Jump to content

Forze Aeree Eritrea


cacciatores
 Share

Recommended Posts

Guest intruder
beh durante la guerra con l'etiopia venne abbattuto almeno un mig-29 da parte dei su-27 però se non sbaglio i piloti erano mercenari russi forniti dalla stessa sukhoi.

Per cui oltre ai velivoli bisogna vedere se i piloti stessi sono in grado di volare!

 

 

Quando chiedevo quanta di quella roba voli intendevo in generale, aerei, piloti, armi, carburante... i mercenari non volano per volontariato, e non so quanti soldi abbia oggi l'Eritrea e quindi se possa permetterseli o meno. Del resto la guerra con l'Etiopia, ho letto da qualche parte, è finita proprio anche per quello: esaurimento fondi.

Link to comment
Share on other sites

L'Eritrea non sarà governata da un regime teocratico come quello Iraniano, fortemente influenzato dalla confessione scita, però nel suo piccolo non è certo un campione di democrazia. Inoltre è risaputo che istruttori militari Eritrei sono stati inviati in Somalia per addestrare le milizie delle Corti Islamiche, che nel Somaliland vi sono distaccamenti dell'Esercito Eritreo. Inoltre sembra che la modesta marina eritrea si addestri con quella pachistana...

Link to comment
Share on other sites

Guest intruder
L'Eritrea non sarà governata da un regime teocratico come quello Iraniano, fortemente influenzato dalla confessione scita, però nel suo piccolo non è certo un campione di democrazia. Inoltre è risaputo che istruttori militari Eritrei sono stati inviati in Somalia per addestrare le milizie delle Corti Islamiche, che nel Somaliland vi sono distaccamenti dell'Esercito Eritreo. Inoltre sembra che la modesta marina eritrea si addestri con quella pachistana...

 

In Africa credo campioni di democrazia ce ne siano veramente pochi. Ma tutto questo intrallazzare (seppure solo in funzione anti-etiope, come mi pare di capire sia l'appoggio alla Somalia), non promette nulla di buono. So che siamo drammaticamente OT, ma mi chiedo se per caso non stiamo tirando su un altro bubbone come quello che sta spuntando nell'indifferenza di tutti in Indonesia e in Malaysia.

Link to comment
Share on other sites

Personalmente, posso comprendere se l'Eritrea preferisce creare instabilità alla frontiera Somaliland-Etiopia Somalia-Etiopia, costringendo il Governo Etiope ha distogliere truppe e mezzi dal confine Eritreo-Etiopico. Cosi come posso capire l'interesse dell'Iran di avere rapporti con un paese strategico nel mar rosso, l'eritrea, paese che ha dispute territoriali con lo Yemen. Dai porti di Massaua e Assab, i Pasdaran iraniani avrebbero la possibilità di ostacolare il traffico commerciale e militare sulla tratta mediterraneo-mar rosso-oceano indiano- golfo persico, insomma potrebberò piazzare altri missili antinave come fatto sullo stretto di Hormuz. In quanto all'Indonesia e la Malesia non lì vedo come pericolosi attori nella politica geostrategica

Link to comment
Share on other sites

Sentite, adesso cerchiamo di dare pane al pane e vino al vino.

Gli eritrei hanno ottime ragioni per non amare gli etiopici. Purtroppo questo li porta ad allearsi con gente come l'Iran o le Corti islamiche, ma non si tratta di un paese fondamentalista. Ci sono molti errori occidentali (ed anche italiani) dietro a questa scelta di campo degli eritrei

Link to comment
Share on other sites

Guest intruder

Purtroppo quegli errori stanno allevando un altro Paese alleato dell'Iran che, in un futuro non troppo lontano, potrebbe diventare fondamentalista come rischia di diventarlo la Somalia. Questo senza dimenticare che l'Eritrea, nella sua guerra ormai secolare con l'Etiopia, non ha solo ragioni, ma anche numerosi torti, una dirigenza che non intende ragioni, una democrazia in bilico e tanto altro.

Link to comment
Share on other sites

Premesso che non sostengo che l'Eritrea sia un paese governato da un regime teocratico, inoltre la popolazione di fede islamica si riconosce nella confessione sunnita, quindi in antitesi con quella degli Ayotellah iraniani. Purtroppo il governo eritreo all'indomani del 11 settembre ha rifiutato di concedere al USNAVY una base militare a Massaua, quindi non si è schierata contro la lotta al terrorismo. Forse la presenza di una base USA avrebbe favorito un accordo di pace stabile e giusto con l'Etiopia, cosa che avrebbe favorito le 2 misere economie....

Link to comment
Share on other sites

Guest intruder

La domanda giusta è: per quale motivo l'Eritrea ha rifiutato la base alla US Navy? E per quale motivo la US Navy, che già opera da Gibuti, aveva bisogno del porto di Massaua?

Link to comment
Share on other sites

La cosa che più mi fa alterare è che Roma potrebbe avere importante voce in capitolo grazie al suo passato coloniale, ma nulla... Siamo più indifferenti di tutti gli altri...

Link to comment
Share on other sites

La domanda giusta è: per quale motivo l'Eritrea ha rifiutato la base alla US Navy? E per quale motivo la US Navy, che già opera da Gibuti, aveva bisogno del porto di Massaua?

 

Il motivo non lo so, ovviamente, ma posso provare ad andare a naso.

 

Prendete tutte queste affermazioni come viste dal punto di vista eritreo:

1) L'Etiopia viene vista come amica del mondo occidentale

2) L'Etiopia è, per l'Occidente, più importante dell'Eritrea (l'unica cosa che l'Eritrea ha in più è il mare, ma gli occidentali hanno già una base a Gibuti)

3) Se, concedendo il porto, mi schiero con l'Occidente, rischio di vedere sfumati i miei aiuti militari da paesi non amici dell'Occidente.

4) D'altro canto se mi schiero con l'Occidente rischio comunque di vedere preferita dagli occidentali l'Etiopia, che per loro è più importante

Risultato: non concedere il porto.

 

Sulle motivazioni americane invece la cosa è facile: Gibuti è, de facto, francese. Gli americani volevano una base tutta loro, senza doverla condividere con i cugini.

Link to comment
Share on other sites

Ok, diciamo che il Governo Eritreo, non abbia voluto fare un accordo con gli USA o con gli occidentali in genere, perchè non rivolgersi alla Cina? Cina che in Africa ha posto una politica commerciale innovativa: preleva materie prime, ma invece che cedere armi e tangenti, costruisce opere pubbliche ed infrastrutture? Forse c'è la volonta di non aprire il paese a potenze non islamiche?

Link to comment
Share on other sites

l'Eritrea se permettesse una base USA ci inimicherebbe gli attuali amici (IRan, corti islamiche ecc..) , diverso magari una base italiana ma non ci sono i soldi per Taranto se continuiamo così...

 

Peccato perchè è un territorio anche ricco con un buon clima e giacimenti di oro, ferro, e pure petrolio non sfruttati

Link to comment
Share on other sites

Guest intruder
l'Eritrea se permettesse una base USA ci inimicherebbe gli attuali amici (IRan, corti islamiche ecc..) , diverso magari una base italiana ma non ci sono i soldi per Taranto se continuiamo così...

 

Peccato perchè è un territorio anche ricco con un buon clima e giacimenti di oro, ferro, e pure petrolio non sfruttati

 

Non voglio andare OT, ma prima di parlare bisogna documentarsi, e non sul Manifesto o su wiki italiana, che, almeno in materia, hanno la serietà dei cessi della stazione. L'unica risorsa eritrea è l'oro, circa 600 chili estratti (dati di prima della guerra con l'Etiopia, diciamo una decina di anni fa). Di petrolio e di ferro non se ne parla proprio, tuttalpiù di pietre ornamentali, ma in un Paese disseminato di mine come una forma di groviera lo è di buchi, c'è qualche problema a fare delle prospezioni.

Link to comment
Share on other sites

Anche i giacimenti di potassio, oro, ferro e petrolio, anche molto importanti, stante la difficile situazione che il paese sta attraversando, non sono sfruttati che in maniera marginale.

da wikipedia

 

Dal 1962, anno in cui il paese perse la propria autonomia, si verificò un declino dell’espansione industriale e molte fabbriche furono chiuse. Dopo il 1974 il governo marxista etiope nazionalizzò gran parte dell’apparato industriale eritreo. All’epoca dell’indipendenza, a causa dei danni provocati dalla guerra con l’Etiopia, la base industriale del paese era completamente distrutta; gli ingenti depositi di potassa, oro, ferro e petrolio avevano perso quasi tutta la loro produttività e, nonostante i buoni raccolti del 1991 e del 1992, circa il 75% della popolazione dipendeva dalle derrate alimentari inviate da paesi stranieri.

http://it.encarta.msn.com/encnet/refpages/...576168&pn=2

Link to comment
Share on other sites

Guest intruder

 

 

Per wikipedia ti ho già esposto il mio pensiero (questa roba proviene da wiki italiana), encarta non la conosco, ma qualcuno mi dovrebbe fornire le mappe di questi "ingenti" depositi, perché non ne ho mai sentito parlare, e alla Exxon (vuoi il rimando a wikipedia per sapere cos'è?) ci lavoro da trentanni.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...