Jump to content

"Leclerc T40" da ricognizione con cannone da 40 mm.


picpus
 Share

Recommended Posts

io non mastico molto il francese, ma per quello che ho capito io è un veicolo da ricognizione/Scorta. ma quello che non ho capito è se può trasportare uomini (tipo il freccia) o serva solo come mezzo per i sopracitati ruoli.

:helpsmile: chiaritemi e illuminatemi..... :adorazione: odio il francese...

Link to comment
Share on other sites

Guest intruder
Si vede che stanno continuando con quello studio sul munizionamento telescopico da 40 mm anche dopo che gli inglesi ci hanno rinunciato.

 

Sperano di riuscire dove i limeys hanno fallito, o siamo alla solita storia di quelli che arrivano dopo la puzza?

Link to comment
Share on other sites

No, era un programma congiunto che doveva avere come prima applicazione la sostituzione di quella sola che è il RARDEN dei Warrior solo che gli inglesi hanno poi rinunciato all'aggiornamento dei loro IFV e, di conseguenza, hanno fermato il programma.

 

Per il resto un carro del genere avrebbe senso solo se si modifica in modo da avere anche una capacità di trasporto truppe, stile namer, sennò sarà solo un rendering fatto da qualcuno che aveva tempo da perdere.

Link to comment
Share on other sites

salve a tutti, rieccomi qua...

 

trovo questo progetto molto valido e interessante, dato che il carro da battaglia è sempre meno indispensabile e poco adatto alla guerra asimmetrica. difatti gli eserciti europei si ritroveranno un domani con una manciata di mbt e nemmeno troppo moderni. non credo che i franchi siano preoccupati dal vbci: del resto è un mezzo da 28 ton. e come protezione dovrebbe essere tra i migliori, ed comunque il doppio dell'amx-10p. non vedo cosa c'è di male nella soluzione "ifv tutto ruote", almeno stando alle esigenze odierne. quanto al nuovo giocattolino, consettirebbe di avere un mezzo da pattugliamento e scorta possente e, con la buona mobilità del leclerc ma protezione superiore e un armamento più che sufficiente. trovo anzi strano che mezzi del genere non siano già diffusi... del resto tshal che ha esigenze molto più hard dei francesi sta passando ad un apc-merkava...

Link to comment
Share on other sites

Pandur, ci sono alcune imprecisioni nella tua elencazione.... scusami:

 

- il Leclerc T40 NON e' un 'apc-merkava' (e in quel caso, avrebbe avuto un senso), ma, come viene detto nell'articolo (a proposito, strano che sul sito di nextar non ci sia nulla... almeno stamane), si tratta di 'mezzo da ricognizione'. Ricognizione dove, con un 40mm e missili anticarro? mi pare un mezzo più da guerra fredda che da contesti odierni.

 

- gli MBT sono usati,e non poco, nei contesti moderni, Afghanistan in primis. Sono utilissimi e il 120 e' un pezzo davvero indispensabile in certi contesti, potente e preciso. Non vedo come il 40 potrebbe essere migliore, considerando anche che i 25-30 abbondano oramai sui VCI-VTT

 

- che 'un domani' gli eserciti europei si trovino con MBT vecchi... beh, e' un arco temporale bello lungo, diciamo almeno 20-25 anni. C'e' tempo di trovare un sostituto, magari comune a tutti. Sulla necessita' degli MBT, comunque, direi che dubbi non ce ne sono da parte di nessuna FFAA.

 

- I Russi avevano sperimentato e proposto diversi mezzi simili, BMP-T e compagnia, cosi' come i tedeschi negli anni 80 con un paio di versioni del Marder: il problema e' sempre lo stesso: il costo di un MBT, per avere un mezzo meno potente e funzionale di un MBT. Ed infatti, non hanno avuto alcun successo....

Link to comment
Share on other sites

mi sono espresso male sul namer: volevo dire che entrambi stanno sfruttando gli scafi dei loro mbt per cavarne mezzi diversi, secondo le loro esigenze diverse e specifiche. l'mbt è usatissimo oggi perchè è il mezzo da combattimento più massiccio, ma essendo pensato per contrastare altri carri è inadatto e dispendioso nel conflitto asimmetrico. trovo molto più sensato un mezzo con l'armamento ridotto (con missili che possono essere specifici per colpire, che so, un bunker) e il peso risparmiato sfruttato in protezione, che non è nemmeno quella perfetta. spesso è fortissima davanti ma debole dietro. pensata per reggere un heat da 125 mm ma meno un rpg nel sedere a bruciapelo. e prima che il pezzo da 120 è carico con la munizione adatta, brandeggiato e pronto al tiro... il carro si ritrova in cingolo straziato. una mitragliera da 40 mm è più reattiva... cmq non è un problema solo francese. anche gli americani hanno dovuto pensare al tusk, per salvaguardare gli abrams. per l'appoggio di fuoco pesante c'è poi artiglieria ed aviazione. i russi non l'hanno adottato il loro perchè erano senza senza soldi enon si trattava di nulla di eccezzionale e i tedeschi negli anni '80 avevano già il mezzo più massiccio della categoria, nonchè situazioni belliche ben diverse. credo che un mezzo come il leclerc t40 farebbe molto comodo ad un sacco di gente se, se lo potesse permettere. quanto ai mbt sono vecchi rispetto agli altri mezzi da combattimento che vengono di continuo innovati. sia chiaro, non sto dicendo che l'mbt è inutile, tutt'altro, ma sto dicendo che un mezzo del genere (o un namer se si parla di apc) sarebbe molto utile nei combattimenti in cui le forze corazzate occidentali sono attualmente impegnate.

Edited by pandur
Link to comment
Share on other sites

Peraltro, se date uno sguardo ai commenti all'articolo, nel primo si afferma che non si tratterebbe di ordinare nuovi "Leclerc", ma solo di rendere intercambiabili, cosa a quanto pare fattibile, in modo veloce e facile, la torretta con il cannone da 120, con quella con il cannone da 40.

Link to comment
Share on other sites

Guest intruder
Peraltro, se date uno sguardo ai commenti all'articolo, nel primo si afferma che non si tratterebbe di ordinare nuovi "Leclerc", ma solo di rendere intercambiabili, cosa a quanto pare fattibile, in modo veloce e facile, la torretta con il cannone da 120, con quella con il cannone da 40.

 

 

Quindi non si renderebbe disponibile un vano posteriore per trasportare una squadra di soldati, rendendo alquanto dubbia l'utilità di un mezzo di questo tipo.

Link to comment
Share on other sites

Infatti, un BMP-T moderno e più corazzato, non un BTR-T o un Namer-Achzarit che potrebbe avere una certa logica. Di un mezzo 'da ricognizione' del genere non capisco proprio l'uso, fermo restando che l'Armee ha un concetto di ricognizione molto simile al nostro (amx-10Rc / Vbl vs Centauro / Puma 4x4) quindi un oggetto del genere significherebbe anche un cambio di strategia.

 

Propendo ancora per l'esercizio di stile....

Link to comment
Share on other sites

Vantaggi: modularità e aerotrasportabilità dello scafo da 30 t. (privo di torretta e corazzatura aggiuntiva, ambedue installabili in zona d'operazioni).

Link to comment
Share on other sites

Guest intruder
Vantaggi: modularità e aerotrasportabilità dello scafo da 30 t. (privo di torretta e corazzatura aggiuntiva, ambedue installabili in zona d'operazioni).

 

 

Aviotrasportabilità su un 400M che pare sempre più di là da venire, temo.

Link to comment
Share on other sites

Guest intruder
30 t di scafo mi paiono pochini... e comunque credo che per un MBT si noleggi sempre un Antonov, a scanso di equivoci, o si usi il 'metodo Centauro'...

 

 

O, peggio, si decida di comprare il C-17 (ogni tanto si sente parlare di un interesse francese per la macchina, visti i problemi col 400M).

Link to comment
Share on other sites

secondo me rimane un mezzo assurdo, è troppo grosso per essere solo un mezzo ricognitivo, senza nemmeno un vano per altri soldati. Poi va bhé, la protezione sarà anche ottima, ma dubito che

1 solo questo lo renderebbe un ottimo mezzo, anche se la cosa è importantissima, non lo nego;

2 la torretta con cannone da 40 mm sia più utile/versatile di un cannone da 120, (anche se quest'ultimo potrebbe avere problemi di brandeggio rispetto alla prima)

 

ora invece rischio un piccolo OT per chiedere: che differenza passa in termini di utilizzo in battaglia asimmetrica, tra un cannoncino da 20/25 mm con uno da 40 mm?

Link to comment
Share on other sites

secondo me rimane un mezzo assurdo, è troppo grosso per essere solo un mezzo ricognitivo, senza nemmeno un vano per altri soldati. Poi va bhé, la protezione sarà anche ottima, ma dubito che

1 solo questo lo renderebbe un ottimo mezzo, anche se la cosa è importantissima, non lo nego;

2 la torretta con cannone da 40 mm sia più utile/versatile di un cannone da 120, (anche se quest'ultimo potrebbe avere problemi di brandeggio rispetto alla prima)

 

ora invece rischio un piccolo OT per chiedere: che differenza passa in termini di utilizzo in battaglia asimmetrica, tra un cannoncino da 20/25 mm con uno da 40 mm?

salve

penso che il 40 mm sia preferibile per la maggior varietà di munizionamento

Link to comment
Share on other sites

Il mezzo per quanto definibile assurdo, in realtà potrebbe avere la sua valenza nel caso di conflitti "asimmetrici ".

Il primo e principale atout deriva proprio dal calibro 40 con cui è armato . Tale munizionamento è sicuramente piu' flessibile di un 25 e piu' gestibile e quindi versatile del classico 120 sopprattutto se sparato da un'arma che disponga di una certa cadenza di tiro.

Permetterebbe infatti di di rispondere al fuoco di una eventuale imboscata rovesciando sugli aggressori un' inferno di schegge senza rischiare penetrazioni e distruzioni eccessive che si avrebbero con l'uso del 120.

Ai tempi dell'invasione sovietica in Afganistan i Mujadin temevano particolarmente il tiro dei semoventi binati da 57 che i russi utilizzavano per la scorta dei convogli anche perchè potevano attingere facilmente anche postazioni soprelevate.

Altre caratteristiche positive potrebbero essere la potenza del motore Hiperbar e le conseguenti prestazioni, nonchè la protezione. Di contro il peso elevato con tutto quello che ne consegue.

Comunque bisogna dare atto ai francesi di buona inventiva.

Link to comment
Share on other sites

Sul fatto che abbiano avuto almeno un poco di inventiva concordo pienamente, non credo sia facile avere nuove idee del genere. Comunque resto del parere che un veicolo del genere non avrebbe molto futuro, perchè potrebbe anche andar bene per la lotta al terrorismo, ma i veicoli come il nostro freccia o i bradley, per combattere gli insorgenti si sono dimostrati comunque utili e versatili, ovvio non hanno la stessa protezione del T40, che del resto rimane la sua più grande dote insieme all'armamento da 40 mm.

 

riassumendo bell'idea, ma troppo costosa per il ruolo che poi effettivamente svolgerebbe, questo almeno secondo me.

Link to comment
Share on other sites

riassumendo bell'idea, ma troppo costosa per il ruolo che poi effettivamente svolgerebbe, questo almeno secondo me.

 

questo è probabile, ma non inficia di certo l'utilità del mezzo.

 

provate a pensarci, se voleste un mezzo di scorta, cosa preferireste: un (ad esempio) dardo o un T40? posto ovviamente che i mbt non sono disponibili per cose del genere, non siamo certo l'armata rossa...

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...