Jump to content

Dave97

Membri
  • Content Count

    574
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    2

Dave97 last won the day on January 13 2020

Dave97 had the most liked content!

Community Reputation

3 Normale

About Dave97

  • Rank
    Generale di brigata aerea

Profile Information

  • Sesso
    Maschio
  • Località
    Reggio Emilia
  • Interessi
    VOLO

Recent Profile Visitors

2,047 profile views
  1. Gli Assi Americani Raccontano Stesso autore del precedente libro, che ricordo era pilota nella WW2. Lo acquistai diversi anni fa in visita al museo Caproni a Trento. Per motivo di tempo libero, ho terminato di leggerlo solamente qualche mesetto fa! Visto che le vacanze si avvicinano ho pensato che fosse cosa gradita segnalare questa lettura. Piccola Opinione personale. Fermo restando che si tratta di un buon libro, rispetto al precedente (sfide nei cieli) mi e' mancato il fascino dei dettagli tecnici all'interno dell'abitacolo del caccia che rende il precedente libro veramente unico nel suo g
  2. la mia era semplicemente una domanda ! Considerando il numero di voli di esercitazione compiuti dai B52 nel periodo della guerra fredda, mi riesce difficile immaginare un "usa e getta" di quel tipo.. E' anche vero che l'operatività di una siffatta macchina sarebbe altrettanto complessa. (quanti aeroporti all'epoca sarebbero stati adeguati ) Mah !
  3. e quindi li avrebbero sganciati anche nei voli di test e/o di esercitazione ?
  4. beh !, vorrei proprio vederlo il Boeing 724 - 16 rullare, allinearsi, decollare e dopo un volo prova ritornare alla base ed atterrare con i panels, che sembrano due caccia di scorta !
  5. Rileggendo qualche libro, mi sono soffermato su questo argomento che ho trovato molto interessante, pertanto ho deciso di postarlo. Ero indeciso sulla sezione in cui inserirlo, però,si può sempre spostare e/o cancellare The theory behind using the floating wingtips had originated with Dr. Richard Vogt, a German scientist who had come to America after World War II. Vogt proposed increasing the range of an aircraft by attaching two "free floating" panels to the wingtips to carry extra fuel. He believed this could be accomplished without undue structural weight penalties if the extens
  6. Azz.. in cinque anni non avete aggiunto un racconto !
  7. devi sapere che io sono nipote di quel Gioacchino Arcarisi e vorrei avere notizie del suo Comandante. Mio zio è morto il 10 di questo mese, oggi l'abbiamo sepolto, ma se potessi avere sue notizie del suo passato in combattimento e di come è stato insignito della Medaglia d'argento al Valor Militare ne sarei molto contento.

    Grazie.

    Mauro

  8. Numero speciale (2006) della rivista Avions, per ¾ dedicato all’asso francese Clo Clo Clostermann. Tantissime foto, storia e aneddoti. Bellissima! Vivace e coloratissima.
  9. RE 2001 OR Ufficialmente ne risultano costruiti dodici ma in realtà il numero dovrebbe essere più basso. Questa sigla significa "Organizzazione Roma" dal nome del transatlantico che, in via di trasformazione, doveva poi diventare la portaerei Aquila. Il campo prove venne allestito a S. Egidio di Perugia con due piste che simulavano il ponte di volo della portaerei. Le prime prove di aggrappamento per il catapultamento e per l'arresto col gancio vennero però effettuate da De Prato sul campo di Reggio con i due prototipi. L'impianto, un po' rudimentale, era costituito da un cordoncino ch
  10. Mah, più che tirarsela tantissimo. Lui ha sempre detestato i collaudatori civili, perché facevano il suo stesso lavoro (forse) prendendo molti più soldi. Questo concetto viene più volte ripetuto nel libro in questione, e forse è l’aspetto che mi piace meno. Ma , come si dice in questi casi, non tutto è perfetto! PS: Lo possiamo perdonare , No?
  11. Il 21 settembre arrivano finalmente le bombe da mille chili e poco dopo un ricognitore segnala la presenza della Marat nel porto di Kronstadt; probabilmente i russi hanno riparato i danni prodotti dal nostro attacco. Finalmente potrò mostrare che cosa sono capace di fare; interrogo a lungo il pilota ricognitore sulla forza e la direzione del vento, la posizione esatta della nave, la forza della contraerea e così via. L'essenziale è arrivare sull'obbiettivo; poi il «centro» è sicuro. Decolliamo con le bombe da mille chili destinate a finire la corazzata. Il cielo è limpido e senza nuv
  12. La lotta per Leningrado Il centro di gravità del fronte si sposta sempre più a nord e così nel settembre del 1941 ci mandano a Tyrkovo, a sud di Luga, per le quotidiane incursioni nella zona di Leningrado. L'esercito attacca la città fortificata da ovest e da sud; la sua posizione, tra il golfo di Finlandia ed il lago Ladoga, ne favorisce la difesa, perchè riduce il fronte d'attacco ad una striscia relativamente ristretta. E qui oramai da molte settimane le nostre truppe segnano il passo. Il 16 settembre, il capitano Steen ci riunisce per spiegarci la situazione militare del settore:
  13. L'ordine di operazione giunse alla sera dell' 11 agosto 1942 e riguardava l'attacco ad un grosso convoglio partito da Gibilterra e comprendente quattro portaerei. Due velivoli partirono all'alba del 12 da Furbara per l'aeroporto di Elmas in Sardegna. Alle 13,05, ora stabilita dal Comando, la pattuglia dei due RE 2001, pilotati da Robone e Vaccari, decollarono e si portarono a 4000 metri di quota. Dopo venti minuti i due piloti, avvistarono il convoglio nemico e Robone decise di superarlo a grande altezza davanti ad esso e rimontarlo completamente per attaccare una delle navi portaerei con
  14. Dave97

    Fiat CR 25

    Sei proprio sicuro ? Perché basta digitare Fiat CR 25 su google e compaiono soltanto 5.000 link Il primo della lista http://it.wikipedia.org/wiki/Fiat_C.R.25 A meno che …… Edit ho modificato il testo.
  15. Proseguivano intanto le prove che avevano messo a nudo un altro problema: quello degli impennaggi. La bomba, dotata di comuni impennaggi, come quelle in dotazione ai velivoli da bombardamento, risultava molto instabile e non percorreva la linea ideale voluta dal lanciatore. Gli impennaggi, infatti, erano anche poco aerodinamici e compromettevano la spinta di perforazione al momento dell'impatto. Presso il Centro Studi di Guidonia si provvide a realizzare un nuovo tipo di impennaggi che diede subito i risultati desiderati. Venne allora chiesto alla Marina una nave, per poter effettuare
×
×
  • Create New...