Jump to content

realizzazione di un caccia 100% made in italy


topogun
 Share

Recommended Posts

non capisco perchè l'italia non sviluppi un velivolo per conto proprio , eppure con finmeccanica e con tutte le società che quest'ultima controlla potrebbe benissimo realizzare un velivolo da se basta vedere i risultati ottenuti con l'm-346 master.

Link to comment
Share on other sites

E che senso ha visto che l'italia da sola non è in grado di produrre un caccia stealth e ha appena comprato gli eurofighter e presto gli f 35??

Per ora abbiamo una linea moderna e se dovessimo creare un aereo, dovremmo farlo con l'europa perchè non siamo così bravi a creare caccia.

P.s. L'm 346 è un addestratore avanzato e non un caccia.

Link to comment
Share on other sites

E che senso ha visto che l'italia da sola non è in grado di produrre un caccia stealth e ha appena comprato gli eurofighter e presto gli f 35??

Per ora abbiamo una linea moderna e se dovessimo creare un aereo, dovremmo farlo con l'europa perchè non siamo così bravi a creare caccia.

P.s. L'm 346 è un addestratore avanzato e non un caccia.

 

Siamo capacissimi a produrlo e quando avremo acquisito le conoscenze stealth dell'F-35 saremo in grado di farlo anche stealth (certo non ai livelli dell'F-22)... il problema non é se siamo in grado di farlo, il problema é che mancano i soldi per farlo da soli.

E poi nel prossimo futuro tra EFA e F-35 non ne avremo bisogno di un nuovo caccia.

Link to comment
Share on other sites

Siamo capacissimi a produrlo e quando avremo acquisito le conoscenze stealth dell'F-35 saremo in grado di farlo anche stealth (certo non ai livelli dell'F-22)...

 

Potrebbe anche essere... ma perchè farlo? qualunque know how stealth otterremo e per quanto possiamo essere bravi non abbiamo (e avremo) requisiti talmente peculiari e diversi dai nostri partner per avventurarci da soli nello sviluppo di un caccia (di 6a generazione :rolleyes:), se non altro economicamente. Converrà sempre creare consorzi.... (guarda il Rafale, e il bisognoso di commesse Gripen NG che rischia di non vedere neanche la luce)

 

M346 è un addestratore, e potenzialmente "caccia" leggero per supporto di fuoco. Cmq. si, siamo bravi nel nostro piccolo.

Edited by Alpino_sommerso
Link to comment
Share on other sites

non intendevo assolutamente dire che l'm-346 fosse un caccia volevo solo mettere in risalto le tecnologie applicate fino ad ora su quest'ultimo delle quali non mi sarei mai aspettato l'inserimento della tecnologia hmd comunque l'm-346 verrà con tutte le probabilità impiegato anche come velivolo d'attacco al suolo economico

Link to comment
Share on other sites

l'm-346 verrà con tutte le probabilità impiegato anche come velivolo d'attacco al suolo economico

...da altre nazioni, infatti noi avremo il nostro "caro" f35 per il cas.

in ogni caso un caccia 100% made in italy penso che non si farà più, basta vedere il continuo avvicinamento delle nazioni dell'ue in tutti i campi. inoltre il consorzio per il post-typhoon suppongo che sarà formato da germania, inghilterra e italia come è già stato per tornado e efa oltre a qualche altra nazione europea.

Edited by meason
Link to comment
Share on other sites

non intendevo assolutamente dire che l'm-346 fosse un caccia volevo solo mettere in risalto le tecnologie applicate fino ad ora su quest'ultimo delle quali non mi sarei mai aspettato l'inserimento della tecnologia hmd comunque l'm-346 verrà con tutte le probabilità impiegato anche come velivolo d'attacco al suolo economico

 

 

si si, siamo bravi B-) . anche nel prendere gli spazi giusti: M346 ha un portafogli ordini potenziale (presente e futuro) che i velivoli moderni si sognano (a parte L'F35 grazie all'USAF).

Link to comment
Share on other sites

...da altre nazioni, infatti noi avremo il nostro "caro" f35 per il cas.

in ogni caso un caccia 100% made in italy penso che non si farà più, basta vedere il continuo avvicinamento delle nazioni dell'ue in tutti i campi. inoltre il consorzio per il post-typhoon suppongo che sarà formato da germania, inghilterra e italia come è già stato per tornado e efa oltre a qualche altra nazione europea.

ma io intendevo che l'm-346 potrà trovare impiego come velivolo cas ma economico, (un particolare che l'f-35 si sogna)

Link to comment
Share on other sites

l'Italia non ha nè le possibilità ecnomoniche nè le risorse scentifiche ed industriali per produrre un aereo autarchico.

credo che l'ultimo aereo fatto totalmente in casa sia ad elica e precedente al Macchi 202 considerando che, da allora, non abbiamo più sviluppato motori nostri...

Edited by vorthex
Link to comment
Share on other sites

ragazzi ricordiamo che nemmeno l m346 e stato creato interamente dall Italia ma a quel tempo l aermacchi aveva collaborato a stretto contatto con la yakovlev per poi separarsi perche non erano daccordo su acune carattersitiche che avrebbe avuto l m346

non so all interno ma se confrontate il YAK 130 e identico al m 346

Link to comment
Share on other sites

L'italia non puo pensare ad un aereo proprio per vari motivi, inanzitutto progettare un radar e tuta l'avionica di bordo e molto costoso e MANCANO I SOLDI.

Seconda cosa:Per sviluppare al meglio l'aerodinamica del veivolo servirebbero tecini,gallerie del vento,calcoli matematici e soldi da spendere ma NON CI SONO I FONDi.

Inoltre costerebbe l'integrazione di armamento estero e produrre una linea exnova di armi è impensabile.

Inoltre non servirebbe asolutamente un nuovo aereo già i nostri non volano!!!!!!!

e comunque conviene spendere soldi(tanti ne servirebbero) in qualcosa di più utile al momento.

Link to comment
Share on other sites

L'italia non puo pensare ad un aereo proprio per vari motivi, inanzitutto progettare un radar e tuta l'avionica di bordo e molto costoso e MANCANO I SOLDI.

Seconda cosa:Per sviluppare al meglio l'aerodinamica del veivolo servirebbero tecini,gallerie del vento,calcoli matematici e soldi da spendere ma NON CI SONO I FONDi.

Inoltre costerebbe l'integrazione di armamento estero e produrre una linea exnova di armi è impensabile.

Inoltre non servirebbe asolutamente un nuovo aereo già i nostri non volano!!!!!!!

e comunque conviene spendere soldi(tanti ne servirebbero) in qualcosa di più utile al momento.

 

ben detto sono pienamente daccordo

Link to comment
Share on other sites

ma anche potesse, economicamente, per conoscenze, capacità... perché dovrebbe?

 

L'Italia ha le stesse necessità dei suoi partner europei/occidentali.... conviene cooperare e non fare un "Raffica" nostrano :thumbdown:

Conviene per risultati, convenienza economica e probabilità che il progetto tagli il traguardo.

Link to comment
Share on other sites

Esprimo il mio modestissimo parere in questa discussione, sinceramente ritengo l'Italia pienamente in grado di concepire costruire e mettere in pista un caccia, è vero non possiamo creare da noi tutte le componenti ma se ben guardiamo neanche gli Stati Uniti che potrebbero lo fanno.

L'Italia semplicemente non fa dei progetti importanti autonomamente semplicemente perchè sarebbe molto costoso ed inutile visto che abbiamo collaborato ad importanti e sostanziosi progetti quali il Tornado prima seguito dall'Eurofighter ed infine dall'F-35 che posiamo ritenere il non plus ultra tant'è che per quest'ultimo (inutile ribadirlo in questa sede) l'Italia per la sua produzione e manutenzione sarà il punto di riferimento per i costumers Europei.

 

E' ovviamente chiaro che se l'Italia in un momento di pura follia ordina a Finmeccanica un caccia con alcune caratteristiche e capacità, ad esempio volo a Mach 1.3 bi-motore o magari ad atterraggio e decollo verticale la nostra azienda maggiore si sobbarcherà il progetto magari lo progetterà pure per sommi capi dividendo poi gli altri lavori con altre aziende chessò tramite Avio con Pratt & Withney per i motori con Bae Systems o Locked Martin (se nona bbiamo le conoscenze adeguate ) per l'avionica , a Michelin per i pneumatici del carrello.

 

Perchè , analizzando anche la Svezia tutto sommato ha fatto così per il suo JAS 39 Gripen e noi per l'AMX un rpogetto quanto mai riuscito, ovvio che le concezioni di oggi sono estremamente diverse, oggi si gaurda alla stealthness come peculiarità importante , il Tornado faceva ottenere un certo risultato grazie al suo volo raente seguendo il terreno per sfuggire ai radar.

 

Certo che con più soldi potremmo certamente almeno cimentarci nelo studio , problema è che con progetti di un certo tipo è da folli sobbarcarsi il lavoro da soli.

Lo hanno fatto gli Stati Uniti con l'F35 , lo fa l'Europa solo Francia dopo aver puntualmente carpito know how in fase di progettazione con un mal di pancia degno di Ibrahimovic esce dal gioco e fa per se, però a questo punto è fin troppo facile e con le opportune industrie anche la Birmania avrebbe potuto farlo.

Edited by Gianfra1987
Link to comment
Share on other sites

 

Lo hanno fatto gli Stati Uniti con l'F35 , lo fa l'Europa solo Francia....

 

Lo ha fatto anche la Svezia con coraggio... ma proprio perché le esigenze nazionali richiedevano peculiarità tipiche/storiche svedesi, come la possibilità di operare da tratti stradali. Non avessero avuto (o voluto) avere questa e altre caratteristiche "loro", a parte che per orgoglio nazionale, non credo avrebbero scelto questa strada (Gripen).

 

I quantitativi ormai ordinati dalla aeronautiche/marine degli stati europei non rendono più ammortizzabile con i soli ordini interni un intero sviluppo di un caccia.... non senza rischiare enormi costi unitari (Rafale) o di non portare a termine il programma (Gripen NG).

Link to comment
Share on other sites

Lo ha fatto anche la Svezia con coraggio... ma proprio perché le esigenze nazionali richiedevano peculiarità tipiche/storiche svedesi, come la possibilità di operare da tratti stradali. Non avessero avuto (o voluto) avere questa e altre caratteristiche "loro", a parte che per orgoglio nazionale, non credo avrebbero scelto questa strada (Gripen).

 

I quantitativi ormai ordinati dalla aeronautiche/marine degli stati europei non rendono più ammortizzabile con i soli ordini interni un intero sviluppo di un caccia.... non senza rischiare enormi costi unitari (Rafale) o di non portare a termine il programma (Gripen NG).

 

Si, ma per il Gripen come sappiamo non è solo saab e volvo, ma la Svezia ha affidato alcuni componenti ad industrie estere

Link to comment
Share on other sites

Si, ma per il Gripen come sappiamo non è solo saab e volvo, ma la Svezia ha affidato alcuni componenti ad industrie estere

 

si ha affidato, cioè commissionato... ma chi paga è La Svezia, non sono una Joint.

 

Purtroppo non ricordo dove lo avevo letto (forse qui nel forum) la stima dei costi procapite che il programma Gripen era già costato al cittadino svedese... ed era nettamente più alto che per gli altri progetti/contribuenti...

Link to comment
Share on other sites

più il Tifone ovvio, ma è un consorzio. il meglio (delle capacità industriali dei partecipanti) messo a servizio del programma.

Di fatto partiva già con un ordine di 472 aerei...(senza ancora Austria e AS).

 

Migliori capacità del velivolo (grazie alla cooperazione) danno maggiori garanzie di export, quindi diminuzione del costo unitario per chi ha sviluppato (sono stati venduti a carissimo prezzo i 15 T1 all'Austria e carissimi anche i 72 T1 e T2 all'Arabia Saudita).

Ma in generale i costi e guadagni si dividono, così come le eventuali preoccupazioni di futuro del programma.

 

Il Gripen è partito con 202 ordini garantiti Dalla Svezia, e il suo Gripen NG aspetta il primo cliente ancora per essere realizzato.

 

non so come si fa a postare un link di un'altro utente del forum ma ho trovato che Rick86 scriveva sul Topic Gripen

"Interessante come la Svezia sia riuscita a ritagliarsi un bel mercato per un aereo leggero. Certo che lo sviluppo gli è costato l'ira di Dio (si parla di circa 1000 dollari per abitante)."

 

il mercato a cui si riferisce è ancora solo teorico anche se potenzialmente ampio.

Link to comment
Share on other sites

si ha affidato, cioè commissionato... ma chi paga è La Svezia, non sono una Joint.

 

Purtroppo non ricordo dove lo avevo letto (forse qui nel forum) la stima dei costi procapite che il programma Gripen era già costato al cittadino svedese... ed era nettamente più alto che per gli altri progetti/contribuenti...

 

si ALpino, gli svedesi si sono "salassati" considerando anche la popolazione svedese capiamo quant'è stato grande questo sacrificio, tuttavai questo per un buon 80% sarà l'ultimo caccai di produzione propria svedese, orami quel requisito di neutralità e di meno dipendenza possibile sia dalla Nato che dal Patto di Varsavia (più nei confronti di quest'ultimo) è venuto meno

Link to comment
Share on other sites

credo dipenderà molto dal successo eventuale che il gripen NG potrà ottenere... è in ballo per l'India su tutti. Se avesse successo in qualche gara internazionale potrebbe giocarsela sulle future scelte del paese acquirente (tanto per mantenere una linea di volo per certi versi coerente con le scelte del passato)... ma qui si deve parla dell'eventuale "futuro" che diventi al "passato".... :rotfl:

 

e poi siamo straordinariamente :offtopic: e tra un po' ci frustano. :lollollol:

Link to comment
Share on other sites

un salasso ben ripagato visto che, ad oggi, il Gripen ha più successo dell'EFA: 4 nazioni hanno scelto il Gripen, contro le due dell'EFA.

 

curiosità... c'é una specie di "avviso" quando qcn. mette la faccina off topic? :)

 

ad ogni modo mi riferivo agli NG ... Sud Africa, Ungheria, Rep Ceca e Thailandia mi sembra abbiano coperto un ordine totale di circa 60 aerei, mi sembra 14 in leasing...ma versione C e D.

 

L'NG esiste solo sulla carta ancora.

Link to comment
Share on other sites

Credo che tuttavia , spezzxando una lancai in favore del Gripen, riesce a rubare facilmente clienti posizionandosi in quella nicchia di paesi che (lungi dall'avere l'esigenza di atterraggi e decolli autostradali) hanno bisogno di un ottimo mezzo con un ottima efficenza e rapporto missione/potenza/costo e non possono spendere soldi per Eurofighter , Rafale, F-18 per avere un mezzo comuqnue più nuovo . Senza contare che permetterebbe in tutta tranquillità un'approvigionamento d aun paese non troppo politicamente schierato senza pendere troppo nè dalle mani americane (con F-16 F-15 o F-18) ne da quelle Russe (con su o mig) o esser costretti a dubbie collaborazioni con le industrie cinesi.

Altro aspetto che permetterebbe il buon posizionamento del Gripen è che permetterebbe di avere un mezzo nuovo e potente senza ricorrere a soluzioni del tipo leasing o l'acquisti di velivoli pre-ownd quali Mirage , Mig-29 , F-16 . Per stati come l'Ungheria ritengo sia una vera manna dal cielo anche perchè per l'esigenza bellica o meglio di difesa di quagli satti medi o medio piccoli dell'UE che non hanno di certo bisogno di mezzi di categorie superiori o comunque difficilmente dovranno scheirare alcuni velivoli in prima linea lo reputo proprio un ottimo pezzo da 90.

Edited by Gianfra1987
Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...