Jump to content
Sign in to follow this  
typhoon

S&P's: "I conti pubblici italiani? Una performance impressionante"

Recommended Posts

http://www.repubblica.it/2008/01/sez...dard-poor.html

 

L'analisi dai toni sorprendenti dell'agenzia di rating anticipata da Radiocor

E aggiunge: "Lodevoli" gli sforzi compiuti dal governo nella lotta contro l'evasione fiscale"

S&P's: "I conti pubblici italiani? Performance impressionante"

 

LONDRA - Una performance "impressionante". Soprattutto "il rapporto deficit-pil sceso nei primi nove nesi del 2007 all'1,3%". Non è il premier Romano Prodi che parla ma la solitamente severissima agenzia internazionale di rating Standard & Poor's.

 

I dati di martedì scorso sul deficit/pil italiano, quell'1,3% che è il risultato migliore in Italia dal 1999, "sono il segnale di una performance impressionante in termini di bilancio generale". Le lodi non finiscono qui. Sono definiti in genere "lodevoli" gli sforzi compiuti dal governo nella lotta contro l'evasione fiscale anche se questa "performance migliore del previsto" è dovuta, in parte, anche "a una componente ciclica non quantificabile".

 

E l'analisi di Trevor Cullinan, primary analist di Standard and Poor's per il rating della repubblica italiana, ai microfoni di Radiocor-Sole 24 ore.

(11 gennaio 2008)

;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' la stessa agenzia di rating (purtroppo non l'unica) che riteneva i Bond Argentini e le Obbligazioni Parmalat come investimenti remunerativi e sicuri per i risparmitori....

Edited by paperinik

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quando una notizia non piace bisogna sempre smontare la fonte, che ovviamente torna in auge quando dice qualcosa a favore. Purtroppo però i numeri restano numeri

Share this post


Link to post
Share on other sites

S&P è un' agenzia rispettabile, poi i bond argentini e parmalat erano investimenti sicuri in teoria, solo che nel primo caso un governo può fare un pò quello che gli pare mentre nel secondo c'è stato un comportamento fraudolento da parte delle banche, che ovviamente poi non hanno pagato.

 

Comunque la notizia già si sapeva, peccato che questo miglioramento è stato pagato integralmente con l'aumento dell'imposizione fiscale e non con il taglio della spesa pubblica, a causa dei soliti noti (la magica accoppiata sindacati & sinistra radicale)

Share this post


Link to post
Share on other sites

La lotta all'evasione ha un impatto più psicologico che altro, ma non può portare a questi risultati.

Il fatto è che la spesa pubblica ha continuato a salire vertiginosamente, infatti non è stato rispettato il tetto del 2%, una delle poche cose veramente intelligenti fatte nelle finanziarie della passata legislatura, quindi i soldi per appianare il debito pubblico possono essere stati trovati solo con l'aumento dell'imposizione fiscale, che attualmente è troppo alta per il funzionamento ottimale del sistema paese.

Share this post


Link to post
Share on other sites

ha perfettamente ragione Dominus. e aggiungo che i soldi recuperati dall'evasione fiscale non sono stati usati per diminuire il debito pubblico, ma sono stati sperperati nelle maniere + idiote possibili. La spesa pubblica è stratosferica, (basti pensare solo alla proliferazione di poltrone avuta al momento dell'insediamento del governo) e ora si vuole tassare le rendite finanziarie perchè i soldi non bastano e spremere ulteriormente la busta paga dei cittadini significa marcia su Roma con decapitazione dei governanti sul modello della rivoluzione francese(che comunque non ci starebbe male)

 

Gli extragettiti dovuti alla lotta all'evasione infatti non sono stati usati per pagare infrastrutture, diminuzione del debito pubblico, manovre di cambiamento strutturale ecc... sono stati usati per scopi di caratte sociale(aiuti alle famigle disagiate, aiuti agli anziani), che però richiedono fonti di finanziamento continue e non extragettiti saltuari e casuali. Ora come ora la priorità deve essere la riorganizzazione totale della PA tutta. Eliminazione delle province con riassegnazione dei compiti a comuni e regioni, eliminazione del senato, eliminazione della metà dei deputati, limitazione a 10-12 ministri, limitazione a casi eccezzionali dell'uso di auto blu e viaggi di stato,federalismo fiscale ecc...

 

Risparmiando tutti questi soldi che al momento sono buttati nel cesso, e reinvestendoli in maniera intelligente(Difesa, infrastrutture, centrali nucleari ecc...) l'Italia cambierebbe faccia e non saremmo + il Burundi dell' UE.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...