Jump to content

carri armati leggeri


Recommended Posts

Possibile che gli americani ancora non abbiamo trovato un sostituto dello Sheridan M551 ritirato nel 1994.

Gli americani non dispongono di carri armati leggeri e le loro forze paracadutiste devono contare solo su Hummer.

Noi abbiamo carri armati leggeri?

Link to post
Share on other sites

La Centauro si può considerare un carro armato leggero.

 

Qui bisogna ragionare bene.

 

Gli USA hanno sviluppato lo Sheridan in un momento in cui prevedevano di trasportare rapidamente le proprie divisioni d'assalto aviotrasportate, per togliere dai guai l'Europa in caso di invasione sovietica.

 

Gli Sheridan erano destinati a confrontarsi con gli MBT sovietici, in situazioni in cui la superiorità aerea non era affatto garantita.

 

Pertanto un carro leggero, paracadutabile, e pesantemente armato (il 152 dello Sheridan, in grado di lanciare anche i missili Shillelagh, era un bel bestione) era l'unica soluzione.

 

Requisito chiaro. Soluzione chiara (anche se lo Sheridan non ha brillato per affidabilità).

 

Da quel momento gli USA hanno messo in cantiere molti progetti per sostituire lo Sheridan, che però sono falliti uno dopo l'altro.

 

Il problema è che non sono più molto chiare le necessità.

 

Gli USA non hanno più nemici potenti come la vecchia URSS, sanno bene che oggi possono operare in condizione di assoluta superiorità aerea, e pertanto le forze "leggere" possono essere ben protette dall'USAF, e dagli elicotteri controcarro.

Aggiungiamo un po' di sistemi controcarro su mezzi leggeri, e il gioco è fatto.

 

L'ultimo programma americano, l'AGS (M-8) rivela bene queste incertezze.

 

L' M-8 aveva tre livelli di protezione, con pesi che andavano da 20 a 25 tonnellate ed era armato con un pezzo da 105 mm (poi portato a 120 mm).

Ma di fatto l'M-8 nella configurazione più leggera era incompatibile con il C-130 e poteva essere trasportato solo da C-5 e C-17 (una volta radiati i C-141).

La configurazione leggera era anche l'unica a poter essere paracadutata.

 

Attualmente l'US Army ha deciso di basarsi su una combinazione formata dallo Stryker MGS (con cannone da 105), dagli Hummer dotati di Tow (e poi di misisli KEM), e da M-113 Gavins (una versione con corazzatura maggiorata e idonea all'aviolancio), per fornire alle proprie truppe leggere il primo supporto di fuoco, fidando che grazie alla propria superiorità aerea, in poco tempo è in grado di far arrivare tutti i mezzi pesanti che servono.

Nel frattempo, elicotteri controcarro e aerei da combattimento proteggerebbero la forza leggera.

 

Non so se questa scelta sia giusta o sbagliata, però dico una cosa.

 

Se il nemico è debole, la soluzione è più che adeguata.

Se è forte, non sarà una manciata di carri leggeri a fare la differenza.

Link to post
Share on other sites

comunque apparte alle unita paracadutate non vedo il bisogno di carri armati leggeri.

Anche se M8 poteva essere un buon progetto.

Chiaramente un carro armato leggero può impegnare benissimo una divisione composta da cari armati pesanti.

Hanno la stessa potenza di fuoco ma la resistenza va a scapito dei veicoli leggeri.

Tanto vale usare allora solo blindati.

Un hummer con il Tow puo dare al nemico gli stessi problemi di un carro leggero in fondo.

Link to post
Share on other sites

Concordo with my friend blacknight.

L' M113 è degli anni sessanta. è superato tecnologicamente, ma sopratutto è poco corazzato.

è ora di cambiare secondo me quel mezzo che abbiamo anche noi

Link to post
Share on other sites

L'M-113 è ancora in grado di dire qualcosa.

 

Innanzitutto è molto spazioso internamente e questo lo rende idoneo a qualsiasi modifica.

Poi le ultime versioni (M-113A3) montano motori diesel efficienti e sospensioni di concezione moderna, per cui ha una buona mobilità.

E' anfibio, ed è una caratteristica che hanno ben pochi mezzi.

Infine, è paracadutabile persino dai C-130.

 

Le sue pecche sono la corazzatura leggera in alluminio e l'armamento.

 

Gli americani hanno rimediato potenziando la corazzatura con piastre che assicurano protezione fino alle mitragliatrici da 14,5 mm su tutti i lati, e con una grembialatura su 360 gradi che protegge completamente dagli RPG.

 

Per l'armamento sono disponibili torrette con arma da 12,7 o lanciagranate da 40 mm o lanciatore TOW.

 

Quindi, fatti due conti, l' M-113 così ammodernato è l'unico mezzo che possa essere paracadutato anche dai C-130 e fornire una protezione IMMEDIATA alle truppe leggere, in attesa dei mezzi più pesanti.

 

Non è un carro armato, non è un MICV, ma è molto meglio di... niente!

Link to post
Share on other sites

Sì. Ma non dimentichiamo che, se la memoria non mi inganna, oggi come oggi sono in servizio, negli eserciti di tutto il mondo, qualcosa come 80.000 (ottantamila...) M113 di tutte le versioni.

 

Quindi il buon vecchio scatolone di latta resterà in servizio ancora a lungo....

Link to post
Share on other sites

Usano principalmente la serie BTR60-90 ruotati che sono delle scatolone molto più pericolose di qualsiasi M113 e l'MT-LB, poi ci sono i vari BMD che sono pesantemente armati, veri e propri MICV.

Molti paesi dell'area dell'est usano addirittura il BTR-152 che è rimasto in servizio con la Russia fino al 1993 è che è un vero rottame.

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
×
  • Create New...