Jump to content
Sign in to follow this  
Andrea75

USA: land of the free?

Recommended Posts

Se dico Libertà, quale nazione viene subito alla mente? Se voglio andare nella Terra delle Opportunità in quale stato andrò?

Credo che tutti risponderemmo (senza tentennamenti) gli USA.

 

Perchè gli USA sono il paese della Libertà e delle Opportunità! Ma è realmente così?

 

Mi sono posto questa domanda osservando cosa stà succedendo in quel paese:

 

Il 16 marzo 2012 il Presidente Obama ha firmato un ordine esecutivo dal titolo: Preparazione delle risorse per la difesa nazionale

 

Questo ordine vale in tempo di pace è prevede che source

 

The order vastly expands the role of Homeland Security… as if these knuckleheads didn’t already have too much influence in people’s lives.

...

The order further provides for an effective nationalization of the entire US economy in the event of an emergency.

...

the Labor Department becomes the Ministry of Plenty, and all the good little citizens will be forcibly reallocated to other jobs. This turned out really well for the Soviets.

...

The purpose of this order, for example, is to “take actions necessary to ensure the availability of adequate resources and production capability, including services and critical technology, for national defense requirements;” [qualsiasi tipo di energia, qualsiasi tipo di acqua, ogni prodotto ...]

...

Food. Water. Energy. Medicine. Security. All the stuff that human beings need at a basic level to survive. Except that Obama’s executive order puts all of these resources under control of the government and allocates them exclusively to meet the needs of government.

...

Taken in conjunction with the NSA’s new Utah spy center (which will collect and archive the complete contents of every email, tweet, Facebook post, Google search, phone call, and text message) and the National Defense Authorization Act, it’s clear that the Obama administration is expecting trouble from within

 

Qualcuno grida alla legge marziale, ma mi sembra eccessivo.

Però un'atto di questo tipo indica un cambiamento. Solo non capisco perchè?

Share this post


Link to post
Share on other sites

signori, da anni oramai gli USA non sono quelli che conoscevamo. Vi pare che una legge, firmata gia da anni, che consente al Presidente di fare imprigionare, o uccidere, un cittadino USA in tutto il mondo, ma anche cittadini di altre nazioni, sia compatibile con la democrazia americana? O piuttosto con l'Urss, la Cambogia di Pol Pot, la Cina di Mao?

 

Hanno vinto i terroristi. Ci siamo giocati le libertà, per paura.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io perfezionerei la tua frase, dicendo che in un clima di terrore le libertà stanno venendo ristrette, il meno possibile per quanto si può. Sono dieci anni di War on Terror, non può essere tutto uguale a prima. Credo però, che un giorno verranno ripristinate.

 

Comunque quel documento di Obama fa pensare, si. Che si stiano preparando al peggio.

 

Diciamo che preferisco un Governo che si prepara al peggio adeguatamente in anticipo, come fanno in America, piuttosto di uno che rincorre sempre l'evento in emergenza, come fà il nostro Governo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rimango sul generale perchè non ho tempo.

 

USA Terra dei Coraggiosi e dei Liberi? Si.

 

Libertà = Responsabilità? SI. Chi non è responsabile può finire molto male anche e soprattutto negli USA, ma anche da noi. Gli irresponsabili vivono bene solo quando c'è qualcuno che bada a loro come fossero bambini: questo succede nei regimi totalitari, dove il cittadino e deresponsabilizzato.

 

Vengono prima i Diritti o i Doveri? Ognuno si risponda da solo...

Share this post


Link to post
Share on other sites

signori, da anni oramai gli USA non sono quelli che conoscevamo. Vi pare che una legge, firmata gia da anni, che consente al Presidente di fare imprigionare, o uccidere, un cittadino USA in tutto il mondo, ma anche cittadini di altre nazioni, sia compatibile con la democrazia americana? O piuttosto con l'Urss, la Cambogia di Pol Pot, la Cina di Mao?

 

Hanno vinto i terroristi. Ci siamo giocati le libertà, per paura.

 

 

E' il National Defense Authorization Act for Fiscal Year 2012, noto con l'acronimo NDAA.

 

Con riferimento a questo atto mi ha colpito una dichiarazione del Presidente USA che riassumo liberamente così: "non capisco lo stupore, quello che prevede il NDAA lo potevo già fare con le leggi vigenti".

 

In pratica è stato esteso il potere dell'Esecutivo source

 

human rights groups on the left say future presidents may apply the law differently, adding the act is a sweeping expansion of executive power -- beyond what was seen under the Bush administration. The ACLU and others slammed the president for putting his name to this year’s National Defense Authorization Act, or NDAA, out of concern that it would continue to allow indefinite detention while mandating military custody for some detainees.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Da quello che so già all'epoca di Bush figlio erano state varate leggi piuttosto "severe" per quanto riguarda l'estensione dei poteri dello Stato sulla gente, bisogna vedere in che cosa questo Act si differenzia dalla legislazione fino ad allora vigente.

Il controllo delle attività produttive importanti in caso di maxi-emergenze limitatamente al periodo di emergenza è un atto dettato dal buon senso, in quanto senza ordini rispettati si rischierebbe un periodo di caos e panico da cui,poi, è difficile uscire spontaneamente, e che costituiscono un problema forse maggiore dell'evento che li ha provocati. Anche da noi la Protezione Civile può -per periodi limitati di tempo- "requisire" Medici, Infermieri, Fabbri e Artigiani per le operazioni di soccorso e di messa in sicurezza, anche perchè, se non fosse possibile, diventerebbe troppo difficile portare dei soccorsi veri in condizioni dure come quelle che seguono un evento distruttivo come terremoti od alluvioni.

L'importante è che queste misure vengano applicate solo e soltanto nella malaugurata ipotesi che si verifichino eventi estremi, e non sfruttando pretesti risibili. A mio parere non sono da condannare queste leggi di emergenza di per loro, quanto un loro uso strumentale e chiaramente mosso da secondi fini

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mah, vedi tu dai per assodati alcuni presupposti:

 

Se dico Libertà, quale nazione viene subito alla mente? Se voglio andare nella Terra delle Opportunità in quale stato andrò?

Credo che tutti risponderemmo (senza tentennamenti) gli USA.

 

Io invece abbino al concetto di libertà un qualsiasi stato scandinavo o altri Paesi del Nord Europa o il Canada. Per il concetto di "Terra delle opportunità" ti posso anche dare ragione, anche se parecchi altri Paesi offrono opportunità interessanti.

 

Lungi da me demonizzare gli USA, ma io penso da sempre che oltre alla Terra delle opportunità gli States siano anche il Paese delle macroscopiche contraddizioni. Alcuni anni fa ho avuto la grande soddisfazione professionale di lavorare tre mesi in North Carolina e altri tre in Silicon Valley, ho visto cose che mi hanno entusiasmato e altre che mi hanno rattristato a tal punto da farmi rimpinagere la natia "italietta".

 

Adesso niente secondo me è completamente bianco o nero, esistono sfumature. Giustamente tu sottoponi all'attenzione di noi altri utenti un decreto legge firmato da Obama (a occhio e croce questa mi sembra sia la traduzione corretta di executive order) che ti fa porre degli interrogativi. Io spero che questa pacata discussione non contraddica la regola del forum al divieto di thread di argomento spiccatamente politico, e con il sottointeso che qui si parla di geopolitica, mi permetto di postare anche la voce di Wiki che fa riferimento al diverso livello di libertà di stampa nei diversi Paesi: http://it.wikipedia.org/wiki/Libert%C3%A0_di_stampa_%28rapporto_Freedom_House%29

Forse è ancora eccessivo criticare quì in Italia la presunta mancanza di libertà negli USA ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

mi permetto di postare anche la voce di Wiki che fa riferimento al diverso livello di libertà di stampa nei diversi Paesi: http://it.wikipedia.org/wiki/Libert%C3%A0_di_stampa_%28rapporto_Freedom_House%29

Forse è ancora eccessivo criticare quì in Italia la presunta mancanza di libertà negli USA ;)

 

Attento a trarre conclusioni basandoti solo su una classifica.

 

La causa della pessima posizione dell'Italia non è dovuta a un governo semi totalitario ma a altri fattori che a prima vista hanno poco a che fare con la libertà di stampa.

 

Ad esempio ha pesato molto il fatto che alcuni giornalisti vivono sotto scorta (come Saviano) o che altri, giornalisti sportivi, siano stati minacciati, e a volte picchiati, da tifosi calcistici. :thumbdown:

 

Non è la libertà di stampa che manca in Italia ma la possibilità per i giornalisti di scrivere liberamente senza subire minacce da gruppi criminali o da pseudo tifosi (per non scrivere parolacce).

 

Ben diversa la situazione in Turchia dove se un giornalista scrive in favore dei curdi o della strage degli armeni viene incarcerato. :ph34r:

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

La causa della pessima posizione dell'Italia non è dovuta a un governo semi totalitario ma a altri fattori che a prima vista hanno poco a che fare con la libertà di stampa.

 

Ad esempio ha pesato molto il fatto che alcuni giornalisti vivono sotto scorta (come Saviano) o che altri....

 

 

E ti pare poco? ;) Saviano è stato colpito da una fatwa in stile Rushdie. A me non interessa denunciare questo o quel governo nazionale o locale di destra o di sinistra. Il fatto è che con la criminalità organizzata che riesce a penetrare importanti realtà economiche e a permeare una gran fetta della società, non possiamo certo dire che quì ci sia un livello particolarmente alto di libertà (di stampa o di altro tipo).

Non credo che il tribalismo sanguinario delle mafie possa essere un'organizzazione sociale più efficiente ed equa della democrazia più o meno meritocratica.

 

È poi fisiologico che le organizzazioni criminali cerchino poi di controllare quella che si definisce la politica in senso più stretto, e di conseguenza l'informazione. Io abito vicino Napoli e le amministrazioni locali sciolte per mafia sono ancora numerose.

Le giunte comunali in oggetto sono poi sia di destra che di sinistra.

Edited by Scagnetti

Share this post


Link to post
Share on other sites

E ti pare poco? ;)

 

No, non mi pare poco anche perché combattere quei fenomeni non è semplice e non saprei nemmeno dare una soluzione al problema ma resta il fatto che molti, nel vostro paese, hanno attribuito a quella posizione in classifica una causa politica (senza fare nomi) quando invece era dovuta a fattori sociali e solo in minima parte a fattori politici (più teorici che reali e legati alla concentrazione degli organi d'informazione a poche persone profilate politicamente).

 

Da quel punto di vista gli USA sono messi peggio visto che l'Italia non ha niente di paragonabile a quel abominio di un Patriot Act.

 

Ps. Comunque su questo punto concordo con Madmike: in nome della lotta al terrorismo ci siamo giocati la nostra libertà; gli USA per primi e noi per riflesso.

 

Non che le cose andassero meglio ai tempi della guerra fredda ma lì almeno il pericolo era reale.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Secondo me una possibile soluzione sarebbe affidare il compito di far entrare in vigore le leggi di emergenza non al Presidente degli Stati Uniti,ma al Congresso od, in sua mancanza, ad una commissione permanente parlamentare, in questo modo il potere dell'Esecutivo avrebbe una sana limitazione, non è proprio immune da critiche il fatto che chi esercita il potere esecutivo possa decidere autonomamente quando estendere i propri poteri

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il documento della casa bianca dice una cosa, l'articolo linkato e i relativi commenti tutt'altro.

Polemiche basate per lo piu sulla disinformazione, per analogia mi ricorda il movimento antisignoraggio che c'è in italia.

 

Si puo discutere del sacrificio delle liberta individuali per la sicurezza, o si potrebbe entrare nel merito di quanto possa essere illiberale questa legge per i gusti degli americani, ma basandosi sul testo della legge, e non sull'articolo linkato ,nel quale gran parte dei punti sono interpretazioni fantasiose (per non dire panzane) che si sarebbero potute fare anche facendo riferimento alla vecchia legge presente dagli anni 50 e alla quale questa nuova fa riferimento.

Edited by Einherjar

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'importante è che queste misure vengano applicate solo e soltanto nella malaugurata ipotesi che si verifichino eventi estremi, e non sfruttando pretesti risibili. A mio parere non sono da condannare queste leggi di emergenza di per loro, quanto un loro uso strumentale e chiaramente mosso da secondi fini

 

Ottima osservazione! Però mi viene subito spontanea un'altra domanda: non si potevano fare le stesse cose anche prima?

Ogni stato della federezione USA ha un Governatore con a disposizione la Guardia Nazionale (che comunque è subordinata al Commander In Chief), e per le emergenze che riguardano più stati (o su richiesta del Governatore) può intervenire a livello di coordinamento il Governo Federale con la FEMA (più o meno l'equivalente della nostra Protezione Civile).

Questa legge pone nelle mani dell'Esecutivo, presente e futuro, un ampio potere (e questa è una semplice constatazione, senza entrare nel merito degli orientamenti politici).

 

 

Diciamo che preferisco un Governo che si prepara al peggio adeguatamente in anticipo, come fanno in America, piuttosto di uno che rincorre sempre l'evento in emergenza, come fà il nostro Governo.

 

Cosa prevedi? Un nuovo attacco terroristico sul suolo USA? Magari legato al pianificato ritiro delle truppe dal conflitto afghano?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cosa prevedi? Un nuovo attacco terroristico sul suolo USA? Magari legato al pianificato ritiro delle truppe dal conflitto afghano?

 

E' una delle possibilità.

 

Quando ho scritto questo post, non c'erano ancora le notizie uscite in questi giorni, e cioè che dal Dipartimento per la Homeland Security è trapelato uno studio degli effetti di un'esplosione di una Dirty Bomb nel centro di Washinghton, mentre il Ministry of Defence annuncia di essere in grado di rilevare da quale paese provenga l'uranio di una qualsiasi bomba dovesse mai essere impiegata. E' risaputo che gli USA hanno gia questa capacità. Sembra un avvertimento contro i malintenzionati.

 

Sono coincedenze.

 

:)

Edited by -{-Legolas-}-

Share this post


Link to post
Share on other sites

Piu che altro, il national Security Act modificato in questi giorni risaliva agli anni 50: ovvero, al periodo in cui (vedasi anche documentari su youtube...) negli USA vi era la psicosi (anche un poco giustificata) da attacco nucleare sovietico.

 

per cui, un programma del genere aveva la sua logica. Quello che sfugge è l'averlo rifatto adesso, e di seguito a leggi, come detto piuttosto 'strane' per un paese come gli USA.

 

Parafrasando Legolas: coincidenze?

Share this post


Link to post
Share on other sites
decreto legge firmato da Obama (a occhio e croce questa mi sembra sia la traduzione corretta di executive order)
non è esatto

 

 

il nostro decreto legge è un atto avente forza di legge solo se riconvertito del parlamento , l executive order vive di vita propria

 

per alcuni ,ma non tutti, i executive orders si potrebbe parlare di decreti legislativi, in quanto essi sono l attuazione di atti del congresso ,che delega parte dei poteri in specifiche materie e occasioni al POTUS, , in altre circostanze i poteri sono garantiti dalla costituzione al presidente il quele può quindi emanare ordini de eseguire ,nelle materie di competenza

 

il carcere di guantanamo e buona parte della normativa anti terrorismo post 9/11 ,provengono da executive orders emanati solamente dalla casa bianca .

Edited by cama81

Share this post


Link to post
Share on other sites

segnalo un articolo che riguarda il National Defense Authorization Act (NDAA) già citato in precedenza: The National Attack Authorization Act?

 

Lo segnalo in quanto propone un punto di vista - piuttosto critico - sull'estensione e sull'utilizzo dei poteri dell'Amministrazione USA (e questo a prescindere dall'attuale orientamento politico).

 

segnalo inoltre un articolo (questo di chiaro orientamento politico) tratto dal blog del rappresentante dell'Ohio al Congresso NDAA Authorizes War Against Iran

 

e poi do spazio alla fantasia complottistica dell'articolo, priva di risontri, e su cui ho più di un dubbio: il principale sponsor dei progetti di legge citati (source) è il primo beneficiario dei contractors del settore difesa.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il giusto equilibrio tra sicurezza e diritti civli ... argomento spinoso e dibattuto.

Segnalo un aggiornamento nel dibattito relativo all'applicazione del NATIONAL DEFENSE AUTHORIZATION ACT FOR FISCAL YEAR 2012, a seguito di un pronunciamento di un giudice federale.

 

U.S. judge's rule protects reporters, activists in their Middle East work

 

A federal judge made permanent on Wednesday her order blocking enforcement of a U.S. law's provision that authorizes military detention for people deemed to have "substantially supported" al Qaeda, the Taliban or "associated forces."

 

US Totalitarianism Loses Major Battle As Judge Permanently Blocks NDAA's Military Detention Provision

 

Hedges called the president's action allowing indefinite detention, which was signed into law with little opposition from either party "unforgivable, unconstitutional and exceedingly dangerous." He attacked point blank the civil rights farce that is the neverending "war on terror" conducted by both parties, targetting whom exactly is unclear, but certainly attaining ever more intense retaliation from foreigners such as the furious attacks against the US consulates in Egypt and Libya. He asked "why do U.S. citizens now need to be specifically singled out for military detention and denial of due process when under the 2001 Authorization for Use of Military Force the president can apparently find the legal cover to serve as judge, jury and executioner to assassinate U.S. citizens."

 

What is ironic, is that in the ongoing absolute farce that is the theatrical presidential debate, there hasn't been one word uttered discussing precisely the kind of creeping totalitarian control, and Orwellian loss of constitutional rights, that the biparty-supported NDAA would have demanded out of the US republic. Why? Chris Hedges said it best:

 

The oddest part of this legislation is that the FBI, the CIA, the director of national intelligence, the Pentagon and the attorney general didn’t support it. FBI Director Robert Mueller said he feared the bill would actually impede the bureau’s ability to investigate terrorism because it would be harder to win cooperation from suspects held by the military. “The possibility looms that we will lose opportunities to obtain cooperation from the persons in the past that we’ve been fairly successful in gaining,” he told Congress.

 

But it passed anyway. And I suspect it passed because the corporations, seeing the unrest in the streets, knowing that things are about to get much worse, worrying that the Occupy movement will expand, do not trust the police to protect them. They want to be able to call in the Army. And now they can.

 

Fear is the psychological weapon of choice for totalitarian systems of power. Make the people afraid. Get them to surrender their rights in the name of national security. And then finish off the few who aren’t afraid enough. If this law is not revoked we will be no different from any sordid military dictatorship. Its implementation will be a huge leap forward for the corporate oligarchs who plan to continue to plunder the nation and use state and military security to cow the population into submission.

Share this post


Link to post
Share on other sites

US Totalitarian State Wins After All: Obama Reinstates NDAA Military Detention Provision

 

Obama wins right to indefinitely detain Americans under NDAA

 

A lone appeals judge bowed down to the Obama administration late Monday and reauthorized the White House’s ability to indefinitely detain American citizens without charge or due process.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×