Jump to content
Sign in to follow this  
Unholy

Aspide/Spada 2000: cieli sicuri al 97%!

Recommended Posts

Se il Bloodhound è micidiale con SSKP stimata varia tra il 40 ed il 65%, che dire del nostro Spada 2000 con il 97%? Anche se le prestazioni e tipologie di armi che sono molto diverse, ho deciso di aprire un topic in riconoscimento del sistema più valido di difesa antiaerea missilistica a corto/medio raggio. E il bello è che è nostro!

 

Da difesanews.it:

 

Il missile Aspide 2000 segna un altro record nella sua lunga carriera. Le batterie Amoun dell'Air Defence Brigade del Kuwait hanno effettuato, in un'esercitazione di difesa aerea a fuoco, 5 missioni di lancio del missile Aspide 2000 su bersagli radiocomandati con diverse tipologie di missioni di attacco. Tutti i lanci hanno avuto un pieno successo e tutti i cinque bersagli sono stati abbattuti, distrutti da impatti diretti o da esplosioni della testa di guerra con miss distance molto inferiori al metro. I lanci, effettuati nelle più diverse condizioni meteo (di giorno e di notte), hanno dimostrato ancora una volta l'assoluta affidabilità del missile di MBDA.

 

Con questa esercitazione l'Aspide 2000 raggiunge anche il record assoluto in termini di lanci con successo che sale ad oltre il 97% sugli oltre 600 missili lanciati in tutto il mondo. Prodotto in oltre 5000 esemplari, l'Aspide conosce una seconda giovinezza nelle sua nuova versione "2000" che sta competendo con successo l'agguerrita concorrenza mondiale nel segmento dei missili terra aria a medio raggio.

 

L'ing. Fabrizio Giulianini Executive Group Sales and Business Development Director e Managing Director di MBDA Italia ha commentato: "Il missile Aspide 2000 con questa ultima prestazione ci ha ulteriormente attestato la sua validità operativa e la robustezza progettuale che ci ha permesso di ammodernare il sistema senza problemi di rilievo a conferma della bontà delle scelte sistemistiche e tecnologiche adottate a suo tempo. Questo eccezionale risultato - continua Giulianini - dà ulteriore slancio alle attività di export per questo missile, che oltre ad essere installato sul sistema Skyguard/Amoun, è impiegato su molti altri sistemi come lo Skyguard EI, l'Albatros in versione navale e lo Spada AMI. L'Aspide 2000, versione più recente del missile Aspide, oltre che nello Skyguard/Amoun è impiegato nel sistema Spada 2000 Plus".

 

Il sistema Spada 2000 Plus è un sistema superficie-aria per la difesa locale di aerea di assetti vitali contro diversi tipi di minacce costituiti da caccia e caccia bombardieri, missili da crociera, elicotteri ed UAV.

 

Lo SPADA 2000 PLUS è caratterizzato da un'architettura flessibile e modulare basata su moduli ISO standard:

 

Ogni sezione del sistema è costituita da Detection Center e fino a 4 Firing Section ciascuna composta da un Fire Control Center e 2 Lanciatori con 6 missili ciascuno.

Il sistema Spada 2000 PLUS è in grado di gestire al suo interno anche sistemi d'arma V-Shorad e può operare in modo autonomo o integrato in una rete di difesa aerea di livello superiore.

 

Grazie agli impianti industriali dislocati in quattro paesi europei e negli Stati Uniti, MBDA realizza un fatturato annuo superiore ai 3 miliardi di euro e dispone di un portafoglio ordini di oltre 13 miliardi di euro. Con più di 90 clienti tra le forze armate di tutto il mondo, MBDA è uno dei leader mondiali nei missili e nei sistemi missilistici.

 

MBDA è l'unico gruppo in grado di progettare e produrre missili e sistemi missilistici per rispondere alle più svariate esigenze operative, presenti e future, delle forze armate. In totale, il gruppo propone una gamma di 45 programmi di sistemi missilistici e contromisure in servizio attivo, con più di 15 nuovi progetti in fase di sviluppo.

 

MBDA è controllata con le stesse regole di corporate governance da BAE SYSTEMS (37,5%), EADS (37,5%) e FINMECCANICA (25%).

 

(MBDA)

 

Complimenti!

 

5_air_defence.jpg

Edited by Unholy

Share this post


Link to post
Share on other sites

visto il successo, una immagine del sistema ci vuole:

 

SPADA.jpg

 

ma la versione AMI e' questa:

 

spada_ami.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

a difesa degli aeroporti su cui sono basati reparti operativi, ed in più a disposizione, per eventuali rischieramenti, al 57° e 59° gruppo di difesa aerea, che sono in posizione quadro.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ma le batterie Spada dove sono dislocate?

 

Segreto militare :okok:

Share this post


Link to post
Share on other sites

A ok! Pero presumibilmente saranno in qualche aereoporto,o punto sensibile,magari dal google earth si vedono,no?

Share this post


Link to post
Share on other sites
A ok! Pero presumibilmente saranno in qualche aereoporto,o punto sensibile,magari dal google earth si vedono,no?

 

Non tutti gli aeroporti dove sono basati reparti operativi sono difesi dalle batterie SPADA, ad esempio a Lecce o a Grazzanise non ci sono. Negli organigrammi degli stormi le batterie sono indicate dal prefisso 7, ad esempio 732^ Btr. Spada per il 32° Stormo, 741^ Btr. Spada per il 41° e così via. Con Google Earth (grande invenzione!!!!) se hai la pazienza di guardare alle testate pista, o nelle immediate vicinanze delle stesse, potrai notare delle piazzole triangolari... segno inequivocabile che lì ci sono o c'erano in passato le batterie SPADA. E meno male che avevo parlato di segreto militare..... :rolleyes: :rolleyes:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vado a memoria. Ricordo di averle viste a Trapani, Sigonella, Gioia, Amendola, Ghedi, Piacenza, più un paio di batterie al 2° Stormo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
A trapani non ne ho viste ma ho trovato questi cliccare per vedere

 

Dal piazzale che si vede nell'immagine dal satellite, quello pieno di F-16 per intenderci, spostati appena più a sud e trovi una prima batteria all'interno di una piazzola a rombo. Un'altra sta all'estremità sud della pista, zona 82° SAR, e la terza non lontano dalla torre di controllo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest iscandar
Dal piazzale che si vede nell'immagine dal satellite, quello pieno di F-16 per intenderci, spostati appena più a sud e trovi una prima batteria all'interno di una piazzola a rombo. Un'altra sta all'estremità sud della pista, zona 82° SAR, e la terza non lontano dalla torre di controllo.

 

grazie, io cercavo piazzole triangolari, quelle lì le avevo viste.

Share this post


Link to post
Share on other sites
grazie, io cercavo piazzole triangolari, quelle lì le avevo viste.

 

Hai ragione, scusami, in alcune basi sono triangolari, ma nella maggior parte sono come quelle che vedi a Trapani :adorazione:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Dal piazzale che si vede nell'immagine dal satellite, quello pieno di F-16 per intenderci, spostati appena più a sud e trovi una prima batteria all'interno di una piazzola a rombo. Un'altra sta all'estremità sud della pista, zona 82° SAR, e la terza non lontano dalla torre di controllo.

 

Mi risulta che l'unica base con tre piazzole per le batterie SPADA era Treviso-Istrana, la terza di Trapani vicino la torre di controllo dove la vedi? :helpsmile:

Share this post


Link to post
Share on other sites
Mi risulta che l'unica base con tre piazzole per le batterie SPADA era Treviso-Istrana, la terza di Trapani vicino la torre di controllo dove la vedi? :helpsmile:

 

Non sempre le piazzole sono a rombo o triangolari. La terza di Trapani è quadrata e si trova sulla sinistra della torre di controllo. Si vedono chiaramente il radar di tiro ed i due lanciatori a sei celle.

 

Comunque ogni batteria è composta sempre da tre sezioni di fuoco con una direzione del tiro e due lanciatori, il tutto sotto il coordinamento di una centrale di controllo ed avvistamento asservita al radar di ricerca e scoperta Pluto del tipo pulse doppler.

Nei dettagli ogni sezione di fuoco è composta da uno shelter che contiene il radar d'inseguimento (chiamato Falco e del tipo monopulse) che le consolles operative, a cui si aggiungono due lanciatori con 6 missili ciascuno.

 

Bye, bye

Share this post


Link to post
Share on other sites

Comunque ogni batteria è composta sempre da tre sezioni di fuoco con una direzione del tiro e due lanciatori, il tutto sotto il coordinamento di una centrale di controllo ed avvistamento asservita al radar di ricerca e scoperta Pluto del tipo pulse doppler.

Nei dettagli ogni sezione di fuoco è composta da uno shelter che contiene il radar d'inseguimento (chiamato Falco e del tipo monopulse) che le consolles operative, a cui si aggiungono due lanciatori con 6 missili ciascuno.

 

Bye, bye

 

Spiacente contraddirti, ma a causa del bilancio risicato, la maggior parte delle batterie sono composte da solo due sezioni di fuoco. Se facciamo un semplice conteggio delle piazzole allora ad Amendola dovrebbero esserci ben quattro sezioni di fuoco.... non le abbiamo avute neanche durante la guerra nei Balcani quando Amendola era in prima linea. ciao :rotfl:

Edited by G91T

Share this post


Link to post
Share on other sites
Spiacente contraddirti, ma a causa del bilancio risicato, la maggior parte delle batterie sono composte da solo due sezioni di fuoco. Se facciamo un semplice conteggio delle piazzole allora ad Amendola dovrebbero esserci ben quattro sezioni di fuoco.... non le abbiamo avute neanche durante la guerra nei Balcani quando Amendola era in prima linea. ciao :rotfl:

 

Può essere, comunque diversi amici miei che sono stati o sono ancora in servizio nelle batterie spada mi hanno sempre confermato tre sezioni di fuoco, per gestirne di più occorrono più stazioni di acquisizione.

Nei miei ricordi ad Amendola c'è ne stavano tre, una vicino all'attuale 28°, una in testata pista lato GEA e l'ultima vicino alla collegamenti, però può essere che con il tempo una sezione sia stata tolta, magari per rinforzare le sezioni mobili di base a Treviso, che per inciso dovrebbero essere quelle un tempo operative a ghedi e piacenza.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Può essere, comunque diversi amici miei che sono stati o sono ancora in servizio nelle batterie spada mi hanno sempre confermato tre sezioni di fuoco, per gestirne di più occorrono più stazioni di acquisizione.

Nei miei ricordi ad Amendola c'è ne stavano tre, una vicino all'attuale 28°, una in testata pista lato GEA e l'ultima vicino alla collegamenti, però può essere che con il tempo una sezione sia stata tolta, magari per rinforzare le sezioni mobili di base a Treviso, che per inciso dovrebbero essere quelle un tempo operative a ghedi e piacenza.

 

Può essere, tutto può essere..... :angry:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se possibile vorrei consigliare a tutti gli amici del forum il sito www.visual.paginegialle.it. In collaborazione con Telespazio, oltre a fornire dettagliate immagini, le stesse sono più aggiornate rispetto a Google Earth. Dopodichè potremo qualificarci fotointerpreti. :lol::D Buona navigazione. G91T :adorazione:

Edited by G91T

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hai ragione F104, a Gioia del Colle ci sono tre sezioni di fuoco, non riesco a identificare la terza di Amendola a cui ti riferisci, mi dai una mano? Grazie

Share this post


Link to post
Share on other sites

visto che soono così efficaci non possono essere montate anche da bombardieri "grossi" come armi aria-aria? certo, sono pesanti, ma con questi ratei di efficacia potrebbe valerne la pena

Share this post


Link to post
Share on other sites
visto che soono così efficaci non possono essere montate anche da bombardieri "grossi" come armi aria-aria? certo, sono pesanti, ma con questi ratei di efficacia potrebbe valerne la pena

 

mmmh l'aspide veniva usato come arma aria-aria dai nostri f-104, successivamente è stato soppiantato dall'amraam.

 

montarlo sui bombardieri non avrebbe il minimo senso, cosa se ne farebbero di un missile aria-aria? a meno di non riprendere la toria del b-2 armato con gli amraam....

Share this post


Link to post
Share on other sites

beh, se un intercettore deve fare manovre evasive o comunque impegnarsi contro un missile efficace ha meno tempo/possibilità di ingaggiare un bombardiere, con tutto quel che consegue. D'altronde fino a non molto tempo fa i bombers avevano "difese attive", e che io sappia lo sviluppo di bombardieri "nudi" come il Tu-160 o il B-1 è avvenuto NON SENZA polemiche (tutte ingiustificate?)

Share this post


Link to post
Share on other sites
beh, se un intercettore deve fare manovre evasive o comunque impegnarsi contro un missile efficace ha meno tempo/possibilità di ingaggiare un bombardiere, con tutto quel che consegue. D'altronde fino a non molto tempo fa i bombers avevano "difese attive", e che io sappia lo sviluppo di bombardieri "nudi" come il Tu-160 o il B-1 è avvenuto NON SENZA polemiche (tutte ingiustificate?)

 

 

Si, tutte ingiustificate visto che l'armamento di bordo nella guerra moderna è perfettamente inutile, specie se ti trovi su un bersaglio bello grosso come un bombardiere.

 

Poi l'idea di piazzare batterie di missili contraerei su un bombardiere è addirittura folle, non ha senso nè a livello tecnico nè a livello operativo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quando ho scritto non sapevo che il missile "aspide" era anche un'arma aria-aria, credevo fosse solo un terra-aria, e pensavo che un sistema così efficace avrebbe potuto dare una certa sicurezza. Per carità, non intendevo tutte le batterie con tanto di martinetti elevatori, ma solo i missili in se stessi... Comunque ho scoperto POI che addirittura l'Aspide aria-aria non solo esisteva già, ma è pure stato sostituito da un sistema più moderno

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×