Jump to content
Sign in to follow this  
Gian Vito

Consumo autoveicoli

Recommended Posts

Il bello di questo forum è che permette di trattare argomenti di attualità , non necessariamente d’argomento militare. Il carburante è sempre più costoso. Una condotta di guida attenta può ridurre il consumo di un autoveicolo. A beneficio di tutti riporto questi dati, tratti da varie riviste del settore.

 

La resistenza aerodinamica inizia a farsi “sentire” oltrepassati i 60 km/ora. Sugli aerei i carichi esterni provocano un enorme scadimento di prestazioni, ma i portapacchi sulle auto non sono da meno. Un portapacchi “pieno” produce un aumento del consumo del 20-30%. Anche il portapacchi “aerodinamico” aumenta il consumo del 10-15%. La semplice presenza dei binari o dei portasci richiede 1 litro di carburante in più per 100km.

 

Peso: 100 kg di carico in più provocano un aumento del consumo di 0,5 litri ogni 100km.

Climatizzatore: provoca un aumento del consumo del 5-11% . Ma tenere i finestrini aperti è molto peggio. Si consuma di più.

Passare 3 minuti in coda o 5 minuti in “folle” = -1 km di autonomia Su percorsi troppo brevi o in montagna o d’inverno aumenta il consumo.

Fari accesi: la cosa è controversa ma si stima un aumento dell’1-2% nel consumo.

 

Guidare con le gomme alla corretta pressione : si riduce il consumo del 3%.

La guida rilassata riduce in genere il consumo del 10%.

Guidando, dai 50 agli 80km/ora, in quarta invece che in terza si riduce il consumo del 25%

Guidando, dai 70 ai 90km/ora, in quinta invece che in quarta si riduce il consumo del 15%

e a 60km/ora si riduce il consumo del 25%!

Cercate di non superare i 4000 giri/minuto: mantenendo la velocità in autostrada a 120 km/ora invece che a 130 si risparmia 1 litro ogni 100 km.

Un viaggio a 3/4 della velocità max permette un risparmio di oltre il 50% di combustibile.

 

Evitate le accelerazioni “a fondo”: può sembrare incredibile ma una vettura media, in queste condizioni, consuma quanto una Ferrari ! (dai 4 agli 8 km con un litro!)

All’opposto se leggete che la vostra auto, a 90km/ora in quinta, fa 20km con un litro, a 60 può arrivare a 23-24!

 

Ciao a tutti!

Share this post


Link to post
Share on other sites

aggiungo: se il petrolio si pagasse in euro costerebbe di meno a noi

aggiungo: se togliessero le tasse che ci sono costerebbe di meno

aggiungo: in basilicata c'è il più grande giacimento di petrolio d'europa che aspettiamo ad usarlo correttamente e coscientemente?

aggiungo: se state in una città dove i servizi pubblici funzionano usate i mezzi. io a milano pago 17 euro e giro per un mese. ovio poi dipend dalle esigenze personali lo capisco.

Share this post


Link to post
Share on other sites
All’opposto se leggete che la vostra auto, a 90km/ora in quinta, fa 20km con un litro, a 60 può arrivare a 23-24!

 

Senza contare che ai 60km/h in una strada stretta si fa risparmiare anche chi sta dietro! :D

 

Personalmente viaggio a metano da oltre 15 anni e, attualmente, spendo meno della metà di quanto spenderei di benzina. Questo considerando solo il costo del carburante però. L'impianto incide notevolmente ma se si fanno parecchi km il gioco vale la candela. Io lavoro a 35 km da casa ed ho ammortizzato il costo in un tempo relativamente breve.

Con una Punto 1.2 di una decina d'anni percorro circa 300 km con al massimo 9 euro: spendo meno non solo del prezzo del biglietto dell'autobus ma dell'intero abbonamento mensile. Senza contare che posso circolare in città nei momenti di blocco del traffico.

Oltre al costo dell'impianto gli svantaggi sono una minore potenza (ma per gli spunti si può passare a benzina), la perdita di parte del bagagliaio a causa dello spazio occupato dalle bombole, la scarsità di distributori in alcune regioni ed il tempo necessario per il rifornimento, nel mio caso sull'ordine dei 5 minuti.

Le mie esperienze sono sempre state con automobili modificate in seguito, alcuni modelli recenti escono di fabbrica già con l'impianto e con le bombole poste sotto l'auto così la capacità di carico è salva.

 

Naturalmente i consigli di Gianvito valgono anche per me.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guidando, dai 50 agli 80km/ora, in quarta invece che in terza si riduce il consumo del 25%

Guidando, dai 70 ai 90km/ora, in quinta invece che in quarta si riduce il consumo del 15%

 

Gianvito innanzitutto grazie dei consigli!! :)

E sta roba valla a fare a capire a mia madre.. ahò tira le marce in una maniera impressionante,c'è la macchina che implora pietà :lol:

Io cerco sempre di cambiare il prima possibile..normalmente viaggio in quarta poi sui rettilinei verso casa mi pare d'essere su un'autostrada e schiaccio un po' troppo l'acceleratore :rotfl:

Vedrò di moderarmi (mi ci volevano le tue parole per capire che devo darmi na regolata ahuaha) .. anche perchè nella mia famiglia abbiamo le auto+ il camion con cisterna tutto a diesel e abbiamo fatto la mycard tamoil per non pagare in contanti ogni volta...ma caspita che salassata che arriva sempre nella fattura a fine mese :o

 

 

Ma tenere i finestrini aperti è molto peggio. Si consuma di più.

 

Questa non la capisco,me la spieghi? :P

Share this post


Link to post
Share on other sites

aumenti la resistenza aerodinamica con i finestrini aperti tipo paracadute stesso vale x i portapacchi...

invece avere sotto la macchina qualche cavallo in piu e coppia non è detto ke consumi di piu ma puoi risparmiare perché l'auto fa meno fatica...

Share this post


Link to post
Share on other sites
aumenti la resistenza aerodinamica con i finestrini aperti tipo paracadute stesso vale x i portapacchi...

 

Ah quindi è come se la facessi rallentare e e tu invece acceleri e quindi la fai faticare e consuma di più... grazie,non ci avevo mai pensato :P

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ah quindi è come se la facessi rallentare e e tu invece acceleri e quindi la fai faticare e consuma di più... grazie,non ci avevo mai pensato tongue.gif

 

esattamente...prima di tutto a finestrini aperti l'accelrazione diminuisce e se vai a velocita costante esempio ai 100km/h con finestrini aperti consumi di piu ke non a 100km/h con finestrini chiusi

Share this post


Link to post
Share on other sites

Riprendo il discorso sul consumo delle autovetture. Su “Il venerdi di Repubblica”(23/11/07) è apparso un articolo sulle prove effettuate dalla rivista tedesca “Autobild”sul consumo effettivo rispetto a quello dichiarato dalle case automobilistiche. Per prima cosa, come si ottengono i dati sul consumo? In oltre 50 stati il tragitto città/fuori città viene simulato su speciali rulli per un totale di…1180 secondi!!! Per 780 secondi si simula il percorso urbano, per 400 secondi quello extraurbano. Per al massimo 10 secondi si raggiungono i 120 km/ora! Nessuna simulazione di forti accelerazioni o frenate. Il contrario di quel che avviene in realtà. Autobild ha fatto viaggiare le auto per 160 km, di cui 54 in autostrada, 61 in campagna e 45 in città. Il peggior risultato è stato ottenuto dalla Mercedes G55 Amg che, per 100 km, ha consumato 24,3 litri invece dei 15,9 indicati dalla casa (53% in più!). Anche le auto ibride (Civic e Prius) hanno consumato circa il 40% in più. Tra le italiane: Fiat 500 (1.4) =+9,5%, Bravo 1.4=+24%, Panda Multijet=+37%. La media, per le auto medie e grandi, è stata del 25-35% in più.

 

Questo rende ancora più importanti le considerazioni fatte la volta scorsa. Come al solito la “trasparenza”, invocata spesso a tutela dei cittadini, resta ancora una chimera.

Share this post


Link to post
Share on other sites

grazie gianvito x l'info..altro caso in cui il pubblico viene tratto in inganno gli viene gettata sabbia negli occhi

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non parlatemi di costo della benzina, visto l'auto che mi sono comprato questa estate in UK, diciamo che è un investimento per avere un secondo lavoro infatti mi sono già fatto il KB per fare il tassista/NCC

 

1194444248.jpg

 

Se riesco ad ottenere la licenza, faccio sconti ai forumisti :rotfl: :rotfl:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Abbiamo, in altra sede, trattato la riduzione della resistenza aerodinamica degli ordigni disposti in tandem. Qualcosa di simile è realizzabile anche con gli autoveicoli. Seguire il veicolo che precede a breve distanza, fatti salvi i possibili rischi derivanti dalla riduzione della “distanza di sicurezza”, ha benefici effetti sul consumo. Un documento interessante permette di valutarne la portata.

 

http://gcep.stanford.edu/pdfs/ChEHeXOTnf3dHH5qjYRXMA/10_Browand_10_11_trans.pdf

 

L’obbiettivo di esperimenti simili è la creazione di “catene” di veicoli forniti di “cruise control”, in grado di ridurre in modo consistente i consumi e le emissioni inquinanti. Un sistema di collegamento dati, in caso di pericolo, permetterebbe la “frenata” coordinata del gruppo di veicoli, onde evitare un tamponamento a catena.

Share this post


Link to post
Share on other sites

i myth busters avevano fatto delle prove sia in galleria del vento che in circuito stando incollati ad un tir ,il risultato era che la riduzione dei consumi era quantificabile in pochi dollari , certo non tanti da valer la pena di rischiare di morire

 

http://youtu.be/KGVXbW4O5HE

Edited by cama81

Share this post


Link to post
Share on other sites

Che il vantaggio si riduca a pochi dollari è un fatto. Anche considerando il 7% di risparmio, ipotizzando un veicolo con 50 litri e consumo di 5 litri per 100 km, si scenderebbe a 4,65. E’ più pratico moderare la velocità di guida. Tanto più che tentare di mantenere una distanza di soli 4 metri dal veicolo che precede richiede, per sicurezza, una velocità inferiore ai 50 km/h (e riflessi molto buoni). Più sensibile invece il risparmio per i TIR.

 

Il video dimostra solo una evidente imprudenza, nulla a che vedere con l’argomento. Qui non si parla di guida a tutta velocità. Se no il risparmio è nullo in ogni caso.

Share this post


Link to post
Share on other sites

bisogna sentire l'auto, il suo motore, oltre che adottare le strategie sopra richiamate: ho una musa multijet da 5 anni, 150000 km percorsi: sono passato dagli iniziali 17 km/l a circa 21,5 in estate e 20 km/l in inverno (con gomme termiche). Conosco oramai a memoria le prestazioni dell'auto: so che a causa della 5ta corta consuma uno sproposito in autostrada mentre in extra urbano posso sfiorare i 24 km/l. L'importante è guidare come si pedala in bici. No brusche accelerazioni, anticipare le reazioni di chi ci precede o della conformazione del tragitto. E' inutile tenere il gas e poi frenare se c'è un semaforo rosso 500 mt piu avanti.

 

poi va behhh con quella che sto restaurando a tempo perso..... i discorsi di cui sopra vanno a farsi benedire

 

fbtop2.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma è splendida ! Anch'io ho un'auto americana, più recente però...Sebring !

 

Ed è tutto vero. Osservando il comportamento dei veicoli che precedono si può evitare una guida "a singhiozzo". E un pedale "morbido" è essenziale.

 

Se il consumo dichiarato della mia auto a 90 orari è di 20 km con un litro, a 60 ne faccio 25 e talvolta arrivo oltre (spesso il computer di bordo indica 3,7 x 100 km).

Share this post


Link to post
Share on other sites

c'è da dire inoltre che il motore Diesel è molto piu sensibile del classico benzina. Se hai il piede pesante oppure la guidi in scioltezza, un'auto diesel consuma come una benzina.

 

PS: grazie dei complimenti.... è la mia croce e la mia delizia

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ah, mettici l'impianto per il gas, mi raccomando XD

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ah, mettici l'impianto per il gas, mi raccomando XD

quando metteranno gli infissi al colosseo :rotfl:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×