatto che l'esercito non serva più (tanto nessuno ci fa la guerra, e comunque non si dovrebbe mai fare no, e mai più nemmeno tra migliaia di anni le cose cambieranno giusto? e poi chi delira sono io, a voler, imbecillamente considerare come definitivo una semplice congiuntura politica internazionale che peraltro sta rapidamente andando a ramengo, ma continuiamo ad illuderci che almeno entro questo secolo non accadrà mai niente a parte mandare qualche bombetta dove l'onu ordina di mandare); abbiamo anche capito che per te l'esercito al massimo dovrebbe avere qualche mezzo blindato e fucili, di sicuro l'Italia non può permettersi e non deve avere armi come si deve, meglio poi se non esistesse un esercito nazionale italiano, e se proprio deve esistere che si muova solo ed esclusivamente per interessi "multilaterali", come si usa oggi nel XXI secolo che tu apprezzi tanto.

 

Va da se che questi interessi multiltareli in realtà sono sempre interessi nazionali, spartiti tra chi è più forte che si prende gran parte del pacco regalo, e chi è più debole cui non restano che le briciole, ma ciò che è peggio è l'essere trascinati in assurde avventure di cui non frega una beneamata minch*a all'Italia dal punto di vista nazionale, tralasciando operazioni che invece sarebbero alla base di un governo razionale, ma che per fare le quali servono armi avanzate e costose.

 

 

scagnetti, solo una domanda semiseria, visto che mi aspetto la risposta: qual è la tua forma "possibile" di orgoglio nazionale, quello dei soldati italiani brava gente buoni solo a portare la pasta e trasferire in Italia per farsi curare le popolazioni disgraziate, in una sorta di emergency in divisa, che certo sarebbe largamente accettata dalla società italiana con pochissimi distinguo, oppure quello di avere un esercito valido, efficiente, capace di operare efficacemente per la difesa nazionale e in operazione estere, di carattere politico e militare, non umanitario in ogni caso?

Le scelte sono queste, per la prima servono uomini disarmati, o al più con la pistoletta d'ordinanza giusto per non deludere il testosterone di certi ufficiali, con navi ospedali e cargo e aerei da trasporto per derrate, medicine e personale specializzato, per la seconda servono investimenti ben più consistenti, ma soprattutto una visione più cinica del bene della patria, che non si conquista solo con la soddisfazione morale di aver fatto cristianamente del bene, ma con l'ottenimento di vantaggi materiali, economici e politici.

 

Blabbo se trovi il topic irritante, cosa viene a fare a provocare? sai bene cosa penso di te e dell'esercito da operetta che hai in mente, o vuoi che te lo dica più chiaramente, in privato però non ti preoccupare.

Link to post
Share on other sites

qui l'unico che delira e continua a insultare sei tu.

 

Grazie. ma viste anche le reazioni di altri Utenti NON MI SEMBRA PROPRIO.

 

senti che tu sia ideologizzato e abbia il tuo bell'odio antinazionale

 

Qui mi sembra lapalissiano che l'unico che continua a fare discorsi ideologici (farneticanti) SEI SOLO TU. Non accusare altri delle tue colpe.

Io Odio Anti-nazionale : da cosa lo evinci ? Provalo ?

Per favore smettila con questi atteggiamenti infantili.

 

nel senso che non useresti mai le forze armate per la protezione o il conseguimento di un interesse nazionale, lo abbiamo capito tutti

 

MAI DETTO ! Lo hai capito solo tu, forse hai dei problemi

 

non c'è bisogno che ci erudisci costantemente con i tuoi deliri sul fatto che l'esercito non serva più

 

MAI DETTO. Provalo.

Continuo a erudirVi ? Ma se ho fatto un paio di interventi ?

Hai dei sensi di colpa ?

 

abbiamo anche capito che per te l'esercito al massimo dovrebbe avere qualche mezzo blindato e fucili

 

MAI DETTO. Provalo.

Rileggiti gli unici due post che ho scritto. Parlo di cose per te incomprensibili come ottimizzazione delle risorse, sostenibilità delle FFAA, congruità tra obiettivi e organizzazione, necessità di garantire innanzitutto addestramento, efficienza, prontezza, ecc.ecc. Concetti che vanno al di là e sono ben più importanti dei blindati e dei fucili; ma ho l'impressione che tu non sia in grado di comprendere. Se per te le FFAA sono solo una collezione di carri/navi/aerei, torna a giocare a soldatini (già nei wargame si richiede generalmente la comprensione di concetti simili a quelli sopra espressi)

 

e se proprio deve esistere che si muova solo ed esclusivamente per interessi "multilaterali", come si usa oggi nel XXI secolo che tu apprezzi tanto

 

MAI DETTO

 

Va da se che questi interessi multiltareli in realtà sono sempre interessi nazionali, spartiti tra chi è più forte che si prende gran parte del pacco regalo, e chi è più debole cui non restano che le briciole, ma ciò che è peggio è l'essere trascinati in assurde avventure di cui non frega una beneamata minch*a all'Italia dal punto di vista nazionale, tralasciando operazioni che invece sarebbero alla base di un governo razionale, ma che per fare le quali servono armi avanzate e costose

 

Questa è la perla finale.

Un governo 'razionale' usa le FFAA innanzitutto e soprattutto quale deterrente.

Quali sono le 'operazioni' a cui alludi ? Guerre coloniali ? Invadere a piè sospinto tutti i paesi che minacciano il 'nostro posto al sole' ?

 

Chiedo scusa ai moderatori. Ho cercato di rimanere entro i limiti della correttezza formale e non ho usato frasi ingiuriose o volgari.

Ma forse bisognarebbe mettere un limite a farneticazioni senza senso.

 

saluti

Edited by Wasserfall
Link to post
Share on other sites

credo che il topic sia arrivato ad esaurimento per evidente impossibiltà, da parte di gabriele (così non ci sono equivoci) di parlare dell'argomento.

 

Come detto, manca Evola o Pound e poi abbiamo tutto il campionario fascistoide sulle forze armate, cosa che francamente in Italia si è gia visto.

 

Se invece si vuole parlare delle FFAA Italiane, della loro sostenibilità attuale, del loro potenziale uso, ben volentieri.

Link to post
Share on other sites

Credevo che qualcuno avrebbe segnalato questo intervento del Gen. Mini presso il blog di Beppe Grillo, ma così non è stato.

 

Allora ve lo segnalo io, visto che si inserisce molto bene nel filone preso da questa discussione, fornendo notevoli spunti di riflessione proposti da un peso massimo dell'EI.

 

La Guerra di Nintendo

 

http://www.youtube.com/watch?v=sYDzzXmSIQQ

Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.
×
×
  • Create New...