Jump to content

Esercito svizzero


Recommended Posts

approfitto della presenza di un utente ticinese per chiedere lumi sull'esercito elvetico, sulla sua consistenza, armamenti principali, strategia nazionale, dato il particolare status ormai acquisito internazionalmente (che però è conquista relativamente recente, non è affatto vero che la Svizzera sia sempre neutrale e pacifica) ma soprattutto come ne pensa un Ticinese, linguisticamente ed etnicamente italiano lombardo anche se non cittadino, come è per essi servire in un esercito che parla tedesco, e cosa ne pensa dell'esercito italiano.

Link to post
Share on other sites

approfitto della presenza di un utente ticinese per chiedere lumi sull'esercito elvetico, sulla sua consistenza, armamenti principali, strategia nazionale, dato il particolare status ormai acquisito internazionalmente (che però è conquista relativamente recente, non è affatto vero che la Svizzera sia sempre neutrale e pacifica) ma soprattutto come ne pensa un Ticinese, linguisticamente ed etnicamente italiano lombardo anche se non cittadino, come è per essi servire in un esercito che parla tedesco, e cosa ne pensa dell'esercito italiano.

 

 

Quante domande :blink:

 

Provo a risponderti:

 

Esercito svizzero, stato attuale: siamo allo sbando completo, mancano obbiettivi strategici e nessuno sa a cosa serve e qual'è la missione dell'esercito. Si taglia su tutto e ogni nuova proposta viene bocciata. Vedremo se con la crisi in nord Africa qualcuno si svegli un po' anche se oggi recuperare il terreno perduto è quasi impossibile.

Neutralità Svizzera: è dal 1515, anno della sconfitta della battaglia di Marignano, che la Svizzera si dichiara neutrale e questo status è stato ufficialmente riconosciuto nel 1815 durante il congresso di Vienna; ma già nel 1648, dopo la guerra dei trent'anni, gli stati vincitori durante i lavori passati alla storia come "La pace di Westfalia" indirettamente sancirono lo staus di nazione neutrale alla Svizzera. In quegli anni avere una nazione forte al centro dell'Europa a fare da spartiacque tra i grandi imperi europei e nello stesso tempo abbastanza piccola da non impensierirli faceva comodo a tutti.

Naturalmente questo non ha impedito agli svizzeri di prestare servizio come mercenari o di venir arruolati nell'esercito francese come pagamento dei tributi spettanti a causa dei vari accordi tra la confederazione e i vari governi francesi. D'altronde volontari svizzeri hanno combattuto anche in Spagna, durante la seconda guerra mondiale (sopratutto fra le file germaniche) e nei vari teatri che ha visto coinvolta la Legione straniera.

 

Servire in un esercito di lingua tedesca: Nessun problema anche perché io non accettavo ordini in tedesco :asd: Essendo di lingua madre italiana avevo il diritto di ricevere gli ordini nella mia lingua madre, anche se spesso utilizzavamo il compromesso di parlare in francese.

 

Cosa ne penso dell'esercito italiano: Domanda difficile anche perché prima di frequentare questo forum ne sapevo veramente poco. :blushing:

Dalle nostre parti identifichiamo l'esercito italiano principalmente con il corpo degli Alpini di cui nutriamo molta stima e ammirazione, d'altronde fra montanari :P e con il corpo dei bersaglieri. La marina è un po' distante dal nostro mondo e così l'aviazione.

Edited by motogio
Link to post
Share on other sites

Purtroppo gli italiani della Svizzera, o gli svizzeri italiani se preferisci, hanno poca conoscenza di quella che viene chiamata un po' eufemisticamente dagli italiani di Croazia, Nazione Madre, per distinguerla dalla Madrepatria. D'altronde questo atteggiamento risentito è proprio anche degli stessi italiani cittadini, quindi non mi meraviglia che perfino i sammarinesi si considerino una nazione a se stante, addirittura "completamente diversa" dall'Italia. E' vero semmai che le vicende storiche non hanno permesso una completa unificazione, ma stati differenti non significa nazioni differenti.

 

Tornando a noi, io non credo che la Svizzera, se non ha voluto rinnovare le schiere militari negli ultimi decenni, lo faccia per la crisi nordafricana, non vedremo mai un soldato svizzero neppure in una missione di pace da quelle parti (La svizzera non fa neppure parte dell'onu come noto benché Ginevra sia una delle sue sedi), e certo non hanno bisogno di organizzare pattugliamenti aerei, e ovviamente non navali.

 

Come fai a ricevere ordini nella tua lingua madre (vale anche per il romancio che è lingua nazionale ma non ufficiale?), se i superiori sono di lingua diversa? Ed è obbligatorio conoscere le altre lingue ufficiali almeno a livello scolastico oppure questo vale innanzitutto per gli italiani, pochi di fronte a tedeschi, che sono la gran parte e possono permettersi di ignorare sicuramente italiano e conoscere poco il francese, e i francesi che dall'alto della loro spocchia possono permettersi di ignorare entrambe? :asd:

Link to post
Share on other sites

Tornando a noi, io non credo che la Svizzera, se non ha voluto rinnovare le schiere militari negli ultimi decenni, lo faccia per la crisi nordafricana, non vedremo mai un soldato svizzero neppure in una missione di pace da quelle parti (La svizzera non fa neppure parte dell'onu come noto benché Ginevra sia una delle sue sedi), e certo non hanno bisogno di organizzare pattugliamenti aerei, e ovviamente non navali.

 

La Svizzera fa parte dell'ONU , dal 2002 ed è impegnata in missioni all'estero sin dal 1953 - missione NNSC (Corea) su mandato ONU e inoltre partecipa a varie missioni su mandato ONU o europeo in varie parti del mondo:

 

peace.parsys.0001.Image.jpeg

 

Non partecipa a missioni di guerra anche se un anno fa volevano inviare una squadra a difendere le navi elvetiche che transitavano nel golfo di Aden su richiesta EU, ma dopo varie discussioni non si è fatto niente.

 

Come fai a ricevere ordini nella tua lingua madre (vale anche per il romancio che è lingua nazionale ma non ufficiale?), se i superiori sono di lingua diversa? Ed è obbligatorio conoscere le altre lingue ufficiali almeno a livello scolastico oppure questo vale innanzitutto per gli italiani, pochi di fronte a tedeschi, che sono la gran parte e possono permettersi di ignorare sicuramente italiano e conoscere poco il francese, e i francesi che dall'alto della loro spocchia possono permettersi di ignorare entrambe? :asd:

 

Da soldato basta che parli la tua lingua e che chiedi di frequentare la scuola reclute nella tua regione, da ufficiale un po' di tedesco devi saperlo ma il francese è la lingua franca e con quello te la cavi.

 

Se vuoi diventare professionista invece il tedesco è obbligatorio come per certe specializzazioni (carrista o paracadutista per esempio).

 

Ps. Anche gli svizzeri francesi sono piuttosto spocchiosi ma sotto le armi siamo cugini e coalizziamo contro i tedeschi :rotfl:

 

Pss. Sono svizzero italiano o più pomposamente svizzero di lingua e cultura italiana.

Link to post
Share on other sites

Quindi alcune specialità sono riservate ai tedescofoni, credo di aver intuito l'organizzazione militare elvetica, il servizio militare lo fanno fare vicino casa con superiori della propria lingua, ma queste formazioni non sono assolutamente operative. Per essere nel "vero" esercito bisogna parlare tedesco.

Navi svizzere prego? :blink:

 

Non sapevo che dal 2002 facesse parte dell'onu.

Link to post
Share on other sites

Quindi alcune specialità sono riservate ai tedescofoni, credo di aver intuito l'organizzazione militare elvetica, il servizio militare lo fanno fare vicino casa con superiori della propria lingua, ma queste formazioni non sono assolutamente operative. Per essere nel "vero" esercito bisogna parlare tedesco.

 

Perché "vero" esercito? La fanteria non è esercito :blink:

 

Comunque alcune scuole d'élite sono in Ticino (piloti - paracadutisti - granatieri di montagna (truppe scelte di fanteria alpina) e le unità speciali DDM10; quelli che dovevano andare nel golfo di Aden e in Libia a liberare gli ostaggi svizzeri durante la crisi con la Libia.

 

Ps. Il DDM10 è un classico esempio dello sfacelo dell'esercito; sono soldati professionisti che costano una barca di soldi ma in Svizzera non possono essere impiegati per questioni politiche e all'estero nemmeno perché se fanno male a qualcuno apriti cielo e così passano il tempo ad allenarsi in attesa che qualcuno li chiami. :thumbdown:

 

Comunque se t'interessa questo è il loro sito ufficiale: Distaccamento d'esplorazione dell'esercito 10

 

E per continuare non è che sei obbligato a farlo vicino a casa, io ad esempio ero a Thun (zona tedescofona) perché avevo scelto la specializzazione meccanico di truppa perché era già il mio mestiere e perché mi serviva per avere le patenti per i camion, per questo parlavo in francese.

 

Ma non erano tutti tedeschi i miei superiori: il comandante della piazza d'armi era tedesco (colonnello) il suo vice ticinese (tenente colonnello) il comandante di compagnia tedesco (1° ten) il mio comandante di plotone ticinese (ten) più un francese e due tedeschi, i caporali erano tre ticinesi e due francesi mentre come truppa eravamo 15 ticinesi e 5 francesi oltre a una marea di istruttori militari tedeschi. Ps il cappellano francese (capitano e docente di diritto all'università di Friburgo).

 

Navi svizzere prego? :blink:

 

Navi commerciali non navi da guerra.

Link to post
Share on other sites

Un altro ticinese iscritto qui. Buon giorno a tutti! Sono un giornalista televisivo che, per decenni, si è occupato di tutto... o quasi. Sono specialista (riconosciuto) in tutto quanto riguarda i trasporti pubblici. Per quanto attiene le cose militari ho un interesse particolare, però, qui in Svizzera, le forze armate hanno un ruolo (ora un po' decaduto) inimmaginabile in altri Paesi, Italia compresa e per questo si è in ogni caso relativamente aggiornati sul "militare". Noi svizzeri amiamo la precisione quindi , se permettete, metto qualche puntino sulle `"i" (come si usa dire).

Esercito svizzero (definizione ufficiale in italiano) si usa sempre per "Forze armate". Esso è formato da: "Forze terrestri" e "Forze aeree". Quest'ultime, come in Germania, comprendono anche la DCA (difesa contraerea).

In uso è il sistema detto "di milizia" cioè: non permanente, non professioonista, non pagato. E' praticamente impossibile passare al professionismo per motivi finanziari. Gli stipendi svizzeri (stratosferici visti dall'Italia) farebbero passare (secondo miei calcoli) a budget militari maggiori di quelli britannici. Però gli svizzeri hanno avuto per secoli quale principale professione quella di soldato. Gli storici calcolano in circa 2 milioni gli svizzeri che hanno prestato servizio all'estero. Gli ultimi costituivano i reggimenti (in pratica l'esercito) del Regno di Napoli. Le guardie svizzere del Papa non vengono considerati militari e, se tornano in Svizzera, devono (se hanno ancora l'età) compiere il servizio militare senza sconti...! Suggerirei però di consultare Wikipedia o il sito (anche in italiano) del Dipartimento della Difesa : www.vbs.ch

 

Quanto al resto: convengo che, ora, l'esercito svizzero manca un po' di ... scopi. E' vero che se la cava in modo eccellente al WEF di Davos o ad altre manifestazioni a Ginevra però mancano i nemici ....i "rossi", i comunisti tanto odiati. Non mi pare proprio che si sia alla vigilia di conflitti in Europa anche se si dovrebbe essere pronti. La neutralità è il valore più quotato fra gli svizzeri: da regolari sondaggi raccoglie ormai il 90% dei consensi !!!

 

Quanto ai rapporti con l'Italia (pessimi) tornerò, se volete, alla prossima occasione.

Link to post
Share on other sites
Quanto ai rapporti con l'Italia (pessimi) tornerò, se volete, alla prossima occasione.

Perchè pessimi?

E' forse colpa di un certo nostro ministro che Vi ha rotto le uova nel paniere colpendoVi in quello in cui precipuamente credete, 'il dio denaro'?

Ma è mai possibile che Voi Elvetici dobbiate sempre trattare gli altri con quest'aria di superiorità?

E a quale titolo, di grazia, Vi sentite in diritto di impartire lezioni al Vostro prossimo?

Lo vogliate credere o meno, non siete migliori degli altri!

 

:furioso:

 

P.S.

Quanto a questo:

 

Però gli svizzeri hanno avuto per secoli quale principale professione quella di soldato. Gli storici calcolano in circa 2 milioni gli svizzeri che hanno prestato servizio all'estero. Gli ultimi costituivano i reggimenti (in pratica l'esercito) del Regno di Napoli.

Infatti: di solito questi 'soldati' vengono chiamati mercenari.

Link to post
Share on other sites

è possibile limitarci all'argomento trattato dalla discussione, senza accendere inutili flame?

grazie, lo Staff.

Avete ragione!

Ma non è la prima volta che, anche in altri forum, questi 'Signori' ci trattano dall'alto in basso dispensandoci le loro pillole di saggezza.

Scusate, ma c'è un limite a tutto.

Grazie e buonanotte.

Edited by TT-1 Pinto
Link to post
Share on other sites

Non mi pare abbia insultato nessuno, se i rapporti son pessimi son pessimi, è un' opinione come un altra.

 

 

E' un'opinione ufficiale, abbiamo poi 600 km di confine in comune, quindi l'argomento non dovrebbe guastare. Prendo atto: qui non si ama la Svizzera: legittimo. Allora non si facciano domande sulla Svizzera però. Porgere l'altra guancia non è sempre bello. Però se si vogliono altre informazioni mi asterrò, tappandomi il naso, di esprimere pensieri "politici". Va bene? Grazie!

Link to post
Share on other sites
Prendo atto: qui non si ama la Svizzera: legittimo.

Questo non è assolutamente vero!

Quello che ritengo sgradevole è che il cittadino di una nazione confinante, alla sua prima apparizione in un sito italiano, faccia riferimento a presunti 'pessimi rapporti' fra i due paesi.

E mi auguro che lo staff, almeno su questo punto, sia d'accordo con me.

Grazie.

Link to post
Share on other sites

Cari amici se chiediamo a qualcuno cosa pensa di noi non possiamo risentirci se ci dice un parere sincero, piaccia o non piaccia, giusto o sbagliato che sia. Se poi piace essere presi per il culo con argomenti political correct facciamo pure. Ringrazio l'amico ticinese per la sincerità. Non illudiamoci, nel mondo non impazziscono per noi, gli svizzeri sono i meno, andate a chiedere ad un inglese.

Link to post
Share on other sites

Cari amici se chiediamo a qualcuno cosa pensa di noi non possiamo risentirci se ci dice un parere sincero, piaccia o non piaccia, giusto o sbagliato che sia.

Caro amico, il fatto è che a questo signore non è stato chiesto cosa pensi di noi.

Ha semplicemente esordito, nel suo primo messaggio in questo forum, citando i 'pessimi rapporti' che intercorrerebbero fra Italia e Svizzera.

E questo non mi sembra indice di buona educazione.

Ho inoltre constatato che, in almeno tre altri forum aeronautici italiani, c'è un frequentatore Elvetico che fa più o meno le stesse considerazioni e con lo stesso tono del Signor 'mo-mo', la qual cosa mi fa sorgere il dubbio, anche se non posso esserne certo, si tratti della stessa persona che ha adottato qui un nick diverso.

 

Quanto al resto, sono ben conscio dei nostri difetti che non ci rendono particolarmente beneamati in giro per il mondo.

Però, se mi capita di intervenire in un forum straniero, mi guardo bene dal criticare sin dal primo momento chi mi ospita o dall'impartirgli lezioncine dall'alto in basso vantando la mia presunta superiorità.

 

Detto questo, visto che siamo OT, non interverrò ulteriormente sull'argomento.

 

Grazie.

Link to post
Share on other sites

Caro amico, il fatto è che a questo signore non è stato chiesto cosa pensi di noi.

Ha semplicemente esordito, nel suo primo messaggio in questo forum, citando i 'pessimi rapporti' che intercorrerebbero fra Italia e Svizzera.

E questo non mi sembra indice di buona educazione.

Ho inoltre constatato che, in almeno tre altri forum aeronautici italiani, c'è un frequentatore Elvetico che fa più o meno le stesse considerazioni e con lo stesso tono del Signor 'mo-mo', la qual cosa mi fa sorgere il dubbio, anche se non posso esserne certo, si tratti della stessa persona che ha adottato qui un nick diverso.

 

Quanto al resto, sono ben conscio dei nostri difetti che non ci rendono particolarmente beneamati in giro per il mondo.

Però, se mi capita di intervenire in un forum straniero, mi guardo bene dal criticare sin dal primo momento chi mi ospita o dall'impartirgli lezioncine dall'alto in basso vantando la mia presunta superiorità.

 

Detto questo, visto che siamo OT, non interverrò ulteriormente sull'argomento.

 

Grazie.

 

Ma sì dai, ci sono altre domande?...

Link to post
Share on other sites
  • 1 year later...

Swiss army prepares for euro unrest

 

 

Swiss army prepares for euro unrest

 

“It's not excluded that the consequences of the financial crisis in Switzerland can lead to protests and violence,” a spokesperson of the Swiss defence ministry told CNBC on Monday. “The army must be ready when the police in such cases requests for subsidiary help.”

 

Some 2,000 officers took part in the "Stabilo Due" military exercise in eight towns around the country, based on a risk map detailing the threat of internal unrest between warring factions and the possibility of refugees from Greece, Spain, France, Italy and Portugal, according to Swiss media reports.

 

Swiss defence minister Uli Maurer recently told Schweizer Soldat magazine that there may be an escalation of violence in Europe. "I can’t exclude that in the coming years we may need the army," he said.

Link to post
Share on other sites

 

 

Ma sì, "Stabilo" è stata una delle tante esercitazioni teoriche che si svolgono regolarmente in Svizzera dalla fine della 2a guerra mondiale. Nella Confederazione non ci si fa caso, si è abituati a prevedere, a pianificare (si comincia a "progettare" la Svizzera del 2050), è un Paese delle certezze, dell'organizzazione di tutto. "Stabilo" ha fatto notizia perché, pur con termini geografici inventati, il riferimento alle nazioni del sud Europa era evidente. La realtà è quella che è: vi sono da mesi due Europe, una in crisi e un'altra non in crisi o che (al massimo) subisce la crisi. E' anche vero che le autorità dei Paesi in questione non hanno protestato a parte una richiesta di informazioni della Grecia lo scorso anno, mi pare.

Link to post
Share on other sites
  • 3 weeks later...
Ma sì, "Stabilo" è stata una delle tante esercitazioni teoriche che si svolgono regolarmente in Svizzera dalla fine della 2a guerra mondiale. Nella Confederazione non ci si fa caso ....

Teorica ....

Con i Leopard a zonzo per le strade ?

 

http://www.youtube.com/watch?v=zXClrPBAAYA

 

Rassicurante .... veramente rassicurante .... :ph34r:

Link to post
Share on other sites

Posto che gli svizzeri non mi sono notoriamente simpatici, ma nel caso: se vogliono fare una esercitazione, volete che ipotizzino una invasione indiana o cinese?

 

La posizione geografica è nota: le 'minacce' non possono che venire da paesi confinanti. Che questa cosa sia statisticamente difficilissima, è un fatto. Ma d'altro canto qualcosa dovranno pure inventarsi.

Link to post
Share on other sites

Posto che gli svizzeri non mi sono notoriamente simpatici, ma nel caso: se vogliono fare una esercitazione, volete che ipotizzino una invasione indiana o cinese?

 

La posizione geografica è nota: le 'minacce' non possono che venire da paesi confinanti. Che questa cosa sia statisticamente difficilissima, è un fatto. Ma d'altro canto qualcosa dovranno pure inventarsi.

Ahi ahi ahi .... ;)/>

Link to post
Share on other sites

Teorica ....

Con i Leopard a zonzo per le strade ?

 

http://www.youtube.com/watch?v=zXClrPBAAYA

 

Rassicurante .... veramente rassicurante .... :ph34r:/>

 

 

Eh si, dobbiamo lasciarli in garage?... Durante i corsi di ripetizione mi pare normale che si faccia qualche chilometro sulle normali strade. Sono periodi del normale servizio militare "alla svizzera", cioè tre settimane all'anno per ogni unità. Strano? Magari, per chi non è al corrente delle (magari curiose) realtà svizzere. Sorprendente o divertente per qualche turista che può pure pensare quel che vuole. Non si tratta di nascondere niente. Che poi "Stabilo" sia considerata in Grecia o in Italia un'esagerazione... vabbé. Ognuno si organizza, nel suo Paese, come crede.

Link to post
Share on other sites
Che poi "Stabilo" sia considerata in Grecia o in Italia un'esagerazione... vabbé.

 

Ognuno si organizza, nel suo Paese, come crede.

Più che giusto .... magari vedendo di risolvere qualche problema interno .... non meno preoccupante di ipotetiche invasioni provenienti da paesi in crisi ....

 

http://www.infoinsubria.com/2012/10/esercito-svizzero-i-neonazisti-fanno-carriera/

 

http://www.ticinolive.ch/2012/10/07/esercito-svizzero-la-piaga-dei-soldati-neonazisti/

 

http://info.rsi.ch/home/channels/informazione/info_on_line/2012/10/07--Decine-di-neonazisti-nel-nostro

 

:hmm:/>

Link to post
Share on other sites

Più che giusto .... magari vedendo di risolvere qualche problema interno .... non meno preoccupante di ipotetiche invasioni provenienti da paesi in crisi ....

 

http://www.infoinsubria.com/2012/10/esercito-svizzero-i-neonazisti-fanno-carriera/

 

http://www.ticinolive.ch/2012/10/07/esercito-svizzero-la-piaga-dei-soldati-neonazisti/

 

http://info.rsi.ch/home/channels/informazione/info_on_line/2012/10/07--Decine-di-neonazisti-nel-nostro

 

:hmm:/>/>

 

Nel passato gente del genere andava/tentava d andare nella Legione straniera... Si vede che è troppo duro e certi idioti tentano di sfogarsi in Patria. Meno impegnativo. Più che un grave problema una delle varie "grane federali" che di tanto in tanto appaiono sulla stampa. Il popolo prende atto...

Link to post
Share on other sites

Beh, sarebbe come dire che noi dobbiamo preoccuparci delle BR e di FORZA NUOVA invece che di F35 e di Afghanistan.

 

Ribadisco la mia scarsa simpatia verso il governo svizzero, ma ripeto la domanda: le FFAA di quel paese contro quale tipo di minaccia dovrebbero addestrarsi?

Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.
×
×
  • Create New...