Jump to content

Python5

Membri
  • Posts

    146
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by Python5

  1. Diciamo che non avevano fatto i conti con questo: 4 June 1940 "I have, myself, full confidence that if all do their duty, if nothing is neglected, and if the best arrangements are made, as they are being made, we shall prove ourselves once again able to defend our Island home, to ride out the storm of war, and to outlive the menace of tyranny, if necessary for years, if necessary alone. At any rate, that is what we are going to try to do. That is the resolve of His Majesty's Government-every man of them. That is the will of Parliament and the nation. The British Empire and the French Republic, linked together in their cause and in their need, will defend to the death their native soil, aiding each other like good comrades to the utmost of their strength. Even though large tracts of Europe and many old and famous States have fallen or may fall into the grip of the Gestapo and all the odious apparatus of Nazi rule, we shall not flag or fail. We shall go on to the end, we shall fight in France, we shall fight on the seas and oceans, we shall fight with growing confidence and growing strength in the air, we shall defend our Island, whatever the cost may be, we shall fight on the beaches, we shall fight on the landing grounds, we shall fight in the fields and in the streets, we shall fight in the hills; we shall never surrender, and even if, which I do not for a moment believe, this Island or a large part of it were subjugated and starving, then our Empire beyond the seas, armed and guarded by the British Fleet, would carry on the struggle, until, in God's good time, the New World, with all its power and might, steps forth to the rescue and the liberation of the old." Winston Churchill Sono dure, le scogliere di Dover... Questo discorso riesce sempre a darmi i brividi
  2. Io mi riferisco principalmente alla continua ostentazione, in avatar e firme varie, di personaggi, simboli e riferimenti a ideologie MOOOLTO discutibili. Poi è vero: ai tempi del Duce i treni erano in orario, peccato che ne passassero tre al giorno L'apologia di fascismo forse non è neanche più reato, ma a me fa incazzare comunque molto. E i soliti post "Si-vabbè-il-duce-ha-perso-la-guerra-ma-ha-fatto-le-strade", vanno in quel senso lì. Non prendiamoci per i fondelli, OK? Questa non è neanche discussione storica... Potrei accettarla tranquillamente se l'avesse postata uno che come avatar ha un vaso di fiori, una mucca, Einaudi, un carburatore o una testata nucleare. Però non da Junio Valerio Borghese! Spero sia chiaro il senso del mio discorso, che non ha intenti censori, ma vuol riportare gli utenti verso un'accettabile senso del decoro.
  3. Graziani, ti avrei detto le stesse cose anche se tu avessi esposto i baffoni di Stalin! Quello che vi voglio dire io è considerare il fatto che certe ideologie e certi personaggi possono offendere la sensibilità di altre persone. Un atteggiamento più neutro gioverebbe molto alla serenità del forum. Per come la vedo io, un riferimento esplicito a una dittatura è più impudico di una pornostar in azione. Poi sei libero di fare ciò che vuoi, ma: 1.2 - Discussioni politiche Non sono consentiti/e : -Insulti di alcun tipo rivolti a personaggi politici o pubblici. La critica deve essere sempre rispettosa delle idee altrui e sempre nei limiti del commento e non dell'insulto. -Apologie di ideologie politiche, religiose, o qualsiasi enfatizzazione di superiorità di una razza, etnia, nazionalità, regione, ideologia o credo religioso. -Sono da evitare atteggiamenti sarcastici e denigratori, in modo da rendere il clima delle discussioni il più sereno possibile. -Propaganda politica: evitare di utilizzare il forum come mezzo per pubblicizzare un partito od un esponente politico. Valido anche per firme e avatar. Se permetti, il Sig.Borghese e la sua Decima fanno parte del punto n°2. Se vuoi esaltare Eroismo e Amor di Patria, ci sono tanti altri personaggi più meritevoli. Poi, ripeto, fai come vuoi, ma aspettati le critiche. In amicizia. Python5.
  4. Da uno che nell'avatar tiene Valerio Borghese, non mi aspetterei altro. Basta con questo giustificare il duce, Hitler, Stalin, Mao, etc.!!! Centinaia di migliaia di morti italiani per perdere una guerra!!! Basta questo per essere condannato senza appello dalla storia! Poi l'avatar cambialo, Graziani. E se non lo fanno i moderatori vi invito io: avete rotto con decime mas varie, Valeri borghesi a pioggia e badiere e stemmi dei peggiori assassini della storia! Tenete ben presente che sono simboli altamente offensivi per la gran parte delle persone! Questo è un invito, sia ben chiaro. Ma mi romperebbe assai che il forum passasse per un ricettacolo di nostalgici. Questo appello è rivolto a tutti!!! Abbiate sensibilità e rispetto per chi ha sofferto a causa dei vostri idoli. Che vi esorto a tenere nel cassetto. Scusate se non ho avuto peli sulla lingua, ma alla fine non ce l'ho fatta più!
  5. Una bella raffica di luoghi comuni, non c'è che dire. Poi, in quanto a torture e violenze, c'è chi può insegnarci ancora molto.
  6. Accidenti! Questa sì che è una bella sorpresa! Adesso so che faccia ha il mio "papà aeronautico" Onorati per la tua visita, Diego e... complimenti e un GRAZIE enorme a Nico!
  7. Prova qui. Archiweb Se vuoi qualcosa di cartaceo, puoi comprare la monografia edita dalla Electa. Occhio, non costa due lire...
  8. O cavolo!!! Cioè...manco per due giorni e già riaprite le ostilità??? Che cattivi... Vabbè, cerco di farla breve: 1) Non condividere una opinione, un concetto, una dottrina etc etc non vuol dire avere il diritto di impedire che questa venga espressa. 2) Il problema, in realtà, doveva rimanere all'interno della Università stessa: hai invitato tizio che ha detto così e cosà ed è stato offensivo/anacronistico/inopportuno, quindi ora te ne chiediamo conto (al rettore, non al papa...ovvio). Il sig. Papa ha detto questo e quello: si apre il dibattito. Oppure: hai invitato il papa solo per farti pubblicità. Te ne richiediamo conto. 3) Leggete ogni tanto "Il Manifesto"? No?? Bravi!!! Su tale pezzo di carta (anche se io ci curioso on-line, non vado a dar loro i miei soldi), su tale pezzo di carta, dicevo, si è tanto appoggiata la decisione (poi senza seguito) del sindacato dei docenti universitari britannici di boicottare le università e gli studenti Israeliani (per i soliti motivi). Ergo: il boicottaggio e le barricate fanno parte di una certa "cultura". 4) Non è che se non mi stai simpatico ti posso mettere il nastro adesivo sulla bocca...eh nono! 5) Fai molti più danni alla tua causa che al "nemico". 6) In nome della libertà, neghi una libertà? 7) E' vero, il papa ce lo spiattellano in televisione un telegiornale sì e uno sì, ma non è comunque un buon motivo... 8) Ma siamo sicuri che certuni non abbiano sostituito la fede in Dio con la fede nella Scienza (o nella Ideologia Politica)? Qualcuno gli dica che sempre di fede si tratta (e visto il modus operandi, anche di integralismo). Qualcuno gli dica che la Scienza va avanti con i dubbi e le discussioni, non con le certezze assolute. 9) Ad ogni modo la cosa è stata montata ad arte, perché anche i docenti avevano il diritto di scrivere quel che hanno scritto. Diverso il discorso sulla occupazione fisica di aule etc. Il problema è nato quando una parte politica si è impossessata di questa protesta (sino ad allora formale e scritta nero su bianco). 10) Sono laico e di sinistra (la mia sinistra) e come tale disapprovo! E per finire: prima di criticare, si aspetta sempre la fine del discorso. E' una questione di bon ton. P.S.: Quoto Voltaire.
  9. Niente male! Soprattutto durante la parte più ritmata della canzone.
  10. Avevo già visto questa puntata sul sito di La Storia Siamo Noi. Bellissima! In certi momenti, anche commovente. Mi unisco a picpus nel consigliarne a tutti la visione. Bravo picpus.
  11. Ragazzi!! Che dire... ... ... ... ...vabbè, scherzo!! BUON NATALEEEEEEE!!!
  12. Python5

    Ciao a tutti

    Ciao, Jane! Allaccia le cinture, che qui si va forte.
  13. Considera che noi abbiamo avuto, nell'ordine: l'eredità Classica, il Diritto Romano, il Rinascimento, l'Illuminismo, Rivoluzione Americana e Francese, Rivoluzione Industriale, sviluppo della Borghesia (importantissimo), lotte proletarie, ma soprattutto: una varietà senza eguali di correnti di pensiero, politiche, filosofiche, economiche etc. etc. La varietà del Mondo Occidentale e i suoi continui mutamenti sono stati la sua grande forza, al contrario di altre realtà più "monolitiche". Il Cristianesimo è un mattone fondamentale delle fondamenta di tutto questo, ma non l'unico. Spesso, questo mattone è stato ridimensionato e anche spostato per far posto ad altri altrettanto importanti. Il Cristianesimo ha influenzato tutto (nel bene e nel male), ma tutto non è stato influenzato solo dal Cristianesimo. Che spesso, giustamente e saggiamente, ha dovuto cedere il passo; senza peraltro perdere di valore nei suoi contenuti. Questo, almeno, quel che penso io.
  14. Beh, il Califfato di Granada, per l'epoca, non era poi così male... Ad ogni modo dei paletti vanno comunque messi. Faccio un esempio: i Greci avevano una moglie; i Romani avevano una moglie (e sessanta amanti di entrambi i sessi ); nel Medioevo, in Europa, si prendeva una moglie... la nostra tradizione è monogama, quindi è stato piuttosto semplice fare leggi in tal senso. I popoli dell'Arabia hanno sempre preso più di una moglie (quantomeno chi se lo poteva permettere), quindi le loro leggi prevedono la poligamia. Questi due modi di intendere la famiglia sono in aperto contrasto fra di loro. Quindi, noi stato occidentale, non possiamo consentire la poligamia. Ma chi la pratica e viene in Italia potrebbe sentirsi defraudato di un proprio diritto. Quindi, noi stato ospite, facciamo una "violenza" (a mio avviso necessaria), privando tali persone di un pezzo della loro tradizione (e del riconoscimento legale dei loro affetti). E' giusto? In teoria no, ma è indispensabile che questo avvenga. Altro esempio: se devi farti la carta di identità, non puoi andare davanti alla macchina fotografica con il burqa; devi mostrare il volto. Altra violenza. Altra necessità. Ci sono quindi dei limiti ben precisi, e chi vuol venire nel nostro paese deve (o dovrebbe) fare delle concessioni. La cosa importante è capire che alcuni principi che noi diamo per assodati, per altri non lo sono affatto. E questo non è un problema da poco.
  15. Grande Marvin! Non mi dire che anche tu, ogni mese, ti tieni la pancia sul Vernacoliere! Ti sei comprato anche la maglietta di Don Zauker?
  16. Vabbè, non credo che il "senza peli sulla lingua" vorthex intendesse fornire alibi al terrorismo. In teoria il Crocifisso, in un ambiente istituzionale di un stato laico, non dovrebbe esserci. In pratica... ma chi se ne frega! Non sono questi i problemi reali che uno stato laico deve risolvere. Magari ci si potrebbe mettere una bella riproduzione in scala ridotta del Cristo del Cimabue. Però non possiamo neanche offenderci se qualcuno ci vuol mettere la stella di David o la mezzaluna o il volto di Amaterasu. E quindi, poi, ci vorrebbero pareti grandi come una pista d'aeroporto. Ma il vero quesito è: perché devo offendermi se vedo esposti i simboli di una religione che non è la mia? Risposta: perché sono intollerante o mi sento frustrato. Che dovrei dire allora io? In qualsiasi parte di mondo vada dovrei essere sempre "offeso" nel mio non credo. La differenza è tutta qui: nel cercare di non inibire il pensiero degli altri. Sempre nel rispetto della dignità umana, però. "Io combatto la tua idea, che e' diversa dalla mia, ma sono pronto a battermi fino al prezzo della mia vita perché tu, la tua idea, possa esprimerla liberamente." Voltaire. E scusate se è poco.
  17. No dai, paperinik. Non te ne andare. Sono uscite fuori cose interessanti, in questa discussione. Anche se credo che presto esauriremo gli argomenti... ...o continueremo a girare attorno ai soliti. Riguardo al discorso sugli attacchi al Papa, non mi sembra che BXVI abbia mai offeso deliberatamente l'Islam. Quindi tali critiche (e se vengono da un terrorista sono qualcosa in più) non le trovo fondate. Se devo dare a Cesare quel che è di Cesare, devo dire che la Chiesa Cattolica, soprattutto con GPII (e forse un po' meno con BXVI, che è più "ortodosso"), è stata l'istituzione trainante nei numerosi, e spesso fruttuosi, tentativi di dialogo interreligioso di questi ultimi anni. E questo lo apprezzo molto. Anche da agnostico. Questi attacchi non sono in realtà diretti a offendere il papa, ma a incitare e a fomentare il fanatismo negli stati islamici. Del tipo "Riecco i Crociati". A proposito: l'avete seguita la polemica dei giornali turchi sulla maglia commemorativa dell'Inter? Si sono offesi perché vi è rappresentato lo stemma di Milano che, guarda caso è una croce rossa su fondo bianco (i crociati, appunto). Mah! Edit: Corretti refusi.
  18. Qui ti sbagli Paperinik. Quel che dice il n°2 di al-Qaeda mi fa molto inca**are. Come mi fecero inca**are le polemiche sulla citazione colta di Ratzinger, che tanto avvelenarono la sua visita in Turchia. Guarda che, se mi guardo in giro, vedo che Santa Romana Chiesa è sicuramente preferibile a tante altre istituzioni religiose. E quando viene attaccata ingiustamente, la difendo. Gli insegnamenti cristiani e cattolici fanno comunque parte della mia cultura, anche se sono un agnostico. Ma questo non deve impedirmi di dire che certe leggi ledono il diritto di alcuni, senza peraltro recare vantaggi agli altri. Se "preti" dell'ormai ex-comunismo vedono di buon occhio qualsiasi attacco alla chiesa, da qualsiasi parte esso venga, sbagliano sapendo di sbagliare. E fanno perdere di valore le giuste obiezioni che le vanno fatte. In un minestrone continuo di attacchi e lamentele il serio si confonde con il grottesco. Non mi sono mai sognato di infamare la chiesa e i tanti che la pensano come me idem. E' troppo facile etichettarci come anticlericali senza se e senza ma. Poi, amico mio, con i musulmani dovrai imparare a conviverci: la demografia è tutta dalla loro parte. Ma sta a quelli come te e me fargli capire che, in uno stato laico (laico, non bolscevico o maoista), certe ca**ate non possono esistere.
  19. Aridaje con la chiesa! Io parlo di politica! Che volete che m'importi se la chiesa (con tutte le sue ipocrisie) professa il suo credo. Quello che dico io è che motivi di morale religiosa, non possono essere la base delle leggi (o di alcune di esse). Tutti subito a far quadrato attorno alla chiesa, mentre io non l'ho sfiorata (quasi) neanche con un dito. Mi sono solo limitato a evidenziare certe incongruenze dei suoi vertici. Ma siete fissati! Posso pretendere che i miei politici votino le leggi pensando alle esigenze dei cittadini e dell'epoca in cui vivono? E' così assurdo? E' così offensivo? P.S.: se la scienza contraddice il Darwinismo, lo fa con gli strumenti della scienza. E in questo non c'è nulla di male, anzi rientra nel naturale corso "evolutivo" della scienza stessa. Non faccio atto di fede neppure con Darwin. Tranquilli.
  20. @lender & paperinik Io non voglio proprio imporre nulla a nessuno! Io parlo per me e solo per me. Quello che mi infastidisce sono certe campagne mediatiche, volte a screditare certe teorie (e ribadisco teorie, anche se con molti dati a loro supporto). Quello che mi infastidisce è il fatto che se uno crede in qualcosa, questa debba diventare la verità di tutti. Io non pretendo che tutti la pensino come me, anzi ho profondo rispetto per qualsiasi credo. La mia ragazza è molto credente, ma questo non mi impedisce di avere con lei un rapporto stupendo. E veniamo all'Amore. Ragazzi! Non sono così stupido da pretendere di spiegare razionalmente ciò che razionalmente non può essere spiegato (il nostro cervello avrà pure dei limiti, no?). Semplicemente non cerco di superare questo limite con la fede. Lo accetto e basta. E nel fare questo sono molto sereno. Se qualcun'altro trova conforto nella fede, ben venga. Ma non mi venga a dire che Darwin era uno scemo razzista, perché il mondo è stato creato seimila anni fa, come ci dice la Bibbia. Ora, uno è liberissimo di crederlo, ma non può spacciarmela come verità scientifica. La scienza è una cosa (con i suoi limiti imposti dal cervello umano), la fede un'altra. Dove finisce la prima, può iniziare la seconda. Non è possibile farle sovrapporre. Non ho mai detto che la chiesa nega Darwin, sono troppo colti per farlo, ma leggetevi qualche numero de Il Foglio di 1 o 2 anni fa. Voi avete subito pensato che stessi attaccando la chiesa (che non riscuote certo le mie simpatie), mentre io pensavo soprattutto a coloro che strumentalizzano politicamente ciò che la chiesa dice. Se poi uno crede che il Papa sia messo lì da cardinali "divinamente ispirati", non me ne importa proprio nulla. Ma mi si permetta di dire che per me è solo una monarchia assoluta, anzi meglio: una oligarchia assoluta. Grondante ori e spocchia e predicante miserie e umiltà. Per quanto riguarda l'aborto: é considerata vita indipendente quando, appunto, può sopravvivere a distacco dalla madre. Atto di fede nel credere nella teoria dell'evoluzione? Guardate che se mancano dei tasselli, io aspetto che vengano scoperti e nel mentre la piglio per quello che è: una teoria lacunosa. Se un giorno si arriverà a provare teorie migliori, le accetterò con gran gioia. Ma, come per il 9/11, occorrono le prove. Non vi confondete, non faccio atto di fede neanche con la scienza (sapeste quanti studi-bufala escono dai laboratori). Inoltre: non si fanno certi tipi di leggi sulla base del credo di alcuni (anche se tanti). Si fanno sulla base di conoscenze palesi ed evidenti. Il Vaticano dice la sua opinione, e fa bene a farlo. Starebbe alla politica evitare di legiferare con l'ostia in bocca. La democrazia difende anche la fede. Non viceversa. Altrimenti è teocrazia.
  21. :adorazione: Marvin Presidente! :adorazione: Ribadisco che il vero problema è la pochezza della nostra classe politica. Se il sig. BXVI si tira la zappa sui piedi, con discorsi e tematiche (a mio avviso) indegne del XXI Secolo, sono fattacci suoi. Quello che mi ributta è che certa politica cerchi l'investitura di una certa Monarchia Assoluta situata nel cuore di Roma (dovremmo chiedere i danni ai Savoia per aver lasciato il lavoro a metà, nel '70 ). Ma come mai? Forse perché tanta gente è più propensa a seguire BXVI che i rappresentanti da loro eletti? E perché questo? Forse perché ha perso completamente fiducia in quei rappresentanti? Comunque: io credo nei dati oggettivi, nel divorzio, nell'aborto e nelle unioni di fatto; credo nell'illuminismo e nella ragione. Nel fare questo non danneggio niente e nessuno. Ma se pubblicamente nego Dio, mi ritrovo un branco di gente offesa e indignata. Quando costoro negano Darwin (a priori e senza valide teorie alternative), io me ne dovrei stare zitto? Il rifiuto della razionalità e dell'evidenza delle cose, è per me cosa molto più blasfema della negazione di qualsiasi divinità. Perchè il rifiuto del raziocinio porta al fanatismo (e non me ne vogliano i compagni se dico che peV loVo il Comunismo si è fatto Veligione ). Io diffido di chi mi vuol vendere verità assolute, non riscontrabili oggettivamente. Punto. E basta.
  22. Prova questa. http://users.accesscomm.ca/magnusfamily/postw2mj.htm
  23. Certo che ora ci si mette pure Putin... Voglio dire... non mi sembra che sia proprio il momento per quel genere di dichiarazioni. Sapete cosa penso? Penso che in molti facciano a gara ad alzare la posta con gli USA, ritenendoli indeboliti dalla situazione irakena, forse nella speranza di acquisire maggior peso in sede internazionale. Per quanto riguarda l'Iran il discorso è diverso: lì c'è un gran bisogno di nemici esterni perché iniziano a vedersi, da qualche anno, un po' di crepe fra le varie etnie e sul piedistallo del regime (piccole, per carità, ma ci sono). Questo non toglie che agli occhi delle masse islamiche si propongano come coloro che sfidano gli USA. E non toglie neanche il fatto che comunque, l'Iran, aspira a diventare la principale potenza del Golfo Persico, tutto a danno dell'Arabia Saudita. Certo che l'Iran con l'atomica...brrr!
×
×
  • Create New...