Jump to content

Naufragio in tempo di guerra


speedyGRUNF
 Share

Recommended Posts

Ho letto in altri post che i Tedeschi usavano non raccogliere i naufraghi nemici...

Vorrei sapere se questa è prassi normale in tempo di guerra oppure esiste una sorta di convenzione circa il salvataggio degli equipaggi?

Non so ma,da sempre,la Marina mi ha sempre dato l'impressione di essere un Corpo con un certo onore particolare(Magari mi sbaglio :o ).

Link to comment
Share on other sites

La Convenzione di Ginevra n. 2 del 12 agosto 1949 , e già prima la convenzione dell'Aja del 1907 e quella di Ginevra del 1906, impongono che qualsiasi parte, neutrale o belligerante, debba assicurare il recupero dei naufraghi e il loro soccorso e cura, anche subito dopo un combattimento navale.

 

Purtroppo spesso questa previsione non può essere applicata: fermarsi a raccogliere i naufraghi è molto rischioso, e non si può contare sul fatto che i comandanti delle navi nemiche non sparino addosso a chi li sta raccogliendo (anche se ciò è proibito: ma vatti a fidare...)

Link to comment
Share on other sites

mettiamo che gli americani affondano una nave tedesca in tempo di guerra..gli americani raccolgono i naufragi e li portano in america dove vengono curati....ma poi li mettono in galera come prigionieri di guerra o c'è una legge che obbliga a liberarli???

Se uno stato non rispetta una regola stabilita nella convenzione di Ginevra cosa succede??? :helpsmile:

Link to comment
Share on other sites

quello che succedeva con i convolgi atlantici minacciati dai sottomarini tedeschi, c'era l'ordine di non fermarsi

 

se uno stato non rispetta la convenzione di Ginevra non penso che gli si possa fare più di tanto, se è uno stato sovranno può fare quello che gli pare all'interno del suo territorio (escludendo la popoalzione in rivolta e robe del genere), al limite lo si invade, penso

Link to comment
Share on other sites

Dipende, dipende, dipende.

 

Facciamo un esempio.

 

Se gli USA affondano una nave tedesca, in guerra, e ne catturano i naufraghi, questi sono considerati prigionieri di guerra, ovviamente.

 

Se gli USA affondano una nave tedesca, in guerra, e i naufraghi sono raccolti da una nave di una nazione neutrale - facciamo finta che sia la Spagna - allora la nazione neutrale ha l'obbligo di trattare i naufraghi quasi come fossero prigionieri di guerra, e non può restituirli al paese di origine (Germania) prima che la guerra non sia finita.

Se lo facesse, l'altra nazione (gli USA) avrebbe diritto a considerare la Spagna come proprio nemico e ad attaccarla o a chiederne la condanna internazionale.

 

La Convenzione di Ginevra, ma anche le consuetudini militari non scritte, sono state spesso applicate, anche nei momenti più crudeli delle guerre.

Ad esempio il ruolo della Croce Rossa Internazionale è stato fondamentale in tutte le guerre, e persino i prigionieri di guerra in mano tedesca potevano ricevere lettere e pacchi dai propri familiari, così come prevede la Convenzione.

 

In molti altri casi la Convenzione non è stata rispettata, da entrambe le parti.

E' chiaro che chi vince la guerra, poi, potrà contestare le violazioni e far condannare i responsabili (del nemico), mentre i propri chiaramente la fanno franca.

 

Ad ogni modo, tranne che per esigenze comprensibili nell'ottica di una guerra totale (guerra in atlantico, bombardamenti sulle città, cattura di incursori) diciamo che la Convenzione di Ginevra è stata sostanzialmente rispettata da tutti i belligeranti, nella II GM, tranne che dai Giapponesi, che se ne infischiavano parecchio (a partire dall'inizio, con l'attacco di Pearl Harbour...) .

A volte il trattamento umanitario è andato anche oltre i limiti della Convenzione.

Ad esempio, la Convenzione vieta a un prigioniero di fuggire dal campo di prigionia: se lo fa, è passibile di fucilazione.

I tedeschi fucilarono molto raramente i prigionieri che tentavano di fuggire.

Il problema non si pose in campo alleato, perchè stranamente i prigionieri dell'Asse non avevano la minima voglia di fuggire...

Link to comment
Share on other sites

Nulla di che.

 

Il prigioniero di guerra deve essere trattato in maniera umana, non deve essere torturato nè interrogato (deve dire solo il suo nome, grado e numero di matricola) e ha diritto a essere messo in contatto con la Croce Rossa Internazionale.

Non può essere impiegato in attività lavorative.

Link to comment
Share on other sites

che so io, i giapponesi erano in non belligeranza con gli americani ma comunque il rapporto era molto teso. quando i giapponesi hanno attaccato pearl harbour hanno dichiarato guerra di fatto, ma sono stati gli usa a dichiarare guerra ufficialmente al giappone. quindi effettivamente nell attacco i due paesi non erano in guerra

Link to comment
Share on other sites

La dichiarazione di guerra è prevista dal diritto internazionale, PRIMA di iniziare una guerra.

 

Chiaro che oggi non ha molto senso... eppure in Afghanistan e in Irak è stato fatto (in questi casi sotto forma di ultimatum, che vale ugualmente).

 

I Giapponesi attaccarono Pearl Harbour a sorpresa: la loro dichiarazione di guerra fu consegnata quasi in contemporanea ed era scritta in giapponese, quindi ci vollero ore per tradurla.

 

I prigionieri di guerra, al termine del conflitto, devono essere restituiti alla propria patria.

 

Chiaramente la prigionia avviene in campi di prigionia, non in carceri.

 

I Giapponesi hanno violato la convenzione di Ginevra specialmente nei confronti di prigionieri di guerra, sottoponendoli a torture, angherie e lavori forzati.

Il tasso di mortalità dei prigionieri in Giappone è stato elevatissimo.

Link to comment
Share on other sites

scus ama il termine " prigione" non è un sinonimo del termine "carcere" ?? :blink:

 

E quindi che differenza c'è tra un campo di prigionia e un carcere?

 

Per quanto riguarda Pearl Harbour ti consiglio intanto di vederti il film intitolato appunto Pear Hrabour che secondo me fa capire abbastanza bene quello che accadde il giorno dell' attacco e i danni che provocò.... :unsure:

Link to comment
Share on other sites

l'ho visto e l'ho rivisto

ma ti ripeto che al guerra è guerra

l'unca speranza di vincere gli americani era quella, le sa sono giocata e per me hanno fatto pure bene

dopo hanno sbagliato a maltrattare i prigioneri e la dichiarazione la potevano pure consegnare in inglese, tanto...

i campi di prigionia sono tipi quelli di concentramento solo meno duri (in teoria) penso

Link to comment
Share on other sites

io il film l'ho visto e credo che sia chiaramente di parte.... alla fine dimostra che se pur i giapponesi avevano distrutto una intera flotta americana, gli americani con l'orgoglio riescono a far fuori IMPORTANTISSIMI PUNTI STRATEGICI IN GIAPPONE, E QUASI SI RIFANNO........

 

MA PER PIACERE.... il fatto sta che gli americani le presero e le presero pure pesanti..... anche se i giapponesi si comportarono i modo MOLTO sporco

Link to comment
Share on other sites

è vero gli americani a pearl Harbour ebbero moltissime perdite, soprattttttuttttto :P a livello di navi, infatti diciamo che era di transito ( anchè se in realtà la flotta era ferma li perchè gli americani volevano tenere sotto controllo il Giappone per non farsi trovare impreparati.....) una bella flotta composta da molte navi, e quasi tutte furono affondate dall' aviazione giapponese, in ogni caso dopo poco tempo il Giappone capì che aveva compiuto un passo sbagliato ad attaccare gli alleati, poco tempo dopo i nipponici dovettero scrivere sulla bandiera: la nostra terra è soggetta a bombardamenti nucleari :rotfl:

Link to comment
Share on other sites

è vero gli americani a pearl Harbour ebbero moltissime perdite, soprattttttuttttto :P a livello di navi, infatti diciamo che era di transito ( anchè se in realtà la flotta era ferma li perchè gli americani volevano tenere sotto controllo il Giappone per non farsi trovare impreparati.....) una bella flotta composta da molte navi, e quasi tutte furono affondate dall' aviazione giapponese, in ogni caso dopo poco tempo il Giappone capì che aveva compiuto un passo sbagliato ad attaccare gli alleati, poco tempo dopo i nipponici dovettero scrivere sulla bandiera: la nostra terra è soggetta a bombardamenti nucleari :rotfl: anche se, sempre che non mi ricordo male, i giapponesi combatterono fino all' ultimo pur di non dar la resa, ricordo che alcuni soldati più tosto che arrendersi si suicidavano per il disonore...

I giapponesi....popolo orgoglioso

Link to comment
Share on other sites

I Giapponesi colsero gli americani del tutto impreparati.

 

L'attacco di Pearl Harbour fu del tutto ingiustificato: non si può giustificare un attacco militare contro una nazione, solo perchè quest'ultima è economicamente più forte.

 

E non dimentichiamo che il Giappone era una dittatura militare, strettamente collegata alla Germania: l'imperatore era stato di fatto deposto, un po' come il re in Italia.

 

I militari giapponesi erano dei fanatici: valorosi, certo, ma nel senso fanatico del termine, un po' come i vari kamikaze suicidi di oggi.

A Iwo Jima, Okinawa, ecc... essi combatterono fino all'ultimo uomo, senza arrendersi.

 

Ciò nonostante, gli americani capovolsero la guerra alle Midway non per la loro superiorità militare ed economica (che ancora non c'era) ma semplicemente per il valore dei piloti imbarcati sulle portaerei americane, che si sacrificarono quasi tutti per riuscire a colpire le portaerei nipponiche (tanto che persino l'ammiraglio Nagumo rimase esterefatto dall'eroismo di quei piloti).

 

La verità è che il Giappone attaccò gli USA perchè in quel momento sembrava che impegnando gli americani nel Pacifico si sarebbe loro impedito di continuare a fornire aiuti all'Inghilterra e all'URSS.

 

Gli americani si vendicarono non solo con le due atomiche, ma uccidendo l'Ammiraglio Yamamoto che aveva comandato l'attacco a Pearl Harbour: grazie ad un'operazione di intelligence lo intercettarono mentre era in volo su un bombardiere, ed abbatterono lui e la sua scorta di caccia.

Episodio questo che pochissimi conoscono.

Link to comment
Share on other sites

Gli americani si vendicarono non solo con le due atomiche, ma uccidendo l'Ammiraglio Yamamoto che aveva comandato l'attacco a Pearl Harbour: grazie ad un'operazione di intelligence lo intercettarono mentre era in volo su un bombardiere, ed abbatterono lui e la sua scorta di caccia.

Episodio questo che pochissimi conoscono.

infatti non lo sapevo looool

Link to comment
Share on other sites

Gli americani si vendicarono non solo con le due atomiche, ma uccidendo l'Ammiraglio Yamamoto che aveva comandato l'attacco a Pearl Harbour: grazie ad un'operazione di intelligence lo intercettarono mentre era in volo su un bombardiere, ed abbatterono lui e la sua scorta di caccia.

Episodio questo che pochissimi conoscono.

 

Io un pò di tempo fa prendevo i fumetti (tipo topolino) solo che qusti fumetti erano fatti da un gruppo di reduci della seconda guerra mondiale che "raccontavano" le loro, e non solo, esperienze e in un numero c'era appunto questo episodio.....cmq peccato che adesso non li trovo più in giro perchè i dog-fight venivano ilustrati benissimo..... :okok::okok::okok:

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...