Jump to content

armi per impieghi speciali


la saetta
 Share

Recommended Posts

  • Replies 115
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

scusate il ritardo volevo discutere delle armi speciali

ad esempio il primo APS underwater assault rifle un fucile automatico per operazioni subacquee

il secondo ASM-DT "Morskoj Lev" [sea Lion] dual medium a doppio uso entrambi russi

maggiori informazioni su

http://world.guns.ru/assault/as00-e.htm

 

vene saranno sicuramente altre

Edited by la saetta
Link to comment
Share on other sites

?????????????????????????????????????????????

 

...però utile se lo sai usare, magari anche più sel classico machete

 

 

Per sfrondare, al posto del machete, non avrebbe senso...con quello puoi fare solo come sull'ultimo dei moichani o sul patriota.

Qualcuno sa di più su questa storia?

Link to comment
Share on other sites

salve

allora notizie su questo tipo di arma le lessi molti anni fa

Tomahawk utilizzato dall'esercito americano nella guerra del Vietnam. Sviluppato e progettato durante anni di utilizzo sul campo da Peter LaGana, l'ascia si presenta leggera, robusta e versatile. Grazie alla leggerezza ( solo 550 gr ) penso sia ancora usato da qualche reparto

come arma veniva usata sia il taglio che la punta posteriore

si può anche lanciare( ed e sicuramente più letale di un coltello) anche se non credo sia una pratica consigliabile in combattimento

ricorda molto il picozzino da trincea utilizzato dal nostro esercito durante il primo conflito

e utilizzato anche come arma dai soldati

Link to comment
Share on other sites

Per sfrondare, al posto del machete, non avrebbe senso...con quello puoi fare solo come sull'ultimo dei moichani o sul patriota.

Qualcuno sa di più su questa storia?

 

American Tomahawk Company's "VTAC" ("Vietnam Tactical Tomahawk") is in use by the US Army Stryker Brigade in Afghanistan, the 172nd SBCT Team based at Fort Wainwright, the 3rd Brigade, 2nd Infantry Division out of Fort Lewis, a Recon Platoon in the 2-183d CAV (116th IBCT)(OIF 2007-2008) and numerous other soldiers.[9][6] The VTAC was issued a National Stock Number(4210-01-518-7244) and classified as a “Class 9 rescue kit” as a result of a program called the Rapid Fielding Initiative; it is also included within every Stryker vehicle as the “Modular Entry Tool set”.[9][6] This design is enjoying something of a renaissance with US soldiers in Iraq and Afghanistan as a tool and in use in hand-to-hand combat.[10]

According to military After action Reports, apart from use as a CQB weapon, the tomahawk's modern use includes non-explosive dynamic entry, obstacle removal, lock/hasp removal, opening crates, ventilating fuel drums, digging fighting positions, personal defense, and IED removal.[9

 

Come strumento multiuso insomma, fa le stesse cose che di solito si fanno con il coltello.

Link to comment
Share on other sites

sono sicuro di un suo impiego in vietnam

come arma e sicuramente efficace la punta sfondava allegramente i caschi dei nord vietnamiti

se poi vogliamo discutere della necessita di un arma aggiuntiva per il corpo a corpo e una questione diversa

 

in rete ce molto materiale in inglese

Link to comment
Share on other sites

nvito panur a utilizzare solo termini liguri come abelinati o al massimo bulicci se proprio vogliamo esagerare

 

mi dè, u me ne batu u belin dele resoni... :asd: :asd:

 

cmq mi spiace deluderti ma sono ligure solo di adozionie, sono meticcio! (abruzzo+toscana)

 

lei ze un vero bolognesce, soccia?

Edited by pandur
Link to comment
Share on other sites

comunque mia moglie e di Ventimiglia faro tradurre

 

praticamente a spesa e ventimise parliamo due lingue diverse...

 

domanda: esiste un topic sulle armi bianche in tempi moderni?

 

mi chiedevo se se ne poteva parlare qui... :rolleyes:

 

ciao!

Link to comment
Share on other sites

Guest caposkaw

la riscoperta del tomahawk nella guerra del viet-nam deriva dalla constatazione che insegnare a usare una coltello è più difficile che insegnare a usare un martello, o un'ascia di guerra.

i movimenti sono più semplici e istintivi.

come attrezzo di sopravvivenza, non vale un gran che...

 

 

per rilanciare, inserisco questo giocattolo:

05Peskattlge.gif

arma da combattimento ravvicinato Mc Lagen-Peskett.

Questo interessante arnese fu progettata dai signor John Peskett e dal signor Sydney Mc Lagen per le forze speciali britanniche nel 1944.

 

Per le sue particolari caratteristiche può essere considerata l'arma ideale per lo scontro corpo a corpo. Infatti, racchiude tre concetti in un solo involucro.

 

La parte superiore rotonda è una sfera metallica. Usando l'arma come clava, è in grado di rompere le ossa, o anche solo di stordire. L'impugnatura cava contiene una bobina di filo metallico. Tirando la pallina fissata al filo la bobina lo srotola. Premendo una sicura la bobina si blocca , e il filo viene usato per strangolare. Lasciando andare la pallina e rilasciando la sicura, il filo si ritrae.

 

Sotto la bobina c'è una lama a punteruolo che viene liberata da un pulsante, mentre un altra sicura la blocca in posizione.

 

Da un punto di vista tecnico-storico, questa arma racchiude in sé diversi concetti e studi.

 

Nella prima guerra mondiale, furono per primi i Britannici, e non i Tedeschi, a riutilizzare il concetto di armi da botta (leggi mazze ferrate) nello scontro ravvicinato, e questa piccola mazza funzionale, priva di aculei tendenti a impigliarsi, sembra la diretta erede di quelle armi usate nelle trincee.

 

Per la prima volta il filo per strangolare, o garrota, era stata inserito in un sistema d'arma. Precedentemente, era sempre stata considerato e usato come arma a sé stante.

 

La lama a punteruolo era tipica delle armi “da omicidio” del S.O.E e dell'O.S.S. Derivava da uno studio medico del 1920, il quale aveva stabilito che le ferite inferte dalle vecchie baionette a spiedo provocavano emorragie inarrestabili, in grado di assicurare sempre la morte del bersaglio, mentre i danni inferti con baionette a lama a coltello risultavano meno gravi.

 

Per finire, la lama che scende a gravità, e bloccata in posizione da una sicura , era tipica del Fallshirmjaegermesser tedesco, che era già stato copiato e utilizzato dai britannici.

 

Sebbene la polivalenza di questa arma la rendesse ideale per i commandos, non esistono dati certi sul suo uso o sulla sua produzione. In alcuni musei ne esistono degli esemplari, ma non è molto chiaro se sia stata usata in condizioni operative.

 

 

S.O.E. Special Operations Executive (esecutivo operazioni speciali) una sorta di servizio segreto privato di Wiston Churchill nella seconda G.M..

 

O.S.S. Office of Strategic Services (ufficio servizi strategici) il servizio di intelligence americano nella seconda G.M. Il precursore della C.I.A.

Link to comment
Share on other sites

l'arma bianca è l'arma del contatto... sottointende una "filosofia" diversa dalle armi da fuoco...

 

eppoi le armi bianche esistono da che esiste l'uomo, le armi da fuoco (in occidente) da 700 anni..

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share


×
×
  • Create New...