Jump to content
Sign in to follow this  
nighthawk

Missioni Spaziali

Recommended Posts

osservando il giornale ho ascoltato che la missione del discovery ormai imminente, sarà l'ultima missione shuttle.

 

sino ad ora però non ho saputo nulla del dopo shuttle,

con cosa si viaggerà nello spazio???

ci sono già progetti, ho megilio, sono stati svelati???

 

grazie di tutto

 

ciauuuuuuuuu

Share this post


Link to post
Share on other sites

A questa domanda è difficile rispondere con precisione.

 

Le specifiche iniziali prevedano un costo di missione pari a 20 milioni di dollari secchi ma in realtà questo tetto è stato infinitamente sfondato.

 

Infatti i costi devono tener conto di varie voci: tutto il corollario che c'è attorno (uomini dei centri di controllo, piattaforma di lancio, sistemi di sicurezza e telemetria, recupero dei razzi riutilizzabili, assicurazioni sul lancio ecc... ecc... ecc..) oltre al costo netto (manutenzione e ripristino del velivolo e dei suoi razzi, serbatoio a perdere).

 

In effetti il costo di una singola missione, per il budget della NASA, viene ad assommare a circa 500 milioni di dollari (erano 375 nel 1988)

 

In ogni caso, un buon parametro è il costo per tonnellata di quello che si vuole trasportare, addebitato a chi decida di utilizzare questo costoso vettore per il lancio di satelliti:

25 milioni di dollari a tonnellata, contro i 5-10 milioni dei vettori convenzionali.

 

E' infatti chiaro che lo Space Shuttle non è un veicolo idoneo per lanciare satelliti (meglio un vettore a perdere) ma è un veicolo idoneo ad effettuare manovre complesse nello spazio (come le riparazioni, l'avvicendamento di equipaggi, gli esperimenti scientifici in cui è richiesto l'intervento umano, ecc...)

Share this post


Link to post
Share on other sites
giraci un po'... chi meglio della NASA, su certi argomenti???

eh certo, c'è quasi solo lei nello spazio!!! :P

Share this post


Link to post
Share on other sites

speriamo ke lo gli shuttle vengano sostituiti al più presto!!!!!!!!!!!!!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

io ho letto un articolo che diceva che per problemi finanziari, gli USA potrebbero ritornare a usare delle capsule per il trasposrto di astronauti, e non più gli shuttle..

capsule come: Apollo, Gemini, Mercury....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anche io ho letto questa cosa su Aereonautica&Difesa, ma in questi giorni ho anche sentito nel TG che lo Shuttle non è ancora stato "messo a terra".

Share this post


Link to post
Share on other sites

ehi, su discovery channel ho visto un dovumentario su dei mega cannoni derivati da quelli usati da hitler nella IIWW contro l'inghilterra, usati poi per provare a sparare in orbita capsule pesanti con l'intento di spedire nello spazio persone.

 

 

è vero? è realizzabile portare nello spazio astronauti in questo modo?

Share this post


Link to post
Share on other sites

sparare gli astronauti mi sembra impossibile non fosse per l'accelerazioni troppo forti e repentine per l'Uomo, in un razzo almeno sono graduali ; posso sbagliami corregetemi se è il caso; più possibile lanciare satelliti a cannonate.

 

p.s sembra tratto da "dalla terra alla luna" di J. Verne

Share this post


Link to post
Share on other sites

Satelliti è possibile (ci voleva provare il buon saddam col suo cannone da 150 m)

ma gli astronauti credo che creperebbero molto presto, ma daltronde una volta si provava con tutto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si e lo stava facendo costruire a Terni sotto il nostro naso, in ogni caso non avrebbe mai avuto quelle potenzialità, in ogni caso un'arma del genere è una perdita di soldi immane (gli istraeliani gliel'avrebbero distrutto con un paio di Eagle 3 giorni dopo che fosse completato)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non conosco questa storia :unsure: ...chi me la spiega?? :helpsmile:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Era un megacannone lungo centocinquanta metri distrutto da una LGB gentile regalo dell'USAF nelle prime fasi del conflitto quando ancora, comunque non era operativo. Un'arma davvero, perdonate il termine, cazzuta (adoro i grossi calibri) ma utile in guerra quanto una padella visto che i colpi erano facilmente intercettabili e praticamente subito si sarebbe potuto calcolare il perimetro dove si trovava l'arma (un giocattolino così mica lo sposti). Il progetto fu curato da Gerard Bull (R.I.P. by Mossad in belgio, 1990) che fu un vero genio dell'artiglieria, creò i semoventi G5/G6.

Il cannone era un calibro 1000 mm con proiettile da 600 kg a 2000 km assistito da un razzo. La versione con razzo poteva piazzare in orbita un carico pagante di 200 kg con un costo di 600$ per kilo. Pensate che il rinculo di questa bestia era di 27.000 tonn! Esistevano tre progetti, Babylon che riguarda il pezzo da 1000 lungo 156m da costruire in due esemplari, mai completato e la versione baby da 350mm, completata nell'89 e distrutta dagli americani. Questa avrebbe dovuto colpire a 750 km di distanza. Poteva essere usato per lanciare testate chimiche o come arma antisatellite.

Share this post


Link to post
Share on other sites

proprio vedendo un documentario su bull mi è nata questa domanda.

 

ma se è possibile lanciarci i satelliti, quali sono i motivi per cui non è utilizzato?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se per lanciare un carico pagante di 200 kg devi costruire una bestia calibro mille lunga 156 metri allora meglio un vettore a perdere! Calcola che, poi, per la potenza della carica di lancio (27 t di rinculo :helpsmile: ) si sarebbero dovuti cambiare i pezzi della canna una volta si e un' altra pure. In ogni caso anche un bestione del genere avrebbe lanciato satelliti solo in orbite basse, davvero inutile sotto tutti i punti di vista. Nelle intenzioni serviva per lanciare armi chimico-batteriologiche contro Israele (con l'opzione di trasformare l'Iraq in un poligono di lancio per i jerico), in pratica non avrebbe fatto paura ad una mosca.

Share this post


Link to post
Share on other sites

No, il fatto è che non sono mai stati completati, l'unico è stato il "Baby babylon", ma questo poteva solo operare l'arma antisatellite e non lanciare satelliti

Share this post


Link to post
Share on other sites
Si e lo stava facendo costruire a Terni sotto il nostro naso

A Terni? :blink::blink::blink:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si, alcuni pezzi li hanno costruiti alle acciaierie dell'italsider, altri li hanno sequestrati in partenza dal porto di Napoli, oltre che in Belgio ed in altri stati europei. Il direttore del programma, un inglese, aveva fatto passare il tutto come "produzione di pezzi per un oleodotto"......un oleodotto calibro 1000....

Edited by Dominus

Share this post


Link to post
Share on other sites

ma l'italsider non è solo a terni... è anche a taranto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Adesso a Terni ci sono i crucchi della Tyssen, prima praticamente tutti i 4 poli siderurgici Italiani erano di propietà dello stato tramite l'Italisider, gruppo IRI.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×