Jump to content
Sign in to follow this  
Berkut

Bombardamento NATO

Recommended Posts

KABUL - Settanta persone sono le vittime del raid aereo della Nato del 24 ottobre. Dopo aver ammesso che anche tra la popolazione ci sono state vittime a causa del bombardamento aereo sferrato la notte del 24 ottobre contro un gruppo di presunti Talebani in un villaggio del distretto di Panjwayi, nella provincia meridionale afghana di Kandahar, la Nato ha infatti reso noto che il bilancio del raid è stato di "circa settanta morti", sottolineando però che ancora non è chiaro quanto tra essi fossero semplici civili e quanti invece ribelli.

 

Sulla vicenda il ministro della Difesa, Arturo Parisi, ha espresso stamane riprovazione: "La stessa solidarietà verso gli alleati che ci preclude di ipotizzare exit strategy nazionali unilaterali - ha detto - ci consente, anzi ci costringe, ad esprimere la più netta riprovazione per le morti di civili innocenti a seguito di bombardamenti da parte di forze dell'Isaf. Tutto ciò, assieme al più vivo rammarico, preoccupazione e solidarietà verso le famiglie delle comunità colpite".

 

Finora l'Isaf, la Forza Internazionale di Assistenza per la Sicurezza sotto comando atlantico, aveva parlato di sessanta persone uccise, compresi però soltanto dodici abitanti del villaggio colpito; ora sembra disposta a riconoscere che il numero di questi ultimi è stato maggiormente elevato, sebbene si continui a puntualizzare che i guerriglieri eliminati sono comunque stati di più; in un comunicato si afferma inoltre che ancora non si sa "quanti tra i civili siano stati uccisi in conseguenza del fuoco aperto dagli insorti".

 

(28 ottobre 2006)

 

 

NO COMMENT

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non discuto sulla notizia nè sul rammarico.

 

Mi chiedo solo in che modo si distingue un talebano da un civile.

 

Hanno una grossa T sul copricapo?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Mi chiedo solo in che modo si distingue un talebano da un civile.

 

assolutamente daccordo, ma è questo il problema... se non si riesce a distinguere un civile da un guerrigliero non si dovrebbero utilizzare tattiche un pò meno "invasive" che un bombardamento su una zona chiaramente civile? Ne abbiamo giusto discusso in classe su questa cosa ieri, inoltre leggendo un noto quotidiano c'era scritto che quella sera terminava il ramadan, era festa, c'era gente che festeggiava nelle piazze, i bambini si aspetavano i regali... possibile che nessuno lo sapesse... poi assolutamente daccordo sul fatto che la guerra è la guerra, ma questo era un massacro che si poteva evitare...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il problema è che i terroristi si approfittano dei civili in modo da infangare gli eserciti che li combattono.

Share this post


Link to post
Share on other sites

ehm... quindi mi pare ovvio che la situazione sia molto difficile da gestire, sia in afghanistan che in iraq, o almeno molto più di quello che si aspettava la coalizione... purtroppo la guerriglia è questa, ci si confonde con i civili e i soldati non sanno su chi sparare... e le domande sono: sparo su tutti, faccio una strage di civili e sono sicuro che ammazzo anche i terroristi? oppure non sparo e chiusa lì?

 

e mi pare che la prima sia quella più di moda...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per trovare le risposte, basta andare in una base militare, conoscere piloti e militari, parlarci, guardare come si comportano quando sono con i loro amici e le loro famiglie.

 

Davvero pensi che queste persone siano sanguinari assassini che per ammazzare un talebano non esitano a uccidere donne e bambini e fare strage di civili?

 

Io non credo che le nostre nazioni siano fatte di questo tipo di gente, non credo che sia questo l'addestramento che forniamo ai nostri militari, e non credo che sia questo ciò che desiderano gli alti ufficiali.

 

Nelle guerre capitano cose spiacevoli, e a dirla tutta di cose piacevoli ce ne sono ben poche.

 

Non conosciamo le circostanze operative che hanno portato al bombardamento, non sappiamo le valutazioni che sono state fatte, e pertanto non possiamo giudicare in modo corretto i fatti.

 

I guerriglieri talebani non accettano il confronto su terreno aperto, per cui tutte le volte che vengono ingaggiati c'è sempre il rischio di coinvolgere "civili", e metto le virgolette perchè è da vedersi quale sia il confine tra un civile, un guerrigliero, uno che ospita i guerriglieri, ecc...

 

Rinunciare all'ingaggio tutte le volte che c'è questo rischio, significa di fatto non ingaggiarli mai e accettare di lasciare a loro ogni iniziativa.

 

La cosa fondamentale da tener presente è che le forze militari NATO non sono in Afghanistan per uccidere i civili nè per imporre la legge delle bombe: se i talebani non minacciassero il difficile processo di ricostruzione del paese e delle sue istituzioni, le forze della NATO se ne tornerebbero molto volentieri a casa.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Davvero pensi che queste persone siano sanguinari assassini che per ammazzare un talebano non esitano a uccidere donne e bambini e fare strage di civili?

 

Io non credo che le nostre nazioni siano fatte di questo tipo di gente, non credo che sia questo l'addestramento che forniamo ai nostri militari, e non credo che sia questo ciò che desiderano gli alti ufficiali.

Poi questo è da vedere: al TG ho visto delle immagini di soldati tedeschi che mostravano un teschio... vedi un pò tu...

 

Anche gli americani non sono nuovi a queste cose...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Berkut ma che cavolo di esempi sono...

 

Proprio il fatto che arrivino in TV, che facciano scandalo, significa che quella NON è la regola, NON sono i valori occidentali e NON sono comportamenti accettati o tollerati.

 

Poi, cosa c'entrano le goliardate, per quanto macabre?

 

Casi spiacevoli possono succedere, sono accaduti anche agli italiani in Somalia, ma non mi pare che mai nè le forze armate nè l'opinione pubblica abbiano lasciato correre.

 

L'imbecille può poi esserci ovunque, ed è tanto più facile che ci sia quanto più il livello culturale è basso, per cui c'è sempre da aspettarsi che, specialmente a livello di "truppa", possano accadere incidenti.

 

Ma non confondiamo gli incidenti con il comportamento generalizzato.

 

Sarebbe come a dire che siccome qualche chirurgo commette leggerezze nel suo lavoro, tutti i chirurghi sono macellai assassini e opportunisti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Per trovare le risposte, basta andare in una base militare, conoscere piloti e militari, parlarci, guardare come si comportano quando sono con i loro amici e le loro famiglie.

 

mi piacerebbe, purtroppo non mi è possibile, quindi io(e penso anche altri) ci basiamo sui media, TG, internet, quotidiani eccetera... il problema è che anche basandosi su questi non sai mai come interpretare la cosa, perchè ognuno la rigira come vuole. Faccio un esempio, mi è capitato di vedere in internet il video di un AH 64 che spara su un gruppo di persone. ora un video come sottotitolo aveva "elicottero apache spara su un gruppo di insorgenti che nascondono un RPG" e fin qui tutto bene... poi dopo lo stesso video, preso da un sito diverso " elicottero mitraglia un gruppo di contadini" e allora partono i dubbi...

 

mi pare ovvio che un militare che vive queste esperienze tutti i giorni può trovare tutte le spiegazioni che vuole, ma per chi come me che l'unico modo di aver notizie sono i media, qualche dubbio mi pare giusto che sorga...

 

poi ovviamente ho idee personali, che non ho paura di nascondere, secondo me queste due guerre(iraq e afghanistan) sono sbagliate(quale guerra può dirsi totalmente "giusta"?), e si stanno rivelando più problematiche di quanto ci si aspettava...

 

un ultima cosa... con il mio post precedente non dico che sono pazzi sanguinari, ma penso che ci siano molte persone che con me concordino sul fatto che abbiano un pò il grilletto facile...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io si invece.

Molti sono padri di famiglia normalissimi non certo assasini

Share this post


Link to post
Share on other sites
Per trovare le risposte, basta andare in una base militare, conoscere piloti e militari, parlarci, guardare come si comportano quando sono con i loro amici e le loro famiglie.

 

Davvero pensi che queste persone siano sanguinari assassini che per ammazzare un talebano non esitano a uccidere donne e bambini e fare strage di civili?

 

Se è per questo, Hitler era affettuosissimo con i suoi cani :P

 

A parte le facili battute, il problema è proprio che non si riesce a distinguere un talebano da un contadino o un pastore, proprio perchè spesso sono entrambe le cose assieme.

 

Però tenderei ad escludere che possano essere guerriglieri (e non terroristi) talebani le donne, e diciamo i ragazzi maschi sotto i 15 anni.

 

Qualcuno sa quanti dei morti dell'incursione aerea rientrano in queste due categorie?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Visto che non si può riconoscere un talebano da un civile, evitiamo di bombardare.

 

La vita dei civili e il comportamento che le truppe hanno con loro è importante, solo così i civili eviteranno di unirsi a talebani e company.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Visto che non si può riconoscere un talebano da un civile, evitiamo di bombardare.

purtroppo il problema è che loro puntano a immischiarsi nella gente proprio nella speranza che poi non si bombardi nessuno....

perchè allora non smettono di andarsene ai mercati rionali????

sono loro stessi (talebani o qualsivoglia) che vogliono questi massacri!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Per trovare le risposte, basta andare in una base militare, conoscere piloti e militari, parlarci, guardare come si comportano quando sono con i loro amici e le loro famiglie.

 

ho conosciuto tantissimi militari in america...e sono delle persone stupende...non di certo eprsone che non vedono l'ora di fare stragi!

 

mettiamoci tutti quanti in testa che sono persone ESATTAMENTE come noi!

non sono robot!o macchine da guerra!

 

SICURAMENTE c'è chi è più schizzato o col grilletto facile (siamo tutti uguali al mondo??????) ma non è certo all'ordine del giorno!

 

ps: prendete con le pinze tutto ciò che dicono i media...almeno il 50% sono puttanate allo stato puro...purtroppo il sistema di informazione fa cagare e sarà cosi per sempre (temo....) ci dicono quello che gli pare...basta cambiare canale che la notizia cambia vorticosamente!un esempio lo avete già fatto:

mi è capitato di vedere in internet il video di un AH 64 che spara su un gruppo di persone. ora un video come sottotitolo aveva "elicottero apache spara su un gruppo di insorgenti che nascondono un RPG" e fin qui tutto bene... poi dopo lo stesso video, preso da un sito diverso " elicottero mitraglia un gruppo di contadini" e allora partono i dubbi...

 

questo sta proprio a dimostrare l'affidabilità dei mass media...si girano le cose comegli stanno più comode...o cmq per fare più scandalo...

cosa fa più scandalo: "un elicottero che spara su degli insorgenti o un elicottero che MITRAGLIA (da notare anche la scelta delle parole...) un gruppo di contadini????"

 

io dico che fa più gola la seconda...

Share this post


Link to post
Share on other sites

sì, i due siti non utilizzavano proprio quelle parole... quello che volevo far notare era che un sito diceva che erano insorgenti e l'altro che erano contadini, comunque non cambia il senso del tuo discorso

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...