Jump to content
Sign in to follow this  
JackFlanker

F-5 Tiger - discussione ufficiale

Recommended Posts

Oggi ho visto su Planet (canale 430 di Sky) un bellissimo documentario su questo aereo che a me piace un sacco.

Hanno parlato delle varie versioni, F5A, B, E, F, G ---> F20 Tigershark (quest'ultimo in particolare mi piace un sacco...adoro i caccia monomotore).

 

La mia domanda è la seguente:

ipoteticamente, date le sue incredibili caratteristiche, poteva essere scelto dall'Italia al posto dell'F104???

E' vero che il primo modello di F5 non superava i Mach 1,3 ma l'Italia aveva tutta questa necessità di avere un intercettore da Mach 2???

Faccio questa domanda date le incredibili caratteristiche del Tiger, soprattutto nelle versioni successive:

Agilità, robustezza, scarso bisogno di manutenzione, potenza di fuoco, ecc....

L'unica cosa in cui peccava era la scarsa potenza dei motori...

Nelle versioni A e B arrivava a Mach 1,3. In quelle E ed F a Mach 1,6 ed l'F20 a Mach 2 grazie al motore dell'F18 B)

 

A voi la parola

Edited by JackFlanker

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest fightingfalcon85

devi aspettare gianni e gli altri io ne so quanto te e ne sono incuriosito

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io ho letto sulla scheda del sito, che l'F20 era praticamente un altro aereo.. che però non ha avuto molto successo a causa della sbagliata pubblicita che è stata fatta.

Era stato concepito come caccia da esportazione per i paesi che non potevano "permettersi" l'F16...

Corregetemi se sbaglio... :adorazione:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Io ho letto sulla scheda del sito, che l'F20 era praticamente un altro aereo.. che però non ha avuto molto successo a causa della sbagliata pubblicita che è stata fatta.

Era stato concepito come caccia da esportazione per i paesi che non potevano "permettersi" l'F16...

Corregetemi se sbaglio... :adorazione:

Esattamente.

Cmq sia tutto il progetto F5 era stato pensato per l'esportazione per i paesi alleati con scarse capacità economiche.... l'F20, che era la vera prima versione completamente aggiornata dell' F5E, era stato pensato anche lui per questo motivo, solo che come dici tu non ha avuto un buon riscontro di mercato a causa di un'errata campagna di promozione.

E alla fine il progetto si è fermato lì.

Cmq un ottimo caccia...

Share this post


Link to post
Share on other sites

io credo che l'italia abbia preferito l'f104 proprio perche l'f5 all'inizio non è che avesse tutte quelle capacità che si è dimostrato avere dopo cn le modifiche

 

mentre l'f104 almeno all'inizio garantiva di piu...

 

ma è solo una supposizione....

 

 

VaLe

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grande aereo l’ F-5.

 

Tuttora ancora in servizio anche come Agressors, il che dimostra le sue ottime caratteristiche di maneggevolezza, e nelle ottime mani di un pilota istruttore, può dar filo da torcere a modelli più moderni e più blasonati.

 

f5agressor8mm.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
Grande aereo l’ F-5.

 

Tuttora ancora in servizio anche come Agressors, il che dimostra le sue ottime caratteristiche di maneggevolezza, e nelle ottime mani di un pilota istruttore, può dar filo da torcere a modelli più moderni e più blasonati.

E' questa la grande dote dell'F5.

Nonostante sia piccolo, economico e tecnologicamente non alla pari dei suoi fratelloni come F15, F14 ed F16 negli addestramenti condotti come velivolo aggressor si è dimostrato davvero letale!!!!

 

Per Wolf:

alla fine quello che gli mancava all'F5 era solo la velocità di punta!!!!

per tutto il resto credo che come minimo eguagliasse l'F104, se non addirittura lo superava...

Cmq questa è una cosa che mi interessa davvero molto... è una delle prime cose che mi sono venute in mente guardando il documentario.

Non vedo l'ora che Gianni mi risponda.. :D

Gianni dove seI??? :unsure::huh::o:lol::D:okok::adorazione:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Eccomi qua.

 

Dunque...

 

L'F-5 e l'F-104 sono aerei molto simili.

Entrambi leggeri ed essenziali, solo che l'F-5 privilegiava l'economicità specialmente nella manutenzione, mentre il -104 era decisamente più costoso, perchè all'epoca il suo turboreattore J-79 era il motore più avanzato del mondo.

 

L'F-5 fu offerto sul mercato dell'esportazione, ma il Governo USA ebbe la buona idea di acquistarne qualche esemplare (non molti, giusto lo stretto necessario) in maniera che il caccia uscisse con la fama di essere in dotazione all'USAF, e quindi le nazioni estere lo comprarono volentieri ("adottato dall'USAF" era uno slogan pubblicitario che funzionava allora come ora).

 

L'F-20 invece non fu adottato dall'USAF, e questo fatto, sommato al fatto che era un caccia "povero" e che in contemporanea erano disponibili gli F-16A a un prezzo di poco superiore, fece sì che non ci furono ordini.

 

La storia del -104 è diversa.

 

Dovete partire dal fatto che l'USAF rese disponibile il -104 (nella versione G) alla NATO non tanto perchè lo utilizzasse come un caccia, ma principalmente perchè lo utilizzasse come un penetratore nucleare ad alta velocità e bassa quota.

 

Poi chiaramente, siccome era nato come intercettore, e grazie al suo sistema di intercettazione basato sul radar NASARR era molto efficiente (interfacciato con la catena di difesa aerea della NATO), fu usato anche come intercettore.

 

Ma questo impiego fu sempre secondario rispetto a quello d'attacco.

Ad esempio la Germania, al massimo del suo utilizzo dello Starfighter, schierava ben 5 stormi di F-104G da attacco nucleare, 2 stormi da ricognizione, e soltanto 2 da intercettazione.

Fu questa la ragione dell'alto numero di incidenti: se un caccia nato come intercettore velocissimo d'alta quota, me lo usi come aereo supersonico per il volo radente nucleare, è chiaro che è facile che ti schianti contro una collina.

 

Ora, in questo ruolo nucleare, l'F-5 certamente non andava bene.

Nè andava bene come intercettore ogni tempo: l'F-5 era un caccia diurno.

 

Per queste ragioni non fu adottato dall'Italia, nè dalla Germania.

 

Poi la Germania sostituì i suoi -104 con i Phantom, mentre l'Italia - per ragioni economiche - si tenne lo Starfighter e ne sviluppò la versione S che poteva usare i missili Sparrow.

E così lo Starfighter in Italia tornò alla sua funzione originaria di caccia, mentre il ruolo di striker nucleare fu preso (sia in Germania che in Italia) dai nuovi Tornado.

 

E questo fu l' "errore" dell'Italia.

L'Italia, infatti, fece male a sviluppare la versione S, perchè questo di fatto ha relegato per decenni l'AMI a usare un velivolo davvero obsoleto.

Impressionante come accelerazione, velocità e quota, ma obsoleto.

 

L'Italia se lo poteva anche permettere: in fin dei conti era improbabile, nello scenario di guerra fredda, che il territorio italiano sarebbe stato solcato da caccia nemici (l'Italia non confinava con nessun paese del Patto di Varsavia), e per intercettare i bombardieri il -104S andava bene.

 

Ma occorre tener presente che in effetti non si tratto di un errore vero e proprio.

 

Infatti l'Italia contava molto sul Tornado per sostituire i -104 sia nel ruolo bombardiere che in quello intercettore.

 

Infatti molti non sanno che il Tornado nacque come MRCA (Multi Role Combat Aircraft) e avrebbe dovuto essere un velivolo multiruolo: bombardiere e caccia assieme.

l'Italia era molto interessata al ruolo caccia, più che a quello da bombardamento (per il quale c'erano altri progetti, come il "futuro" AMX).

Ma nel corso del programma la RAF impose il suo punto di vista.

La RAF voleva un bombardiere puro, e della missione da caccia gli interessava poco quanto niente. Anche alla Germania andava bene così, visto che come caccia disponeva dei Phantom.

E così... il Tornado nacque come bombardiere puro, e l'Italia se lo dovette piangere (e si dovette tenere i -104 come caccia).

 

La cosa forte è che proprio gli inglesi poi svilupparono il Tornado ADV !

 

Ma il programma Tornado, anche se vi partecipava l'Italia, era un progetto prevalentemente inglese (e così è anche l'Eurofighter, diciamoci la verità), e quindi gli inglesi lo pilotarono dove e come e quando volevano.

 

Mi sono dilungato un po', ma mi ha fatto piacere ricordare come si svolsero quei fatti.

Edited by Gianni065

Share this post


Link to post
Share on other sites

grande gianni per la super spiegazione ma ti posso chiedere una cosa:

 

c'è una cosa che non sai in campo di aerei??????? :okok::okok: sai veramente tutto ancora complimenti :okok::okok:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie Gianni la storia del Tornado non la sapevo così. Adesso mi spiego il perchè della repentina sparizione di tutti i distintivi dei Tornado con la sigla MRCA dalle tute di volo... :thumbdown:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie infinite Gianni, molto esauriente :D:adorazione::okok:

In pratica quindi l'AMI aveva già da molto tempo in previsione di eliminare dalle proprie schiere il 104... -_-

Cmq c'é un particolare che non hai spiegato, oppure sono io che non ho capito o non ricordo:

perché gli inglesi lasciarono perdere il progetto di un Tornado multiruolo per privilegiare quello di bombardiere puro??? Di quale caccia da intercettazione erano provvisti gli Inglesi?? Dei Phantom??? :blink::unsure:

Grazie :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

x Jack.

 

La RAF nel corso degli anni aveva maturato un concetto molto particolare della difesa aerea, un concetto che si è trascinata per tutta la Guerra Fredda e che ha influenzato non poco anche la NATO in generale.

 

La RAF era convinta che la supremazia aerea si ottenesse non tanto con lo spiegamento di aerei da caccia destinati ad affrontare e sconfiggere le forze aeree nemiche nei cieli, quanto con la distruzione di esse al suolo, nei suoi stessi aeroporti.

 

Si tratta di un concetto che non è poi sbagliato.

In pratica secondo la RAF era fondamentale distruggere gli aeroporti, le basi aeree e i centri di comando e controllo delle forze aeree nemiche, inchiodando al suolo i suoi aerei e/o distruggendoli nelle loro basi.

Il tutto nelle prime ore di un conflitto.

 

 

Per fare questo era indispensabile avere una potente forza d'attacco, e un certo numero di intercettori destinati a difendere le proprie basi aeree (se no il nemico avrebbe fatto lo stesso!).

 

Si tenga poi conto che l'Inghilterra si trova in una posizione avvantaggiata: i caccia sovietici non avevano l'autonomia per arrivare sino alle isole britanniche, al massimo potevano arrivarci i bombardieri pesanti.

 

Così la RAF organizzò la sua forza aerea con i velivoli F-4M Phantom II che furono destinati a missioni di attacco e strike nucleare, mentre per la difesa aerea c'erano i potenti intercettori Lightning.

I piani erano poi di introdurre il Jaguar che avrebbe sostituito i Phantom II nel ruolo di attacco, i quali avrebbero assunto il compito della difesa aerea per sostituire i Lightning.

 

Quindi quando il programma Tornado prese i suoi passi, la RAF disponeva dei Phantom II da intercettazione - che erano caccia molto validi - e dei Jaguar da attacco, i quali però si rivelarono poco adatti alla penetrazione ognitempo in profondità nel territorio nemico.

 

Quindi la RAF voleva un velivolo che potesse compiere le stesse missioni dell'F-111 americano: penetrazione in profondità per colpire le piste aeree nemiche innanzitutto, e poi hangar, centri di comando, depositi ecc...

 

Per questo il programma Tornado, nato come multiruolo, fu pian piano "pilotato" verso un aereo da penetrazione supersonica a bassissima quota e ognitempo, e nulla fu sacrificato per consentirgli di svolgere ruoli aria-aria (il motore era ottimizzato per l'impiego a bassa quota, il carico alare era alto, il radar non aveva alcuna possibilità di illuminare i bersagli a beneficio di missili a guida SARH).

Per l'Italia fu una batosta, ma ormai era dentro al programma e non poteva farci nulla, quindi fece buon viso a cattivo gioco.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bella risposta!!!! Più interessante che mai....

Grazie Gianni, non ti smentisci mai.... :D

Share this post


Link to post
Share on other sites
grande gianni per la super spiegazione ma ti posso chiedere una cosa:

 

c'è una cosa che non sai in campo di aerei??????? :okok::okok: sai veramente tutto ancora complimenti :okok::okok:

se sapesse di non saperla allora si documenterebbe e la saprebbe :blink::blink::hmm:

 

sei grande gianni

Share this post


Link to post
Share on other sites

non c'è che dire, Gianni dispone di una curiosità e passione immensa che gli hanno consentito di creare un database che a Jane's fa un baffo... :P:P:P

 

Bravo Gianni, mi hai rivelato dei retroscena che non sapevo sulla RAF, adesso mi spiego il perchè dei corridoi per il volo a bassa quota numerosissimi in tutta la Scozia...

 

Io e mia moglie in viaggio di nozze nella terra degli Highlanders fummo testimoni di un attacco simulato ad una rocca posta di fronte all' isola di Skye effettuata proprio da un Tornado Gr. Mk. 4 che proveniva a bassissima quota dalla valle alle nostre spalle... Avvicinamento supersonico sul target a bassissima quota e dopo il lancio simulato forte cabrata a tutto motore per il disimpegno...

 

Fu spettacolare e pauroso assieme..., mia moglie e molti turisti non essendo avezzi di Tornado si chinarono d'istinto al passaggio dell'aereo...

 

Una cosa così in Italia non l'avevo mai vista e penso che non la vedrò mai se non in un poligono in Sardegna, purtroppo dopo il cermis le restrizioni per il volo BBQ sono oramai tantissime... :thumbdown:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bhè... oltre al database, che mi aiuta a richiamare i dettagli tecnici o le date o qualche elemento statistico, c'è anche una profonda conoscenza personale.

Non vorrei che si pensasse che tutto quello che scrivo è frutto di un copia incolla!

 

;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

neanche per sogno gianni figurati se una persona le cose le sa le sa non c'è neanche da pensarlo un copia incolla!!!!!!!!!ogni volta che scrivi qualcosa fai conto che ti abbia ringraziato 100 volte!!!!!!!!! :okok::okok:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Secondo voi ragazzi il Northrop F-5 TigerII potrebbe ancora prestare servizio con i nuovi caccia usciti dalle fabbriche?(F-22,F-18G,F-35)

ma è uno scherzo o cosa? :blink: per quanto riguarda prestare il servizio bhe.... può restare in servizio anche quando ci saranno le navicelle spaziali basta che ci siano i pezzi di ricambio, invece se volevi dire se può confrontarsi con i nuovi aerei, direi proprio di no!

Edited by Donald Henry Rumsfel

Share this post


Link to post
Share on other sites
Secondo voi ragazzi il Northrop F-5 TigerII potrebbe ancora prestare servizio con i nuovi caccia usciti dalle fabbriche?(F-22,F-18G,F-35)

 

In Svizzera si vedrà ancora per qualche annetto, negli altri paesi che lo usano ancora non so; d'altra parte, se non puoi permetterti di meglio (o non ti serve) ti tieni quello che hai.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Andrea29

io volevo aggiungere che l'f5 tigerII è ancora in servizio in alcune nazioni.

 

curiosità:il governo di pechino quando taiwan ricevette i suoi f5 considerati migliori di qualsiasi altro caccia cinese,offri un premio di 770libbre d'oro al pilota che si fosse impossessato di un f5.il premio in oro valeva circa 2 milioni di dollari cioè quasi il valore di tutto l'aereo catturato.

 

chissà se l'offerta vale ancora sarebbe una bella opportunità a chi sta smantellando gli ormai anzianotti tigerII :rotfl:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il Tiger ha bissato il successo dell'F-5A, venendo prodotto in più di 1500 esemplari, numerosi dei quali costruiti su licenza in Svizzera, Corea del Sud e Taiwan. Ancora oggi viene utilizzato in gran numero ed aggiornato con le tecnologie più moderne dall'azienda madre e da altre compagnie come la Israel Aircraft Industries (IAI).

------------------------

L'F-5 è stato apprezzato in tutto il mondo per essere economico, semplice ed affidabile. Molte aviazioni di paesi in via di sviluppo l'hanno usato in combattimento. È uno dei pochi aerei che è stato protagonista di un "mercato nero": parti di ricambio o interi apparecchi sono passati da un mano all'altra non ufficialmente, e spesso è stato pilotato da mercenari.

 

Fonte wikipedia

Edited by Doiman

Share this post


Link to post
Share on other sites

un altro suo erede e' Il Northrop F-20 Tigershark (in italiano "squalo tigre") è stato uno dei caccia più promettenti degli anni '80, ma per varie cause ha fallito la sua sfida con il concorrente diretto F-16 Fighting Falcon, il quale ha finito per accaparrarsi conseguentemente tutto il mercato dei caccia leggeri monomotore americani e la gran parte di quello mondiale.

f20bw.jpg

Edited by Doiman

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...