Jump to content

Caratteristica delle ali


kocmoc
 Share

Recommended Posts

ciao

mi piacerebbe avere informazioni sulle caratteristiche delle ali, in particolare in relazione alla forma (dritte, ellittiche, a freccia, a delta) e anche in relazione a lunghezza e larghezza.

se non chiedo troppo :helpsmile:

Link to comment
Share on other sites

ciao

mi piacerebbe avere informazioni sulle caratteristiche delle ali, in particolare in relazione alla forma (dritte, ellittiche, a freccia, a delta) e anche in relazione a lunghezza e larghezza.

se non chiedo troppo :helpsmile:

Oh mamma mia, che domandona! :asd: A domanda breve, proviamo a rispondere altrettanto brevemente! ;)

Ala dritta: ottima per aeroplani da bassa velocità, come per esempio i vari Cessna e Piper.

Ellittica: forma ottimale per ridurre la resistenza aerodinamica, ma ha molti svantaggi (costruttivi e di distribuzione del carico alare in primis).

A freccia: per aeroplani da alta velocità, sia di linea (A320, B747, ecc...) che militari.

a delta: per aeroplani che hanno tanta fretta :D (cioè che viaggiano nel supersonico).

Più larghe e più lunghe per migliorare l'efficienza aerodinamica, strette e corte per aumentare le velocità.

Link to comment
Share on other sites

Più larghe e più lunghe per migliorare l'efficienza aerodinamica, strette e corte per aumentare le velocità.

 

Per la massima efficenza aerodinamica non dovrebbero essere lunghe è con poca corda? Almeno io parlo del rapporto lunghezza/corda (esempio alianti e altri mezzi con elevato lift/drag ratio)

Link to comment
Share on other sites

Per la massima efficenza aerodinamica non dovrebbero essere lunghe è con poca corda? Almeno io parlo del rapporto lunghezza/corda (esempio alianti e altri mezzi con elevato lift/drag ratio)

Come ho scritto il mio messaggio precedente, posso generare confusione. :P

Riscrivo: Ali larghe e corda piccola per una migliorare efficienza aerodinamica, ali corte e corda ampia per aumentare le velocità.

Link to comment
Share on other sites

anni fa fu fatto un velivolo in fibra di carbonio cheavrebbe dovuto decollare a bassissime velocità, in fibra di carbonio, con un'apertura alare intorno ai 30 metri pesante , credo di ricordare, intorno ai 2 quintali, che fu usato per la traversata Creta-Atene A PEDALI! si, a pedali che muovevano un'elica.

Le ali erano strettissime e sulla stessa retta con le estremità arrotondate, e perettevano il decollo anche alla velocità che si raggiunge corrndo a piedi

Link to comment
Share on other sites

  • 4 weeks later...

Dimenticate le ali trapezioidali e bi-trapezioidali, a gabbiano, e a geometria variabile(guardando dall'asse verticale); senza contare poi che le ali possono essere anche distinte in concavo-convesso, piano-convesso, biconvsso assimetrico e biconvesso simmetrico( guardando dall'asse trasversale) a seconda di come si vuole incanalare il flusso d'aria...

Link to comment
Share on other sites

Guest Folgore
Dimenticate le ali trapezioidali e bi-trapezioidali, a gabbiano, e a geometria variabile(guardando dall'asse verticale); senza contare poi che le ali possono essere anche distinte in concavo-convesso, piano-convesso, biconvsso assimetrico e biconvesso simmetrico( guardando dall'asse trasversale) a seconda di come si vuole incanalare il flusso d'aria...

 

No, concavo convesso ecc è il profilo alare, non è l'ala. Quello praticamente determina come l'ala si comporterà.

 

infatti Portanza=1/2Ro*S*V²*Cp

 

Dove Ro è la densita dell'aria, S è la supericie alare (corda media*apertura alare), V² è la velocità del fluido e Cp è il coefficiente di portanza. Esso varia in funzione della geometria dell'ala (tipo di profilo alare, corda ecc), all angolo di attacco ecc

Edited by Folgore
Link to comment
Share on other sites

Come ho scritto il mio messaggio precedente, posso generare confusione. :P

Riscrivo: Ali larghe e corda piccola per una migliorare efficienza aerodinamica, ali corte e corda ampia per aumentare le velocità.

 

lo so che la mia domanda era una classica domanda da un milione di dollari (o anche da un tot di manuali about l'aerodinamica)

io volevo (ammesso che sia possibile) semplificare regole molto ma molto complesse in poche massime esemplificate.

 

e quindi sulla parte di risposta relativa alla forma delle ali mi dichiaro soddisfatto (delta, freccia, dritte, ecc.)

 

ma sul rapporto larghezza/corda non mi ci ritrovo

corda ampia per aumentare la velocita' ?!

non e' il contrario ?

Link to comment
Share on other sites

ma sul rapporto larghezza/corda non mi ci ritrovo

corda ampia per aumentare la velocita' ?!

non e' il contrario ?

E perchè dovrebbe essere il contrario?

Il rapporto apertura alare/corda (che poi necessariamente è la corda media) è l'allungamanto alare.

A me sembra anche intuitivo che un aereo che punta sulla velocità abbia un allungamento basso e quindi in proporzione una corda alare ampia.

A bassa velocità si punta a minimizzare la resistenza indotta e ciò si fa allungando le ali (non a caso gli alianti le hanno lunghissime), ma ad alta velocità succede che sulla resistenza pesano maggiormente altri fattori (resistenza parassita e resistenza d'onda) e per tenerli a bada si fanno ali a basso allungamento e quindi a elevata corda.

In questo modo si contiene la sezione frontale, visto che l'ala si sviluppa di meno in direzione perpendicolare al vento e di più nella stessa direzione in cui l'aria investe il velivolo.

Ah, non facciamoci ingannare dalle ali a freccia: la corda non si misura perpendicolarmante all'ala, intesa come fosse una trave, ma nella direzione del vento.

L'esemplio eclatante sono gli aerei a freccia variabile (Tornado, F-14, ecc): ad alta velocità l'ala ruota all'indietro e di conseguenza la corda, misurata lungo la direzione del vento, aumenta.

E' come tagliare delle fette di salame oblique: mica ti vengono fuori tonde; vengono fuori allungate...Eppure il salame è sempre quello.

Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...
E perchè dovrebbe essere il contrario?

Il rapporto apertura alare/corda (che poi necessariamente è la corda media) è l'allungamanto alare.

A me sembra anche intuitivo che un aereo che punta sulla velocità abbia un allungamento basso e quindi in proporzione una corda alare ampia.

A bassa velocità si punta a minimizzare la resistenza indotta e ciò si fa allungando le ali (non a caso gli alianti le hanno lunghissime), ma ad alta velocità succede che sulla resistenza pesano maggiormente altri fattori (resistenza parassita e resistenza d'onda) e per tenerli a bada si fanno ali a basso allungamento e quindi a elevata corda.

In questo modo si contiene la sezione frontale, visto che l'ala si sviluppa di meno in direzione perpendicolare al vento e di più nella stessa direzione in cui l'aria investe il velivolo.

Ah, non facciamoci ingannare dalle ali a freccia: la corda non si misura perpendicolarmante all'ala, intesa come fosse una trave, ma nella direzione del vento.

L'esemplio eclatante sono gli aerei a freccia variabile (Tornado, F-14, ecc): ad alta velocità l'ala ruota all'indietro e di conseguenza la corda, misurata lungo la direzione del vento, aumenta.

E' come tagliare delle fette di salame oblique: mica ti vengono fuori tonde; vengono fuori allungate...Eppure il salame è sempre quello.

 

ok

 

e per finire ...... lo spessore dell' ala

 

ala spessa per avere piu' portanza (a parita' di lunghezza e larghezza)

ala sottile per ottimizzare l'alta velocita' !!!

 

o no ?

 

bye

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...